Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 

 

RIFORMA SANITARIA con Proposta di LEGGE Regionale per vaccinazioni FACOLTATIVE

La descrizione del meccanismo che nel secolo scorso permise ai grossi capitali finanziari dei Rothschild, di impadronirsi
dell’intero sistema medico americano  e non solo, attraverso il controllo dell’insegnamento
universitario,
i Rockefeller (legati ai Rothschild), amavano chiamarla “filantropia efficiente”, e' qui in questa paginaben descritto.
QUESTI I VERI PADRONI del MONDO

Da settembre 2013, in tutta l’UE (Unione Europea), sul foglietto illustrativo (bugiardino) di determinati medicinali
farà la sua apparizione un triangolo capovolto.
Un contrassegno che segnala a pazienti ed operatori sanitari quei farmaci per i quali i consumatori
sono caldamente invitati a segnalare agli operatori nazionali, eventuali effetti collaterali inattesi.
In gergo tecnico, le medicine sottoposte a monitoraggio addizionale.
Si tratta di tutte le confezioni autorizzate dopo il 1° gennaio 2011 che contengono una nuova sostanza attiva; vaccini o prodotti derivati dal plasma di origine biologica; i medicamenti per i quali sono necessarie determinate informazioni supplementari nella fase successiva alla messa in commercio, o la cui autorizzazione è subordinata al rispetto di determinate condizioni o restrizioni per un impiego sicuro ed efficace.- vedi: PDF del comunicato stampa Commissione Europea

Universo Intelligente + Universo Elettrico + SOVRANITA' INDIVIDUALE (Dichiarazione)

USA, Dic. 2016: Il Presidente TRUMP si schiera a favore della Liberta' di scelta sui Vaccini:
http://www.vacciniinforma.it/2016/12/17/trump-si-schiera-a-favore-della-liberta-di-scelta-contro-le-vaccinazioni-coercitive/4870
...in Italia invece, li si vuole re-imporre alla faccia della liberta' !
la costrizione vaccinale e' imposta da Big Pharma con i suoi uomini,
immessi nei posti di potere e/o di chiave, delle e nelle nazioni del mondo...
 

 Liberta' di Cura - 1 + Consenso Informato

1. Proteggere l'essere umano dai pericoli
della medicina ufficiale e della biotecnologia.
2. Il diritto alla salute deve ritenersi comprensivo non solo dell’incolumità fisica, ma anche del benessere psichico dell’individuo e di tutto ciò che vale a costituire la "qualità" stessa della vita.

L' Art 32 della Costituzione Italiana recita:  "La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dello individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.
Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge
non può in NESSUN caso (NdR: neppure nel caso dei Vaccini) violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana".

Articolo da sempre DISATTESO e CALPESTATO !!
Il compito dello Stato non è quello di "educare" i cittadini: è quello piuttosto di "rimuovere" le condizioni che riproducono discriminazioni e disparità. http://www.codici.org/codici/invito_alle_consulte.htm

Se si desidera essere sani, questa società “buona e progressiva”, con il suo potere tecnico, è in grado di metterci a disposizione la salute sotto forma di farmaci a migliaia: tanti farmaci,….. tanta salute……..
Conquistare il "diritto alla salute" viene SEMPRE inteso come "diritto al farmaco" (qualsiasi farmaco).
E la pubblicità dei mass media, provvede a ricordare continuamente questo nostro “diritto”.

In tal modo non si lotta insieme per la salute reale, intesa come benessere globale, ma privatamente, individualmente, per la propria salute, identificata fra l'altro come possesso del farmaco.
Questa idea di salute è un oggetto di consumo essa stessa, uno stereotipo culturale riferito al corpo soltanto, non al proprio benessere psichico o sociale, alla buona armonia con l'ambiente.
Tratto da CARTAduemila, questa Associazione opera per il diritto di libertà di scelta terapeutica e per la promozione, lo sviluppo e la sperimentazione delle terapie atossiche e naturali ed il risanamento ambientale.

PRINCIPI:
Il corpo ha la capacità di autoguarirsi riparando i danni causati da età, malattie e traumi e ripristinare le funzioni dei tessuti. Ne sono responsabili alcune molecole, coinvolte nello sviluppo embrionale, che vengono chiamate Hh (hedgehog).
Le Hg partecipano in vari processi che vanno dalla differenziazione della cartilagine a dei neuroni allo sviluppo di vari tipi di tumori. La naturale rigenerazione (specie negli adulti) è però spesso insufficiente. Stimolando i processi di sintesi di Hh si hanno profondi e validi effetti sulle cellule del sistema nervoso soggette a degenerazione come nel morbo di Parkinson o nella sclerosi multipla.
Queste molecole sono in breve un valido strumento per aiutare la popolazione anziana a combattere i processi dell’invecchiamento riattivando il sistema genetico innato ed evitando dosi massicce di farmaci.
(The BioMed Net Magazine Ottobre 2001 )

Uno degli scopi dei ns. Portali/siti è… illuminare i lettori sulle reali potenzialità della medicina ufficiale, quella per la quale TUTTI paghiamo la…….tassa sulla salute”. ……..ma quale salute ??.... dove sta la trasparenza e la “qualità” dei servizi erogati dalle strutture sanitarie, pagate dai sudditi…….di questo monopolio ??

In pratica, vogliamo mettere tutti in condizione di ragionare da soli mediante l'acquisizione di elementi concettuali semplici, logici, onesti, indicando anche le varie possibilità delle tecniche alternative a quelle tossiche farmacologiche.
Questo perché, al di là dei proclami dei “tutori della salute”, è ormai chiaro che la medicina ufficiale (a parte la traumatologia, la chirurgia e la rianimazione) faccia solo danni e, essendo completamente svuotata, inefficace e addirittura pericolosa (nel caso dei vaccini), non può far altro che rendere i cittadini dipendenti e paurosi, generando altre malattie - iatrogene, non solo per l’utilizzo di farmaci tossici e vaccini pericolosi, ma anche per il linguaggio medico che induce ansia, paura e disperazione nei parenti e pazienti che vi si rivolgono ! (es. l'utilizzo delle parole aids, cancro, ecc.).

Oggi, molta gente ha paura ad entrare in un ospedale, perche' sa come entra, ma non sa' come esce...
Tutto ciò avviene in quanto i medici sono istruiti dalle strutture scolastiche (università) strettamente legate alle case farmaceutiche ed alla ricerca fasulla, che insegnano (sbagliando) che la malattia è causata solo dal virus, batterio, cioè dai microbi); questa incompleta, fuorviante, cioè disinformante ideologia, serve alla case farmaceutiche per avere medici / rappresentanti, che sanno solo propinare ai malati le bombe batteriologice (leggasi farmaci di sintesi) da esse prodotte, senza conoscere tutte le possibili tecniche sanitarie, quelle alternative ai farmaci.
Solo la traumatologia, chirurgia e la rianimazione hanno fatto passi da gigante e sono molto utili in questa sanità che è incapace a prevenire ed a sanare le malattie.
E’ naturale quindi che quella sanità sia sempre più incapace a risolvere le aspettative di salute dei malati, in quanto i medici sono incapaci a sanare, perché non sono stati istruiti convenientemente per poter “tutelare” la salute dei cittadini, secondo il comando Costituzionale (art. 32);
Oggi per la struttura sanitaria siamo solo consumatori………. stai zitto e paga !

La continua e crescente richiesta di trapianti, è il dichiarato fallimento della medicina preventiva e terapeutica; medici incapaci a sanare portano i malati verso la morte prematura e quindi il trapianto si erge come unica possibilità di salvezza ! ma non si poteva, facendo le cure appropriate non invasive e risolvendo cause e concause e non soffocando i sintomi, evitare di portarli al trapianto ??
Certamente, basta sapere come fare ! la Medicina Naturale insegna il come !

Oggi Non esiste la Libertà di Cura, si è obbligati, nelle strutture sanitarie, a farsi curare solo secondo i principi ideologici delle case farmaceutiche, che attraverso i dirigenti della sanità (leggasi Ist. Sup. Sanità + Ministero della Sanità oggi chiamato, molto impropriamente, della "salute") da loro “messi” nei posti chiave, riescono ad obbligare persino i medici ad utilizzare protocolli terapeutici solo da loro indicati.
Neppure il medico può secondo coscienza, discostarsi da quei protocolli ! 

Cittadini svegliatevi dal vs. torpore e richiedete a gran voce……..
LIBERTA’ di CURA !!

Le case farmaceutiche non sono obbligate a pubblicare TUTTI i risultati delle loro ricerche....- Gen. 2009
«Dalle sperimentazioni risulta che il risultato complessivo della nuova generazione di antidepressivi è sotto la soglia consigliata dei criteri clinicamente significativi», scrivono gli scienziati. Kirsch sottolinea, inoltre, la necessità di cambiare il sistema attuale, che permette alle case farmaceutiche di non pubblicare una parte dei dati delle loro sperimentazioni:
«La frustrazione sta in questo - dice Kirsch -. Rende difficile determinare se i farmaci funzionino.
Le
case farmaceutiche dovrebbero essere obbligate, quando commercializzano un nuovo prodotto, a  pubblicare tutti i dati». Stavolta, per accedere alle informazioni, gli scienziati si sono avvalsi del Freedom of Information Act, la legge sulla trasparenza.
http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/scienza/grubrica.aspID_blog=38&ID_articolo=607&ID_sezione=243&sezione=News

RICERCA DEVIATA ai MEDICINALI che MANTENGONO la MALATTIA CRONICA.
INTERVISTA al PREMIO NOBEL per la  MEDICINA: RICHARD J. ROBERTS. - MEDITATE  e CONDIVIDETE !

Il vincitore del Premio Nobel per la Medicina, Richard J.Roberts, denuncia il modo in cui operano le grandi industrie farmaceutiche nel sistema capitalistico, anteponendo i benefici economici alla salute e rallentando lo sviluppo scientifico nella cura delle malattie perché guarire non è fruttuoso come la cronicità.

Visionate questo video, parla un'informatore farmaceutico, sul Business dei Farmaci e Vaccini
http://ildocumento.it/farmaci/il-business-farmaceutico-current.html
 

vedi: Conflitti di Interesse in Medicina + Conflitto di Interesse +
Perche' vaccinare ?

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il paziente ha diritto di scegliere - L’esperto:«Integriamo le Medicine Non Convenzionali con la biomedicina»
IL RESTO DEL CARLINO - LA NAZIONE - IL GIORNO - 14 OTTOBRE 2008

Dottor Paolo Roberti di Sarsina, quali sono le problematiche giuridiche, oltre che terapeutiche, legate alle Medicine non convenzionali (MNC) emerse dall’indagine condotta nel vostro libro ?
«Anche se queste medicine sono state oggetto di diversi progetti di legge, non c’è stata una ricaduta positiva di informazione indirizzata alla classe medica. Questo ha comportato da una parte il fatto che i pazienti, spesso vittime loro stessi di preconcetti, si informino autonomamente sui diversi metodi di cura e, dall’altra, che i medici, non essendo in possesso di una conoscenza approfondita, rimangano divisi tra chi è favorevole e chi è contrario. Va detto che se in Italia dagli anni ’90 alla scorsa legislatura sono state presentate a diverso livello una ventina di proposte di legge, tutte naufragate, negli ultimi venti anni solo gli enti privati di formazione hanno portato avanti la formazione medica post-laurea. Al contempo tutti sottolineano la mancanza di fondi che impedisce sostanzialmente l’impostazione di una strategia organica di integrazione reale. Pazienti di ogni estrazione sociale e affetti dalle più varie patologie utilizzano terapie MNC quotidianamente, ma le informazioni sulle modalità sono state stata integrate nelle varie strutture e istituzioni mediche accademiche sono ancora molto frammentarie».

Quindi manca l’informazione ?
«Non solo. Emerge l’esigenza di evitare ulteriori frammentazioni regionalistiche, in direzione di una legge nazionale che sancisca la piena e paritaria accettazione e il riconoscimento di tutte le MNC, senza discriminazioni demagogiche, per realizzare compiutamente anche in questo campo il diritto costituzionale della libertà di scelta e di pari accesso alle cure. Libertà di scelta che non può prescindere dalla piena informazione dei possibili e diversi approcci diagnostici e terapeutici e dalla piena disponibilità dei medicinali usati dalle diverse MNC.

Di conseguenza, occorreranno dei fondi...
«Certamente la sostenibilità economica del sistema dell’integrazione diventa un problema, specie se si considera che mentre sul lato sanitario sono stati determinati i livelli essenziali delle prestazioni che devono essere garantiti a tutti i cittadini, il settore sociale è ancora carente per quanto riguarda la definizione dei livelli essenziali di assistenza. Quindi in previsione dell’auspicato inserimento delle prestazioni di MNC nel Servizio sanitario nazionale è indispensabile ridefinire i criteri di accesso ai livelli essenziali di assistenza».

Si parla tanto di umanizzazione terapeutica: una speranza futura o una realtà che si sta già affermando ?
«Ciò che appare in gioco, oggi, è lo stesso concetto di salute come diritto garantito a ogni essere umano nell'ambito della
libertà di cura sancita dall'articolo 32 della Costituzione.
La tutela della salute della popolazione, l’umanizzazione, la personalizzazione e la sostenibilità dei trattamenti si basano sulla centralità del paziente nella scelta delle cure. Si deve, per ciascun essere umano, ricostruire un centro di gravità diagnostico-terapeutico che prenda in considerazione la globalità dell’essere umano, vale a dire l’intrinseca unità del suo essere, il piano fisico e mentale, perché è su questi livelli incessantemente interagenti che ogni persona si autostruttura spiritualmente come un unicum che come tale va interpretato per essere curato»

Quali sono le possibilità che si aprono all’umanità di questo inizio Terzo millennio dal punto di vista medico-sociale e assistenziale ?
«E’ ineludibile la necessità di interazione e collaborazione tra diversi modi di intendere la medicina in quanto ‘ars’; è indispensabile la sinergia tra la biomedicina, quale sistema dominante e le Mnc o medicine antropologiche anche in termini di equilibrio sostenibile e di farmaco economia; sul territorio si ha sempre più la presenza di popolazioni migranti con bisogni complessi che portano diversi saperi di salute. Come richiede l’Oms è necessario ed etico tutelare, salvaguardare, promuovere, studiare, tramandare e applicare il patrimonio culturale dei saperi e dei sistemi medici e di salute antropologici sia occidentali sia orientali, nell’assoluto rispetto dell’integrità originaria e tradizionale dei singoli paradigmi ed epistemi».

COSA SONO
Come spiega il dottor Paolo Roberti di Sarsina, la Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo) riconosce dal 2002 nove medicine non convenzionali (MNC): agopuntura, medicina tradizionale cinese, medicina ayurvedica, medicina omeopatica, medicina antroposofica, chiropratica, fitoterapia, omotossicologia, osteopatia.
Sia nel precedente Codice di Deontologia medica (1998), sia nell’attuale (in vigore dal dicembre 2006) è dedicato un articolo (art. 15) alle medicine non convenzionali. L’ articolo sottolinea il principio di autoregolamentazione della responsabilità professionale del medico, che assume carattere più incisivo laddove si tratti di medicine non convenzionali. Il medico dovrà impegnarsi a far sì che il cittadino non si sottragga a specifici trattamenti di comprovata efficacia.
Come è noto, le prestazioni sanitarie e l’esercizio professionale delle medicine non convenzionali sono un argomento che ha investito direttamente la Federazione degli Ordini dei medici, il cui Consiglio nazionale nel 2002 emanò ‘Le Linee guida delle medicine e pratiche non convenzionali’. In Italia – pur in assenza di una legge quadro nazionale sulle MNC, richiesta a tutti gli stati membri dell'Unione europea da specifiche risoluzioni del Parlamento europeo (n. 75/1997) e del Consiglio d'Europa (n. 1206/1999) –, sia la Suprema Corte di Cassazione sia la Corte Costituzionale hanno emanato sentenze inequivocabili sia sulle responsabilità professionali e sulla esclusività dell’esercizio delle medicine non convenzionali dei soli laureati in medicina.
By
Renata Ortolani  - Tratto da: cybermed.it


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Malattia e Libertà di Scelta Terapeutica
By Marcello Pamio – 25 settembre 2007

Oggi in Italia esiste la libertà di scelta terapeutica ?
Una persona è libera di intraprendere una strada terapeutica piuttosto che un’altra, e soprattutto un medico, in scienza e coscienza può - per aiutare il suo assistito - decidere la cura migliore, anche se non riconosciuta e se va contro gli interessi delle lobbies del farmaco ?
La risposta a tutte queste domande purtroppo è NO !

A cosa serve allora riempirsi la bocca di belle parole come: libertà, costituzione, diritti, se e quando una persona malata di tumore, per esempio, può solamente ‘scegliere’ tra chemioterapia, radioterapia e chirurgia?
Un medico del terzo millennio, nonostante il giuramento di Ippocrate (“primo non nuocere”: la chemio è non è un veleno mortale ?) e nonostante la Dichiarazione di Helsinki del 1964 (dell’Associazione medici mondiale), NON può scegliere una strada terapeutica, ma DEVE stare ai protocolli ufficiali.

Quando dico che un medico NON può scegliere intendo dire che se non si adegua, non si piega ai dettami della medicina ortodossa (al paradigma vigente) rischia prima di tutto la professione (radiazione dall’albo professionale) e poi anche la galera ! Sono numerosissimi i medici che hanno toccato con mano la pesante scure dell’inquisizione moderna, che è passata dalla croce con gli abiti neri, al caduceo con il camice bianco !
Personaggi come Geerd Ryke Hamer (radiato e incarcerato), Tullio Simoncini (radiato), Liborio Bonifacio, Aldo Alessiani, Rudolf Breuss, Luigi Di Bella, Gianfranco Valsé Pantellini, Romano Zago, Giuseppe Zora, e moltissimi altri, hanno avuto il coraggio o l’incoscienza di mettere davanti agli interessi economici, la salute delle persone. Cosa questa estremamente pericolosa per l’establishment medico-scientifico, che mette invece il dio-denaro dinnanzi ai pellegrini-malati. vedi: Ricercatori osteggiati

L’ultimo in termini di tempo è il dottor Paolo Rossaro di Padova, indagato addirittura per “omicidio colposo”, perché avrebbe utilizzato metodologie non convenzionali, oltre a quelle ufficiali, in cure oncologiche e nonostante il paziente purtroppo deceduto (uno su migliaia di casi) avesse firmato il consenso informato (quindi era pienamente consapevole) !
Sarebbe molto interessante se tale metro di giudizio, usato indiscriminatamente nei confronti del dottor Rossaro, venisse adoperato anche per tutte le centinaia di migliaia di morti ogni anno in Italia: tutti gli oncologi finirebbero in galera!
Oggi se una persona muore dopo (o a causa della) chemioterapia è tutto ok, ma se muore perché non ha voluto farla (in libertà di coscienza) non va bene e bisogna indagare il medico.
L’attuale paradigma nel caso del cancro, anche se si può estendere a tutta la medicina allopatica, impone come cura: la chemioterapia, la radioterapia e la chirurgia. Null’altro.

Si potrebbe pensare a questo punto che i risultati di queste terapie siano così straordinari, da imporli per legge !
Ma non è così: basta leggere i dati sulla mortalità per tumore - previa cura ufficiale ovviamente - per comprendere che queste terapie sono un fallimento su tutta la linea: centinaia di migliaia di persone ogni anno in Italia muoiono nonostante i protocolli scientifici e nonostante le belle e incoraggianti parole dei luminari della scienza (gli stessi che poi fatturano nello loro cliniche private migliaia di euro per una visita e una pseudo-cura).
D’altronde è risaputo che la guerra al cancro iniziata da Nixon negli anni ’70, e che ha prosciugato investimenti per centinaia di miliardi di dollari, è un fallimento globale su tutta la linea !

Eppure si continua perseverando su quella strada. Come mai ?
La risposta può essere di tipo culturale ed economico, anche se la seconda comprende e condiziona la prima.

1) l’uomo viene considerato dalla medicina ortodossa come una semplice macchina proteica composta da cellule, ormoni e organi e altro materiale biologico (anche di scarto, vedi DNA )
In questa semplicistica e molto riduttiva visione il cancro è una incontrollata proliferazione cellulare che porta alla morte prima l’organo o l’apparato e poi l’organismo umano ! La cura si basa sull’estirpazione mediante bisturi, sul bombardamento con radiazioni o con la chimica di sintesi, di quella massa anomala che si è formata ‘casualmente’ o per ‘difetti’ genetici.
Possiamo chiamare questa scienza ?
Una persona col tumore è sfortunata (casualità), oppure è difettosa dalla nascita (errori genetici) !

2) la medicina moderna è tutta nelle mani delle corporation chimico-farmaceutiche, dalla ricerca vera e propria, alla produzione di medicine: quindi dallo studio delle malattie alla cura fisica delle stesse.
Se una multinazionale – società per azioni non certo filantropa - spende milioni di dollari e anni di lavoro in un prodotto, questi soldi devono tornare indietro eccome, e con gli interessi: è una legge economica.
Sempre in un’ottica economica: non può esistere un rimedio definitivo, perché se esistesse, le persone finirebbero per curarsi, e non produrrebbero più utili ? Chiuderebbero in pratica tutte le società SpM, cioè le Società per la Malattia.
Come la mettiamo ?

Ecco perché vengono scoperte e/o rispolverate malattie, oppure inventate di sana pianta, il tutto per allargare il bacino di pazienti che inconsciamente e spesso ignorantemente (ignorare significa non conoscere) cadono nelle maglie economiche di queste corporations.
La pistola fumante che conferma questo, apparentemente cinico discorso, sono le malattie rare. Appunto perché toccano una percentuale bassissima della popolazione, nessuno investe denari !
Se la medicina fosse PER l’uomo e NON per il dio-denaro, non dovrebbe esserci alcuna differenza tra una malattia che colpisce 5 persone su 10mila (definizione ufficiale di malattia rara) e quella che invece colpisce il 30% della popolazione !

Avete mai sentito parlare di Antrasferrinemia congenita, Agammaglobulinemia, Disfagocitosi erpetiforme, Xantinuria ?
Queste 4 delle 581 “malattie rare” elencate nel sito dell’Istituto Sanitario italiano sono totalmente sconosciute, mentre tutti conosciamo bene il “cancro”, le “malattie cardiovascolari”, il “diabete”, ecc.
Se una malattia è mortale il discorso cambia eccome, perché più una malattia ha una percentuale bassa di guarigione più soldi pubblici e privati vengono investiti e quindi fagocitati dalle Lobbies, ma non con l’obiettivo della cura definitiva, altrimenti come ho spiegato prima, chiuderebbero i battenti. Infatti nonostante tutte le ricerche, si continua a morire di cancro, di problemi cardiovascolari, per fare due esempi, più di prima.

Tornando invece al primo punto di tipo culturale: vogliamo veramente credere che l’essere umano sia un piccolo ammasso sanguinolento formato da miliardi di cellule, e il tumore una massa informe che cresce e si sviluppa dentro per un motivo sconosciuto o casuale ?
L’essere umano certamente ha un corpo fisico (cellule, organi, ecc.) ma è anche dell’altro.
Si tratta infatti di un essere spirituale incarnato la cui anima (NdR per essere precisi si tratta dello Spirito)  funge da ponte di comunicazione tra il mondo materiale e quello immateriale. Si può affermare che l’essenza spirituale "indossa" un corpo fisico per fare esperienza, cioè conoscenza (quindi coscienza), e l’anima ne permette tale scambio !
Cosa fa funzionare il cuore con tutta la sua circolazione sanguigna, se non la scintilla divina ?
Possiamo pensare che siano le correnti elettriche cardiache a mettere in moto un meccanismo così perfetto e altrettanto delicato ? E se fosse così: cosa attiva queste correnti elettriche: il caso, una pila o dell’altro ?

Quale magico impulso dona la vita ad un ammasso di cellule ?
In questa visione molto più completa (e responsabile), il cancro assume un aspetto decisamente differente: da massa che cresce caoticamente e casualmente, diventa una parte di noi che si ‘ribella‘ all’ordinamento assumendo una forma e una sua vita autonoma.
Ha senso allora distruggere con la chimica o con le radiazioni una parte di noi, se tutto poi è collegato ?
Bombardando con radiazioni o con chemioterapici un fegato canceroso, uccido anche tutte le altre cellule che non c’entrano nulla, debilito fortemente l’organismo e distruggo quel fondamentale Terreno biologico del corpo umano, nel quale avvengono tutte le reazioni e trasformazioni cellulari di vitale importanza, predisponendo (il corpo) alle infezioni, e ad altre malattie.

Estirpando un tumore con la chirurgia, ad eccezione di alcune situazioni, viene certamente tolta la parte cosiddetta malata, ma vado all’origine del problema ?
La matrice che ha originato e/o innescato tale crescita cellulare viene eliminata con la rimozione delle cellule oncologiche ?
Assolutamente NO, e i dati ufficiali delle recidive e della mortalità parlano da soli.
La sopravvivenza a 5 anni dalla chemioterapia è intorno al 2%.
Significa che gli strumenti riconosciuti come validi e adoperati dalla medicina allopatica tutta, sono pericolosi per la salute stessa dei malati.
Ma se anche la chemio funzionasse (cosa che non è), non potrebbe mai e poi mai risolvere o portare alla cosiddetta guarigione, perché la guarigione non può avvenire dall’esterno, ma solo dall’interno.

Dall’esterno è possibile soltanto aiutare l’organismo a ripristinare alcune funzioni, a proteggere e rinforzare il corpo fisico, ma MAI guarire, perché la guarigione contempla l’equilibrio della triarticolazione dell’essere umano: corpo, anima e spirito.
La medicina ufficiale, come anche parte di quella alternativa, invece contempla SOLO l’aspetto fisico (sintomatologico, allopatico), tralasciando le altre due importantissime parti: l’aspetto emozionale e quello spirituale !
Basandosi solo sulla materia, (a cosa le lobbie mirano se non alla cosa più materiale che esista: il denaro ?) e abbandonando gli aspetti sottili dell’essere, la medicina smembra e separa l’Uomo.
Come può allora curare una medicina materialista che crea solo separazione ?

Da quando il filosofo matematico francese René Descartes (XVII° secolo) meglio conosciuto come Cartesio, ha spinto l’uomo occidentale a identificarsi con la propria mente invece che con l’intero organismo (Cogito Ergo Sum) possiamo dire che ha dato origine alla “separazione”, alla “divisione” dell’uomo che nel corso dei secoli ha portato alle specializzazioni mediche.
Prima il Medico era UNO e sapeva tutto o quasi (rispetto ai tempi ovviamente), poi è diventato specialista (cardiologo, urologo, ginecologo, pneumologo, ecc.) perdendo la visione totale. Tale frammentazione cartesiana assieme alla concezione meccanicistica ha portato a quello che oggi possiamo assistere ogni giorno in ogni ambulatorio: il cardiologo che non sa nulla della prostata e l’urologo che non sa nulla del cuore; il dermatologo che conosce solo la pelle e il ginecologo solo gli organi sessuali.

Possiamo chiamarla scienza ?
Se allora in un contesto più ampio e globale, si tiene in seria considerazione oltre alla parte fisica (certamente importante) soprattutto la parte emozionale (corpo animico) e quella spirituale (l’essenza divina) potremo seriamente “rischiare” di guarire, mettendo in crisi le lobbies del farmaco.
Il tumore (ad eccezione dei bambini, che tocca aspetti molto più esoterici ed occulti) è una parte di noi che ci sta segnalando - anche a rischio della propria vita - attraverso il corpo fisico, un qualcosa che abbiamo perduto (equilibrio) o che ci siamo dimenticati, o che non vogliamo vedere e affrontare.
Ma non ci sono alterative: quando fa la sua comparsa una massa cellulare dobbiamo CAMBIARE qualcosa (l’aspetto emozionale, lo stile di vita, i rapporti famigliari e interpersonali, l’alimentazione, ecc.). La guarigione è sempre e solo cambiamento, mentre la stasi è la morte !

La malattia in generale ci da l’opportunità di cambiare qualcosa di noi, dentro di noi ed esternamente nei rapporti con l’altro (il fuori). Sta a noi comprenderlo oppure no.
Certamente è più facile seguire i dettami dell’‘esperto’ di turno, cioè il medico, ma purtroppo o per fortuna, non è il medico che sta vivendo la malattia, non è il medico che rischia di morire, come non è il medico che DEVE capire qualcosa e cambiare.
La funzione principale del medico dovrebbe essere quella di accompagnare l’assistito aiutandolo nella maniera più congeniale e consona al suo essere: dare una dieta sana, aiutare a rinforzare il sistema immunitario, ovviamente assistere in caso di pericolo, e se all’occorrenza prescrivere una cura di emergenza, ecc.

Oggi tutto questo rappresenta un’utopia: il medico è quello che prescrive farmaci (spesso pure sbagliando) da mattina a sera, parla con gli informatori medici (i collegamenti con le Lobbies) più che con le persone che ne avrebbero veramente bisogno, ascoltando i loro problemi come un vero e proprio confessore, e manda infine dallo specialista per quello o per quell’altro problema, perché non rientra nel suo campo di azione.
In una simile situazione di separazione e di totale assenza di Amore, pretendiamo veramente di guarire?
Certamente no, e infatti la malattia (questo disagio dell’anima) è sempre più presente nella nostra società moderna.

Cosa fare allora ? Ovviamente non può esistere un decalogo che vada bene per tutti, questo perché ognuno di noi è una individualità (essenza spirituale) unica e irripetibile, eppure ci sono delle cose che certamente possono aiutare, sia nella prevenzione che nel miglioramento dello stato generale dell’organismo.

Partendo dal fisico, è di fondamentale importanza l’alimentazione.
Essendo fatti da ciò che mangiamo, il cibo assume un ruolo di vitale importanza: alimenti sani, vivi (cioè con tutta l’energia della pianta), biologici o meglio ancora biodinamici, privi di additivi e sostanze chimiche di sintesi.
L’acqua è la fonte primaria di vita, assieme alla luce e al calore, che permette tutte le reazioni organiche, per cui è necessario bere molta acqua pura (non di bottiglia) ogni giorno e lontano dai pasti.
Secondo le ricerche dell’ingegner francese Louis-Claude Vincent un’acqua ottima dev’essere leggermente acida (più o meno pH 6) e con pochissimi sali minerali sciolti.
Se qualcuno pensa che i sali minerali dell’acqua siano utili sta sbagliando di grosso, perché l’organismo non è in grado di assimilare se non l’1% dei minerali, il resto si deposita nelle articolazioni, nel fegato, reni, ecc.
Gli unici sali minerali organici (cioè biocompatibili) assimilabili dall’uomo, sono quelli che sono stati prima vegetalizzati, cioè sono passati attraverso le radici di una pianta (frutta, verdura, ecc).
Un’acqua pura bevuta spesso nell’arco della giornata permette lo scambio e le reazioni cellulari, agevolando l’emissione delle tossine che si depositano.

Il corpo animico invece, altrettanto importante di quello fisico, riguarda l’aspetto emozionale.
Una emozione negativa mal vissuta o vissuta fortemente e nell’isolamento è causa di notevoli e gravissime (alle volte mortali) problematiche.
Ecco perché è di notevole importanza come noi esprimiamo e viviamo le esperienze che ci vengono incontro (dalle più banali agli shock più intensi).
Le conoscenze iniziatiche del passato possono essere d’aiuto: liberare le emozioni, pensare fino in fondo e mantenere in equilibrio pensare, sentire e volere (i tre aspetti dell’anima), e soprattutto da non sottovalutare, la potenza della "benedizione".
La liberazione emozionale può avvenire attraverso l’arte, sotto ogni forma (arte, pittura, musica, recitazione, ecc.), il cambiare il modo di pensare è invece un passaggio lento e comporta esercizi costanti che poi divengono automatici, come pure l’equilibrio della triarticolazione animica.

Per la benedizione si possono citare le ricerche scientifiche moderne che hanno dimostrato come il DNA e le cellule umane sono in diretta comunicazione con le emozioni che proviamo: per ogni emozione (non fisica), il corpo (fisico) crea una risposta chimica corrispondente: se l’emozione è negativa la risposta chimica sarà negativa e viceversa.
La benedizione (benedire à bene-dire, dire-bene) è una qualità di pensiero/emozione/sentimento che permette di ridefinire (dare il giusto valore) quello che proviamo rispetto a qualcosa che ci sta facendo soffrire o che ci ha fatto soffrire.
La vera benedizione apre un canale attraverso il quale le influenze del Cielo possono scendere sulla terra, cioè l’invisibile si fa visibile! Si tratta di conoscenze gnostiche, di magia bianca, e l’efficacia in questo caso è tanto più forte quanto l’essere umano che la compie è disinteressato e puro, padrone di sé stesso.
Per rilasciare le nostre emozioni, per farle perdere di forza, dobbiamo riconoscere (bene-dire) tutti gli aspetti della sofferenza (chi la genera e chi la subisce, per esempio noi stessi in caso di malattia). Il suo ruolo centrale è di liberare le esperienze dolorose, qualsiasi esse siano, e soprattutto di assumere il potere (responsabilità) di lasciare andare le ferite più profonde e i sentimenti non risolti.

Io benedico  .....(nome della persona, della causa della sofferenza, di noi stessi, ecc.)

Troppo semplice? Forse, ma come dice Gregg Braden nel suo libro “La scienza perduta della preghiera”: «uno strumento può essere facile o difficile a seconda di come noi lo concepiamo», e come lo realizziamo.
Quando nella nostra esperienza di vita riusciamo ad andare oltre il concetto di giusto o sbagliato, di bene e male, ritroveremo il nostro massimo potere di elevarci al di sopra di ciò che ci ha feriti !

«Se porterete alla luce quello che è dentro di voi, quello che porterete alla luce vi salverà. Se non porterete alla luce quello che è dentro di voi, quello che non porterete alla luce vi distruggerà». Vangelo di Tommaso
Il corpo spirituale, l’essenza divina, è ovviamente inattaccabile dall’esterno, ma certamente può essere accarezzato, coccolato da pensieri, comportamenti e azioni di tipo spirituale.
Sta quindi a noi, nel caso di una malattia, rifiutarla facendo finta di non vederla, curarla con le metodologia della medicina allopatica (eliminando il sintomo) o prendere in mano la nostra vita effettuando un CAMBIAMENTO interiore.
Tratto da: disinformazione.it

Quale consulente di questo portale web, ho inviato questa mail alla Fnomceo.it, alla Corte Costituzionale Italiana ed altri enti a "tutela" della salute....si ma di quella dei fatturati di Big Pharma....

VACCINI TOSSICI
...intossicati per legge....il giorno della nascita vitamina K1, a 3 mesi 6 mesi, fino ai 12 anni...con i vaccini

Chi vaccina compie un atto CRIMINALE perché i tutti i Vaccini contengono tanti metalli tossici, ferro, nichel, cobalto, ed altri metalli sottoforma anche di nanoparticelle, ma ancora mercurio (thiomersal), tossina invalidante pur in dosi minori a prima, ma nei vaccini odierni vi e' soprattutto l' alluminio, che e' presente anche nella Vitamina K1 propinata alla nascita, che generano danni cerebrali come autismo ecc., oltre ad altre sostanze cancerogene come la formaldeide, proteine, es. caseina, (

La caseina rappresenta la principale causa di allergia alimentare. Questa forma di allergia è più frequente nei primi anni di vita, che e' periodo delle vaccinazioni infantili (pediatriche) e tende poi a ridursi con l'età anche se può talvolta portare anche a gravi forme di shock anafilattico ed è una forma di allergia difficile da controllare, poiché il latte o la caseina stessa, è presente in moltissimi alimenti e soprattutto nei Vaccini che vengono inoculati nella microcircolazione sanguigna attraverso i muscoli, bypassando le normali ma principali difese immunitarie: pelle e mucose.
Anche lo zucchero, il lattosio anch'esso puo' provocare disturbi anche seri, come la intolleranza al lattosio, una intolleranza alimentare che si trascina nell'età adulta.
Tutte queste sostanze tossiche vaccinali generano allergie, asma, malattie respiratorie e gastrointestinali, ecc...ed anche la morte nella culla (SIDS), non solo... ma anche le sostanze vaccinali ingegnerizzate in laboratorio (virus = sostanze geneticamente modificate = GM) per scopi occulti alla popolazione ed ai medici impreparati....clonazione di DNA umano....per generare degli automi...facilmente controllabili psichicamente....
Inoltre....
.... i vaccini sono propinati anche ai bambini per immunodeprimerli in modo da creare mantenere ed ampliare il mercato dei malati..
.. In piu' i vaccini sono irradiati dal Cobalto 60 e la radioattivita' ottenuta con l'irradiazione, viene immessa nei corpicini dei bambini...e può danneggiarli anche quando sono grandi od adulti...
... Insomma vaccinare un bambino e' un atto CRIMINALE gestito da uno "stato", sanita' collusa con le case farmaceutiche e con medici in malafede !
Di tutto cio' che affermiamo, abbiamo in mano tutte le prove, ricerche, studi pubblicati, scaricati anche dai data base medico-scientifici mondiali US !
Il contenuto di questo testo, e' la sintesi della QUERELA che stiamo presentando in tribunale (2017) contro i dirigenti della in-sanità italiana !

http://www.aifa.gov.it/content/italia-capofila-le-strategie-vaccinali-livello-mondiale#.WSMpRpWUAQc.facebook

La ministra della in-sanita' B. Lorenzin a cena/pranzo con federazione case farmaceutiche....

Denunciata la ministra B. Lorenzin (soggetto con diploma delle scuole superiori,...ma ben collegata con OMS finanziata da Big Pharma....)

I nuovi Vaccini sono propinati per ottenere la clonazione del DNA umano in modo da poter controllare sempre meglio psichicamente la popolazione....perche' diverranno automi....

HOME