Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 

Massimo MONTINARI (medico chirurgo), Gastroenterologo, pediatra, con nomina di esperto per l’autismo dall’Istituto Superiore della Sanità, Medico Principale della Polizia di Stato Dirigente l’Ufficio Sanitario dell’ VIII Reparto Mobile di Firenze, membro permanente della C.M.O. del Centro medico legale di Firenze, nominato consulente della Legione Carabinieri Toscana. Dott.ssa Lucia D’Amato, responsabile scientifico progetto Scuolaba Onlus.

CURRICULUM FORMATIVO e PROFESSIONALE - email:
montinari.m@libero.it (medico)
Dichiaro, sotto la mia responsabilità, che tutti i dati forniti e da me sottoscritti nel seguente curriculum formativo rispondono al vero ai sensi di Legge.

Dati anagrafici
Montinari Massimo G., nato a Bari il 24.04.1957; consegue la maturità scientifica presso l'Istituto Di Cagno Abbrescia di Bari nell' anno scolastico 1974/75 con la votazione di 60/60.
Si iscrive subito dopo al corso di laurea in Medicina e Chirurgia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Bari. Dall'anno accademico 1976/1977 è studente interno presso l'Istituto di Anatomia Umana Normale e Istologia (Direttore Prof. Amprino).
Negli anni 1977/1978, 1978/1979 e 1979/1980 è studente interno presso l'Istituto di Microbiologia Medica e Virologia dell'Università degli Studi di Bari partecipando attivamente anche all'attività di ricerca svolta dall'Istituto e ad esso assegnatagli. In particolare ha eseguito indagini che hanno portato alla identificazione, per la prima volta in Puglia in campo pediatrico, di due casi di Yersinia Enterocolitica: per questa sua collaborazione il suo nome risulta tra gli autori di un lavoro sull'argomento pubblicato su "Giornale di Batteriologia, Virologia e Immunologia" 1979 vol. LXXII pp. 366-373 e di una corrispondenza su "Bollettino Sieroterapico Milanese" 1980 vol. 59 pp. 246-247.
Si laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Bari il 27 febbraio 1982 (aa.1980-81) conseguendo la votazione di 110/110 discutendo la tesi: "Sull'Intervento di Swenson-Pellerin; osservazione su 45 casi di megacolon congenito - Note di tecnica operatoria" (relatore il Chiar.mo Professor Mario Rubino, Direttore dell'Istituto di Clinica Chirurgica Generale e terapia chirurgica).
Consegue l'Abilitazione all'esercizio professionale nell'Aprile 1982 con la votazione di 102/110 e si iscrive all'Ordine dei Medici della Provincia di Bari in data 19/05/1982 .
Ha frequentato dal 13 al 18/12/1982 la Divisione di Chirurgia generale dell'Ospedale Pediatrico Bambin Gesù di Roma
Iscritto nell'anno accademico 1982/1983 al primo anno di corso della Scuola di Specializzazione in Chirurgia Pediatrica presso l'Università di Padova.
Si specializza in Chirurgia Pediatrica presso l'Università di Padova il 07/07/1987.
Nell'anno accademico 1987/1988 si iscrive alla Scuola di Specializzazione in Chirurgia D'Urgenza e Pronto Soccorso dell'Università degli Studi di Bari.
Si specializza in Chirurgia d'Urgenza e Pronto Soccorso, presso l'Università di Bari nella sessione autunnale del a.a. 1990/1991.
Vincitore del concorso per titoli ed esami, indetto dal Ministero della Pubblica Istruzione, per l'attribuzione di n° 1.115 borse di studio per la frequenza delle Scuole di Specializzazione delle Università italiane, per l'a.a. 1982 - 83 per la frequenza della scuola di Specializzazione in Chirurgia Pediatrica dell'Università di Padova (durata 5 anni).
Ha frequentato dal 10/06/1982, al 3/4/1985 la Divisione di Chirurgia Pediatrica dell'Ospedale Regionale Pediatrico Giovanni XXIII di Bari quale Medico volontario.
AUC Medico presso la Scuola di Sanità Militare di Firenze dall'11/01/1983 al 05/04/1983.
Sottotenente medico cpl dal 06/04/1983 all' 11/04/1984 presso l'Ospedale Militare di Bari, ricopre l'incarico di Assistente di Chirurgia e di componente le commissioni Medico-Legali CMO e CMI .Nel corso del suo servizio ricopre le funzioni di Ufficiale medico presso il Distretto Militare di Bari e presso il Battaglione Carabinieri Puglia impegnato anche in funzioni antiterrorismo.
Promosso al grado di Tenente con decorrenza dal ..................
Iscritto Albo CTU Tribunale Civile e Penale di Bari (n° 582). Quale CTU è stato nominato dalla Pretura di Maglie (LE)componente della commissione peritale per la dimostrazione della validità della Terapia antitumorale definita Metodo Di Bella.
Medico Interno presso l'Istituto di 1^ Patologia Chirurgica dell'Università di Bari dal gennaio 1983 al 19/05/1986 dove si interessa allo studio del malato chirurgico e pratica particolarmente endoscopie digestive; tiene inoltre, agli studenti del 3° e 4° anno di corso, esercitazioni pratiche di Patologia Chirurgica.
Assistente incaricato della Divisione di Chirurgia d'Urgenza, presso la USL BA/11 Presidio Ospedaliero Giovanni XXIII di Bari dal 04/04/85 al 03/10/1985, giusta deliberazione n° 80 del 14/02/1985, vistata dal Co.Re.Co. il 28/03/1985 al n° 16464.
Assistente dell'area funzionale di Chirurgia, con l'assegnazione all'Istituto di 1^ Patologia Chirurgia dell'Università di Bari, dal 20/05/1986 al 19/11/1986, con incarico temporaneo giusta deliberazione n° 1523 del 11/04/1986, resa esecutiva il 5 maggio successivo.
Incaricato di Docenza di Patologia Chirurgica, presso la Scuola S. Caterina da Siena, USL BA/11 - Bari - per l'abilitazione all'esercizio delle professioni sanitarie ausiliare e delle arti ausiliare delle professioni sanitarie, del Presidio Ospedaliero Di Venere, negli anni scolastici 1985/1986, 1986/1987, 1987/1988.
Sostituzioni di Terapia Iniettoria presso i Presidi Sanitari della USL BA/9 per 265 ore nel corso degli anni 1982-1984.
Incarico a tempo indeterminato di "Terapia Iniettoria" presso il Presidio Sanitario n° 3 della USL BA/9 con impegno orario di n° 9 ore settimanali dal 01/10/1984 al 30/10/1984 e di 12 ore settimanali dal 01/11/1987 al 04/10/1988 In qualità di Medico addetto alla attività della Medicina dei Servizi.
Titolare di incarico specialistico ambulatoriale a "tempo indeterminato" di Chirurgia Pediatrica, presso il Presidio Sanitario n° 3 della USL BA/9 (S. Paolo) dal 05/10/1988 con impegno di n° 9 ore settimanali ( dal 16/02/1990 in aspettativa senza assegni).
Incaricato presso il Pronto Soccorso di Tricase Porto (LE) dal 01/07/1987 al 10/09/1987.
Titolare di Guardia Medica presso la USL BA/11 dal 10/10/1987 al 15/03/1988.
Assistente Chirurgo di ruolo presso la Divisione di Chirurgia d'Urgenza e P.S. dell'Ospedale Regionale Pediatrico Giovanni XXIII di Bari dal 16/03/1988 al 16/02/1990.
Aiuto Chirurgo Pediatra di ruolo presso la Divisione di Chirurgia Pediatrica dell'Ospedale "Ferrari" di Casarano (LE) dal 16/02/1990 al 07/01/1992.
Dirigente Medico - Chirurgo Pediatra Ospedaliero della Cattedra di Chirurgia Pediatrica dell'Università di Bari dal 08/01/1992 al 09/0'7/2004 con rapporto d'impiego a tempo pieno.
Responsabile di Endoscopia digestiva, diagnostica ed operativa; Attività Chirurgica Generale Urologica e Neonatale; Capo Turno per Urgenze; Attività ambulatoriale; Attività di Day - Surgery in quanto in possesso della professionalità ed esperienza necessarie per espletare i compiti di cui ha l'incarico anche in relazione alle strategie aziendali. Con delibera n° 2363 del 21/12/1998, dell'Azienda Ospedaliera Ospedale Consorziale Policlinico di Bari.
Responsabile Struttura Semplice di "Endoscopia Digestiva Diagnostica ed Operativa Pediatrica" con effetto dall'1.11.2000 e per la durata di tre anni. Con delibera n° 1354 del 31.10.2000 , dell'Azienda Ospedaliera Ospedale Consorziale Policlinico di Bari, Incarico dirigenziale (livello 2 peso 1,50 Comma 1 art 27 C.C.N.L.):
Direttore del Corso (triennale) di Omotossicologia presso l'Ospedale Consorziale Policlinico di Bari, dall'anno accademico 2000/2001, con il riconoscimento di 31 crediti per anno (E.C.M.) riconosciuti dal Ministero della Salute.
Visiting Researcher presso l'Istituto di Biochimica della Apostolic School of Natural Medicine, specializing in Immunological Biotechnology, Holy Orthodox Church Peoples University of Americas San Juan Puerto Rico, dal 13.05.1996 al 16.04.1998.
Investigador Corresponsal Permanente De Italia en la especialidad de Immunologia Biotecnologia de la Division de Investigaciones Clinicas . La Tous A.C. International Society of Gerontology - Clinical research Division MEXICO, dal 15.11.1996.
Titolare di Incarico di ricerca scientifica "Dalla biochimica del glutine alle cerebropatie. Diagnostica clinica, biomolecolare e trattamento omotossicologico di eliminazione dei radicali liberi" presso l'AIAS si Afragola - Centro di Ricerca- dal 01.07.2003.

Il dott. M. G. Montinari ha svolto la propria attività professionale anche in strutture sanitarie convenzionate nei seguenti periodi:
Casa di Cura Santa Maria di Bari (dal 1982 al 1992)
a) chirurgia generale e chirurgia pediatrica
b) endoscopia digestiva diagnostica e chirurgica
Casa di Cura San Francesco - Galatina (Lecce) (dal 1982 al 1992)
a) chirurgia generale e chirurgia pediatrica
b) endoscopia digestiva diagnostica e chirurgica Casa di Cura Petrucciani (Lecce) (dal 1984 al 1990)
a) chirurgia pediatrica
b) endoscopia digestiva diagnostica e chirurgica  IPAM Aeronautica Militare - 3^ Regione Aerea - Bari Palese(dal 1993 al 1996)
a) chirurgia generale
b) endoscopia digestiva diagnostica e chirurgica

COLLABORAZIONE alla STESURA di TESTI e TRATTATI di MEDICINA
Ha partecipato attivamente alla traduzione in Italiano del trattato di Gastroenterologia pediatrica, dalla lingua Inglese, di A. Silverman, CC. Roy, F.J. Cozzetto (Pediatric Clinical Gastroenterology) ed Mosby. La suddetta edizione italiana, edita dalla Verduci Editore di Roma, è stata pubblicata nel 1975.
Ha curato la pubblicazione dei seguenti volumi: 1° "La reattività bronchiale in pediatria", atti del meeting internazionale del 06/02/1982 della USL BA/11 (come da riferimento in 1^ pagina del volume), 2° "Immunologia e infezioni feto-neonatali", atti del meeting internazionale del 25-26/06/1982 della USL BA/11(come da riferimento in 1^ pagina del volume).
Ha partecipato alla stesura e pubblicazione dell'ATLANTE di Patologia Chirurgica Pediatrica edito dalla USES-UTET Firenze 1986 (riferimento in 1^ pagina del volume).
Ha partecipato alla pubblicazione del "Trattato di Chirurgia Pediatrica e Ortopedia" di M. Montinari, Pipino, Leggio, Romeo, della USES-UTET di Firenze, 1988 (come da riferimento nell'elenco dei collaboratori dell'opera).
Dal gennaio 1993 è Editor in Chief della Rivista Scientifica Internazionale (periodicità trimestrale) "The Mediterranean Journal of Surgery and Medicine".
E' autore del libro "Autismo", edito dalla Macro Edizioni di Cesena, Aprile 2002.

CORSI di PERFEZIONAMENTO POST LAUREA
Perfezionato in Promozione e Gestione della Qualità dell'assistenza sanitaria nell'a.a. 1995/1996 presso Università degli Studi di Bari con superamento del relativo esame finale.
Ha frequentato dal 07/06/2001 al 01/02/2002 il Corso di Management Sanitario-Formazione continua per il personale dirigente del ruolo sanitari della durata complessiva di 120 ore superandone l'esame finale.

FREQUENZA di CORSI di AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE
Ha frequentato il Corso di Aggiornamento in Oncologia"I Tumori della Mammella" (Bari) dal 13/09/1985 al 13/12/1985 (Lega Italiana per la lotta contro i tumori, Ministero della Pubblica Istruzione, Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, Società Italiana di Medicina Generale);
Ha partecipato al 2° Corso Teorico Pratico di Microchirurgia in Chirurgia Pediatrica che si è tenuto a Bologna (Clinica Chirurgica Pediatrica) dal 06/04/1987 al 10/04/1987;
E' stato autorizzato a frequentare la Divisione di Chirurgia Pediatrica dell'Ente Ospedaliero Ospedali Galliera di Genova con ordinanza d'urgenza n° 602 del 16/06/1989 a scopo di aggiornamento professionale.
Ha frequentato la Clinique Chirurgicale Infantile Hospital NECKER-ENFANTS-MALADES ( Prof. D. Pellerin) di Parigi, dal 04/12/1989 al 12/12/1989, partecipando a tutte le attività del servizio e alla discussione dei casi clinici.
Ha partecipato al Corso teorico-pratico della Biotest su " La tipizzazione HLA: passato, presente, futuro" dal 21 al 23 aprile 1998.
Ha partecipato al "Gastroenterology and Endotherapy. XVIIth European Workshop" Brussels Erasme Hospital, 21.23 giugno 1999.
Ha partecipato al "Meeting Interattivo sulla sedazione in endoscopia digestiva" Bari 23 marzo 2000.
Ha partecipato al VII Congresso Nazionale Associazione Italiana di Immunogenetica e Biologia dei Trapianti" Bari 5-7 ottobre 2000.
Ha partecipato al Corso "Gastroenterology and Endoscopi: Practical Advancements in Diagnosis and Therapy" Siena 27-29 giugno 2001.
Ha frequentato il Corso triennale di omeopatia e Omotossicologia svoltosi presso il Policlinico di Bari dal 2000 al 2003.
Ha partecipato al Congresso internazionale sull'autismo e disturbi generalizzati dello sviluppo - Manerbio (BS) 8 Novembre 2003 (Relatore).

ISCRIZIONI a SOCIETA' SCIENTIFICHE
Dal 1984 è Socio della Società Italiana di Endoscopia Digestiva
Dal 1987 è Socio della Società Italiana di Chirurgia Pediatrica
Dal 28/11/1996 è membro della American Academy of Naturopathic Medicine - Washington- USA.
Dal Dicembre 1997 è Membro della New York Accademy of Sciences.
Dal 31/12/1997 e Fellow of the Royal Society of Health di Londra potendosi fregiare del FRSH.
Dal 09/01/1998 è membro della "The Association of Military Surgeons of the United States".
Nel 2010 e' stato chiamato a partecipare al "Panel" sull'autismo da parte dell'ISS, ma non ha aderito alla firma del documento finale, perche' giustamente non ne condivideva il contenuto.....
Socio dell'Accademia Pugliese delle Scienze, Bari.

(Commento NdR -
a riprova dei "comportamenti" delle cosiddette istituzioni a tutela della "salute" - di quale "salute", quella dei sudditi o quella dei fatturati di Big Pharma...??, vedi  le corrispondenze - mail - intercorse fra il consulente di questo sito e detti enti nazionali ed internazionali:
 ISS + Ministero della "salute", informati dei danni dei vaccini fanno finta di nulla...  + AIFA
ed EMA....)

Polizia di Stato - Medico Principale della Polizia di Stato, Dirigente l’Ufficio Sanitario dell’VIII Reparto Mobile di Firenze.
- Medico Chirurgo, con nomina di esperto per l’Autismo dall’Istituto Superiore della Sanità
- Membro permanente della C.M.O. del Centro medico legale di Firenze.
- Nominato consulente della Legione Carabinieri Toscana.
-
E' consulente dell’Arma dei Carabinieri (Legione Toscana); dirige la Scuola Superiore di Scienze e Medicine Complementari Città di Sarzana – Stefano Romeo;
- Responsabile della Sezione di Neuro Immuno Gastroenterologia Pediatrica dell’
Istituto Universitario Nicolaus di Bari, dal 1994 si interessa allo studio delle sindromi autistiche e delle encefalopatie tant’è che ha predisposto un approccio terapeutico low dose basandosi sui concetti espressi dalla medicina fisiologica della regolazione.
- Consulente scientifico di diverse Procure della Repubblica presso Tribunali in tutta l’Italia e, nelle sue funzioni di Consulente Tecnico d’Ufficio è stato più volte convocato per la risoluzioni di fattispecie collegate all’immunologia mentre, nelle vesti di Consulente Tecnico di Parte, ha collaborato alla decisioni di importanti sentenze che hanno riconosciuto il danno da vaccinazione in tutta la Penisola.

Dott. Massimo Montinari  - E-mail: montinari.m@libero.it

E' in vendita il libro del dott. M. Montinari, Medico-Chirurgo della Polizia di Stato di Firenze Specialista in Chirurgia Pediatrica - Specialista in Chirurgia d’Urgenza e P.S. - Iscritto Albo CTU Tribunale Civile e Penale di Bari (n° 582):
Per prenotazioni, scrivere: montinari.m@libero.it

Il dott. M. Montinari ha fino ad oggi in cura migliaia di pazienti fra cui oltre 6.000 malati di autismo, da Vaccino.
I titoli dei suoi libri sono: "AUTISMO, nuove terapie per migliorare e guarire"  +  Educazione alla Salute, parliamo di sostanze Stupefacenti ed alcool, ediz. Marianna.
Il primo libro contiene le sue ricerche (su circa 800 pazienti) che indicano la responsabilita' delle Vaccinazioni come causa della malattia (Autismo ed altro).... 230 pagine di documentazione Scientifica qualificata. 
Una traccia da seguire per medici, ricercatori e genitori che non hanno perso la speranza di vedere guarire o stare molto meglio i loro figli autistici... 
Tutti i dati scientifici, le diete, le alternative agli antibiotici e le terapie di supporto, fisiologiche, linguistiche, psicologico e senso motorio con l'indirizzario di terapeuti ed associazioni a cui rivolgersi. -  editore Macroedizioni
Per maggiori info sul  Protocollo Montinari, scrivere a:
protocollomontinari@libero.it 

Interviste TV al dott. M. Montinari:
http://www.video.mediaset.it/video.html?sito=striscia&data=2007/11/20&id=6218&categoria=servizio&from=striscia
http://www.goldwebtv.it/it/medicina/dottor-montinari-lautismo-dipende-anche-da

vedi anche: Protocollo Montinari
+ Bibliografia + Danni Biologici dei Vaccini e Metodo = Protocollo Montinari + Intervista al dott. Montinari +  Boicottaggio del dott. M. Montinari + Prevenzione e cura dei danni dei Vaccini + Valutazioni preVaccinali
 
vedi:  Autismo e Vaccini: la Prova + Autismo ed Intolleranze alimentari + URANIO impoverito ? NO sono i Vaccini + Danni dei Vaccini + Vaccinazioni non più obbligatorie in GIAPPONE + Amish SENZA autismo perche' NON si vaccinano ! + Ministero informato sui danni dei vaccini non fa NULLA !...e...Tutto cio' Grazie a Big Pharma 

video del dott. Massimo Montinari a Don Chisciotte  - Ott. 2012

 


Il giuramento d'Ipocrita - (Parte del dialogo del video)

Montinari: “Iniziammo a richiamare questi pazienti per fare esami virologici su virus vaccinali, che non avevamo assolutamente indagato... mi riferisco al virus vaccinale del morbillo, a quello della rosolia, alla Borretella Pertussis, o eventualmente alla Polio. Ebbene risultavano attività virali in corso proprio da questi esami. Quindi non era piu' il citomegalovirus che era stata per noi la fatidica lampadina che pero' era poi stato smentito, ma erano altre realtà.

 

Don Chisciotte: “Dunque mi scusi dottore, erano stati vaccinati per determinati virus e quei virus...?”

Montinari: AVEVANO CREATO DEI PROBLEMI !!

Continua QUI 


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Questo è il testo del "Comunicato Stampa" inviato a tutta la stampa italiana nel mese di Dicembre del 1995, dal presidente dell’Associazione Universo Bambino e che è passato in totale sordina:

L’Associazione Universo Bambino di Bari, comunica:
"Lo studio presentato e pubblicato su:
The Mediterranean Journal of Surgery and Medecine dal dott. Massimo Montinari, Medico Chirurgo, Presidente dell’Associazione Universo Bambino, è riferito a 48 pazienti che si sono rivolti alla sua Associazione dopo essere stati ricoverati presso numerosi Centri Ospedalieri nazionali e stranieri; questi sono stati selezionati da ben 186 malati, affetti da patologie del SNC (Sistema Nervoso Centrale), osservati nel periodo Apr/94 - Ott/95.
Nella storia di ogni paziente si documentava l’insorgenza di segni clinici relativi al SNC ed apparato digerente, in concomitanza o immediatamente dopo la somministrazione di vaccini (per la Polio Sabin e Salk, Difterite-TetanoMorbillo, Difterite, Tetano, Pertosse, TBC
(Vaccino BCG - bacillo di Calmette-Guérin).
La proposta di studio è riferita alla valutazione del quadro immunitario dei pazienti ed al ruolo dell’immunogenetica nella diagnosi di patologie ad eziopatogenesi spesso dubbia ed handicappanti; l’attento studio del braccio corto del Cromosoma 6 dell’uomo, la caratteristica genetica e l’azione di virus a DNA in soggetti sottoposti a vaccinoprofilassi in età pediatrica, ha consentito di valutare una caratteristica ricorrenza di alleli nel quadro genetico di tutti i pazienti sottoposti a vaccinoprofilassi e insulto da virus a DNA ".
By UNIVERSO BAMBINO -  montinari.m@libero.it  -  Protocollo Montinari

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Commento NdR:
Chi è Il dott. Massimo Montinari ?
Da quello che ho potuto sapere su di lui è innanzitutto una persona con una bella coscienza ed un medico ricercatore molto professionale !
Cosa fa il dott. M. Montinari ?
E’ un medico chirurgo (gastroenterologo) specializzato nella cura anche di bambini con sindrome autistica e di altre malattie indotte dai vaccini, ed adotta per tali cure, un protocollo terapeutico che vede l’associazione di diete private di glutine e caseina, ad un trattamento omotossicologico da lui messo a punto, ottenendo miglioramenti importanti nei pazienti. 
E che c’è di così speciale o di così strano in tutto questo ?
Attraverso studi integrati fra medicina allopatica ed omotossicologica, è riuscito a curare molti dei  suoi pazienti (dati per spacciati da medici generici e specialisti delle strutture ufficiali), attraverso cure semplici, non invasive, poco costose e rispettose dell’essere umano nella sua interezza.
Si e' rivelato sul campo e da decenni, un buon medico capace, innovativo, attento ed umano.
Oltre ad aver pubblicato centinaia di studi medico scientifici, ha scritto un libro nel quale documenta la PROVA che l'autismo nei bambini e' indotto dai Vaccini, spiegando i vari meccanismi che portano il soggetto vaccinato alla grave malattia e non  solo a quella....
Oggi e' il Dirigente del Reparto Sanitario della Polizia di Stato di Firenze.
Intervista al dott. M. Montinari:
http://www.easyfreeforum.com/viewtopic.php?t=26364&eff=3091&sid=bbbc1575bdb949c1c85d84c9c76268f9

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il dott. M. Montinari denuncia per diffamazione un suo denigratore nei News Group (it.salute ed altri) su Internet (Usenet).
E non e' il solo personaggio ad aver diffamato il dott. M. Montinari.

RINVIATO a GIUDIZIO un MEDICO FIORENTINO per i REATI art.81, 595 cp.
Usava Internet, nascosto dal suo "nick name", per diffamare il Dott. Massimo  Montinari, il medico che ricerca ed applica una terapia per la "sindrome autistica".

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Taranto ha citato a  Giudizio nell'Udienza del 02.11.2007 - art. 552 c.p.p. - un Medico fiorentino, il dott. (Omissis) - imputato del reato p.p. di cui dall'art. 81, 595 cpv CP per avere con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, offeso la reputazione del Dott. Massimo Montinari, inviando sulla rete INTERNET alcuni messaggi offensivi.

Le indagini, condotte dal Compartimento della Polizia Postale e delle Comunicazioni "Puglia", Sezione di Taranto, hanno permesso di risalire al medico (nome: Omissis) mediante il proprio "nick name",  utente del NewsGroup: it.salute, in particolare l'imputato avrebbe in più occasioni, deliberatamente, inviato sulla rete INTERNET messaggi gravemente lesivi dell'onore, della reputazione e del prestigio del Dott. Massimo Montinari, in quanto medico che cura bambini affetti da: "encefalopatie post-vaccinali con il quadro clinico della sindrome autistica".

Alla prima udienza, dove il medico di Firenze (nome: Omissis) non si è presentato, erano presenti invece numerose famiglie pugliesi di bambini curati dal Dott. Montinari con successo, che avrebbero voluto conoscere di persona l'imputato, fino  ad allora celato da un anonimo "nick name".


NdR: Precisazione: Il dott. M. Montinari dirige l'Ufficio Sanitario del Reparto Mobile della Polizia di Stato di Firenze, quindi e' un funzionario di Stato.

CODICE PENALE (Italiano):
Art. 81 - Concorso formale - Reato continuato
È punito con la pena che dovrebbe infliggersi per la violazione più grave aumentata fino al triplo chi con una sola azione od omissione viola diverse disposizioni di legge ovvero commette più violazioni della medesima disposizione di legge. Alla stessa pena soggiace chi con più azioni od omissioni, esecutive di un medesimo disegno criminoso, commette anche in tempi diversi più violazioni della stessa o di diverse disposizioni di legge. Nei casi preveduti da quest'articolo, la pena non può essere superiore a quella che sarebbe applicabile a norma degli articoli precedenti. Fermi restando i limiti indicati al terzo comma, se i reati in concorso formale o in continuazione con quello più grave sono commessi da soggetti ai quali sia stata applicata la recidiva prevista dall'articolo 99, quarto comma, l'aumento della quantità di pena non può essere comunque inferiore ad un terzo della pena stabilita per il reato più grave

Art. 595 - Diffamazione
Chiunque, fuori dei casi indicati nell'articolo precedente, comunicando con piu' persone, offende l'altrui reputazione, e' punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a lire due milioni.
Se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato, la pena e' della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a lire quattro milioni.
Se l'offesa e' recata col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicita', ovvero in atto pubblico, la pena e' della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore a lire un milione.
Se l'offesa e' recata a un Corpo politico, amministrativo o giudiziario, o ad una sua rappresentanza, o ad una Autorita' costituita in collegio, le pene sono aumentate.


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Due Domande Personali al dott. Massimo Montinari
Domanda: Lei è stato spesso oggetto di calunnie e cattiverie. Molti hanno cercato di boicottarla e di screditarla. Perchè secondo Lei c'è questo "accanimento" nei suo confronti ?

Risposta: Non è proprio così, non sono stato oggetto di calunnie e cattiverie, ma di una vera persecuzione che ha avuto inizio nel 1995 quando osai presentare in un congresso a Genova, presso l’Università, un mio lavoro in cui proponevo uno studio sulle encefalopatie immunomediate, tra cui erano presenti alcuni casi di bambini affetti da Sindrome Autistica, che avevano una stretta correlazione con la somministrazione di vaccini.
Non conoscevo quell’ambiente, provenivo dalla ricerca chirurgica, immunogenetica, mi interessavo di trapiantologia e oncologia pediatrica, le mie osservazioni  cliniche su questi bambini derivavano dalla mia personale esperienza ospedaliera presso il Policlinico di Bari. Proponevo uno studio che coinvolgesse più centri universitari per confermare o meno le mie osservazioni cliniche. Fu un disastro !
Gli organizzatori del convegno fecero allontanare alcune emittenti televisive presenti, annullarono una conferenza stampa per il giorno seguente e, cosa ancor più grave, venni avvicinato con modi mafiosi da alcuni pediatri di Genova, presenti al convegno che, con atteggiamento minatorio mi invitarono al silenzio.
Avrebbero avvertito il Direttore del Dipartimento pediatrico di Bari, al quale afferivo, per non farmi più parlare. Mi sembrava tutto inverosimile, ma divenne tragicamente reale. Conservo gelosamente ancora i loro nominativi, nella vita ci si può sempre reincontrare...

In quella occasione avevo toccato il cuore di interessi farmaceutici enormi, e non lo sapevo. Erano presenti igienisti di chiara fama,molto legati a multinazionali del farmaco, pediatri in carriera che , con i propri Istituti, partecipavano a sperimentazioni di vaccini e farmaci: in gergo mafioso si potevano definire dei “pezzi da 90”. Tutto questo lo capii dopo, non poteva essere vero, non l’avrei mai immaginato. Già nei giorni seguenti al mio rientro a Bari potei tastare con mano quello che non potevo supporre: l’inizio dell’isolamento professionale, giorno dopo giorno.

La mia salvezza era il ruolo di Aiuto Ospedaliero che ricoprivo,non dipendente dall’Università, nonchè una certa unicità specialistica nella gastroenterologia chirurgia pediatrica che non potevano annullare con facilità. Assistevo in ospedale tantissimi bambini, non rifiutavo nessuno, non avevo un mio studio privato, lavoravo soltanto per il Pubblico, non avevo rapporti con multinazionali e non ricevevo “viaggi premio” da informatori farmaceutici.

Ricordo che diversi colleghi pediatri mi facevano visitare i propri figli di nascosto, senza che il loro Direttore sapesse nulla, altrimenti gli avrebbe “stroncato la carriera”. Lavorare ogni giorno, per anni, in un clima simile, certamente non era facile. I miei collaboratori hanno subito la stessa sorte: una collega virologa che aveva osato “pubblicare” con me ha perso l’insegnamento, boicottata dal suo Direttore igienista al concorso per il primariato.
Ho provato cosa vuol dire “mafia sanitaria”, documentando tutto; un accanimento quotidiano che mirava a screditarmi professionalmente. Avevo soltanto proposto uno studio clinico, ma mi ritrovai addosso il ”marchio” di “untore”, di colui che non voleva far vaccinare, di colui che voleva diffondere le malattie infettive.
Affermazioni gravi, tutte costruite ad arte, calunnie che non trovavano un responsabile da identificare con nome e cognome. Finanche taluni informatori farmaceutici di vaccini, nelle loro “visite” ai medici, usavano il mio nome come esempio da aborrire.

Screditare un professionista con l’arma della calunnia è molto pesante da accettare: il danno subìto è stato enorme.
Ho sempre archiviato tutto, tanto da poter disegnare un percorso “a tappe” che mi ha condotto ad individuare i mandanti: persone “autorevoli”, tutte legate all’industria del farmaco, garantiti da un potere difficilmente scardinabile.

Eppure non avevo mai fatto alcuna campagna contro le vaccinazioni, avevo soltanto proposto uno studio clinico.
Avevo involontariamente sfiorato interessi economici fortissimi. Ma in questo clima ho continuato ad andare avanti,a raccogliere dati, a seguire sempre più bambini ammalati, a studiare con alcuni colleghi come “carbonari”. Anche l’accesso a riviste scientifiche veniva bloccato, pubblicare i dati raccolti diventava impossibile tranne che presentarli nel corso di convegni medici “non accreditati”. Ricordare quei momenti vissuti non è bello, particolarmente quando devi lavorare e difenderti per qualcosa che non hai mai fatto. Difendersi dalla calunnia è la cosa più difficile, e lavorare in questo clima in cui qualcuno aspetta un tuo “scivolone” è durissimo. Studiare soluzioni terapeutiche nuove, ricercare senza aiuti e fondi, impegnare le proprie risorse economiche, diventare Dirigente di Unità Operativa senza apparecchiature, avere a disposizione soltanto una stanza, una barella ed un comodino, credo sia il “top” dell’isolamento, ma per lavorare ho utilizzato apparecchiature personali, a disposizione dell’assistenza pubblica, finanche ho dovuto provvedere ad acquistare personalmente le sedie, la scrivania, il materiale di consumo. Una vergogna che documentavo giorno dopo giorno, decine di lettere, di richieste rivolte all’amministrazione che regolarmente restavano inevase, ma proseguivo con il mio lavoro, quotidianamente, senza retrocedere di un metro.

I canali della ricerca finanziata erano chiusi, ma continuavo ad archiviare dati su dati, a studiare le patologie autoimmunitarie del tubo digerente, la malattia celiaca, la correlazione con i DNA virus, l’azione dei vaccini sul tubo digerente e sul SNC.
Tantissimi sono stati i casi risolti in ospedale, molti provenienti da regioni del Nord, abitualmente meta di pazienti meridionali.

In questi anni ho potuto documentare come anche una certa stampa ha avuto il “bavaglio” dell’informazione. Non era possibile parlare di danni vaccinali, dovevano passare nel silenzio: nessuno doveva parlare, il silenzio era d’obbligo.
Un giorno venne in ospedale un inviato speciale di un noto settimanale italiano in seguito alla pubblicazione di un mio libro sull’autismo. Mi venne a trovare in reparto, un pomeriggio in cui era aperto l’ambulatorio. Restò in ospedale per alcune ore, vedendo il via vai di tantissimi bambini, alcuni dei quali affetti da enteropatie associate ad encefalopatie post-vaccinali.
Non erano fantasmi, ma bambini veri, quei bambini che non fanno parte delle statistiche sanitarie propagandate dai media. Rimase sconvolto per quello che osservò, dalle testimonianze che vide sfilare innanzi ai suoi occhi nella sala d’attesa. Mi disse che in precedenza mi avevano descritto come uno “stregone” e che avrebbe scritto un servizio molto ampio su quanto da lui osservato. Apprezzai la sua sincerità, lo ringraziai, ma preannunciai che se avesse scritto “la verità” osservata, il suo editore non l’avrebbe mai pubblicata. L’articolo uscì, dopo tantissimo tempo, e non come l’aveva strutturato: un “servizio di inviato speciale” trasformato in una paginetta...Per telefono mi disse che c’era rimasto male, aveva subito pressioni: ne ero sicuro, e per me non fu una sorpresa.

E questo è soltanto un episodio, ce ne sono tantissimi da raccontare, tutti ben documentati.
By dott. M. Montinari  - Tratto da: http://blog.libero.it/CURAMONTINARI/1929177.html
vedi: Protocollo Montinari

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il dottor Montinari e la mafia campana delle Vaccinazioni
Sono genitore di un bimbo danneggiato dalle vaccinazioni con sindrome autistica secondaria ad encefalopatia postvaccinale immunomediata, che dopo 3 anni di terapia col dott. Montinari ed una parallela adeguata terapia riabilitativa (non erogata dall'ASL!), ha visto rifiorire il figlio "condannato" dal primo neuropsichiatra infantile dell'ASL che, alla seconda visita ci disse: "...
se siete credenti affidatevi a Dio...".

Oggi mio figlio frequenta la prima elementare con educatrice di sostegno e sta riacquistando progressivamente il linguaggio che aveva completamento azzerato.
Il dott. Massimo Montinari - medico chirurgo pediatra - dal 1995, quando annunciò la possibilità di una cura per i disturbi dello spettro autistico e per le epilessie farmaco-resistenti, è continuo oggetto di accanite e violente aggressioni da parte dei "rappresentanti" delle istituzione deputate alla tutela della salute.
Ciò è iniziato quando, a valle delle sue ricerche sui danni prodotti dalle vaccinazioni sul sistema immunogenetico, chiese alle istituzioni preposte l'avvio di uno studio più ampio sull'argomento.
http://blog.libero.it/CURAMONTINARI/1919781.html
Ora le aggressioni si stanno allargando anche verso chi si è attivato nel fornirgli supporto tecnico e logistico. Ciò priva i nostri figli di una reale possibiltà di cura.  Vi assicuro che in questa condizione siamo tanti, troppi.

Vi riporto il post del dott. Montinari dal forum relativo al suo protocollo terapeutico:
"Da dodici giorni il Direttore generale dell'AIAS di Afragola, Dott. Ciro Salzano, amico personale del Dott. Massimo Montinari ha iniziato lo sciopero della fame per sollecitare lo Stato ad intervenire contro un grave atteggiamento, che possiamo definire "camorristico", contro la libertà di cura di centinaia di portatori di handicap che si rivolgono all'AIAS di Afragola. (ndr: http://www.aiasdiafragola.it/ .

L'AIAS di Afragola, una delle poche strutture sanitarie convenzionate che lavorano seriamente in Campania, rischia di chiudere per un chiaro gioco politico-amministrativo del potere Regionale della Campania.
L'AIAS da anni è al fianco del Dott. Montinari, per consentirgli le ricerche sulla Sindrome Artistica. Ciò non è gradito a qualcuno che ha tutta la volontà di “oscurare” Montinari e la sua opera sanitaria.
La prima iniziativa camorristica è stata quella di privare il Congresso Internazionale sull'Autismo di Roma, del 22-24 novembre scorso, della sala della Regione Lazio la presenza tra i relatori del Dott. Montinari.
La seconda iniziativa è quella di mettere in ginocchio" l'AIAS.
Ci si può chiedere quale sarà la prossima azione camorristica per mettere a tacere gli studi di Montinari.
Quale tessera di partito ci vuole in Campania per farsi curare ?"
Lettera firmata

Altri link sull'attività del dott. Montinari: 
http://www.mednat.org/vaccini/immunogenetica.htm  +  http://www.stelior.org/cv/montinari.htm
http://digilander.libero.it/montinari/index.htm  +  http://blog.libero.it/omotossicologia/
http://blog.libero.it/CURAMONTINARI/
http://vesuvio.blog.kataweb.it/autismo/protocollo_montinari/index.html


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Nel Web leggiamo che alcuni genitori si lamentano del fatto che il dott. M. Montinari "non si faccia trovare, ne’ voglia aiutare dei genitori che gli si rivolgono per i vari problemi anche molto gravi, derivanti dai vaccini" che i loro figli hanno purtroppo subito.
Altri che, malgrado le promesse fatte, non abbia preparato nei tempi utili le perizie, per le cause di risarcimento danni in corso, oppure che egli non voglia preparare le perizie per i loro avvocati.
Cio’ e’ vero in parte, ed e’ successo, per cui non ha scuse, (premetto che non ho nessun rapporto di affari, se non di consulenze gratuite, che gli ho fornito sulle Medicine Naturali da utilizzare nel suo Protocollo) ma vorrei spiegare in quali condizioni di stress molto forti egli lavora, perche':
- e' un dipendente e dirigente del Reparto Sanitario, della Polizia di Stato di Firenze, nel quale si da' molto da fare...per scovare e segnalare alla Giustizia cio' che non funziona nella "sanita italiana" in aziende e soggetti privati, che lavorano con essa, e di porcherie ve ne sono tantissime...
- nel tempo libero si dedica ai pazienti privatamente
- e' uno dei pochi medici, in Italia (gli altri hanno paura di esporsi) che attuano un Protocollo efficace nel 95% dei casi di danni da vaccino.
- e' subissato da richieste di visite e non riesce ormai a seguire che i pazienti che ha preso in carica (oltre 3.500) e non riesce a fare di piu' !
- le perizie che prepara sono in genere complete e sufficientemente utili per ottenere gli indennizzi, per il risarcimento del danno da vaccino; anche in questo caso i medici che le fanno si contano sulle dita....perche' non vogliono esporsi....
- Egli pur avendo cercato di istruire altri medici, il risultato e' che la pressione sui medici, con il ricatto dell'espulsione dall'Ordine...e quindi non poter lavorare e' cosi' forte, che essi non vogliono esporsi..quindi egli si ritrova quasi da solo nella battaglia (ve ne sono altri, ma per ora ancora pochi)....mentre i pazienti ed i malati, aumentano di anno in anno in modo spropositato...ma lui non puo' piu' fare nulla....non ce la fa, le ore lavorative sono sempre quelle e quindi piu' di quelle non puo' fare.

Questo per onorare la forza di un raro medico che da ormai quasi e decenni, da me spinto a suo tempo, nel ricercare nella direzione dei danni dei vaccini ed avendogli a suo tempo suggerito un Protocollo  terapeutico, secondo la medicina naturale, che ha attuato e che si e' rivelato efficace, e cio’ malgrado le persecuzioni, denunce delle case farmaceutiche, diffide dell'Ordine dei medici, minacce varie (ha dovuto circolare con la scorta per diversi anni) si e' battuto per VOI genitori di bambini lesi dai vaccini.
Questo per vs informazione - By webmaster di mednat.org: vedi anche: Danni dei VACCINI

 

"Questo sito WEB vi informa", Non siamo responsabili della correttezza e/o della solvibilità degli inserzionisti del ns. Network.
 Webmaster  - Vietata la copia anche parziale dei contenuti, se non viene citata la fonte - All rights reserved - Publisher DataBit s.a.