Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


MALATTIA (definizione della Parola) - Benessere = SALUTE (definizione)
Leggete QUI come gli "Enti" internazionali e nazionali, a "tutela della Salute": (OMS + CDC + FDA, EMA,
 Aifa, Ministero della salute, ISS, Ordine dei Medici, ecc.)
tutelano veramente la salute, si, ma quella dei fatturati dell'Industria Farmaceutica,
 infatti e per di piu', NON informano la popolazione mondiale e nazionale,
sui gravi danni dei farmaci e soprattutto di quelli dei Vaccini
....anzi fanno di tutto per coprirli.....

"Aiutare a guarire il malato non significa fargli applicare delle tecniche terapeutiche, in quanto cio' non avrebbe senso se dietro non ci fosse la pazienza e l'affetto e quindi l'Amore verso il prossimo e verso l'Universo intero, anche di chi suggerisce le tecniche valide per la guarigione. La mera tecnica priva di questi attributi, ci trasforma in mere macchine, che per fortuna non siamo ancora".
By dott. Nader Butto (medico)
“Ogni Organismo, risponde in maniera differenziata, agendo secondo precise leggi biologiche e biochimiche adeguandosi ogni istante, alle varie esigenze di stimolazione esterna dell'atmosfera nella quale vive; infatti tutte le variazioni iono atmosferiche, anche minime, modificano ad ogni istante le cariche bioelettroniche dei liquidi (il Terreno o Matrice) del corpo dei vari organismi viventi

"La malattia quindi non è né una crudeltà in sé, né una punizione, ma solo ed esclusivamente un correttivo, uno strumento di cui la nostra ani+ma si serve per indicarci i nostri errori, per trattenerci da sbagli più gravi, per impedirci di suscitare maggiori ombre e per ricondurci sulla via della verità e della luce, dalla quale non avremmo mai dovuto scostarci."
(Edward Bach, medico, 1886-1936)  

Tutto e' Energia Radiante, Vibrante e Risonante
"La Malattia è una Specie di disarmonia, che insorge quando una parte del Tutto non vibra più all'unisono con le altre parti".
(Edward Bach, medico, 1886-1936)
 

"L’arte di restare sani consiste nel conservare lo stato di corretta vibrazione cellulare.
Guarire e' ristabilire lo stato di equilibrio oscillatorio
". (Georges Lakhovsky)

La malattia non nasce “per caso” o per sfortuna, ma essa nasce per il “Caos” autogenerato, inconsciamente o consciamente dall’Essere stesso che si pone in modo “anti-contro-opposto” rispetto alle Leggi che regolano gli Esseri Viventi, generando in se stesso un sistema biologico caotico, incoerente; quindi la malattia e’ la cristallizzazione, ovvero il corpo fisico caotico nel sistema Psicoecobiologico alterato rispetto alla Perfetta Salute. (By Jean Paul Vanoli)
 

Definizione della parola Malattia  - vedi anche: Psiche e Spirito

II termine Malattia deriva da quello di "malato", che a sua volta proviene, per crasi ed allitterazione, dal latino "male aptus" traducibile in “malconcio – malmesso”, e da: Male-actio = mala azione = malattia indotta per azione errata, dovuta all'ignoranza della mente del soggetto (Ego/IO).
S poi noi analizziamo la parola male-actio (mala azione) dal punto di vista semantico nelle sue radici dell'antico Ebraico-Fenicio troviamo che la parola male (vera') significa: cio' che non  e' ancora bene, cioe' che il male e' un bene potenziale, quindi educativo !
Passando poi dal significato etimologico a quello "reale" del termine, vate a dire alla sua definizione, si incontrano non poche difficoltà, poiché si tratta di una di quelle definizioni apparentemente semplici ed agevoli, ma in realtà assai difficili a darsi, specie nella medicina ufficiale.
Comunque, allo stato attuale delle nostre conoscenze biologiche e mediche, una definizione scientifica abbastanza completa ed esatta “potrebbe” essere questa:
"Malattia è qualsiasi
stato o modo di essere anormale (Etica - Comportamenti, quindi e' SEMPRE, come Causa primordiale, di ordine Spirituale - emozionale (conscia od inconscia, che fanno compiere azioni Contro-Vita) - vedi: Conflitti Spirituali - dell' organismo Psico-Fisico umano, come derivazione Psichico-Spirituale nel corpo fisico inteso come "bersaglio", dei processi Psichici e quindi biochimici vitali, gestiti dallo Spirito/Ego/IO, del soggetto, attraverso i nostri, liquidi, atomi, molecole, matrice extracellulare, geni, DNA, cromosomi, microcircolazione, cellule, tessuti, organi, sistemi (biologia) - quindi dal nostro  Terreno  +  Vari terreni +  Matrice 1  +  Matrice 2, dalla linea normale delle loro funzioni generando intossicazioni, infiammazioni, + ACIDOSI + Stress ossidativo - 1 + Stress ossidativo - 2: deviazione che è con-causa di una condizione di sofferenza (Spirituale) e danni (fisici) più o meno clinicamente evidenti a carico dell'organismo in toto o piu' evidenti in una singola sua parte".
 

Definizione delle parole:
AMMALAMENTO (L'atto dell'ammalarsi, e' quindi l'UNICA malattia esistente al mondo, per gli esseri viventi):
Questa parola che, come vediamo, indica l'azione dell'ammalarsi e che e' composta dalla parola male + mento..., indirettamente indica che l'ammalarsi e' legato al mento e quindi all'
"alimento", in quanto tutte e due queste parole derivano dal latino......quindi per stare sempre bene occorre mangiare e bere nel modo adatto, altrimenti i liquidi del corpo vanno facilmente in ACIDOSI ed i vari sistemi ed organi vanno in tilt e nascono i primi sintomi che i medici della medicina ufficiale chiamano impropriamente malattie e che in realta' sono solo sintomi dell'UNICA malattia = l'ammalamento ! - vedi: Come nasce la malattia

ALIMENTAZIONE
(azione dell'alimento) = ALIMENTO - Cio' che entra nella Bocca  e va nello stomaco.
L’ali-mento è dal punto di vista popolare (linguaggio volgare, il parlare del popolo, la saggezza del “profano”), ma anche etimologicamente.…ciò che si porta al....mento; questa parola deriva dal latino ali-mentum (la radice indoeuropea "al" significa alzare, elevare) + mentum che significa mento = nutri-mentum, e le due parole latine sono composte da due suffissi identici, che indicano la sporgenza del mento del viso umano, ele…mento ritenuto “sacro” dagli antichi come segno di distinzione fra il regno animale e quello omminale. La parola alimento ha anche insito in se stessa il concetto greco di "alimos", la pianta che calma la fame.
 

Definizione della parola Benessere = Salute

Il Benessere (da ben essere = "stare bene" o "esistere bene") è uno stato che coinvolge tutti gli aspetti quotidiani dell'essere umano.

Nel 1986 la definizione di Salute dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), passa da “Uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non meramente l’assenza di malattia o infermità”, al “Grado in cui un individuo o un gruppo è capace, da un lato, di realizzare aspirazioni e soddisfare bisogni; e, dall’altro modificare l’ambiente, valorizzando le risorse sociali e personali, cosi come le capacità fisiche.”
Il concetto di "Salute" si e' arricchito di un significato che oltre ad essere quello di una l'assenza di "malattia" o malessere, oggi equivale ad uno "stato di completo benessere, fisico, mentale, psichico, sociale per ottenere la propria ed altrui serenita' ", come obiettivo e risorsa da mantenere o raggiungere ogni giorno.
Citando ancora l’OMS, “Le competenze individuali (Life Skills), sono abilità che consentono di trattare efficacemente le richieste e le sfide della vita quotidiana, sono dunque abilità di vita fondamentali in ogni processo di adattamento umano.”
Assecondare bisogni, stabilire obiettivi ed incrementare le competenze necessarie per raggiungerli, rappresentano modalità efficaci per il Benessere personale e collettivo, ricordando che il benessere collettivo lo si raggiunge e lo si mantiene SOLAMENTE quando i  singoli individuo che la compongono stanno e vivono in uno stato di benessere e Salute totale.
Lo stato che dovrebbe tutelare la salute come recita la Costituzione Italiano, fino ad oggi ha fatto di tutto per IMPEDIRE questo stato di serenita' essendo colluso con l'industria, chimica, farmaceutica, alimentare, ecc., favorendo e NON impedendo l'inquinamento di terra, aria, ed acqua da parte delle industrie inquinanti, specie di quelle che "contano".....!


Promemoria IMPORTANTE
:
La malattia e' l'UNICO metodo che la Natura, nostra madre ha inventato per indicare al soggetto che si ammala, che deve ricercare le cause Spirituali (informazioni) del suo male, cioe' gli errori di Comportamenti (Etica errata) che lo hanno portato all'ammalamento e per far si che egli, li elimini dai suoi comportamenti quotidiani.
Seguendo i vari sintomi che la Natura invia al soggetto, egli si trovera' nella condizione, studiando ed applicando su di se le Leggi della Medicina Naturale di recuperare da solo la sua salute, salvo nel caso di traumi, incidenti, avvelenamenti gravi.

Il meccanismo globale a grandi linee, e' questo:
La malattia e la sofferenza come abbiamo già più volte affermato, e' la conseguenza dei Conflitti Spirituali che "scendono" dal "cielo dello Spirito" nella "terra fisiologica" e quando trovano il "Terreno", la Matrice adatta - vedi  Bio elettronica -  prolificano generando il corpo del conflitto, la malattia, ovvero l’azione del male, cioè dell’ignoranza.
Il ciclo di interdipendenza che, attivato dal Pensiero/Psiche (conscio od inconscio), genera a tutti i livelli lo stress e quindi la malattia=l'ammalamento, lo ricordiamo ancora una volta, è anche questo:
la Psiche sottoposta a stress di Incoerenza rispetto alle Leggi dei Giusti rapporti con la Manifestazione della Natura, attiva l’Ipofisi (ghiandola endocrina posizionata al centro del Cranio), la quale invia opportuni messaggi bio elettrochimici alle Surrenali, le quali a loro volta attivano i Reni ad espellere più del normale, le sostanze Vitali (vitalie) nell’urina e quindi se quest’ultima viene
gettata via, l’organismo si indebolisce man mano che il processo Nutrizionale cellulare si và via via depauperando, permettendo quindi la nascita di QUALSIASI tipo di malattia su di un terreno in ACIDOSI.
Questo per confermare che la malattia nasce nella parte fisiologica del corpo nei liquidi in
ACIDOSI, ove sono immersi i tessuti e le cellule e da queste ultime si "propaga" nelle varia parti del corpo (organi e sistemi) ove l'Errore etico, cioe' l'IGNORANZA, deve arrivare e manifestarsi nella zona tissutale, organo  sistema ..."bersaglio"....e parallelamente all'acidosi, instauraurano processi di alterazioni nella microcircolazione, per le sostanze tossico_nocive che derivano dall'alimentazione, respirazione, bevande non adatte, farmaci utilizzati, vaccini ecc.
vedi:
I postulati di Koch


IMPORTANTE da RICORDARE:
Vi e' un preciso legame (meccanismo) tra "peccato" (trasgressione alle Leggi della Natura) ed ammalamento, chiamata malattia (in realta' trattasi di sintomo), perché stupirsi ? la risposta la trovate QUI

Questa la sintesi della Medicina Naturale:
Tutte le "malattie" e specialmente quelle degenerative hanno come causa principale i Conflitti Spirituali irrisolti e come concausa fisiologica le intossicazioni (ad esempio e particolarmente quelle dei Vaccini, droghe, farmaci, alimenti contaminati, ecc.) che generano alterazioni nel microcircolo, nel metabolismo cellulare e quindi infiammazioni nei tessuti degli organi bersaglio del Conflitto Spirituale irrisolto.


Molte volte ci chiediamo:
Perché ci ammaliamo ? Perché ingrassiamo o invecchiamo precocemente, come se il corpo sfuggisse alla Perfetta Salute ?
Gli organi sono il corpo degli "dei" (le iDee) e gli dei sono diventati malattia, scrisse una volta C. G. Jung.
La malattia è l’unico mezzo con il quale il corpo tenta di ristabilire l’ordine dal disordine (incoerenza=ignoranza) della malattia, l’ordine universale perduto.
La ragione per la quale ci ammaliamo e soffriamo più del dovuto ed il motivo per il quale facciamo esperienze di frustrazione, di impotenza, di privazione, è certamente da ricercare nella nostra FALSA cultura.
Noi non abbiamo bisogno di una terapia dell’individuo, ma di una terapia della VERA Cultura (Conoscenza), scrisse un giorno Erich Neumann, autore de “La Grande Madre”.
E certamente Hillman gli fa eco, parlando della necessità di una terapia delle idee, giacché la cultura e le idee influenzano la nostra capacità di generare eventi conflittuali in modo diretto ed inconscio; infatti  le iDee (gli Dei), scendendo dal cielo (mente) dello Spirito fin negli organi-sistemi bersaglio dell'archetipo conflittuale, generano il corpo di dolore necessario alla nostra evoluzione Spirituale.
Partendo da ciò, ciascun VIAGGIATORE- PELLEGRINO, sarà in grado di vedere come deprogrammarsi dai condizionamenti familiari e culturali, riottenendo l’informazione adatta per se stesso. Questo cambierà il suo rapporto con il suo corpo e con la sua vita.
Il nostro portale vuole essere un aiuto in tal senso, fornire le giuste informazioni per recuperare la propria ed altrui salute, senza farmaci ne’ vaccini.

L'IGNORANZA, nei fatti, che e' l'incoerenza,  e' la VERA malattia dell'uomo ed è l'habitat preferito del Pregiudizio.
Scienziati, teologi e letterati coltissimi sono molto spesso stati portatori e diffusori di gravi pregiudizi. Il pre-giudizio è un metodo di interpretazione della realtà, è più figlio della pigrizia che dell'ignoranza.
Senza pregiudizio si è costretti a trovare il tempo per cercare di capire, interpretare e giudicare le situazioni solo a posteriori, mentre col pregiudizio è tutto più facile e non si fa fatica a studiare il problema: si cerca a spanne la casella più adatta, ci si piazza un'etichetta sopra e la visione del mondo è servita..
.
.....e l'IGNORANZA (la "danza del fuoco" che brucia la "materia") e' la mancanza di In-Form-Azione (cio' che si sta formando)
Quindi la "malattia" dello Psicosoma, ovvero il sintomo/i sono la non perfetta e regolare "comunicazione" dell'informazione del e sul Progetto Vita, fra l'EGO/IO (Buco ed Ente) e le cellule, tessuti, organi, sistemi,
e quindi Psichici, cioe' Spirituali, del corpo, fra questo e l'Ambiente e UniVerso e quindi l'Infinito; quindi noi siamo un buco/ente di osservazione dell'Infinito nel finito, il creato, la manifestazione dell'Universo, ed il DNA e', oltre all'Ego/IO, uno degli strumenti fisiologici piu' importanti di questo continuo colloquio.
vedi anche: Chi siamo noi ? + il senso della Vita + Cosmogonia + Dna Antenna
+ Chi e' cosa e' dov'e' Dio ? + Uomo psico-elettronico

L'UniVerso e' un desiderio Spirituale che diviene un sogno (Progetto di Vita), creando un suono coerente informato, omnipresente nell'Infinita' che fa emanare dal Vuotoquantomeccanico l'in-form-azione/energia (cio' che si sta formando/con il movimento, la vibrazione), prodotta dal sogno stesso, che per mezzo della Cimatica muove, fa vibrare l'energia informata, emettendo suoni armoniosi e coerenti di informazione, e creando, come un'orchestra, ed in contemporanea, i vari livelli della Mater-Ia cosi informata - La salute e/o la malattia sono solamente la coerenza o l'incoerenza di questo immutabile processo.
 
 

vedi: QUI come lavora la Natura in agricolture sui vari Terreni agricoli, cosa e come nascono le piantine; la similitudine spiega molto bene come nascono le "malattie" cosiddette dai medici della medicina ufficiale, in realta' solo sintomi dell'unica malattia = l'Ammalamento, nei vari Terreni fisiologici, la matrice del corpo umano !

vedi:Come Nasce la Malattia ? +  Medicina e Teoria + Malattia come stile di Vita + Le 3 zone della medicina ufficiale
seguito su: Fisica dell'Intenzione, un nuovo modo di fare Medicina

Visionate questo video, parla un'informatore farmaceutico, sul Business dei Farmaci e Vaccini
http://ildocumento.it/farmaci/il-business-farmaceutico-current.html
 

Intervista al dott. Giuseppe Genovese (medico)
 
 

vedi anche: Malattie + Malattie inventate + Malattie croniche + Riforma sanitaria + Malattie del Passato + Malattie rare + Mani sui Bambini + Malattie Autoimmuni

RICORDIAMO che uno dei Princìpi piu' importanti, della Medicina Naturale e' questo:
"Cio' che NON si Esprime si Imprime" sull'organismo, per mezzo degli errori Spirituali = Conflitti irrisolti (trasgressioni consce od inconsce alle Leggi del Vivente) - e per caduta, quelli della nutrizione e malfunzione cellulare dello Stress Ossidativo cellulare (sui tessuti degli organi bersaglio dell'archetipo conflittuale), e di quello derivante anche dagli errori alimentari, - vedi Crudismo - e/o con l'utilizzo di farmaci (di sintesi) ma e soprattutto dei Vaccini, i quali null'altro sono sostanze/frequenze/vibrazioni tossico-nocive che determinano malfunzioni del fluire o meno e soprattutto dell'informazione all'interno del sistema del corpo Vivente (Psicosoma).

Ecco qui descritto in sintesi, l' "ABC" della Bioelettronica (elettronica del Vivente); essa determina, qualifica e quantifica, identificando con apposite apparecchiature bioelettroniche, i parametri elettronici dei liquidi extra cellulari e/o intracellulari - questi parametri elettronici del Vivente sono le Basi fisiologiche, dalle quali per "caduta", si eseguono e comandano sempre azioni e reazioni, biochimiche e non solo, all'interno di essi e quindi anche sulla membrana cellulare, nelle cellule stesse...che possono, se intossicate, ad esempio, addivenire in uno stato di stress ossidativo, cioe' all'alterazione-malfunzione del metabolismo cellulare e quindi quello nei tessuti (la Matrice) ove esse risiedono, tessuti che si infiammano, generando malfunzione negli organi corrispondenti a quei tessuti, determinando nei fatti la malattia, mentre e si mantengono con stili di vita adeguati (etica, coerenza ecc, lungo la via-legge dell'Amore, la comunione, la compassione, l'aiuto, quindi una vita con stress ridotto al minimo, alimentazione crudista appropriata, le giuste funzioni della perfetta Salute si manifestano a qualsiasi livello, perche' mantengono e/o riportano al giusto pH = leggermente alcalino, modo nel quale gli umani funzionano e debbono vivere per rimanere SANI.
Mentre l'Odio, il rancore-risentimento, la violenza, sono matrici di pH ACIDO, quindi generano l'acidosi metabolica, fautrice di qualsiasi malattia, fino al cancro.


Ecco come descrive (molto bene) questi principii il Prof. Biava, in una sintesi di un suo studio:
Il Senso e l’origine della vita: il vivente come psicosoma informato, la malattia come patologia dell’informazione

La Psico-Neuro-Endocrino-Immunologia (PNEI) ha avuto una notevole importanza nel chiarire e far comprendere molteplici meccanismi di adattamento e di comportamento dell'organismo umano nei confronti dell'ambiente.
Pur tuttavia, alla luce delle nuove scoperte in campo bio-medico, l'impostazione basata sul modello PNEI non è più sufficiente ad interpretare la complessità dell'organismo umano e va quindi va superata ed integrata nel più vasto modello che interpreta l'essere umano come un sistema adattativo coerente mente-corpo.
In particolare alcune scoperte sono state fondamentali nel mettere in crisi l'ottica riduttiva rappresentata dalla PNEI  e nel far emergere  la nuova visione olistica dell'essere umano. Tali scoperte derivano, da un lato, dall'epigenetica e, dall'altro, dalle più recenti dimostrazioni che, utilizzando le metodiche validate dalla scienza ufficiale, hanno evidenziano come onde elettromagnetiche di bassa frequenza (50 Hz) e di bassa intensità (0,6 millitesla) siano in grado, ad esempio, di differenziare cellule staminali in cardiomiociti.
A tali osservazioni si sono aggiunte anche quelle che hanno permesso di registrare i suoni puri emessi dalle cellule viventi ed i rumori incoerenti emessi dalle cellule in via di degenerazione od indirizzate all'apoptosi.
Tutte queste scoperte hanno portato ad interpretare l'organismo umano come un sistema informato, che funziona come un unico network cognitivo in cui non c'è distinzione fra mente e corpo, ma in cui la mente è profondamente incarnata ed il corpo influenza in modo determinante gli stati mentali.  Tali informazioni sono trasportate nel breve raggio, da un lato, da molecole significanti,  i cui significati sono decodificati ed interpretati dai codici genetico ed epigenetico, veri codici di significazione, e, nel lungo raggio, da onde elettromagnetiche e sonore, che indirizzano ai giusti target  le informazioni trasportate da molecole.
In tale modello rientra anche il ruolo svolto dall'inconscio, ovvero dal complesso di processi, contenuti ed impulsi che non affiorano a livello cosciente e che soprattutto con la psicanalisi e le altre discipline derivate ha assunto un importanza rilevante: nel modello descritto l'inconscio trova la sua base oggettiva soprattutto, ma non solo, negli istinti, impulsi sensazioni, che originano dal corpo e che, a seconda delle culture, influenzano la mente a volte in modo talmente disturbante da venire rimossi.
Il modello olistico mente-corpo porta ad interpretare le malattie come patologie dell'informazione. Tale modello quindi permette di riclassificare tutte le malattie in base al tipo di patologia dell'informazione che la sottende. La relazione riporta la nuova classificazione delle malattie così concepite ed illustra i nuovi approcci derivanti dall'impiego di "terapie informazionali".

By Prof. Pier Mario Biava - Istituto Scientifico di Ricovero e Cura Multimedica di Milano - Email: biava@tiscali.it
Laureato in Medicina e Chirurgia, specializzato in Medicina del Lavoro e in Igiene e Medicina Pubblica, ha insegnato come Professore a contratto alla Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro dell'Università di Trieste. Ha studiato cancerogenesi ambientale fin dal 1973 e si interessa tuttora dei rapporti fra differenziazione cellulare e cancro.
Ha isolato i fattori delle cellule staminali in grado di inibire o rallentare la crescita di vari tumori umani. Primario di Medicina del Lavoro, attualmente svolge la propria attività presso l’Istituto Scientifico di Ricovero e Cura Multimedica di Milano. Presidente della "Fondazione per la Ricerca delle Terapie Biologiche del Cancro, Vice-Presidente dell’Associazione Scientifica “International Academy of Tumor Marker Oncology” è membro di comitati scientifici di alcune riviste internazionali.
E' autore di numerose pubblicazioni scientifiche e di alcuni libri: “L’Aggressione Nascosta- Limiti Sanitari di Esposizione ai Rischi” edito da Feltrinelli, “Complessità e Biologia” edito da Bruno Mondadori e “Il Cancro e La Ricerca del Senso Perduto” edito da Springer - Verlag. E’ Vice Presidente Nazionale del WWF Italia.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Malattia e guarigione sono legate al proprio modo di pensare - 20 Ago. 2013
Enzo Soresi (medico), tisiologo, anatomopatologo, oncologo, già primario di pneumologia al Niguarda di Milano.
Nel libro "Il cervello anarchico" racconta casi di persone uccise dallo stress o salvate dallo choc carismatico della fede,  (NdR: in se stessi o per la propria religione).
Dopo una vita passata a dissezionare cadaveri, a curare tumori polmonari, a combattere tubercolosi, bronchiti croniche, asma, danni da fumo, il professor Enzo Soresi, 70 anni, tisiologo, anatomopatologo e oncologo, primario emerito di pneumologia al Niguarda di Milano, ha finalmente individuato con certezza l’epicentro di tutte le malattie: il cervello (NdR: in realta' la mente).
Negli ultimi dieci anni, cioè da quando ha lasciato l’ospedale per dedicarsi alla libera professione e tuffarsi con l’entusiasmo del neofita negli studi di neurobiologia, ha maturato la convinzione che sia proprio qui, nell’encefalo, l’interruttore in grado di accendere e spegnere le patologie non solo psichiche ma anche fisiche.
C’era già arrivato per intuizione il filosofo ateniese Antifonte, avversario di Socrate, nel V secolo avanti Cristo: «In tutti gli uomini è la mente che dirige il corpo verso la salute o verso la malattia, come verso tutto il resto».
Soresi c’è arrivato dopo aver visto gente ammalarsi o guarire con la sola forza del pensiero. Primo caso: «Ho in cura una signora di Milano il cui marito, integerrimo commercialista, la sera andava a bucare le gomme delle auto. Per il dispiacere s’è ammalata di tubercolosi. Io lo chiamo danno biologico primario».
Secondo caso: «Un agricoltore sessantenne con melanoma metastatico incontrò Madre Teresa di Calcutta, ricevette in dono un’immaginetta sacra e guarì. Io lo chiamo shock carismatico». Il professore ha dato una spiegazione scientifica al miracolo:
«Il melanoma è un tumore che viene identificato dagli anticorpi dell’organismo, tant’è vero che si sta studiando da 30 anni un vaccino specifico. Non riusciamo a controllarlo solo perché l’antigene tumorale è talmente aggressivo da paralizzare il sistema immunitario. Nel caso del contadino ha funzionato una combinazione di fattori: aspettativa fideistica, strutture cerebrali arcaiche, Madre Teresa, consegna del santino.
Risultato: il suo organismo ha sprigionato fiumi di interferoni e interleuchine che hanno attivato gli anticorpi e fatto fuori il cancro».

Come Soresi illustra nel libro Il cervello anarchico (Utet), già ristampato quattro volte, la nostra salute dipende da un network formato da sistema endocrino, sistema immunitario e sistema nervoso centrale.
«Il secondo ci difende e ci organizza la vita. Di più: ci tollera. L’organo-mito è il linfocita, un particolare tipo di globulo bianco che risponde agli attacchi dei virus creando anticorpi.
Abbiamo 40 miliardi di linfociti. Quando si attivano, producono ormoni cerebrali.
Questa si chiama Pnei, psiconeuroendocrinoimmunologia, una nuova grande scienza, trascurata dalla medicina perché nessuno è in grado di quantificare quanti neurotrasmettitori vengano liberati da un’emozione.

Io e lei siamo due esperimenti biologici che datano 4 miliardi di anni. Io sono più riuscito di lei. Perciò nego la vecchiaia. Non c’è limite alla plasticità cerebrale, non c’è limite alla neurogenesi. Esiste un flusso continuo di cellule staminali prodotte dal cervello: chi non le utilizza, le perde. Le premesse della longevità sono due: camminare 40 minuti tre volte la settimana - altrimenti si blocca il ricambio delle cellule e non si libera un fattore di accrescimento, il Bdnf, che nutre il cervello - e studiare».

Secondo il medico-scrittore, è questa la strada per allungare la vita di 10 anni. «Quando ci impegniamo a leggere o a compilare le parole crociate, le staminali vengono catturate dalla zona dell’encefalo interessata a queste attività.
Se io oggi sottopongo la sua testa a una scintigrafia e poi lei si mette a studiare il cinese, fra tre anni in un’altra scintigrafia vedrò le nuove mappe cerebrali che si sono create per immagazzinare questa lingua. Prenda i tassisti di Londra: hanno un ippocampo più grande perché mettono in memoria la carta topografica di una città che si estende per 6 miglia».

Il professor Soresi è cresciuto in mezzo alle lastre: suo padre Gino, tisiologo, combatteva la Tbc nel sanatorio Vialba di Milano, oggi ospedale Sacco. Si considera un tuttologo, al massimo un buon internista, che ha scoperto l’importanza della neurobiologia studiando il microcitoma.
«È un tumore polmonare che ha la caratteristica di esordire con sindromi paraneoplastiche, cioè con malattie che non c’entrano nulla col cancro: artrite reumatoide, tiroidite autoimmune, sclerodermia, reumatismo articolare. È una neoplasia che nel 100% dei casi scompare con quattro cicli di chemioterapia. Eppure uccide lo stesso nel giro di sei mesi. Era diventato la mia ossessione: non riuscire a guarire una cosa che sparisce».

Com’è possibile ?
«Ho scritto 100 lavori scientifici e ci ho messo 30 anni a capirlo: perché il microcitoma ha una struttura neuroendocrina. La massa nel polmone scompare, ma si espande con metastasi ovunque. Ne ho concluso che la medicina non è una vera scienza. Tuttalpiù una scienza in progress».

Diciamo una scienza inesatta.
«L’ho provato sulla mia pelle nel 1950. Ero basso di statura, come adesso, e mio padre si preoccupava. Eppure le premesse genetiche c’erano tutte: lui piccolo, mia madre piccola. Mi portò dal mitico professor Nicola Pende, endocrinologo che aveva pubblicato sei volumi sul timo come organo chiave dell’accrescimento. Pende mi visitò, mi palpò i testicoli e concluse: “Questo bambino ha il timo iperplastico, troppo grosso. Bisogna irradiarlo”. Se mio padre avesse seguito quel consiglio, sarei morto. Questa è la medicina, ragazzi, non illudiamoci».

Torniamo al cervello.
«Sto aspettando di diventare nonno. Il tubo neurale della mia nipotina ha cominciato a svilupparsi dal secondo mese di gravidanza. Alla nascita il cervello non sarà ancora programmato, bensì in fase evolutiva. L’interazione con l’ambiente lo strutturerà. Ora facciamo l’ipotesi che un neonato abbia la cataratta: se non viene operato entro tre mesi, i neuroni specifici della vista non si attivano e quel bimbo non vedrà bene per il resto della vita. Oppure poniamo che la madre sia ansiosa e stressata, il padre ubriacone e manesco:
lei capisce bene che i segnali ricevuti dal neonato sono ben diversi da quelli che sarebbero auspicabili.
E questo vale fino al terzo anno di vita, quando nasce il linguaggio, che attiva la coscienza del sé, e la persona assume una sua identità. Di questi primi tre anni d’inconsapevolezza non sappiamo nulla, è una memoria implicita, un mondo sommerso al quale nessuno ha accesso, neanche l’interessato, neppure con la psicoanalisi. Ma sono i tre anni che ci fanno muovere».

Allora non è vero che si può «entrare» nel cervello.
«Ai tempi in cui facevo le autopsie, aprivo il cranio e manco sapevo a che cosa servissero i lobi frontali. Li chiamavamo lobi silenti, proprio perché ne ignoravamo la funzione. Molti anni dopo s’è scoperto che sono la sede dell’etica, i direttori d’orchestra di ogni nostra azione».

E grazie a dio avete smesso con le lobotomie.
«A quel punto sono addirittura arrivato a fare le diagnosi a distanza. Se mi telefonavano dalla clinica dicendo che un paziente con un tumore polmonare s’era messo d’improvviso a urlare frasi sconce o aveva tentato di violentare la caposala, capivo, dalla perdita del senso etico, che era subentrata una metastasi al lobo frontale destro». Ippocrate aveva definito il cervello come una ghiandola mammaria. «Aveva còlto la funzione secretiva di un organo endocrino che non produce solo i neurotrasmettitori cerebrali - la serotonina, la dopamina, le endorfine - ma anche le citochine, cioè la chiave di volta dei tre sistemi che formano il network della vita. Lei sa che cosa sono le citochine?».

Sì e no.
«Sono 4 interferoni, che aiutano le cellule a resistere agli attacchi di virus, batteri, tumori e parassiti, e 39 interleuchine, ognuna con una funzione specifica. Se sono allegro e creativo libero citochine che mi fanno bene, se sono arrabbiato e abulico mi bombardo di citochine flogogene, che producono processi infiammatori. Ecco perché il futuro della medicina è tutto nel cervello. Le faccio un esempio di come il cervello da solo può curare una patologia ?». La ascolto.
«Avevo un paziente affetto da asma, ossessivo nel riferire i sintomi. Più gli davo terapie, più peggiorava. Torna dopo tre mesi: “Sono guarito”. Gli dico: senta, non abbassi la guardia, perché dall’asma non si guarisce. “No, no”, risponde lui, “avevo il malocchio e una fattucchiera del mio paese me l’ha tolto infilandomi gli spilloni nel materasso”. La manderei da un esperto in malocchi, replico io. E riesco a spedirlo dallo psichiatra Tullio Gasperoni. Il quale accerta che il paziente era in delirio psicotico. Conclusione: da delirante stava bene, da presunto normale gli tornava l’asma».

Effetto placebo degli spilloni.
«Paragonabile a quello dei finti farmaci. L’effetto placebo arriva a rispondere fino al 60% nel far scomparire un sintomo. Noi medici non possiamo sfruttarlo, altrimenti diventerebbe un inganno. Ma esiste anche l’effetto nocebo». Esemplifichi.
«Donna di altissimo livello culturale, fumatrice accanita. Il marito, un imprenditore fratello di un noto politico, la tradiva sfrontatamente con una giovane amante. Quando la informai che aveva un tumore polmonare, mi raggelò: “Non m’interessa. L’importante è che lo dica a mio marito”. Cosa che feci, anche in maniera piuttosto teatrale. Lui scoppiò a piangere, lei sfoderò un sorriso trionfale. È evidente che due anni di stress violento avevano provocato nella donna un abbassamento delle difese immunitarie. Almeno morì contenta, sei mesi dopo. Vuole un altro esempio? Una cara amica con bronchiettasie bilaterali. Antibiotici su antibiotici. Qual era il movente? Non andava più d’accordo col marito. Per due anni non la vedo. La cerco al telefono: “Enzo, mi sono separata, vado in chiesa tutte le mattine, sto bene”. L’assetto psichico stabilizzato le ha consentito di ritrovare la salute. Continuo?». Prego.
«Colf di 55 anni, origine salernitana, tradizionalista. Mai un giorno di malattia. La figlia le dice: “Vado in Inghilterra a fare la cameriera”. Stress di 10 giorni, ginocchio gonfio così. La lastra evidenzia un’artrosi della tibia: non s’era mai attivata, ma al momento del disagio mentale è esplosa. C’è voluto un intervento chirurgico».

Nel libro Il cervello anarchico lei riferisce di sogni premonitori.
«Sì. Viene da me uno psichiatra milanese, forte fumatore, con dolori scheletrici bestiali. Mi racconta d’aver sognato la sua tomba con la data della morte sulla lapide. Lastra e Tac negative. Era un tumore polmonare occulto, con metastasi ossee diffuse. Morì esattamente nel giorno che aveva sognato. Del resto lo psicoanalista Carl Gustav Jung mentre dormiva avvertì un forte colpo alla nuca, dopodiché gli apparve in sogno un amico che gli disse: “Mi sono sparato. Ho lasciato il testamento nel secondo scaffale della libreria”. L’indomani andò a casa dell’amico: s’era suicidato e la busta era nel posto indicato».

I miracoli secondo lei che cosa sono ? Eventi soprannaturali o costruzioni del cervello ?
«Io sono per un pensiero laico. Credo nella forza della parola. Se noi due ci parliamo, piano piano modifichiamo il nostro assetto biologico, perché la parola è un farmaco, la relazione è un farmaco. Di sicuro credere fa bene. Un gioielliere milanese mi portò la madre, colpita da metastasi epatiche. Potei prescriverle soltanto la morfina per attenuare il dolore. La compagna brasiliana di quest’uomo si chiama Maria di Lourdes e ha una sorella monaca in una congregazione religiosa che nella foresta amazzonica prega a distanza per le guarigioni. Maria di Lourdes telefonò al suo uomo dal Brasile: “Di' alla mamma che le suore pregheranno per lei all’ora X del giorno X”. Da quel preciso istante la paziente oncologica, che prima urlava per il dolore, non soffrì più».

Come si mantiene in buona salute il cervello ?
«Ho un cugino architetto, mio coetaneo, che sembrava un rottame. S'è iscritto all’università della terza età, ha preso passione per la lingua egiziana, tutti i giorni sta cinque ore davanti al computer, ha già tradotto quattro libri in italiano dall’egiziano. È ringiovanito, ha cambiato faccia».

Sappiamo tutto del cervello ?
«Nooo! Sul piano anatomico e biologico sappiamo intorno al 70%. Ma sulla coscienza ? Qui si apre il mondo. Lei calcoli che ogni anno vengono pubblicati 25.000 lavori scientifici di neurobiologia».

Allora come fa una legge dello Stato a dichiarare morto un organo che per il 30% ci è ignoto e della cui coscienza sappiamo poco, forse nulla ?
«Siccome si muove per stimoli elettrici, nel momento in cui l’elettroencefalogramma risulta muto significa che il cervello non è più attivo».

Ma lei che cosa pensa della morte cerebrale ?
«Mi fermo... Però ha ragione, ha ragione lei a essere così attento alla dichiarazione di morte. Nello stesso tempo c’è un momento in cui comunque bisogna dichiarare la morte di un individuo dal punto di vista biologico». Prima del 1975 dichiaravate la morte quando il cuore si fermava, l’alito non appannava più lo specchio, il corpo s’irrigidiva.
«Eh, lo so... La morte cerebrale consente di recuperare gli organi per i trapianti».

Ha mai sperimentato su di sé disagi psichici che hanno influenzato il suo stato di salute ?
«Nel 1971 ho sofferto moltissimo per la morte di mia moglie Marisa, uccisa da un linfogranuloma a 33 anni. Devo tutto a lei. Era una pittrice figurativa che andò a studiare negli Stati Uniti appena sedicenne e indossava i jeans quando a Milano non si sapeva manco che esistessero. La malattia cambiò la sua arte. Cominciò a dipingere corpi sfilacciati, cuori gettati sopra le montagne. Fu irradiata in maniera scorretta da un grande radioterapista dell’epoca, per cui nell’ultimo anno di vita rimase paralizzata. Nostro figlio Nicolò, nato nel 1968, l’ho cresciuto io. Marisa mi ha lasciato un modello perfetto: un bambino che riesce a sopportare persino la perdita più straziante solo perché la mamma ha saputo far sviluppare armonicamente il suo cervello nei primi tre anni di vita».
By: Stefano Lorenzetto - Fonte: ilgiornale.it

Il Cervello Anarchico:
Per tutto il periodo della sua vita fetale, fino al momento della nascita, il cervello sviluppa con l'organismo a cui appartiene una relazione fisiologicamente armonica che si instaura attraverso un network di comunicazioni rappresentate dai neurotrasmettitori e neuropeptidi.
Questi messaggeri neurochimici, prodotti dalle cellule del sistema nervoso centrale e del sistema immunitario, influenzano la crescita delle fibre nervose, la plasticità delle sinapsi, il ciclo vitale dei neuroni con la loro morte programmata, determinando l'assetto definitivo del sistema nervoso centrale e periferico.
Al momento della nascita l'impatto con i fattori ambientali e le esperienze individuali condizionano l'assetto definitivo del cervello e l'espressione dei geni la cui premessa è quella di raccogliere i suggerimenti dell'ambiente.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Tanto per sintetizzare e chiarire  le idee sulla vera Eziopatogenesi della malattia: l'AMMALAMENTO.
Ad esempio, il cosiddetto virus della polio non è la causa ma la conseguenza della malattia !
La malattia (qualsiasi) nasce nel fisico, SEMPRE dalle intossicazioni (tossine esogene e/o endogene) che generano intasamento (micro ischemie)  nella micro circolazione dei tessuti di qualsiasi tipo  e quindi scattano a valle della microischemia, la malfunzione delle cellule (stress ossidativo con metabolismo alterato) nel tessuto investito, di conseguenza nascono le infiammazioni (irritazioni anche nervose) e quindi l'ammalamento, con miliardi di sintomi diversi da soggetto a soggetto e che, a seconda del tipo di tessuto investito, vengono chiamate con nomi diversi dai medici impreparati della medicina ufficiale !
Quindi i virus non sono le cause ma le conseguenze dell'ammalamento, infatti nei sani on li troviamo MAI  !
I virus “colpevoli di essere patogeni” vengono definiti come tali, per spaventare la gente, che cosi’ ricorre agli antivirali ed ai vaccini….Big Pharma esulta e ringrazia... !
Tutte le malattie nascono dall'UNICO meccanismo qui sopra descritto, e quindi la terapia e' sempre UNA sola con le variazioni "ad personam".

Un altro esempio importante:
J Cereb Blood Flow Metab. 2013 Sep 18. doi: 10.1038/jcbfm.2013.161. [Epub ahead of print] Cerebral arterial bolus arrival time is prolonged in multiple sclerosis and associated with disability.
Paling DThade Petersen ETozer DJAltmann DRWheeler-Kingshott CAKapoor RMiller DHGolay X.
Sourc: Department of Neuroinflammation, UCL Institute of Neurology, Queen Square MS Centre, London, UK.

Abstract

Alterations in the overall cerebral hemodynamics have been reported in multiple sclerosis (MS); however, their cause and significance is unknown. While potential venous causes have been examined, arterial causes have not. In this study, a multiple delay time arterial spin labeling magnetic resonance imaging sequence at 3T was used to quantify the arterial hemodynamic parameter bolus arrival time (BAT) and cerebral blood flow (CBF) in normal-appearing white matter (NAWM) and deep gray matter in 33 controls and 35 patients with relapsing- remitting MS. Bolus arrival time was prolonged in MS in NAWM (1.0±0.2 versus 0.9±0.2seconds, P=0.031)and deep gray matter (0.90±0.18 versus 0.80±0.14seconds, P=0.001) and CBF was increased in NAWM (14±4 versus 10±2mL/100g/min, P=0.001).
Prolonged BAT in NAWM (P=0.042) and deep gray matter (P=0.01) Alpha were associated with higher expanded disability status score. This study demonstrates alteration in cerebral arterial hemodynamics in MS. One possible cause may be widespread inflammation. Bolus arrival time was longer in patients with greater disability independent of atrophy and T2 lesion load, suggesting alterations in cerebral arterial hemodynamics may be a marker of clinically relevant pathology.Journal of Cerebral Blood Flow & Metabolism advance online publication, 18 September 2013; doi:10.1038/jcbfm.2013.161.
PMID: 24045400 - [PubMed - as supplied by publisher]


Abstract (sintesi)
Alterazioni complessive nell’emodinamica cerebrale sono stati riportati nella
Sclerosi Multipla (SM), tuttavia, la loro causa e il loro significato sono sconosciuti. Mentre non sono state esaminate le possibili cause venose, ed arteriose.
Questo studio dimostra solo un'alterazione emodinamica delle arterie cerebrali nella sclerosi multipla. Una possibile causa potrebbe essere l'infiammazione diffusa.
Tratto da: Journal di Cerebral Blood Flow & Metabolism pubblicazione online, 18 settembre 2013, doi: 10.1038/jcbfm.2013.161
PMID: 24045400 - [PubMed - come fornito dalla casa editrice]

Commento NdR:
Non poteva che essere cosi, in quanto le
arterie, le vene ed il
microcircolo, essendo dei tubi con le pareti di essi fatte da tessuti e quindi dalle cellule che li compongono che li alimentano per mantenerli funzionali al loro scopo, di trasportane il sangue alle giuste velocita’ e quantita' per mantenere sano l’organismo.

Quando per, alimentazione inadatta o contaminata, utilizzo di Vaccini e/o farmaci o di amalgami dentali e/o protesi non adatte, la funzione cellulare essa viene ad essere compromessa, in quel tipo od altri tipi di tessuti, ecco che le cellule ivi residenti si troveranno in situazioni di malfunzione, cioe’ in uno stato di metabolismo alterato e di stress ossidativo che si ripercuote sul tessuto interessato, infiammandolo e non mantenendo il tessuto nelle sue opportune e giuste funzionalita' operative.
In questo caso specifico, si tratta di una
infiammazione che restringe il diametro interno del tubo, dell’arteria, vena e/o vaso sanguigno e quindi la velocita’ del transito e la quantita’ del flussi di sangue in quello specifico tratto, viene ad essere alterata compromettendo la funzionalita’ cerebrale piu’ o meno intensamente, con le conseguenze del caso ritrovato anche e non solo nella Sclerosi Multipla.
 

Per inciso questa e' la semplice e chiara eziopatogenesi: l'eziopatogenesi o etiopatogenesi, in medicina, è l'analisi del processo di insorgenza di una patologia e del suo sviluppo (patogenesi), con particolare attenzione alle sue cause (eziologia); il termine deriva dalla fusione di eziologia e patogenesi.di QUALSIASI sintomo chiamato impropriamente malattia dai medici della medicina allopatica.


Quindi la malattia, cioe' l'Ammalamento
(l'atto dell'ammalarsi), è chiaramente un metodo che la NATURA ha messo a punto per far comprendere all’essere che non deve trasgredire le Leggi della Manifestazione, vivendo una vita di incoerenza, in quanto egli, se continuerà nell’incoerenza, somatizzerà sicuramente qualsiasi tipo di malattia; ma comunque essa è la base dalla quale partire per riprendere coscienza su sé stessi, sui propri errori e quindi iniziare ad invertire la "rotta" di Vita; il male è quindi un Bene potenziale ma necessario per poter evolvere verso l’InFinita Perfezione.
Quindi significa che la "malattia" o meglio l'
AMMALAMENTO viene "concepita" nello Spirito, cioe' dall'Ego/IO (in modo conscio od inconscio), scende sottoforma di idee errate (mancanza di AmOr Universale) che generano di stress cronico  nel fisico per prendere forma ("nasce" quindi il corpo di dolore) e ritorna allo Spirito sotto forma di mal dell'Essere, l'in-form-azione del dolore, che si chiama appunto malattia (azione del male=mal-essere), in altre parole un'iDea viene concepita dall'Essere stesso, il quale la sperimenta in se stesso, per mezzo della materia corporale, per comprenderne gli "effetti" e quindi ritorna al mandante, l'Ego/IO. ad un nuovo e piu' elevato livello di consapevolezza (informazione elaborata e vissuta) affinche' una volta ritornata, essa gli insegni che quell'iDea era errata...in quanto genera dolore e non piacere; ecco spiegata la "possessione demoniaca" di cui parlano le varie religioni, da parte dei demoni = le false iDEE.
Ovviamente tutto cio'
segue, inconsapevolmente, la legge della Neghentropia (caratteristica intrinseca dello Spirito) ovvero dell'accumulo di informazioni sempre piu' elaborate, in modo piu' complesso e quindi piu' "evolute".

Se le condizioni fisiche e spirituali sono buone, i traumi si superano in scioltezza
Quando il corpo e lo spirito funzionano bene, tutti sono in grado di superare ogni difficoltà.
I migliori medici, del mondo, quelli più trasparenti e dedicati alla verità, sono concordi nell’affermare che la madre di tutte le malattie umane sono l'
ACIDOSI e la conseguente costipazione, ovvero il transito intestinale rallentato dei cibi (alterazione della funzionalita' dell'intestino tenue) e l’espulsione ritardata delle acque ristagnanti e dei residui fecali del corpo. La costipazione è quindi la madre di tutte le malattie egenra SEMPRE alterazioni nella microcircolazione !
E’ l'acidosi, la costipazione e le alterazioni nella microcircolazione, sono le madri fisiologiche che portano a tutti gli indebolimenti ed a tutte le malattie. Esse sono determinate non da fattori strani, da microbi invasori, ma da fatti ben precisi; essa sono causate da diete di acqua acida e da cibi iper-grassi ed iper-proteici.
Le stesse diete contro le quali si scagliava gia' 2500 anni fa, il grande Pitagora.
Queste diete sbagliate sono le responsabili delle alterazioni intestinali degli enzimi, della flora, del pH digestivo e della mucosa intestinale e quindi quelle della microcircolazione; queste alterazioni influenzano  la salute,  non soltanto a livello intestinale, ma anche a distanza in qualsiasi parte dell'organismo.


Ecco il meccanismo fisiologico, in sintesi ed a grandi linee, dell'ammalamento (L'atto dell'ammalarsi):
L'UNICA malattia dell'Uomo e' in concreto, la somatizzazione dell'IGNORANZA ("danza del fuoco"- prodotta dai Conflitti di incoerenza Spirituale, consci od inconsci), e cio' significa che i primi sintomi fisiologici di questa UNICA malattia si manifestano in primis nei liquidi del corpo (ACIDOSI) e nella micro circolazione dei tessuti, e quindi nelle cellule e nei mitocondri, che generano immediatamente mancanza o riduzione di ossigeno (O) e/o di sostanze nutrienti per mantenere regolari le funzioni cellulari, cioe' quelle ad es. creare, trasformare, specializzare (es. le proteine) e per mantenere costante e proficua la respirazione/nutrizione e tutte le altri funzioni cellulari; cio' provoca nelle cellule e nei tessuti corrispettivi, ipossia e stress ossidativo, con l'indebolimento della produzione di energia, per la mancanza di formazione di ATP da parte dei mitocondri, per, come abbiamo gia' detto, l'alterazione della funzionalita' della microcircolazione (sintomi misconosciuti dalla medicina ufficiale per l'impreparazione dei medici, licenziati da universita' carenti e sempre serve di Big Pharma...e che quindi non conoscono le varie semplici tecniche della Medicina Naturale e specialmente quelle della Semeiotica Biofisica Quantistica, l'UNICA tecnica diagnostica possibile per individuare, in 1 minuto di orologio ed in qualsiasi luogo, anche per terra...e fin dalle origini fisiologiche, il nascere dell'Unica malattia dell'Uomo, l'ammalamento, cioe' la somatizzazione dell'IGNORANZA !
Ogni cellula malata, lo e', in quanto le mancano l'ossigeno, le sostanze nutrienti, ed e' stata intossicata.

vedi: Respirazione cellulare + Nutrizione cellulare - fenomeno scoperto da Otto Warbourg (premio Nobel) + Scienza della Nutrizione, per via dei meccanismi: qui ben descritti (ischemie nella micro circolazione)

Quindi:
NON
ESISTONO MALATTIE, ESISTONO SOLO MALATI di UNA SOLA MALATTIA = l'AMMALAMENTO
(L'atto dell'ammalarsi) !
le DIFFERENZE fra un malato ed un'altro, sono SOLO SINTOMI DIVERSI e/o LOCALIZZAZIONI diverse dei VARI SINTOMI dell'UNICA MALATTIA = l'AMMALAMENTO. ma malgrado questo semplice ASSIOMA, gli "enti" della sanita' (OMS, CDC, FDA, EMA. AIFA, Ministeri della sanita', Ordine dei Medici, medici, della medicina ufficiale, le universita'  insegnano che esistono le varie "malattie" ed ad esse danno pure un nome.....e le classificano e che esse hanno sempre un "responsabile", un cosiddetto "germe" che le causa !,....seguendo le direttive ideologiche di Big Pharma....anche se essi stessi affermano che:
Nella pratica e nella teoria di medici clinici e patologi, si definisce malattia un'alterazione dello stato psicologico e fisiologico  dell'organismo, capace di ridurre, modificare negativamente o persino eliminare le funzionalità normali del corpo e quindi dello stato di Benessere.
....ed allora perche' continuano a dire il FALSO !, per spaventare e deresponsabilizzare il soggetto che si ammala...e quindi poter spacciare "droghe" (farmaci) agli "indottrinati e/o drogati da farmaco" ! ...e cosi' i fatturati delle industrie del farmaco...e quelle dei Vaccini, sono sempre in grande salute ed i malati diventano cronicamente malati, quando non muoiono prima del tempo, per le cure somministrate con farmaci di sintesi, farmaci che non curano nulla, ma soffocano solo i SINTOMI generando problemi sempre piu' intensi nel tempo al malato....e cosi il business continua....

Precisazione sui Vaccini e l'
immunita' di gregge (....altra falsita'):
...il vaccino, NON produce protezione=immunita', anzi ammala, ne' esiste la cosiddetta "immunita' di gregge", non solo per la falsita' della dichiarazione in se', che e' fasulla, ma anche in quanto NON sono i virus e/o i batteri (germi detti patogeni dai medici della medicina ufficiale) che producono l'ammalamento (l'atto dell'ammalarsi), ma ne sono solo il frutto, cioe' sono conseguenze dell'ammalamento del Terreno nel quale vivono i germi (funghi - candida e simili - batteri autoctoni e non = autologhi od eterologhi) e sono presenti le proteine complesse a DNA chiamate "virus" (eterologhi e/o autologhi).
Nei fatti i cosiddetti "germi patogeni", possono essere quindi solo concause secondarie o terziarie, ma non primarie !

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

LEGGI NATURALI dell'AUTOGUARIGIONE
- Il corpo tende ad auto-guarire, purché lo mettiamo nelle condizioni di farlo.
- Il corpo non va mai contro se stesso.
Questo succede anche nelle fasi terminali di una cachessia cancerogena, dove il corpo stesso, riconosciuta l’impossibilità di salvarsi dalla metastasi, decide per l’auto-eutanasia, abbreviando il periodo di sofferenza, cioe' morendo.

Nel processo di Autoguarigione
, l'esperienza dell'infiammazione, pur non gradevole, e' necessaria; ed indica pertanto come e perche' "la malattia stessa sia l'agente della guarigione".
Ricordarsi che le alterazioni degli enzimi, della flora, del pH digestivo e della mucosa intestinale influenzano  la salute,  non soltanto a livello intestinale, ma anche a distanza in qualsiasi parte dell'organismo.
"Guai a quel medico che cura il corpo senza aver curato la mente, giacché da essa tutto discende"

By Socrate citato da Platone, 480 a.C.

Il corpo ha quindi la capacità di autoguarirsi, riparando i danni causati da età, "malattie", traumi, e ripristinare le funzioni dei tessuti. Ne sono responsabili alcune molecole, coinvolte nello sviluppo embrionale, che vengono chiamate Hh (hedgehog).
Le Hg partecipano in vari processi che vanno dalla differenziazione della cartilagine a dei neuroni allo sviluppo di vari tipi di tumori.
La naturale rigenerazione (specie negli adulti) è però spesso insufficiente.
Stimolando i processi di sintesi di Hh si hanno profondi e validi effetti sulle cellule del sistema nervoso soggette a degenerazione come nel morbo di Parkinson o nella sclerosi multipla.
Queste molecole sono in breve un valido strumento per aiutare la popolazione anziana a combattere i processi dell’invecchiamento riattivando il sistema genetico innato ed evitando dosi massicce di farmaci.
ByThe BioMed Net Magazine Ottobre 2000

vedi: Legge di Guarigione

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il dott. Verzella, nelle premesse di un suo studio, scrive quanto segue:
"Chi vuole affrontare correttamente il problema della propria salute deve innanzitutto rendersi conto della molteplicità dei parametri in gioco e della continuità dei loro rapporti, per cui la semplice modifica di uno solo di questi parametri si riflette sull'equilibrio generale creando necessariamente un nuovo assetto.

Con l'avanzare dell'età si riducono le difese (immunità, enzimi antiossidanti, funzione detossificante dell'intestino, del fegato e dei reni) e diminuisce la produzione e l'efficacia dei nostri ormoni.

Eppure centinaia di migliaia di anni sono occorsi alla Natura per farci quelli che siamo.

Oggi, per contro, con le conoscenze maturate nell’ultimo secolo e soprattutto negli ultimi trent'anni, la qualità della salute può essere sensibilmente migliorata nel tempo della nostra esistenza.

 

Le conquiste della biologia e della medicina sono a nostra disposizione, purché noi si decida di porre concretamente la salute al primo posto delle nostre scelte quotidiane.

Il perché di una scelta così importante ed apparentemente "egoistica" nasce dalla certezza che la salute contiene ed esprime la nostra individualità biologica, mentale ed emotiva.

I trattati di anatomia e di anatomia patologica descrivono gli organi del corpo e le loro alterazioni come realtà separate. In verità, quando esaminiamo e curiamo un organo ammalato operiamo sulle conseguenze di uno squilibrio neuro-immuno-endocrino che si è verificato mesi o anni prima e che, non essendo stato interpretato e recuperato per tempo, ha finito per produrre l’alterazione di quell’organo.

Noi oggi sappiamo che questa impostazione, che ha generato l’attuale medicina specialistica, non é più attuale, perché il sistema nervoso, endocrino ed immunitario hanno inventato nel corso della Evoluzione un alfabeto comune, che assicura loro un dialogo ininterrotto.

Questo alfabeto è costituito da neuromediatori, neuromodulatori, ormoni, citochine. Non esiste tessuto che non sia attraversato da questo dialogo, cui è affidata l'unità coerente e l'unicità della nostra individualità biologica e mentale.

L’espressione dei nostri geni viene modificata, non solo da molecole prodotte dai nostri organi, ma anche da una serie di molecole che provengono dalla alimentazione e dall'ambiente.

Abbiamo così imparato che la salute e la malattia dipendono dalle continue modifiche indotte da parte di molecole di provenienza endogena ed esogena, sull'espressione dei nostri geni".

Commento NdR: ... e quindi dai nostri comportamenti; la "malattia", cioe' l'ammalamento, e' nei fatti l'espressione dell'Etica comportamentale del soggetto che si ammala per un
autoammalamento conscio od inconscio.
E nel fisico ecco come ci si puo' ammalare


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

AMMALARSI FA BENE alla SALUTE
L’organismo infatti sviluppa le sue capacità di difesa nel corso di tutta la vita fino alla morte.
Alla nascita, gli unici anticorpi presenti sono quelli materni; subito dopo, però, aumentano grazie all’assunzione del colostro per mezzo della mammella della madre, il liquido che il bambino assume dal seno materno subito dopo la nascita, prima che cominci la produzione del latte materno.
Il colostro svolge quindi una fondamentale azione protettiva, attraverso la quale il neonato può affrontare la sfida con i primi agenti patogeni e costruirsi piano piano il suo sistema immunitario; quest’ultimo si informa tutta la vita e non  e’ mai formato definitivamente, ma continua per tutta la vita del soggetto ad informarsi ed a reagire proteggendo il piu’ possibile il soggetto, che segue la via della Medicina Naturale, per gli "altri" le cose divengono molto piu' complesse e pericolose.

Nel corso dell’ infanzia, poi, ogni malattia che non metta a grave rischio l’organismo rappresenta un’occasione in piu’ per aumentare le capacità di difesa del sistema immunitario.
L’infanzia è un periodo veramente delicato, quindi: l’uso di medicinali di sintesi per sopprimere rapidamente i sintomi delle varie malattie che si possono presentare e la somministrazione di vaccini, rischiano facilmente di interferire pesantemente con l’efficienza del sistema immunitarioe della microcircolazione.
E’ solo "scontrandosi"
con virus e batteri detti “selvaggi” (non vaccinali), che l’organismo impara a difendersene efficacemente.
Inoltre, ricerche recenti hanno mostrato che questa forma di allenamento immunitario favorisce con il tempo l’attività di altre cellule, come quelle che contrastano anche le malattie degenerative, una minaccia sempre più consistente via via che l’aspettativa di vita si allunga, per coloro che NON seguono la Medicina Naturale.

Quasi il 90 % delle malattie compaiono a causa scarsa igiene
- 17 Ago. 2008
By ANSA - Roma (I)  - L'88% delle malattie nel mondo sono causate da acqua non potabile e scarsa igiene, secondo gli esperti di 140 Paesi. "Il piu' grande scandalo del mondo", lo definiscono lo definiscono gli stesso esperti che da domani saranno riuniti a Stoccolma per la Settimana mondiale dell'acqua. Si calcola che la disponibilita' di acqua potabile potrebbe salvare la vita a 1,4 milioni di bambini ogni anno: sono 5.000 quelli che ogni giorno muoiono a causa della diarrea.
vedi:  ACIDOSI +  Stress Ossidativo + Malattie gastrointestinali + le 3 zone della medicina moderna
 

 


Spieghiamo meglio e nuovamente il meccanismo fisiologico della malattia, anche da Vaccini, cioe' quello dell'alterazione della microcircolazione e quindi della Intossicazione cellulare e l' infiammazione e l'ACIDOSI dei tessuti, ad esempio, quello delle mucose delle vie respiratorie  o di qualsiasi altro tessuto:
Il sangue, e' un tessuto connettivo fluido complesso di cui gli elementi corpuscolati si formano nel midollo osseo, ma esso si completa anche e si arricchisce, di ossigeno (O) dai polmoni e dall'intestino con le sostanze estratte dai cibi e quindi, se le digestioni producono sostanze (molecole) non nobili e/o piu' o meno complesse rispetto a cio' che dovrebbero essere, cioe' non sufficientemente demolecolizzate (smembrate), per mancanza di flora autoctona e/o enzimi adatti, oppure per la produzione di tossine (micotossine), queste sostanze complesse e/o tossiche, addensando il sangue, possono anche ed in certi casi, andare ad intossicare, inficiare, intasare (vedi definizione della parola malattia), infiammando ed intasando di conseguenza la microcircolazione dei corrispettivi tessuti che compongono e/o fanno parte dei vari organi o parti di sistemi, e quindi anche le mucose delle vie respiratorie, generando l'intossicazione e l'alterazione della nutrizione cellulare e quindi le funzioni cellulari, per lo stress ossidativo indotto; l'infiammazione a sua volta richiama sangue (liquidi) nelle viscere e/o in zona, per tentare di ridurre l'infiammazione stessa.

(O) - Ridotta ossigenazione (ipossia) e nutrizione cellulare e di un tessuto rispetto alle esigenze. Cio' è dovuta ad un'ostruzione nei vasi sanguigni microcapillari (ischemie), e può generare numerosi sintomi. Se si prolunga questo stato si determina l'infarto del tessuto cioè la morte del tessuto o di parte di esso, infatti la malattia compare in primis nella microcircolazione e quindi nella contemporanea malfunzione cellulare !
 


IMPORTANTE da ricordare:
Noi siamo fatti da vari "sistemi circolatori" di liquidi (sangue, linfa, respirazione, nervosa, ecc.) cioe' con una "rete idraulica" complessa di vario tipo e molto grande come lunghezza, ma anche molto molto capillare, cioe' tremendamente sottile, piccola, nell'ordine di dimensioni inferiori a 100 micron; quindi basta che soprattutto  il sangue sia troppo carico di sostanze come quelle descritte sopra, che questi sottilissimi tubicini si intasino ed ostacolino la microcircolazione !
Inoltre l'organismo deve  essere considerato, come le ultime scoperte scientifiche hanno dimostrato, un corpo PsicoBioElettronico una specie di internet web, di cui la cellula e' il mattone fondamentale, quale circuito oscillate, rivelatore, e come una ricetrasmittente in contatto perenne con le altre cellule del corpo e con l'ambiente esterno fino ai confini dell'Universo, per mezzo della risonanza con le frequenze che rivela, demodula ed interpreta come informazione disponibile che dovrebbe servire per se stessi e per gli altri Viventi.
Questi fatti, sono importanti, perche' cio' significa che OGNI sostanza introdotta e quindi anche quelle tossiche, destabilizzano non solo il sistema idraulico, biochimico ma anche ed in primis il sistema bioElettronico della cellula quale mattone fondamentale.
Quindi l'essere deve premunirsi di NON introdurre, se possibile, nessuna sostanza tossica es. i Vaccini, che possa interferire in qualsiasi modo con le funzioni cellulari, in quanto quando queste sono alterate, la malattia compare e si forma il corpo di dolore.


vedi: Definizione di Guarigione + Come nasce la malattia + Germi non sono la causa della malattia + Alimentazione - Crudismo + Frutta e Verdure + Dottrina termica e Terapia del Freddo + I postulati di Koch

La malattia si
manifesta
SEMPRE innanzitutto, a livello fisiologico nella microcircolazione che alimenta le cellule, base dei tessuti che compongono gli organi e tutta la vita biologica negli organismi viventi, con sintomi  (segnali individualizzabili con un semplice test della Semeiotica biofisica) che sono in genere soggettivi, infatti nell'animale e nell'uomo, il malato si lamenta dei vari sintomi (dolori) che ha; questi sintomi all'inizio della malattia, in genere, sono lievi e difficili da interpretare, sia da parte del soggetto che ignora la verita' su  di se, sia da parte del terapeuta o medico al quale alle volte egli si rivolge, ma sono i segnali che l'Ego/IO del  soggetto segnala alla sua mente che i comportamenti di vita fino a quel momento attuati, sono contro Vita, e quindi i sensori fisiologici inviano e segnali di malfunzione e quindi di dolore alla mente, affinche' essa si attivi per cercare la soluzione al dolore, che inevitabilmente passa dal riordino dei comportamenti PRO VITA; tutto cio' che deve fare l'essere malato, e' ripristinare lo stile di vita atto al recupero della salute in modo Naturale e fisiologico, senza farmaci, ne' Vaccini che al contrario intossicano ed infiammano ulteriormente il corpo, e magari bloccano i sensori del dolore, che al contrario sono assolutamente necessari all'essere per capire come si sta comportando.
La medicina naturale insegna come e cosa fare per recuperare la Salute dallo stato di malattia.
Nei fatti la malattia. l'unica, nasce
fisiologicamente, nella microcircolazione che alimenta e/o disintossica, le cellule dei tessuti che compongono i vari organi ed i vari sistemi corporei.

Una delle tante prove, semplice ma PROVA certa e' questa:
Ecco i video che spiega l’intervento chirurgico fatto da un cardiochirurgo, il prof. Salvatore Spagnolo, primario c/o l’ospedale di Monza, che ha eseguito un intervento, su un giovane di 35 anni, di Reggio Calabria, con tre resténosi (cioè l'occlusione delle arterie coronariche), dopo due mesi dalla PTA, con ritorno al punto di partenza per malfunzioni, e dopo l'intervento con notevolissimi miglioramenti, intervento che NON ESISTE sulla letteratura medica attuale.
Questo e’ il primo intervento a livello mondiale e consiste nella sostituzione totale della vena giugulare, con la vena safena della gamba, con un risultato “MIRACOLOSO”; verso la fine del filmato il professore parla di cura rivoluzionaria anche della meningite,  parkinson, alzheimer e come ben afferma la Medicina Naturale di altri sintomi definiti impropriamente dalla medicina ufficiale e da medici impreparati "malattie", dall’emicrania ai cancri, CCSVI, Sclerosi, ecc.

http://www.youtube.com/watch?v=DulUnx5ZxrA  +  http://www.youtube.com/watch?v=uipu50dudR4
vedi:  CCSVI e la Sclerosi multipla trattate con l’intervento del cardiochirurgo prof. S. Spagnolo

Quindi e' di tutta evidenza che l'IGNORANZA e' la vera malattia dell'uomo, in quanto trasgredendo, inconsciamente o consciamente, le leggi dello Star BENE, egli inizia la lenta e progressiva marcia verso l'unica sua malattia, la somatizzazione della sua IGNORANZA, nel suo fisico, cio' significa che l'AMMALAMENTO e' la "cristallizzazione" dell'IGNORANZA e cioe' la somatizzazione di un "problema di ordine spirituale" che modifica la materia del fisico.
E poiché questo stato e "modo di essere" anormale del nostro Essere=organismo, quando si rende malato, ovviamente si estrinseca e concretizza in tutta una serie di modificazioni d'ordine Psichico, anatomico o funzionale, ecco che per
malattia, nel fisico, può anche intendersi: "quel complesso di alterazioni microcircolatorie e quindi cellulari  (modificazioni-alterazioni = stress ossidativo - vedi sopra) morfologico-strutturali, od anche soltanto funzionali, che sono state indotte in un organismo dall'incidenza di una qualsiasi causa nociva interna (autoindotta) od esterna (introduzione di sostanze eterologhe=estranee, per esempio con dei Vaccini), contro le quali l'organismo offeso sia stato in grado dì opporre almeno un minimum di reazione difensiva, oppure che nella fase difensiva, ad esempio, i leucociti abbiano perso la loro duttilita' e malleabilita', perche hanno agglutinato le sostane eterologhe tossiche, per eliminarle dall'organismo, andando ad "intasare" ed alle volte bloccare la microcircolazione nei tessuti corporei, facendo malfunzionare le cellule (stress ossidativo e malfunzione mitocondriale con attenuazione dell'ATP) di quei tessuti, creando ischemie, infiammazioni e ionizzazioni nei tessuti stessi e quindi perdita di energia nell'ammalato.

Quello che i medici allopatici e la maggior parte della gente chiama con la parola "malattia", in realtà sono nei fatti solo  SINTOMI od un’insieme di sintomi diversi.
Cio' significa che NON esistono malattie ma ammalati dell'unica malattia che qui stiamo descrivendo.
Ciò che la medicina ufficiale e la gente comunemente considera erroneamente come "cause" di malattia, sono di fatto SOLO Sintomi prodotti (con-causa fisiologica del
Conflitto Spirituale irrisolto) da un Terreno (in primis i liquidi del corpo) + Matrice alterati (in specie la matrice extracellulare, che determinano anche l'alterazione delle funzioni endocellulari e del tessuto connettivo.  Nella categoria dei sintomi, vi sono anche quelli prodotti da batteri, lieviti, virus.

Quando i germi autoctoni sono coinvolti in una malattia producono o influenzano il corpo nel produrre sintomi secondari, per il loro lavoro di pulizia e di ripristino dell’ordine alterato, in tessuti e/o cellule.
La medicina ufficiale (quella imperante imposta al mondo intero da Big Pharma) "ritiene" erroneamente, che questi sintomi "secondari" siano la malattia. ...mentre questi sintomi possono variare a seconda del tipo di terreno del soggetto e della sua eta' da pochi a molti....quindi stare a guardare i sintomi, come oggi fanno i medici ufficiali", e' un GRAVISSIMO ERRORE !
La risposta sulle Vere cause fisiologiche dell'UNICA MALATTIA e' e rimane sempre nella condizione del Terreno biologico.
Bene e’ sapere o controllare se TUTTI i valori del Terreno  valori bioelettronici e biochimici siano nei giusti rapporti !
Occorre quindi individuare se questo Terreno sara' in grado di sostenere lo sviluppo e la proliferazione di funghi e batteri in modo spropositato, e non regolare, come sempre avviene nel caso di malessere e/o malattia ?
Quando i giusti rapporti del Terreno, vengono alterati, si entra in un circolo vizioso di malessere, che successivamente diviene sofferenza con dolore.
Cio' significa che quando il pH, rH, ro’, del Terreno (la matrice) del corpo sono alterati, in
ACIDOSI, le cellule ed i  tessuti investiti dall'alterazione dei giusti rapporti, assumono una condizione di acidita’ e piu' raramente di basicita'.
Queste condizioni derivano da molti cofattori, principalmente dal tipo di alimenti inadatti, soprattutto quelli cotti, dalle proteine animali e bevande industriali consumati e da successiva cattiva digestione, ma ed anche dalle tossine vaccinali.
Quando la digestione non avviene correttamente, i cibi fermentano o vanno in putrefazione ed il malassorbimento e la malnutrizione iniziano il loro nefando effetto.
Negli stadi iniziali dello squilibrio, i sintomi generalmente non sono molto intensi e di solito sono "trattati" molto facilmente dai medici della medicina ufficiale, con i farmaci quasi sempre di sintesi, che li soffocano, impedendo la guarigione vera, cioe' eliminazione delle tossine prodotte e/o accumulate con le relative infiammazioni ed ionizzazioni.
Quindi occorre proprio in quella fase, iniziare ad informarsi su come fare per stare sempre bene in salute, con tecniche alimentari e Cure NON invasive ed iniziare a disintossicare, disinfiammare, deionizzare e riordinare le digestioni, per ottenere la vera guarigione in modo naturale - vedi: Autoguarigione


Quindi, secondo la Medicina Naturale, la malattia e' analogicamente paragonabile ad una piantina, che per crescere e manifestarsi
SANA e nella sua completezza, DEVE avere:
- Aria (ionizzata in modo adatto a quel tipo di piantina e la piu' pura possibile)
- un Terreno adatto (pH + mineraliflora batterica, sistema enzimatico adatti)
- essere bagnata spesso, cioe' annaffiata con acqua possibilmente pura
- deve avere un processo omeostatico non alterato
- essere ben esposta alla luce solare, altrimenti muore.
La pianta se non ha la possibilita' di avere queste "caratteristiche" ambientali, essa si
ammala e muore.

La piantina della
Salute o della malattia nell'organismo segue, secondo la Medicina Naturale, gli stessi "schemi fisiologici" della piantina vegetale:
-
deve avere avere un'aria (ionizzata in modo adatto a quel tipo di piantina e la piu' pura possibile)
Infatti ogni qualvolta che un individuo cambia il luogo abituale ove vive, per recarsi in altro luogo (mare, montagna, lago, campagna), che sicuramente ha un'aria ionizzata - composizione dell'aria stessa - in modo diverso, egli tende ad eliminare la sua malattia
latente (ACIDOSI e non solo) ed alle volte il processo di eliminazione lo rende malato fisicamente con febbre, diarree (alle volte cio' avviene  anche per l'introduzione di parassiti dell'acqua malsana che ha bevuto nel luogo ove si e' recato, pero' se egli ha gia' un Terreno disordinato - cioe' un pH, una flora batterica intestinale ed un sistema enzimatico alterati), microcircolazione alterata, stitichezza, ecc.
- un Terreno (pH + minerali flora batterica, enzimi adatti)
- deve essere "annaffiata" con alimentazione e bevande (meglio solo acqua a pH basico, e succhi di frutta e verdure NON industriali, ma centrifugate in casa propria) 
adatte al soggetto, in modo abbastanza continuo e regolare, in modo che questa acqua del corpo sia nelle condizioni bioelettroniche adatte a mantenere e/o ripristinare la salute compromessa.
- deve avere una processo omeostatico non alterato
- essere esposta alla luce, altrimenti muore anche il fisico.

Se il soggetto Umano, Animale o Vegetale non ha queste "caratteristiche" ambientali, la malattia-piantina malata compare, e se non viene "curata" con la Medicina naturale, essa porta il malato verso il trapianto o la morte prematura.

RICERCA DEVIATA ai MEDICINALI che MANTENGONO la MALATTIA CRONICA.
INTERVISTA al PREMIO NOBEL per la  MEDICINA: RICHARD J. ROBERTS. - MEDITATE  e CONDIVIDETE !

Il vincitore del Premio Nobel per la Medicina, Richard J.Roberts, denuncia il modo in cui operano le grandi
industrie farmaceutiche nel sistema capitalistico, anteponendo i benefici economici alla salute e rallentando lo sviluppo scientifico nella cura delle malattie perché guarire non è fruttuoso come la cronicità.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

IMPORTANTE da RICORDARE
“Ogni Organismo, risponde in maniera differenziata, agendo secondo precise leggi biologiche e biochimiche adeguandosi ogni istante, alle varie esigenze di stimolazione esterna dell'atmosfera nella quale vive; infatti tutte le variazioni iono atmosferiche, anche minime, modificano ad ogni istante 
quelle dei liquidi (il Terreno o Matrice ) dei corpi dei vari organismi viventi

Una
ACIDOSI provoca lesione mitocondriale (malnutrizione della Cellula = intossicazione endo cellulare) provoca un deficit energetico, il mitocondrio non emette elettroni come dovrebbe, ne energia adatta (ATP), se si supera un certo limite di stress, lo stato-cellula produce una reazione per affrontarlo; questa reazione e' da noi definita come MALATTIA, cioe' ammalamento !

...E' possibile (ma non certo) guarire dalla malattia con la Medicina Naturale, specie se la malattia ha gia' alterato i geni del DNA, come nel caso, ad esempio, delle mutazioni genetiche dei Vaccini (vedi: Danni dei Vaccini), dell'omosessualita', e/o dell'autismo, ecc..
Ricordo anche che l'essere deve essere deciso totalmente (conscio ed inconscio) a guarire e costi quel che costi, se vuole ottenere il traguardo della autoguarigione !
Quindi occorre provare, secondo e seguendo le Cure e le Tecniche della Medicina naturale, per vedere se il corpo reagisce in modo adatto alla guarigione.

Quali sono le cause di molte patologie attuali ?
In pochi secoli abbiamo  notato un incremento di malattie varie a carico degli apparati urogenitale, digerente, respiratorio, della pelle, della psiche, più o meno gravi fino ad arrivare, purtroppo, alle neoplasie vere e proprie.
La lista veramente sarebbe molto più lunga di quella su descritta, ma nessuno, se non poche persone, riescono ad attribuire, con un ragionamento logico, ad appena un paio di cause esterne: l’inquinamento ambientale (riguardante tutto l’ecosistema) che genera fenomeni di geopatia e l’alimentazione oramai non più sana.
Il "progresso" ha portato ad avere alimenti naturali, come la frutta anche fuori della stagione di competenza, saltando completamente il ritmo circadiano della natura; ancor peggio per aumentare la produzione si utilizzano concimi e fertilizzanti altamente tossici per il nostro organismo; il bestiame viene alimentato con pastoni contenenti antibiotici e ormoni anche di natura sintetica per accelerare la loro crescita (ci sono pulcini che allevati in batteria diventano polli in due settimane); il latte si munge sempre, non solo quando la mucca ha partorito e produce latte per crescere il vitellino, somministrando ormoni, quindi non è più latte vero, con il suo carico di sostanze necessarie (colostro compreso).

Quindi, seguendo questo ragionamento  logico la maggior parte degli alimenti che consumiamo giornalmente contiene: antibiotici di ogni genere, ormoni naturali e sintetici, additivi, conservanti, coloranti non naturali, fertilizzanti e quant’altro serva per conservare e stimolare piante e animali alla produzione degli alimenti in maniera innaturale.
Tutti questi componenti non di natura naturale (ALTAMENTE NOCIVI per l’ESSERE UMANO) ingeriti nel tempo, in modo silente, minano il nostro organismo, creando patologie vecchie e nuove.

Quasi  concordi  con alcune case farmaceutiche, si creano nuove malattie, così coscientemente oppure incosciamente ( il dubbio è lecito) l’OMS e tutte le strutture farmaceutiche commercializzano nuovi farmaci (vedi per l’influenza H1N1), la maggior parte delle case farmaceutiche sono quotate in borsa, questo significa che più producono farmaci, più vendono, più salgono di valore le loro quote.
Il mio consiglio è di parlarne con il proprio medico curante (sperando nell'onestà dello stesso) chiedendo se sia il caso  di utilizzare determinati farmaci, e magari svolgere un controllo medico  più approfondito, prima di eseguire una terapia.
Scegliere alimenti  di vario genere STAGIONALI, accertarsi  della provenienza della carne che eventualmente si consuma, (se per esempio un hamburger in padella si rimpicciolisce, significa che l’animale in questione è stato trattato con ormoni, quindi in batteria), se la carne del pollo è bianca non è normale; assicuratevi dell’onestà di chi vi vende prodotti alimentari, vi ricordo che i salumi vengono trattati, quindi contengono  nitrati di sodio e potassio, stessa cosa per gli alimenti precotti o, comunque, di provenienza industriale..
Spero  che questo  vi porti ad un ragionamento  su quello che mangiate e sul tipo di stile di vita che fate..
By Renato Ventura - Bioterapeuta

NdR: quindi meglio mangiare seguendo le linee guida del Crudismo, per stare sempre bene e guarire dalla propria malattia.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Un articolo molto importante per capire che le malattie hanno tutte la stessa causa.
Quando le nostre abitudini di vita permettono all’organismo di raggiungere un crescente stato di
ACIDOSI e quindi di intossicazione, l’energia vitale si abbassa in modo inversamente proporzionale e gli organi di eliminazione smettono di funzionare normalmente; aumentando ulteriormente l’accumulo di scarti nel corpo. Ed è proprio quando questi accumuli oltrepassano il punto di tolleranza che l’organismo va in crisi.
Per compensare questa eccedenza di sostanze tossiche il corpo reagisce, provocando quella che viene definita malattia.
"La vera causa delle malattie"


All’inizio dell’800 Isaac Jennings, Dottore in Medicina, iniziò una rivoluzione silenziosa nel campo della sanità quando si accorse che semplicemente cambiando il proprio stile di vita si potevano così ottenere risultati eccellenti...
Il Dr. Jennings, dopo aver esercitato come medico tradizionale per 20 anni senza ottenere alcun risultato significativo, un giorno d’estate del 1815 durante un’"epidemia" si ritrovò senza medicinali, e non poté quindi prescrivere alcun trattamento ai pazienti che si erano a lui con ogni genere di sintomo. Tutto quello che disse loro fu di andare a casa, riposare e bere molti liquidi.
E cosa accadde ? … Queste persone guarirono, senza alcun farmaco !
Così dopo aver praticato per lungo tempo la medicina 'ufficiale’, egli decise di abbandonare pillole, impiastri e polveri per esplorare un nuovo campo: vent’anni di esperienza lo avevano infatti portato a fidarsi sempre meno dei sistemi curativi farmacologici e sempre più invece dei mezzi e dei poteri della vita. Iniziò così a trattare i suoi pazienti dando loro soltanto pillole di pane e acqua colorata. Incoraggiato dai primi successi egli prese a curare nello stesso modo patologie sempre più gravi e complesse.
I risultati furono eccellenti: i suoi pazienti guarirono in tempo record rispetto ai pazienti che invece prendevano medicinali. Infine, dopo quindici anni di successi senza farmaci, gettò la maschera: i suoi amici medici rimasero sorpresi, alcuni suoi pazienti lo denunciarono come impostore per essere stati ingannati ma la maggioranza di essi - benché confusa dal trucco (farmaco placebo) usato per guarirli - lo incoraggiò a continuare, dicendogli: "Se lei può curare senza medicine allora è il nostro medico".
Il Dr. Jennings continuò dunque il suo lavoro, affermando che il sistema basato sui farmaci era sbagliato perché questi ultimi - invece di curare la gente - in realtà ostacolavano la guarigione o cambiavano la malattia originaria in malattia da farmaci (malattia iatrogena). Elaborò quindi un modello terapeutico in cui la malattia è un’unità e le manifestazioni della stessa (sotto forma di febbri, eruzioni cutanee, tosse, diarrea, ecc...) non sono altro che sforzi della natura per liberarsi dalla tossiemia. L’Università Yale gli conferì una laurea ad honorem come riconoscimento del grande successo che ottenne sostituendo le pillole con i placebo.
La malattia (intesa come corredo sintomatologico) è invece il tentativo del corpo di ritrovare la salute, una scelta vitale e fisiologica finalizzata alla guarigione.
“Non c’è alcuna forza curante al di fuori del corpo.” By Dr. Isaac Jennings - Ricorda, non potrai mai far star bene il tuo corpo se lo avveleni.
“Venticinque anni in cui ho prescritto farmaci e 33 anni in cui non ne ho prescritti mi hanno fatto arrivare alla conclusione che i farmaci sono inutili e nella maggior parte dei casi dannosi, e questo è per tutti coloro che vogliono conoscere la verità.” By John H. Tilden, Dottore in Medicina (1940)

Ecco come ci si ammala:
in sintesi, quando le nostre abitudini di vita permettono all’organismo di raggiungere un crescente stato di intossicazione, l’energia vitale si abbassa in modo inversamente proporzionale e gli organi di eliminazione smettono di funzionare normalmente; aumentando ulteriormente l’accumulo di scarti nel corpo. Ed è proprio quando questi accumuli oltrepassano il punto di tolleranza che l’organismo va in crisi. Per compensare questa eccedenza di sostanze tossiche il corpo reagisce, provocando quella che viene definita malattia.

Il corpo umano è una creazione meravigliosa, che brucia costantemente carburante, elimina gli scarti della combustione e ricostruisce continuamente i tessuti sostituendo le cellule morte con delle nuove.
Di fatto ogni sette anni ogni cellula nel corpo viene sostituita, il che significa che, dopo un periodo di sette anni, diverse centinaia di chili di cellule morte devono essere eliminate.
Di per sé questo sarebbe un enorme dispendio di energie per il corpo. In più, a causa della mancanza di riposo o di acqua, o solo cercando di digerire l’ “impossibile” (le classiche “porcherie”), per non parlare degli effetti nocivi di una semplice abbuffata, creiamo un’enorme quantità di prodotti di scarto che il corpo gestisce con fatica.
Quando il corpo viene sovraccaricato sono di più le tossine che entrano che quelle che vengono eliminate. L’accumulo delle tossine, che si verifica quando il corpo non riesce più ad eliminarle correttamente, ne compromette l’integrità, perché al corpo manca l’energia necessaria per eliminare le sostanze tossiche. Ricordiamolo: per eliminare le tossine serve energia.

La malattia è causata da una “carenza di forza” (ovvero mancanza di energia). By Dr. Isaac Jennings
Tuttavia il corpo deve proteggere i suoi organi vitali ad ogni costo (il cervello e il cuore), quindi uno dei primi processi ad essere interrotto è quello di eliminazione delle tossine, che - purtroppo - iniziano così ad accumularsi (“tossiemia”).
Quando il corpo è saturo apre una valvola di sicurezza per rilasciare le tossine, attraverso uno qualsiasi dei 4 canali di eliminazione: la pelle, i polmoni e il tratto respiratorio, l’intestino e il colon, le vie urinarie. Questa valvola di sicurezza è ciò che comunemente definiamo "malattia" (il tentativo del corpo di espellere le tossine).
In effetti tutte le malattie sono “crisi di guarigione”, cioè un tentativo da parte del corpo di liberarsi dalle tossine in eccesso. La malattia è la manifestazione del tentativo di auto-guarigione del corpo, è l’azione che compie per eliminare i veleni.

Usiamo un po’ di buon senso ora. Se prendessimo un veleno e lo mettessimo in circolazione nel sangue, il corpo risponderebbe cercando di buttarlo il più velocemente possibile per salvaguardare l’integrità del sistema, attraverso uno dei canali di eliminazione disponibili, provocando quindi tosse, vomito, febbre, acne, sudore, diarrea, ecc.
Il corpo userà ogni briciola di energia che ha a disposizione per espellere il veleno dal sistema. Potremo quindi avvertire mal di testa, un’abbassamento di energia, dolori articolari, insonnia, affaticamento, problemi ai reni, convulsioni, eruttazione, irritazioni, ecc. Conosciamo una qualsiasi malattia che non presenti questi sintomi ?

Secondo me la malattia, per quanto dannosi gli agenti che la causano, non è altro che un energico tentativo della natura di eliminare le sostanze patogene e guarire il paziente.” By Dr. Thomas Shydenham

Ma, invece di lasciare che il corpo elimini le sue tossine, interrompiamo questo processo con i farmaci, immettendo in questo modo altre tossine nel sistema per cui, anziché assecondare il processo di pulizia, lo chiamiamo “Malattia” e cerchiamo di interromperlo il prima possibile! Eliminando i sintomi, interferiamo con la naturale capacità di autoguarigione del corpo. Il corpo quindi non solo sta lottando contro un carico sempre maggiore di tossine “normali”, ma si ritrova ora a dover affrontarne altre: i medicinali che il tuo farmacista ha nel suo arsenale di armamenti anti-sintomi.
Quindi… ciò che noi chiamiamo “malattia” è in realtà “la cura” !

Siamo stati tutti così condizionati a pensare secondo i canoni del sistema dominante della medicina allopatica, che è molto difficile accettare l’idea che i sintomi delle malattie siano effettivamente il tentativo di autoguarigione del corpo.
La malattia, anche se può avere un effetto più o meno guastante, resta sempre e comunque uno sforzo del corpo per liberarsi della “tossiemia”, poiché se così non fosse morirebbe. Quindi, secondo quest’ottica, si può dire paradossalmente che la malattia in effetti arriva per guarire. L’unica vera malattia è invero la “tossicosi”.

In conclusione: Il corpo umano ha dentro di sé il potere di guarirsi (senza farmaci).
La base da cui si sviluppa ogni malattia è un accumulo di tossine che il corpo non è riuscito ad espellere attraverso i suoi 4 canali di eliminazione.

La ragione per cui il corpo non riesce a disintossicarsi correttamente è la carenza di energia causata dallo stress, da uno stile di vita non sano e/o maltrattamento del corpo (in particolare attraverso scelte sbagliate in fatto di cibo, iperalimentazione, assunzione di tossine farmaci compresi, ecc.).
Quello che noi chiamiamo malattia è in realtà lo sforzo che il corpo fa per liberarsi dalle tossine, ossia il suo tentativo di autoguarirsi (le reazioni più comuni sono, tra le altre, febbre, mal di testa, eruzioni, muco, tosse, vomito e infiammazione).
L’assunzione di farmaci di sintesi (e o Vaccini) va ad aggiungersi alle cause della malattia e ne aggrava la situazione, poiché per il corpo umano sono dei veleni (acidi), e quindi nocivi.
La causa principale delle molte cosiddette “malattie” dell’uomo è da ricercarsi in quelle attività che prosciugano la forza vitale del nostro corpo, le abitudini quindi che tolgono energia al nostro corpo. Di conseguenza la soluzione definitiva alle nostre malattie è una correzione delle abitudini di vita. Non esistono “pillole magiche” (farmaci) per raggiungere una buona salute. Uno stato di salute ottimale deriva dal rispettare alcune semplici leggi naturali; ossia fare le giuste scelte quotidianamente.
Tratto da: bioguida.com – By Matt Traverso

PROMEMORIA NdR:
Le epidemie NON  esistono
, sono nomi inventati per tentare di spiegare come mai una piccola parte della popolazione che non supera mai una piccola percentuale, vedi le epidemie di influenze, si ammala in certi periodi di tempo abbastanza ravvicinati. La vera spiegazione e’ che certi terreni (i liquidi del corpo) alterati, similari bioelettronicamente, in certi periodi od in certe circostanze, si ammalano e cosi pare che sia una epidemia, in realta’ si tratta di ammalamento zonale o temporale di certi terreni similari.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Nel campo della Medicina Naturale il pensiero scientifico del moderno dott. M.A. Lezaeta, per le sue premesse e per le sue conclusioni, e quindi anche per i consigli che propone per mantenere o recuperare una buona salute, sono simili a quelli degli altri padri iniziatori e d insegnanti della Medicina Naturale.
Tenete presente comunque che Egli non ha specificatamente parlato della parte Spirituale della Salute e della malattia.
La Medicina Naturale  divulga ed insegna questa dottrina da migliaia di anni perche’ essa riprende le antiche conoscenze, che oggi vengono man mano sostenute dalle moderne ricerche valutazioni scientifiche.

Premesse
L’Infinita’, per mezzo della propria manifestazione, l'UniVerso e quindi la Natura, ha creato gli esseri viventi cioe’ degli organismi psicosomatici (Ente/Spirito = mente in un corpo fisico) che ha un grado di intelligenza e di perfezione talmente elevati che la cosiddetta “scienza moderna” non è ancora stata in grado di capire tutti i processi che li mantengono in vita.
La Medicina Naturale insegna a colui che l’ha imparata e la pratica (Naturopata), suggerendogli di ripristinare le capacità curative che la natura ha immesso nell’organismo. –
vedi anche: Legge di Guarigione
+ I postulati di Koch + Le 3 zone della medicina moderna
Se un soggetto=organismo si ammala, guarisce da solo, se attua le Leggi della guarigione per mezzo delle terapie e cure naturali, grazie cioe’ alla sola Forza Curatrice Interna (FCI) della Natura, si ammala proprio perché cattive abitudini comportamentali consce od inconsce, hanno soffocato questa Forza guaritrice che non riesce più ad agire come dovrebbe nell’entita’ Vivente (Spirito-corpo) ed egli vive di conseguenza in comportamenti incoerenti e quindi in uno stato di Conflitto Spirituale, fonte e causa primordiale di OGNI malattia, il quale crea il corpo di dolore.

L’alimentazione CRUDA è la fonte primaria di energia per il nostro organismo e determina anche il grado di salute del corpo:
- l'alimento viene dalla Terra (cibo),
- dall’Acqua (liquidi),
- dall’Aria e dal Sole (Luce).
Una cattiva alimentazione e quindi una nutrizione cellulare inadatta producono un indebolimento della FCI.
La conoscenza e l’applicazione delle metodiche igieniste che, indicate in www.mednat.org, sono alla portata di tutti, in modo gratuito; non necessitano esperti, né per insegnarle, né per attuarle; ciascuna persona può imparare da sola i concetti e le pratiche, purche’ inizi ad applicarle su di se’ e solo successivamente sui propri famigliari.
Se uno non diviene medico di se stesso, e dimostra i risultati delle tecniche che insegna, vivendo ad esempio nello Spirito e nel fisico, in modo SANO, come puo’ insegnare agli altri le tecniche che ha imparato ?
Diffidate da “tecnici” che non sanno curarsi….da soli e non manifestano nel loro aspetto fisico, una buona salute !

Conclusioni 
Per ripristinare la salute il seguace della Medicina Naturale deve cercare di rivitalizzare la FCI
Ecco le  quattro azioni da vivere: Informazione, alimentazione, circolazione delle sostanze, eliminazione.
1 - eliminare le cause Spirituali (errate informazioni che determinano azioni contro la Perfetta Salute) che la soffocano,
2 - Una adatta alimentazione assicura i nutrienti al corpo, evitando un eccessivo consumo di energia e una eccessiva produzione di tossine metaboliche.
3 - Una buona circolazione dei liquidi corporei (sangue, linfa, acqua extracellulare ed intracellulare) assicura che i nutrienti arrivino alle cellule e che le scorie prodotte dalle cellule siano espulse.
4 - Una buona eliminazione assicura che le scorie e le tossine assunte per errori alimentari e/o prodotte all’interno dell’organismo siano eliminate, anziché restare all’interno dei tessuti e quindi delle cellule, impedendone il corretto funzionamento.

Se questa quaterna è corretta, l’organismo potrà recuperare i giusti rapporti della vita: informazionale, termico, umorale, energetico.

- L’equilibrio termico consiste nel fatto che la temperatura del corpo deve essere la stessa sia all’interno delle viscere, che sulla pelle.
Squilibrio termico significa che le viscere sono calde e la pelle è fredda.
- L’equilibrio umorale consiste nel fatto che le tossine prodotte vengono eliminate, e che gli elementi biochimici salubri sono presenti nelle cellule e nei tessuti nelle quantità necessarie alla vita.
Squilibrio umorale significa che le cellule sono in stress ossidativo per i problemi anche di microcircolazione alterata, i tessuti sono carichi di tossine e che le sostanze chimiche necessarie (sali minerali, ormoni, glucosio, colesterolo, grassi, ecc.) non sono presenti nella quantità corretta.
- L’equilibrio energetico consiste nel fatto che l’energia prodotta dall’organismo tramite l’alimentazione (aria, acqua, sole e cibo) è sufficiente per alimentare adeguatamente tutti i sistemi organici e quindi per vivere in Perfetta Salute e nel Benessere.
Squilibrio energetico significa che non c’è energia sufficiente, perché la digestione ne consuma troppa, per le infiammazioni dell’apparato digerente, e quindi l’organismo ne produce poca.
Così come la salute è unica, anche la malattia è unica, e quindi unica è la “cura” che il malato deve attuare:
in effetti è la FCI che cura in base alla sua intelligenza, nutrita dalla sua personale conoscenza; il naturopata deve solo eliminare i quattro squilibri che la soffocano.

Il Regime Disintossicante e Rivitalizzante (RDR)
Per ottenere il ripristino delle funzioni naturali della FCI il Naturopata può ricorrere ad una serie di azioni che sono qui illustrate in sintesi e che vanno attuate contemporaneamente:
1 – Ricerca e Studio delle Leggi della Medicina Naturale e relativa messa in pratica su di se’.
2 - Alimentazione e pratiche igieniste.

ALIMENTAZIONE:
CRUDISMO che puo’ essere attuato in queste modalita’:

- assunzione giornaliera ed assolutamente di acqua BASICA a pH minimo di 7,35 > 11
- Monodieta di frutta CRUDA (solo frutta fresca): da 5 a 15 giorni.
- Alimentazione con pochissime proteine: frutta, verdure, ortaggi e pane integrale di segale: da 15 a 45 giorni.
- Alimentazione cruda: frutta, verdure, ortaggi, pane, formaggi freschi, uova sode, yogurt, miele, mueslei, germogli: tutti abbinati secondo le compatibilità digestive. da 30 a 60 giorni.
- Alimentazione vegetale 80% crudo 20% cotto: oltre a quella cruda, pasta, riso, minestre, polenta, verdure ed ortaggi cotti, legumi cotti; tutti abbinati secondo le compatibilità digestive. da 30 a 90 giorni, oppure questo ultimo regime puo’ divenire l’abitudine di vita.

PRATICHE IGIENISTE: fatte con terra, acqua, aria e sole:
- cataplasmi di fango biologico su varie parti del corpo
- frizioni secche ed abluzioni fredde fatte con reazioni calde a letto
- bagni genitali
- lavaggi caldi e freddi alternati
- bagni di aria e di sole
- movimento e riposo
- bagno di vapore
- Continuo studio(acquisizione dati = nutrimento dello Spirito) per acquisire sempre piu’ conoscenza sulla Natura e sugli scopi della Vita

Secondo l'
Igienismo, come ben ricorda Valdo Vaccaro, "La costipazione come madre di tutte le malattie, dal raffreddore al cancro
Per l’igienismo esistono in pratica tre filoni di malattie, escludendo quelle da incidenti stradali e sul lavoro.
Malattie da alimentazione sbagliata e da avvelenamento (e quindi da carenza), malattie da comportamento improprio e malattie di tipo psicosomatico-nervoso.
La malattia che fa scattare o che almeno ha un ruolo influente su tutte le altre è la costipazione, ovvero le irregolarità digestive-assimilative-eliminative, che portano a uno scombussolamento dei delicati equilibri corporali.
Chiaro poi che c’è pure il quarto filone, forse il più importante per i manigoldi. Quello delle malattie create ed inventate tipo lo SMON, l’AIDS, il Papilloma Virus, le aviarie, le suine e le legionarie.
La perdita dei vari tipi di equilibrio può anche partire dagli shock emozionale, si perde l’equilibrio spirituale-morale.
Perdere questo equilibrio, signifca perdere l’equilibrio funzionale e cio' comporta una serie di conseguenze. Si perde quello vitaminico e minerale, si perde quello enzimatico ed ormonale, si perde l’equilibrio acido-basico nel sangue, si perde quello elettro-magnetico, si perde quello sessuale e si perde pure l’equilibrio emotivo-nervoso. A volte succede che lo shock emotivo dia la stura al medesimo processo perverso.
Lo spavento, la paura, la tensione, il fatto tragico, la sconfitta, la perdita, causano un blocco funzionale e tutto va a gambe all’aria.
L’unico rimedio al mondo è il riequilibrio dei disordini.
Fatte queste premesse, si capisce che i rimedi per tutte le malattie, dal raffreddore al diabete, dall’influenza stagionale al tumore, dalla pretesa peste all’intossicazione, dai morbi di Sjogren a quelli di Guillan-Barré, dalla sclerosi laterale a quella multipla, e chi più ne ha più ne metta, stanno tutti racchiusi in una parola sola: riequilibrio vitaminico-minerale-ormonale-enzimatico-magnetico-emotivo-spirituale. Recuperare questo equilibrio richiede conoscenza, fiducia, pazienza, sincerità, trasparenza, prudenza ed arte
.

Torna fuori il famoso detto greco del Conosci te stesso.

Non ci sono santi che tengano.

Devi diventare medico e prete di te stesso.

Già i papiri d’Egitto ammonivano che se arrivi a 30 anni e hai bisogno di essere curato dal medico o dal prete, significa che sei un fallito.

La cosa vale ancora di più oggi.

Le occasioni di malattia e di crisi morale ci sono tutte, e in numero moltiplicato esponenzialmente rispetto ai tempi delle Piramidi.

Le possibilità di conoscerci internamente e spiritualmente esistono pure in numero moltiplicato, visto che ogni uomo di oggi ha a disposizione una mole enorme di dati su cui lavorare, riflettere, estrapolare, scegliere.

 

Non si guarisce dalle malattie, ma si guarisce attraverso esse, per merito di esse, grazie ad esse.

Occorre guarire invece dalle cause vere che le scatenano. Quello sì, al più presto e nel modo più radicale possibile.

Se le patologie sono perdite dei vari equilibri, come citato sopra, il modo principe per saltarne fuori è riordinare se stessi e ripristinare tali equilibri.

Non con i farmaci o vaccini, non con i integratori, non coi placebo perdi-tempo, non con gli interventi spettacolari e miracolosi, non con la vitaminetta che manca e il minerale che latita, non con le B12 e gli Omega, ma con ben altro.

In fase transitoria ed in fase di emergenza, una tisana, una spruzzata di qualsiasi improprio miscuglio, si può anche tollerare, ma non è certamente quella la via per il recupero.

 

Ecco l’unica formula guaritiva, piaccia o no a medici , farmacologi e terapeuti

Primo con una presa di coscienza che siamo stati degli emeriti coglioni e delle stupide oche, perché non ci siamo ricordati della scritta sul tempio, del Conosci te Stesso.

Secondo con uno sperticato ed irrefrenabile atto di volontà, consistente nel voler cambiare radicalmente pensiero, comportamento e stile di vita.

Terzo con uno stop immediato ai pensieri, alle sostanze ed ai comportamenti ammalanti.

Quarto con la disponibilità a una breve pausa di riposo fisiologico, chiamata digiuno, a scopo purificativo.

Quinto, con la disponibilità a riavviare la propria vita in modo corretto, rispettando le esigenze del proprio sangue, del proprio disegno gastrointestinale, delle proprie peculiari caratteristiche biochimiche che sono evidenti ed eclatanti in ogni organismo umano, delle proprie esigenze etiche-estetiche-artistiche, delle proprie necessità morali e spirituali."
 


Ecco gli scambi di email fra il sottoscritto (VGP) ed una studentessa (S) di medicina (ufficiale)

S: …..la vogliamo chiamare medicina "ufficiale" ?

VGP: SI mi sta bene anche perche' io la chiamo proprio cosi !
Ma non utilizzi mai piu' i termini "medicina tradizionale", grazie  e lo spieghi ai suoi coetanei all'universita'....

S: il concetto non cambia. per la medicina, al di là del concetto di "Terreno" (che non viene trattato)
VGP: Purtroppo quella e' la vera CAUSA dell'impotenza della terapeutica della medicina ufficiale, davanti a qualsiasi "malattia", cioe' sintomo.

S. la causa di una malattia è in effetti l'elemento più importante da ricercare e, se possibile, eliminare. è impossibile fare medicina curando solo i sintomi, e questo me lo riconoscerà.
VGP: CERTO

S: se ho, ad esempio, una insufficienza di produzione di un qualsiasi ormone, prima di passare direttamente alla terapia sostitutiva dovrò assolutamente ricercare la causa del perchè la produzione è cessata o diminuita (il problema potrebbe avere varie radici, ed in ogni caso dovrà essere affrontata diversamente).

VGP: Si ma deve convenire anche che, risalendo sulla "china" delle concause che producono ...tale diminuzione o cessazione della produzione di ormoni,  arrivera' al processo di malnutrizione cellulare per difetto nella micro circolazione, nei tessuti delle ghiandole che secernono tale ormone, ma cosa determina il difetto nella microcircolazione e quindi la malnutrizione cellulare, l'ambiente acido intossicato, che e' un tipo-livello di  terreno (vi sono vari terreni) nel quale quel gruppo di cellule e tessuto convivono.....la matrice, e questo perche' la matrice non e' adatta alla Perfetta Salute (P.S.);
ma perche' essa non e' adatta alla P.S., perche' i liquidi in essa contenuti sono alterati da fattori biochimici (acidosi, intossicazioni varie, derivanti da acque e cibi malsani, farmaci, vaccini ecc.) e perche' questi cofattori contro la P.S. si sono prodotti ?
Semplice:
Perche' i comportamenti del soggetto sono stati contro la P.S. (inconsci o consci non importa).
ed ecco che la Causa PRIMARIA della Perfetta Salute e/ della malattia e' il Comportamento l'Etica errata del soggetto che si ammala, questo salvo il caso di malformazioni genetiche nel qual caso sono gli Errori etici dei genitori che vengono trasmessi alla prole....

Quindi la Medicina Naturale insegna che per guarire occorre cambiare comportamenti ed invertire la strada ripercorrendo ad ogni livello, il riordino di: comportamenti, e di conseguenza quello dei liquidi del corpo che devono essere in certi valori bioelettronici ben precisi, cio' comportera' il riordino consequenziale ed automatico del livello biochimico e quindi quello microcircolatorio e per caduta quello cellulare e tissutale, il che permettera' a quella ghiandola di riformare gli ormoni necessari.

Per fare cio' occorre agire secondo Natura e non con FARMACI, che intossicano ed ostacolano sempre la guarigione totale, anche se pur in certi casi e temporaneamente, possono tamponare una situazione, che poi per gli aspetti prima indicati, se utilizzati, riporta il soggetto nell'ammalamento...

S: se ho dei sintomi effettivamente riconducibili a più di un processo patologico, dovrò fare una diagnosi differenziale, perchè non si potranno certo trattare allo stesso modo. eccetera.. questo è buon senso, non c'è bisogno di avere familiarità con l'ambiente medico, ma di certo aiuta..
per il resto, è ovvio che un paziente debilitato sarà trattato diversamente da un paziente con condizioni generali buone, anche a parità di causa scatenante ogni caso conserva la sua individualità ed importanza, soprattutto per quanto riguarda malattie gravi e/o croniche.
dire ad un medico o futuro tale che è ignorante perchè non conosce o non accetta il concetto di "terreno", che è un concetto che fa parte della sfera della medicina alternativa, è fuori luogo. parlare senza conoscere la realtà dei fatti è vera ignoranza.
VGP: vedi sopra

Sul postulato di Koch
Tutto e' da rivedere in funzione degli assiomi della medicina naturale - vedi:
I postulati di Koch

Uno dei postulati della medicina allopatica "postula" che la produzione di anticorpi sia la prova che una certa sostanza sia esistente in un organismo:
cio' e' ERRATO
infatti nel 25 % dei vaccinati NON si creano anticorpi per cui la vaccinazione deve essere rifatta per ottenere la produzione di anticorpi, quindi questa e' la prova che l'esistenza o meno di determinati anticorpi NON sono la certezza di un tipo di sintomo (che i medici allopati, chiamano impropriamente malattia).

Cio' avviene per la  forte Salute di coloro che non producono anticorpi, in quanto prima che si arrivi alla produzione dell'anticorpo, il sistema informatico corporeo per la sopravvivenza del soggetto, nella mente, veicola quelle sostanze eterologhe verso altri lidi (vie emuntorie e/o grassi che le immagazzinano) senza incontrare le cellule immunitarie, es. immunoglobuline, che producono anticorpi...(cio' e' spiegato in termini semplici).
Inoltre OGNI ammalato di qualsiasi sintomo,  autoproduce proteine complesse a DNA (cioe' virus particolari a seconda del sintomo e dei tessuti ai quali appartengono quelle cellule che muoiono) ad ogni apoptosi cellulare... cio' significa che anche tutti noi  produciamo miliardi di virus al giorno (degenerazione dei mitocondri e del nucleo) che aumentano l'intossicazione, preesistente, e se accumulati nell'organismo, se non vengono eliminati dalle vie emuntorie naturali, non aiutano la Perfetta Salute, anzi la ostacolano.
Il malato
autoproduce per di piu', virus "specializzati" (per le malfunzioni cellulari), e che voi medici allopati, nei vs esami di laboratorio trovate, pensando erroneamente che quelli sono le cause delle malatie, cioe' dei sintomi che riscontrate, che certo non lo aiutano nella guarigione per le intossicazioni preesistenti che aumentano per i virus specializzati autoprodotti, i quali in ambiente adatto, ostacolano la guarigione anche e per il Terreno inadatto alla Perfetta Salute, se non intervengono le terapie riordinanti Naturali della Medicina Tradizionale es. il riordino dall'acidosi al pH dei liquidi a 7.35 con mVolt precisi e con una conduciblita' o resistivita' particolare... producono  l'aggravamento dell'ammalamento del soggetto. egli diviene malato cronico, se trattato con farmaci di sintesi, e/o muore.
Quando il sintomo scompare, con un farmaci di sintesi, non e' detto che sia stato eliminato, bensi che e' stato solo soffocato cioe' rimane latente e puo' in certi altri stati di acidosi + intossicazioni + infiammazioni, riesplodere con altri sintomi e riaffermare l'ammalamento del soggetto, creandogli altri tipi di danni, magari piu' gravi, e non e' possibile saperlo in anticipo.

vedi: Bioelettronica + I germi non sono le cause delle malattie, ma ne derivano, ne' sono una conseguenza, cioe' concausa e non causa !
 


Una precisazione:
Quello che non viene facilmente detto nella medicina ufficiale, e' che le cellule comunicano fra di loro, cosi' come TUTTI gli atomi, molecole, organi, per mezzo del campo elettromagnetico proprio (CEM) il quale interagisce (trasmette e riceve) con quello Corporeo globale - gestito dall'Inconscio e dal conscio + quello Universale, Cosmo e quindi con l'INFINITO.
vedi:
Uomo Psico Elettronico  +  Somatidi
+ Microbi + Cellule + Cosa sono i virus ? + Dottrina termica e Terapia del Freddo

Ogni sostanza esistente emette ed ha una sua frequenza (di risonanza) ben precisa, riscontrabile ed evidenziabile con apposite strumentazioni elettroniche
.
Anche ogni sostanza introdotta nell’organismo, non di derivazione bionaturale, anche se non di sintesi chimica, puo' produrre dei problemi di intossicazione piu’ o meno intensa (anche della microcircolazione) non solo a livello chimico, ma anche a livello elettronico (frequenze spurie=tossiche).
Questo perche' l'organismo e' "tarato" su certe frequenze, gia' note al DNA e quindi al sistema immunitario ad essi noti fin dagli albori dell'Umanita', ed all'organismo in toto (noi siamo un ologramma bio-multi-frequenziale - elettromagnetico), se queste sostanze-frequenze sono identificate come spurie=tossiche, l'organismo mette in azione tutte quelle reazioni indispensabili per eliminarle e se non vi riesce, le stocca nei grassi e se anche questa reazione-funzione non funziona..., la malattia appare, attraverso vari e molteplici sintomi.


Spesso consideriamo, la malattia per ignoranza, solo una disgrazia, una calamità, oppure il frutto del caso e/o della sfortuna, e ci accaniamo con medicine tossiche di sintesi, manipolazioni o magari azioni chirurgiche, senza renderci conto della verita':
la malattia ci e’ necessaria, l’abbiamo cercata e creata con le nostre azioni contro-sopravvivenza, per mezzo del nostro inconscio, per cercare ed imparare la via della Salute.
Occorre rovesciare completamente la "visione della medicina allopatica" ed insegnata ai medici da Big Pharma, per mezzo delle Universita’ + Ministeri della sanita’, Ordini dei medici, da loro gestite e controllate… ed ormai imparata stupidamente a memoria dagli umani, riconoscendo nella malattia semplicemente "una reazione biologica inconscia di sopravvivenza di fronte a un evento emotivamente ingestibile, e la sua azione basilare nell’insegnamento che essa fornisce al soggetto malato attento ai sintomi della malattia" !
Il “sintomo” è di fatto e quindi solo una reazione di adattamento dell’individuo, il quale invia, oltre ai segnali visibili sul corpo, anche un segnale di “dolore” all’Essere affinche’ intraprenda al piu’ presto la via del “cambiamento” di abitudini, di etica comportamentale.
Esempio: Se mangiamo dei funghi velenosi (azione di intossicazione) appaiono dei sintomi: vomito, emicrania, diarrea, febbre ecc., questa è la giusta la reazione, il “sintomo” e’ quindi nella fase visibile e sensibile, cioe’ e’ nella fase di adattamento (tentativo di eliminazione delle tossine) che permette comunque la sopravvivenza; se l’intossicazione non e’ mortale.
Esempio 2: Una donna quando e’ incinta, prepara, oltre la nascita del figlio, anche le mammelle vengono attivate per produrre il latte (azione); quando il figlio nasce egli si allatta alla mammella della madre (reazione).
La produzione del latte è un “sintomo” di adattamento perfetto provocato dall’inconscio biologico per trovare la soluzione dell’evento: l’alimento adatto alla nascita del nuovo uomo.
Anche C. G. Jung diceva che "la malattia è lo sforzo che fa la Natura per guarire".

L’Inconscio Biologico del singolo
L’inconscio biologico ci governa intimamente ed in ogni nostra azione, fino a che diventiamo consapevoli (passaggio delle informazioni dalla mente inconscia alla mente conscia) dei suoi contenuti, rispetto a quell’azione o quella scelta fatta, e dunque riprendiamo in mano le redini della dei comportamenti, ed autogestiamo noi stessi il piu’ possibile anche nella salute-malattia.
Esiste un’impellenza inconscia. Se un bambino muore (anche un’aborto e/o perdita di affetti importanti), la madre metterà in atto una soluzione biologica inconscia e, se non dara’ velocemente una razionale spiegazione all’accaduto accettandolo e quindi “digerendolo” mentalmente, l’inconscio biologico le fara’ vivere immediatamente un “conflitto Spiritual-biologico inconscio“, irrisolto, negli affetti controllate dalle zone del cervello (conscio ed inconscio=) di sopra e di sotto, che controllano le parti fisiologiche interessate), che solleciterà dei “sintomi” importanti nelle ovaie-utero e/o le ghiandole mammarie: quella donna avrà delle cisti, allo scopo di fabbricare più estrogeni per una nuova ovulazione, un nuovo slancio produttivo, mirato alla conservazione della specie e se non risolvera’ al piu’ presto il problema spirituale, con il tempo potra' nascere un tumore in quelle zone.
Queste iniziali cisti quindi non sono una malattia, ma “sintomi” di adattamento allo stress intenso subito e non risolto, cioe’ digerito, compreso, accettato come necessario per se stessi.
I tumori alle mammelle od alle ovaie/utero non sono una malattia=
sintomo, ma soluzioni di tentativi di guarigione, nel senso che il corpo fisico retto e controllato dall’inconscio, crea la soluzione adatta affinche’ il soggetto cerchi le soluzioni comportamentali ai sintomi creati.
Con questa antica-nuova visione del mondo, il sintomo ci appare come un adattamento biologico di sopravvivenza.
Attraverso questo semplice ragionamento, comprendiamo che la malattia, il sintomo, può presentarsi come una soluzione biologica di sopravvivenza dell’individuo, del gruppo o della specie, per indicare al soggetto, gruppo, specie che deve cambiare atteggiamenti per risolvere il problema malattia=sintomo.
La biologia non fa niente per caso. L’inconscio guida e controlla la mente e quindi, il corpo-sistemi-organi-tessuti-cellule-geni….; esso e’ parte intrinseca della nostra mente; esso risiede nel cervello di sotto (cervello enterico) ed ha una precisa funzione: aiutarci nella nostra sopravvivenza, facendosi che le nostre azioni siano conformi alla via della nostra evoluzione Spirituale
(accumulo dell'in-form-azione per se e per l'Universo nel quale siamo).
Possiamo constatare che è all’opera un’intelligenza “nascosta”, e che non vi è malattia senza un suo significato “nascosto“, i vari sintomi dell’unica malattia esistente, sono sempre una reazione a qualcosa di distante che è diventato invisibile. Di solito noi vediamo solo le reazioni, la parte immediatamente visibile, i sintomi, mentre esiste un’azione dimenticata, divenuta invisibile alla prima osservazione.
Talvolta abbiamo l’impressione che la natura si impenni, che ecceda, ma è di capitale importanza andare in cerca dell’azione che è dietro la reazione.
Qualsiasi
sintomo è presente per indicare e curare ciò che lo ha provocato, l’obiettivo essendo in ogni caso quello di sottrarci allo stress cronico, quale che ne sia la forma.
Potrà sembrare un po’ paradossale, se non addirittura provocatorio, dire che le nostre malattie sono fatte per guarirci…ma e’ meglio dire che esse sono l’unico mezzo che la natura ha inventato per insegnarci la vera e giusta strada per la salute, se ascoltiamo i sintomi che il nostro corpo ci invia e ricerchiamo le cause Spirituali (errata informazione comportamentale) e concause del nostro male e le eliminiamo.
La malattia ci mette davanti ad una parola, ad un avvertimento, ad una o piu’ informazioni che hanno uno scopo, l‘indicazione della via da percorrere, e noi siamo sempre liberi se stare ad ascoltare o no, se decifrare il messaggio o no, se percorrerla o meno.
La malattia è dunque un’occasione supplementare di sopravvivenza e di evoluzione Spirituale: se mi abbronzo, non e’ per bruciarmi; ma se rimango troppo esposto al sole per giorni e giorni di fila, mi ustionero' comunque.
Qualsiasi malattia, cioe' qualsiasi
sintomo, risponde a un’intenzione evolutiva e quindi positiva, la malattia e‘ di fatto  un bene allo stato potenziale.

Abbiamo detto, all'inizio di questa pagina, che l'origine ed il senso del Progetto Vita e' l'osservazione da parte dell'Infinito (da parte di tutti i suoi enti/punti) del finito e viceversa, cioe' l'osservazione-riflessione dell'UniVerso, da parte dei tendenti infiniti Buchi/Enti (Esseri Viventi), in un colloquio informazionale tendente all'Infinito, fra l'osservatore dell'UniVerso e l'Infinita' e come abbiamo gia' piu' volte affermato, tutte le cosiddette impropriamente "malattie",
in verita' solo sintomi, sono sempre di origine "psicosomatici" (*PN), cioe' un blocco o malfunzione della comunicazione dell'informazione dal corpo alla Psiche (Spirito) e viceversa e da e per il Vuotoquantomeccanico e quindi da per l'Infinita'), mediante il noto meccanismo:
Spiritual-Psico-genetico-cellular-tissutal-neuronal-gastrointestinal-immunologico-endocrino-organico-sistemico

(*PN) PNEI (ideologia-modello incompleto se non tiene in considerazione la complessita' delle interazioni fra osservatore ed Infinito, per mezzo dei Campi Psico / elettromagnetici, sonori - vibratori di comunicazione dell'in-form-azione, vibrazione-frequenza, fra i vari enti/punti a tutti i livelli subatomici, atomici, molecolari, cellulari, DNA, tissutali, organici, e sistemici e quindi Psichici, cioe' Spirituali) e tutto cio' avviene su un terreno fisiologico in disordine.

La nozione di malattia “psicosomatica” e quindi somatopsichica, cioe' di “reazione biologica”, sottintende una fondamentale unità della vita, l’adesione o meno al Progetto di Vita, che si esprime in miliardi di modi diversi, e nel singolo soggetto, attraverso la vita psichica, le emozioni, i suoi corpi… che alle volte si ammalano ogni qual volta che e’ necessario a quell’essere per la sua personale evoluzione spirituale verso la consapevolezza e la conoscenza del Progetto Vita stesso...all'InFinito.
Tutti i malati ed i veri medici, hanno ormai il presentimento che ci sia qualcosa che cerca di esprimersi, e che il
sintomo non sia solo l’effetto del caso; ma cosa significano quel o quei sintomi, e quella malattia ?
Cos’e’ che cerca di esprimere attraverso gli organi che parlano fornendo sintomi ?.
Vi è chi pensa (erroneamente) vi siano malattie psicosomatiche da un lato e malattie non psicosomatiche dall’altro, ma non si capisce bene come si possano suddividere le malattie in psicosomatiche e non psicosomatiche.
Esempio: Anche quando un soggetto passando per la strada, riceve sulla testa una tegola, e’ un trauma psicosomatico !
perche’ ? perche’ egli si e’ trovato in preciso istante a passare sul marciapiede ove stava precipitando una tegola ?
semplice, perche’ il suo inconscio lo ha portato proprio in quel secondo ad essere li’ sotto a ricevere sulla testa quella tegola !
E cosi’ e’ in tutte le nostre azioni importanti; le dobbiamo “percorrere” per imparare qualcosa, oppure per terminare la nostra esperienza in questo spazio-tempo.
L’uomo e quindi l'essere vivente in generale, infatti, è un’unità indissociabile: se riusciamo a capire che non una sola cellula del nostro corpo può sfuggire al "controllo" dell'Ego/IO/mente/cervello, e che neppure una parte della mente-cervello può dirsi autonoma, indipendente dal controllo del pensiero conscio o inconscio, allora incominciamo a capire che non vi è assolutamente alcuna malattia che non possa dirsi psicosomatica, giacché non vi è alcuna cellula del corpo che possa sfuggire alla psiche-mente-cervello.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Ho un corpo per guarirmi  - Estratto dall’omonimo libro di Christian Flèche, Edizioni Amrita, 2008
Il bio-shock
All’origine di ogni
sintomo (fisico, organico o funzionale; psichico, legato a turbe comportamentali, psichiatriche, o a una situazione di fallimento; sotto forma di malattie genetiche o infettive) c’è un evento che chiamiamo bio-shock, ossia il trauma. Si tratta di un evento esterno percepito dai cinque sensi che… gli danno un senso.
Le nostre vite quotidiane sono disseminate di conflitti più o meno grossi, più o meno drammatici; una disseminazione paragonabile alle stelle di cui è trapunto il cielo notturno, nel quale esse formano delle costellazioni. Ma è ovvio che non tutti questi shock, non tutti questi conflitti, si evolvono necessariamente in una malattia, in quanto, perché questo avvenga, bisogna che siano rispettate certe condizioni:
drammaticità e conflittualità: si tratta di una sorta di turbine che ci ghermisce, che ci mette sotto stress. Il conflitto ci lavora dentro, a volte inconsciamente, ma incessantemente. Scoppia prima di quanto si pensi. E non è di tipo psichico: è quando vede i leoncini cadere nel burrone, che il cuore della leonessa si impenna. Da quell’istante in poi non ha più pace.
C’è dunque un conflitto fra l’interno e l’esterno, fra ciò che desideriamo, le nostre aspirazioni, i nostri bisogni da un lato, e ciò che è reale o possibile;
imprevedibilità: lo shock non è qualcosa che possiamo prevedere. È una sgradevole sorpresa a cui non siamo preparati, e viene recepito come un fulmine a ciel sereno. È soggettivo e incontrollabile. Può essere una semplice parola che risuona dentro di noi come un tuono quando non v’è l’ombra di un temporale in vista. Si avvia in un istante: non è che ci ammaliamo lentamente; c’è un “prima” e un “dopo” lo shock.
isolamento: il conflitto è ricoperto da uno strato di silenzio. Per una ragione o per un’altra, quel sentire che è collegato allo shock viene vissuto in isolamento. Gli altri sanno talvolta della situazione, ma ciò che non conoscono è il nostro sentire. Conoscono l’evento, vedono la cosa, ma non conoscono ciò che proviamo. Non siamo stati ascoltati, né compresi, né gli altri si sono uniti a noi. È dunque il nostro sentire, e non l’evento di per sé, che viene vissuto in isolamento.
In terapia, fintanto che parliamo dell’evento senza mai parlare del nostro sentire, non si guarisce. Un fatto importantissimo dal punto di vista terapeutico è sapere perché quello shock sia stato vissuto nell’isolamento: perché non siamo riusciti a parlarne ?

Irrisolvimento del Conflitto: Le tre fasi dell’unica malattia =
AMMALAMENTO
In seguito a uno shock, il corpo entra nella prima fase della malattia, in cui reagisce allo stress. L’obiettivo di questa prima fase è dirigere la vita verso una soluzione durevole. In certe condizioni, la malattia stessa può essere portatrice della soluzione.
Dal momento dello shock, l’individuo entra in conflitto biologico, in fase di “conflitto attivo”, in fase di stress, alla quale ne seguiranno altre due. La malattia è una specie di sistema di attesa di una soluzione soddisfacente, e il ruolo dello stress sarà di orientare l’individuo verso la ricerca di tale soluzione. Una volta trovata, ecco che la vita passa immediatamente in una seconda fase, dove non vi sono più conflitti, niente più problemi, niente più drammi: la fase di ricostituzione, di riposo, riparazione, durante la quale la persona può avere sintomi di stanchezza o di infiammazione.
Compare infine la terza fase, quella della soluzione definitiva del conflitto, del ritorno integrale alla salute.

Come un conflitto irrisolto si “imprime” nel corpo
In ogni conflitto ce ne sono diversi, perché ad ogni vissuto emozionale si congiungono tanti vissuti emozionali diversi. Non esiste infatti un “sentire” solo, allo stato puro; c’è sempre o un insieme di cose che vengono “percepite” oppure un insieme di eventi, che danno luogo a molteplici sentire.
Il
sintomo, quale che sia, esprime sempre il congiungersi di almeno due “sentire”: se una persona ha un conflitto di paura e la sua modalità percettiva dominante è visiva, potrà sviluppare problemi di miopia; se quella paura verrà vissuta in chiave respiratoria, allora avrà una laringite; se la vivrà in chiave digestiva, per esempio le verrà il vomito.
Ogni essere umano ha un suo modo peculiare di stare al mondo, che dipende sia dallo stato dei suoi organi percettivi (dalle capacità degli occhi, delle orecchie, e così via) sia dalle sue scelte percettive (gli organi in cui immagazzina l’informazione: la percezione esterna precede la percezione interna, e i filtri di entrambe si assommano). […]
Occorre allora fare attenzione al modo particolare in cui ciascun individuo manifesta la sua “proiezione privata” del mondo.
Quindi, TUTTO cio’ che NON si esprime, si imprime nell’organismo (NdR: e l'ammalamento inizia (fisiologicamente) nella intossicazione ed infiammazione della microcircolazione).

I parametri dell’osservazione clinica
L’apparato interessato
Il primo fattore di convergenza, l’apparato in cui si imprime il dramma, sarà anche il primo parametro della nostra osservazione clinica. La persona si presenta infatti al terapeuta un problema respiratorio, cardiaco, cerebrale, e così via.

Il tessuto interessato
Il secondo fattore, la sotto-nota conflittuale, costituisce il secondo parametro di osservazione: si tratta del tessuto, ossia della parte dell’organo che è ammalata. In ogni apparato si trovano muscoli, ghiandole, nervi, vasi sanguigni, vai linfatici, mucose, tessuto connettivo e così via, e la patologia dell’intestino esprimerà diversi sentire conflittuali se si tratterà di blocco intestinale, tumore della mucosa intestinale, incapacità di assorbire il nutrimento e così via.

Il più e il meno: cancellare o aggiungere
Interviene allora un terzo parametro: si può vivere il proprio dramma conflittuale come un “eccesso di negativo” (un’aggressione) o come una “mancanza di positivo” (separazione). Nel primo caso, la nostra soluzione sarà di cancellare qualcosa, mentre nel secondo la nostra reazione sarà di aggiungere qualcosa. Ogni cellula corporea ha questa duplice possibilità: sentirsi separata, oppure aggredita. Esempio

Come si esprime il dramma ?
Questo è il quarto parametro. Ogni dramma, o conflitto, può esprimersi su differenti piani della realtà: psichico, cerebrale, fisico, comportamentale, professionale…una persona che vive un conflitto di separazione, ad esempio, potrà esprimerlo…
L’espressione del conflitto avrà luogo nell’ambito permesso e reso possibile dal contesto socio-familiare, in funzione dell’educazione, della cultura e delle credenze personali.

Quale parte del cervello è interessata ?
Noi siamo la somma dei quattro stadi embrionali presenti nella costituzione degli organi e delle quattro famiglie dei nostri “vissuti emozionali”, ciascuna delle quali dotata di una sua specificità.

Il sentire conflittuale è biologico, coincide esattamente con il corpo. E’ per questa ragione che bisogna osservare un
sintomo in tutti i suoi più minuscoli dettagli, così da dedurne con precisione il sentire causale.

Il nostro procedimento di ricerca potrebbe dunque essere questo:
Quale apparato è interessato dal
sintomo ?
Quale organo, quale tessuto ?
Si tratta di cancellazione o di aggiunta ?
Quale forma espressiva assume il conflitto ?
Quale stadio biologico ?

Per esempio:
apparato digerente = devo accettare il mondo esterno;
mucosa dello stomaco = il contatto;
ulcera = perdita di cellule, quindi esperienza di aggressività;
quarto stadio = livello sociale; corpo fisico.

In conclusione, in questo caso il vissuto emozionale potrebbe essere: mi sento aggredito nel mondo delle mie relazioni sociali da un contatto imposto, e sono costretto ad accettare il mondo esterno.
Tratto da:  meditare.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

La Malattia e’ quindi, lo ricordiamo ancora, una condizione in cui sono alterate la  Mente - Psiche e quindi la sua forma nel fisico, la struttura o la funzione di un organismo o di una sua parte.
Essa e' quindi una malattia (nel fisico)
MULTIFUNZIONALE = MULTIFATTORIALE e nello Spirito MONOfattoriale = la somatizzazione dell'Ignoranza.
La malattia è anche un "processo evolutivo che pero' porta
SEMPRE a Consapevolezza" che può giungere alla guarigione, oppure cronicizzarsi o condurre a morte.
Secondo la medicina ufficiale, le malattie sono numerosissime (decine di migliaia) e classificabili con vari criteri:
- malattia congenita
, presente alla nascita; in senso stretto sarebbero le malattie ereditarie, ma alcune di esse possono in realtà essere state acquisite durante la gravidanza;
- malattia acquisita
, contratta dopo la nascita, ma la suscettibilità ad alcune di esse può avere basi ereditarie;
- malattia metabolica,
dovuta ad alterazioni congenite del metabolismo, consiste per lo più nell'assenza od alterazione di determinati enzimi;
- malattia infiammatoria
, caratterizzata dal suffisso -ite, è prodotta da agenti che provocano infiammazione;
- malattia degenerativa
, caratterizzata dal suffisso -osi, è prodotta da fattori che causano il deterioramento dei tessuti;
- malattia neoplastica
, dovuta a trasformazione tumorale dei tessuti;
- malattia organica
, quella che presenta evidenti alterazioni nella forma e nella struttura degli organi;
- malattia funzionale
, quella in cui risulta alterato il funzionamento degli organi;
- malattia contagiosa
o infettiva, quella il cui agente responsabile (microrganismo, virus) può essere trasmesso;
- malattia professionale
, contratta a causa di determinate lavorazioni.

Una ACIDOSI produce una lesione mitocondriale (l'ammalamento inizia, fisiologicamente, nella intossicazione ed infiammazione della microcircolazione), e quindi inizia il processo di malnutrizione della cellula = intossicazione endo cellulare) provoca un deficit delle funzioni cellulari e quindi anche un deficit energetico, il mitocondrio non produce elettroni come dovrebbe, se si supera un certo limite di stress, lo stato-cellula produce una reazione per affrontarlo; questa reazione e' da noi definita come MALATTIA.
La realta’ e’ che i vari nomi che si danno nella medicina ufficiale alle varie malattie, sono i nomi dei vari sintomi che si presentano e non malattie vere e proprie; in Medicina Naturale affermiamo che la malattia e’ UNA SOLA con tendenti infiniti sintomi diversi da soggetto a soggetto !
Essa segue il percorso, come abbiamo gia detto sopra, ed  in sintesi:
PsicoNeuroGastroIntestinalEndocrinoImmunoGenetico
, deprimendo quindi le difese di reazione immunitarie naturali.
Inoltre la malattia, qualsiasi sintomo abbia, si trasmette facilmente attraverso il DNA alle future generazioni, divenendo sempre più precoce, pericolosa e virulenta.
vedi anche:  Perche' nasce la malattia ? + I postulati di Koch + Catene Concausali  +  DOTTRINA TERMICA  +  Riordino del pH del Terreno  +  Protocollo della Salute  +  Stress Ossidativo Igienismo + Perche' vaccinare ?

Quindi per riassumere:
La MALATTIA (Morbo o Male od Affezione)
e', in OGNI sua forma (sintomo) una malattia Multifattoriale, cioe' significa che essa ha piu' Cause (qualsiasi essa sia) e concause; in particolare le Cause lo ricordiamo, sono fondamentalmente 2:
- la Prima di ordine Spirituale (la mancanza di informazioni Giuste sul come stare bene, genera il Conflitto Spirituale fra il desiderio dello stare bene = piacere alla vita ed il suo contrario = la sensazione dell'entrare nel giro vizioso implodente dello stare male +  l'emotivita' eccessiva legata alla paura del non riuscire a capire come stare bene, fino a quella del dolore e della paura della morte con lo stress che ne deriva).
- la seconda fisiologica, fisica (la perdita dei giusti rapporti bioecologici corporei =
ACIDOSI - Bio Elettronici - e l'inizio della malfunzione cellulare, organica, sistemica, generata dagli errori spirituali compiuti contro la vita sana e quindi il corpo che e' la manifestazione del pensato e dell'etica comportamentale, somatizza giustamente questi errori, generando quello che noi oggi chiamiamo "malattia", per indicarci che dobbiamo cambiare rotta = Comportamenti.
Queste sono le cause multifattoriali di OGNI malattia.
Occorre anche dire che OGNI sintomo, cioe' "malattia" vissuta, se curata con farmaci tossici genera a sua volta intossicazione, ed ulteriori infiammazioni e quindi porta all'aggravamento dello stato di malattia, generando altra paura + stress e quindi il Conflitto Spirituale si allarga e diviene piu' intenso in un giro vizioso (buco nero) che conduce e termina  SOLO con la morte del soggetto.
L'unica via da percorrere e' quella che insegna la Medicina Naturale: fare a ritroso la strada percorsa fino al momento del capire di essersi ammalato ed eliminare contemporaneamente le Cause Spirituali + quelle fisiologiche eliminandole TUTTE nel piu' breve tempo possibile, compatibilmente alla capacita' di eliminazione delle
ACIDOSI, intossicazioni, infiammazioni ecc., del soggetto, per non andare incontro ad una grave Crisi di Eliminazione:
vedi Legge di Guarigione
  +  La teoria dei Germi e' Falsa  +  Come nasce la malattia ?   +  Igienismo


Malattie genetiche
:
Le malattie genetiche sono malattie causate da un'alterazione del patrimonio genetico (DNA) che, nella maggior parte dei casi sono ereditarie. Non tutte queste patologie sono trasmesse alle generazioni successive in quanto il patrimonio genetico di un individuo può subire modificazioni, mediante fattori esterni (es.: radiazioni nucleari, vaccinazioni, farmaci ecc.), anche dopo la nascita e, se queste mutazioni non coinvolgono le cellule germinali (spermatozoi nel maschio e ovuli nella femmina), la persona che ne è portatore non la trasmetterà ai propri figli. È questo il caso del cancro, malattia genetica in genere non ereditaria.

Le malattie genetiche si possono dividere in monogeniche o mendeliane (alterazione di un singolo gene), cromosomiche (alterazione del numero o della struttura di uno o più cromosomi), multifattoriali (concorrono più geni ed intervengono fattori esterni affinché si instauri la malattia); a queste si aggiunge una categoria particolare, quella delle malattie mitocondriali (del moticondrio).

Malattie  ereditarie:
Una malattia ereditaria è qualcosa che viene trasmesso dai genitori ai propri figli. Sei nato con questa malattia, che non puoi contrarre come se fosse una malattia infettiva.
Le acquisizioni scientifiche degli ultimi decenni hanno dato un notevole incremento alle conoscenze delle basi biologiche di molte malattie dette "ereditarie". In particolare, gli studi compiuti sul DNA hanno permesso di individuare i difetti molecolari di numerose malattie genetiche e di mettere a punto test genetici che consentono di effettuare diagnosi precise anche in epoca prenatale.

E tuttavia sono ancora molte le malattie genetiche di cui si conoscono le caratteristiche cliniche e le modalità di trasmissione, ma non il difetto molecolare. Ciò implica che, per queste patologie, non siano disponibili test genetici specifici.

Esistono inoltre molte malattie genetiche di cui si conosce la modalità di trasmissione e il difetto molecolare, ed è disponibile un test genetico, ma per le quali non esiste ancora una terapia efficace.

Infine, vi sono malattie genetiche definite complesse, che sono quelle maggiormente diffuse nella popolazione generale, come ad esempio il diabete e le malattie cardiovascolari. Queste patologie sono causate da più geni alterati che, insieme a fattori ambientali, contribuiscono allo sviluppo della malattia. Per esse non sono disponibili test genetici specifici.

La medicina ufficiale ritiene che una malattia ereditaria o congenita, ovvero che si determina nel periodo embrionario o fetale, dipenda da un’alterazione genetica; ne consegue il suo convincimento che l’eliminazione di quest’ultima non consenta il manifestarsi della malattia ereditaria.
L’errore di questo giudizio, che per ora soltanto la scienza dello spirito consente di evidenziare, nasce dalla circostanza che l’anomalia genetica non è causa bensì effetto della malattia corrispondente.
Infatti: Si tratta di  malattie ereditarie, o genetiche, che colpiscono diversi organi ed apparati del corpo.  La malattia ereditaria viene trasmessa geneticamente e ciò vuol dire che se un genitore è affetto da ogni figlio ha il 50% di possibilità di esserne affetto.

Se verra’ Vaccinato la slatentizzazione avverra’. (NdR: somatizzazione delle malattie ereditate + Danni dei Vaccini)

La malattia ereditaria, e’  quella malattia che si trasmette da una generazione all'altra secondo le famose leggi Mendeliane dell'eredità e del meccanismo cromosomico con cui nell'ambito della specie e della razza si perpetuano nei secoli i caratteri morfologici e funzionali propri e distintivi di quella data specie e di quella data razza: per un'estesa e particolareggiata descrizione delle tre leggi di Mendel e del meccanismo di trasmissione cromosomica.

Le acquisizioni scientifiche degli ultimi decenni hanno dato un notevole incremento alle conoscenze delle basi biologiche di molte malattie ereditarie. In particolare, gli studi compiuti sul DNA hanno permesso di individuare i difetti molecolari di numerose malattie genetiche e di mettere a punto test genetici che consentono di effettuare diagnosi precise anche in epoca prenatale.
E tuttavia sono ancora molte le malattie genetiche di cui si conoscono le caratteristiche cliniche e le modalità di trasmissione, ma non il difetto molecolare. Ciò implica che, per queste patologie, non siano disponibili test genetici specifici.
Esistono inoltre molte malattie genetiche di cui si conosce la modalità di trasmissione e il difetto molecolare, ed è disponibile un test genetico, ma per le quali non esiste ancora una terapia efficace.

Infine, vi sono malattie genetiche definite complesse, che sono quelle maggiormente diffuse nella popolazione generale, come ad esempio il diabete e le malattie cardiovascolari. Queste patologie sono causate da più geni alterati che, insieme a fattori ambientali, contribuiscono allo sviluppo della malattia. Per esse non sono disponibili test genetici specifici.

Dicesi  quindi malattia ereditaria quella che si trasmette da una generazione all'altra secondo le famose leggi Mendeliane dell'eredità e del meccanismo cromosomico con cui nell'ambito della specie e della razza si perpetuano nei secoli i caratteri morfologici e funzionali propri e distintivi di quella data specie e di quella data razza: per un'estesa e particolareggiata descrizione delle tre leggi di Mendel e del meccanismo di trasmissione cromosomica.

NON esiste grande e sostanziale differenza intercorrente fra malattia congenita e malattia ereditaria.
L'ammalamento inizia (fisiologicamente), lo ricordiamo ancora, nella intossicazione ed infiammazione della microcircolazione).

Le condizioni morbose, o comunque anormali, che risultano ereditariamente trasmissibili sono:

- malattie  vere e proprie, quali  l'emofilia, alcune malattie nervose e mentali, certi difetti del linguaggio, ecc,;

- anormalità  di  sviluppa  somatico  {corporeo),  quali  certe  forme  di  gigantismo e  di nanismo;

- anormalità di struttura anatomica, quali il labbro leporino, l'ipertricosi (cioè l'esagerato  sviluppo dei  peli  su tutto il corpo:  il che, soprattutto nella donna, è un'anormalità), la polidattillia (presenza di dita in soprannumero   alle   mani   od   anche  ai   piedi, che cosi vengono ad avere tal ora fino anche 7 dita), il nei   ecc;

- anormalità di funzione, quali il mancinismo, il daltonismo, l'albinismo, ecc;

- tendenze al vizio, quali quella dell'alcoolismo,   della   supersessualità,   certi   pervertimenti dell'istinto sensuale, ecc;

- stati di predisposizione costituzionale (diatesi)   ad  ammalare  più  facilmente  di  certe malattie (tubercolosi, gotta, obesità, varici, ecc).

Quanto all'ereditarietà o meno dei tumori, v'è tuttora gran discordanza di opinioni tra gli studiosi dell'argomento; i più però sono contrari ad ammetterla, salvo che per pochissime varietà tumorali (gliomi della retina oculare, ecc.} la cui trasmissione ereditaria dai genitori alla prole risulta inequivocabilmente dimostrata e documentata da numerose statistiche cliniche ed indagini sperimentali.
Infine, quanto alla sifilide gia' presente nel neonato, essa e da considerarsi una malattia congenita e non ereditaria,  nonostante che -  con termine improprio, anzi errato - la si   chiami   spesso  eredo-lue  eredo-sifilìde

Aspetti genetici
Le caratteristiche ereditarie di ogni individuo, come il colore degli occhi e il gruppo sanguigno, sono determinate dal proprio corredo genetico, cioè dall’insieme di geni trasmessi dai genitori. Quando avviene un cambiamento nelle sequenze di DNA che costituiscono il gene, questo può funzionare non correttamente per effetto della mutazione verificatasi.
 La probabilità di essere portatore aumenta però per chi appartiene a una famiglia che comprenda un parente diretto vaccinato, ed è tanto più alta quanto più è stretto il rapporto di parentela.
Le mutazioni che i genie possono presentare sono numerosissime, alcune rare o sconosciute, e la loro frequenza relativa può variare in aree geografiche diverse, tanto che i test genetici non sono in grado di individuarle tutte.
Per questo in caso di malattia è opportuno analizzare il DNA del malato (mappa cromosomica), dei suoi genitori e dei suoi nonni, in seguito anche altri parenti interessati potranno sottoporsi al test genetico per accertare se sono portatori della mutazione familiare.

Commento (NdR): Alla fine di queste varie considerazioni, tratte anche da varie enciclopedie di medicina, noi quali cultori della Medicina Naturale, possiamo affermare che queste "varie differenze” fra malattie ereditate e genetiche non sono cosi’ lontane ne’ diverse come si vuol far apparire…..o meglio neppure la medicina ufficiale e’ in grado di definire specificatamente la differenza fra le varie malattie !
In piu' quando un medico non e' in grado di spiegare al malato le cause del suo male, invoca o lo stress oppure il fatto che se egli ha in famiglia qualcuno che si e' ammalato di una malattia simile, quel medico dira' che e' facilmente ereditaria e/o genetica....
L'ammalamento inizia (fisiologicamente), lo ricordiamo ancora, nella intossicazione ed infiammazione della microcircolazione).
Ma e' soprattutto nel caso dei vaccini che realmente si creano mutazioni genetiche (anche occulte - portatori sani) nei vaccinati, mutazioni che sono trasmissibili alla prole, si puo' parlare con certezza di malattie ereditarie e/o di malattie genetiche.


Ricordarsi sempre e comunque che le case farmaceutiche cercano di vendervi qualsiasi cosa.
A loro non interessa se siete malati, se guarirete o se state già bene..... ESSE Vogliono solo che acquistiate i loro prodotti..... e fanno qualsiasi cosa per convincervi, incluso inventare malattie che non esistono.

La Medicina Naturale e' al contrario una medicina Scientifica
Secondo la Medicina Naturale, di fatto la malattia e' UNA SOLA = e salvo il caso di "traumi" fisici (incidenti) o da avvelenamento, avvelenamento da radiazione, intossicazione, (esempio: intossicazione da Vaccino), ustioni, e/o da incidente, ecc., nei quali casi il processo e' immediatamente accelerato, alle volte quasi istantaneo, esso e' normalmente, nel tempo, un lento e progressivo processo di: Errori Etici >
ACIDOSI, intossicazione psichica (Spirito) e/o fisiologica (corpo, inizia nella microcircolazione) > infiammazione > alterazione del sistema enzimatico, della flora batterica > immunodepressione > proliferazione anomala di tossine endo prodotte (dalle mutazioni indotte di enzimi, della flora = batteri + funghi) e/o indotte (con vaccini e/o farmaci e/o cibi, acqua, aria non salubri) > di malnutrizione cellulare e tissutale indotta = sintomi vari a seconda del soggetto e delle predisposizioni ereditate (genetiche-DNA), sintomi con forme-espressioni dell'organismo...tendenti all'infinito....es. come quelle indotte dai vaccini e/o farmaci utilizzati.
Per cui i vari stati = stadi della malattia (che la medicina ufficiale allopatica chiama con vari nomi) sono solo stadi-espressioni del corpo = sintomi che quando si superano sembrano indicare la cessazione della precedente "malattia" = stadio; in realta' trattasi di sintomo che viene "nascosto" piu' o meno scientemente, da quello o da quelli che hanno la predominanza in materia di sanita'...cioe' i medici che ovviamente sono impreparati perche' inginocchiati a Big Pharma che li gestisce, controllando le universita' ove i medici vengono formati, attraverso le "linee guida" della loro istruzione che vengono predisposte dai vari "baroni" servi  e/o indottrinati o pagati sempre da Big Pharma ...!

La malattia, l'UNICA: se i vari stati = stadi = sintomi NON vengono curati in modo adatto con la Medicina Naturale e/o quella allopatica (farmacologica) l'iter della malattia (l'unica malattia) segue il percorso di aggravamento e porta il soggetto se non guarisce, verso il trapianto di organi e/o fino alla morte prematura.
Questo processo di lento avvicinamento alla morte puo' essere interrotto con le opportune terapie, meglio se naturali e non farmacologiche, le quali, queste ultime, debbono essere solo utilizzate DOPO e se non vi sono altre vie NON invasive.

La via chirurgica deve, se necessaria, essere percorsa, ma la o le terapie conseguenti devono in genere seguire la via naturale.
Ovviamente i traumi da incidente in se stessi, esulano in parte nella loro definizione da questi concetti, ma questi processi possono facilmente iniziare e si possono adattare dopo l'attuazione del trauma stesso.

Anche il Cancro nasce, in sintesi, secondo la Medicina naturale, perche' organismo del canceroso e' in
ACIDOSI, intossicato, infiammato, immunodepresso, con l'alterazione di: microcircolazione, enzimi e flora batterica alterata e pH digestivo non regolare (e quindi nutrizione cellulare mancante di minerali e vitamine), e parassitato da certi, parassitibatteri e funghi (candida) i quali producono tossine ed ulteriori infiammazioni, ma e' "gestito" dai Conflitti Spirituali (consci ed inconsci) e dall'intenso stress  -
Esso e' quindi anch'esso una malattia
MULTIFATTORIALE.
Quindi il medico, il terapeuta od il soggetto stesso DEVE operare seguendo la stessa strada percorsa per l'ammalamento.
Cioe' deve lavorare per disintossicare il malato + disinfiammare l'organismo, la microcircolazione, le cellule ed i tessuti interessati, ripristinare il pH digestivo, eliminare quei parassiti, batteri e funghi che hanno proliferato in modo abnorme, per mancanza di antagonisti e rinforzare il sistema immunitario SEMPRE compromesso in TUTTI i malati, cancerosi compresi, ed eliminare il Conflitto spirituale e lo stress cronico esistenti.

Ecco come si spiegano facilmente e logicamente certe cose... con la Medicina Naturale

Ricordarsi anche che le alterazioni degli enzimi, della flora, del pH digestivo e della mucosa intestinale influenzano  la salute,  non soltanto a livello intestinale, ma anche a distanza in qualsiasi parte dell'organismo e che l'ammalamento inizia (fisiologicamente) nella intossicazione ed infiammazione della microcircolazione.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Anatomia  della malattia
Perché alcune persone si ammalano più spesso di altre ?
- perche’ esse hanno una ionizzazione corporea (carica Bioelettronica) atta all’instauramento della malattia, avendo quindi un Terreno piu’ adatto alla malattia (piu' o meno in
ACIDOSI) rispetto ad altri soggetti che hanno Terreno diverso.
 vedi: BioElettronica  +  Matrice
 
Cio’ dipende anche da cio’ che hanno ereditato nel loro DNA, dai trattamenti vaccinali che hanno subito i loro genitori, per via delle mutazioni genetiche che i Vaccini inducono e che si trasmettono alla prole, e dai vaccini che quei soggetti (i figli) hanno ri-subito, chi piu’ chi meno subito da piccoli e dal tipo di alimentazione e quindi di nutrizione cellulare, oltre al tipo di educazione, che hanno avuto fin dalla loro infanzia e dal livello di stress ossidativo cellulare in atto. 
vedi anche : Immunodepressione da Vaccino + Danni dei Vaccini
Questi soggetti , in genere, diventano con il tempo emotivamente deboli, le reazioni del corpo, come quelle della mente si indeboliscono, ed essendo notevolmente rallentate, i riflessi sono quasi a riposo, il sistema immunitario non funziona regolarmente, in parole povere come essere sotto effetto di una droga.
 
Perché alcuni hanno la tendenza ad avere incidenti o traumi ?
E’ perche’ quando succede loro l’incidente, sono assorti nel loro passato o futuro, cioe’ sono distratti (non hanno quindi le giuste ed adatte informazioni sul quel trauma) nel momento nel quale dovrebbero essere maggiormente attenti al “presente”, per evitare di essere trascinati nell’incidente,  questo perche’ il loro inconscio li porta ad essere li’ in quel momento, per fare quella esperienza, in quel caso non vi e’…scampo all’incidente.
 
La malattia ed il malessere fin da piccoli, portano inevitabilmente ad una crescita nomala della personalita’  che puo’ divenire asociale, di tipo violento (contro tutto e tutti, sfogando la propria contrarieta’ non nel modo adatto, ma nel modo piu’ retrivo, con la violenza fisica su cose e persone) oppure genera soggetti di tipo apatico “fracchia”, ai quali si puo’ fare tutto e non si ribellano mai, ma cio’ e’ quello che il sistema attuale del potere retto dai prePotenti del mondo desidera di piu’ per i suoi sudditi. C’è una ragione per cui alcuni ancora trascorrono la loro vita in un’alternanza emotiva, sentendosi bene un giorno e male il successivo ?
Questi soggetti sono parte di coloro che avendo un Terreno propizio alla malattia, alcuni giorni stanno meglio di altri, ma il loro “Terreno” gli impedisce di stare sempre bene.
 
Poi vi sono i “sani”, chi piu’ chi meno a seconda del loro DNA ricevuto  dagli avi ed a seconda dell’alimentazione e dell’educazione e dei trattamenti vaccinali se ricevuti fin da piccoli.
E fra i sani vi e’ ancora da fare una distinzione, fra coloro che hanno acquisito una personalita’ sociale atta da aiutare se stessi, il loro prossimo, la societa’ e l’ambiente  (gli egoisti) e gli altri che al contrario non hanno acquisito una giusta personalia’ egoistica, ma EgoCentrica, che pensano solo a loro stessi, generando quindi malessere e sofferenza attorno a loro.
I capi di tribu’, di popoli, di nazioni, sono, salvo qualche raro caso, personalita’ di quest’ultimo tipo, badano solo a se stesse ed al “gruppo” al quale appartengono.
 
Quando la struttura legale o politica di un paese diventa tale da favorire l’acquisizione di posti di fiducia da parte di personalità del genere, allora in quel paese vengono soppresse tutte le organizzazioni di cittadini che tendono a promuovere la civiltà e ne deriva una barbarie fatta di criminalità e di soprusi economici, esempio: il Signoraggio controllato e gestito dai padroni del mondo.
vedi anche: Illuminati.
Siccome questi ultimi soggetti tendono a non amare ma a sfruttare, essi sono il cancro della societa’ che fornisce loro il terreno adatto al loro insediamento nei posti di potere, perche’ quest'ultima e' composta da tanti “fracchia”…..che non si oppongono a quel tipo di personalita'.
Ecco come nasce il malessere della societa’ ed il dolore in questo mondo: la mancanza di Amor.
Perciò in campi come quelli del governo, delle attività politiche, di polizia (nelle varie sue espressioni), della sanita’ e dell’igiene mentale (promozione della salute psichica, che indissolubilmente legata a quella fisica), solo per nominare alcuni campi, vediamo che è importante essere capaci d’individuare ed isolare questo tipo di personalità, in modo da proteggere la società e i singoli dalle conseguenze distruttive derivanti dal lasciare a costoro mano libera nel danneggiare gli altri, nei posti di comando.
Poiché questi ultimi costituiscono solo il 20% della popolazione e visto che solo il 2,5% di essi è veramente pericoloso, vediamo che, compiendo uno sforzo davvero modesto, potremmo migliorare considerevolmente lo stato della società.
Anche nelle famiglie che vanno a pezzi, di solito troviamo che l’una o l’altra delle persone coinvolte presenta una personalità di questo tipo.
Visto che l’80% di noi sta cercando di andare avanti e che solo il 20% cerca d’impedircelo, le nostre vite sarebbero molto più facili da vivere se fossimo bene informati sulle esatte caratteristiche di personalità del genere. In tal modo potremmo individuarle risparmiandoci fallimenti e grandi patemi d’animo.
vedi: Leggi Cosmiche + Legge di Guarigione
+ I postulati di Koch + Le 3 zone della medicina moderna

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Cura dell’anima e del corpo nel Medioevo
La presenza della malattia nella nostra vita è talmente importante e densa di significati che riesce difficile capirne la natura concettuale e anche metaforica. Il grande storico della medicina Mirko Grmek affermava che, in quanto metafore o enti concettuali, le malattie non esistono oggettivamente. Tutte le malattie sono concetti che non derivano immediatamente dalla nostra esperienza. Sono modelli esplicativi della realtà, ma non atti costitutivi della realtà stessa.

Le malattie, secondo Grmek, non esistono veramente se non nel mondo delle idee.
Interpretano una realtà empirica complessa e presuppongono una certa filosofia medica. Le malattie cominciano ad esistere solo quando sono percepite come tali, acquisiscono un nome (che può cambiare a seconda delle epoche storiche) e provocano una determinata risposta da parte del malato o del medico che le cura.
La definizione di malattia cambia con il variare degli strumenti conoscitivi tipici di un’epoca; oltre a riflettere il ruolo sociale e istituzionale che le malattie hanno in una data società e cultura. Una delle conquiste culturali più importanti della medicina degli ultimi due secoli è l’aver dimostrato che sano e malato non sono due entità in opposizione. Per cui la malattia è l’assenza di salute e la salute è l’assenza di malattia.
Si tratta, invece, di due entità profondamente diverse, che hanno strutture concettuali, metaforiche ed esplicative separate.
Si può studiare la storia della malattia, oppure la storia della salute. Nelle medicine arcaiche, la malattia è concepita come un evento "magico-religioso".
Le due categorie principali di malattia sono quelle legate alla “invasione da parte di un’entità esterna”, fisica o immateriale, e “alla perdita di spirito”.
Nel primo caso i sintomi sono legati al dolore; nel secondo alla debolezza, alla mancanza di forze e di coscienza.
La malattia è concepita insomma come il risultato o di una presenza esterna (un demone, un maleficio) o di una mancanza da parte del malato (un peccato, una trasgressione di regole sociali o religiose).
La medicina razionale, sin dal suo sorgere in Grecia, elabora un modello dinamico. Fondato su variazioni di sottili equilibri all’interno del corpo. Si definiscono in questo modo due modelli, due concetti di malattia, che in gran parte sopravvivono ancora oggi. Secondo la definizione ontologica, che si ritrova nella teoria magica del demone, ma anche in alcune teorie microbiologiche e nel linguaggio comune, la malattia “esiste”: è un’entità indipendente dal malato.
Secondo la definizione fisiologica o funzionale, invece, la malattia è una deviazione delle funzioni e delle strutture normali del corpo o dell’anima. E non esiste separata dal malato.
Fra i due concetti, ontologico e fisiologico, vi è una differenza qualitativa importante, che ha applicazioni immediate anche nelle politiche sanitarie. Per il primo, vi è una discontinuità netta fra salute e malattia. Mentre per il secondo vi è una continuità sostanziale fra patologico e normale. La medicina è dunque un complesso campo d’indagine, che vede intrecciarsi saperi e tecniche molteplici con il fine di alleviare la sofferenza del malato.
Medicina e antropologia si trovano così inevitabilmente collegate. Eppure tale nesso rischia di perdersi nella sanità contemporanea. Per cogliere a fondo le cause della deriva ipertecnologica dell’attuale pratica medica, risulta utile ripercorrere il dibattito medievale sull’arte medica.
La teologa Teodora Rossi, docente alla Pontificia Università San Tommaso, ha curato un prezioso volume su questi temi: “Minister naturae. Cura dell’anima e del corpo nel Medioevo” (Angelicum University Press, 300pp.). I dualismi tipici della scienza moderna post-cartesiana, come quello mente-corpo, sono estranei al pensiero medievale.
I contributi di G. Cosmacini, A. Di Maio, U. Galeazzi, B. Ippolito, S. Leone, A. Menghini evidenziano che l’uomo è visto come un’unità psico-somatica.
A fronte di un’esasperata specializzazione delle scienze contemporanee, rimarca Orlando Todisco, “è auspicabile che tale unità psicosomatica ritorni al centro dell’attenzione di ricercatori scienziati e filosofi”.
La medicina dell’anima, la teologia, ha tuttavia il primato su quella del corpo. L’arte medica può, d’altro canto, aiutare con la sua conoscenza della natura, la comprensione delle realtà soprannaturali. I saggi di F. E. Negro, M. Parodi, C. Selogna, G. Rossi, T. Rossi, A. Wilder e M. M. Rossi mostrano lo sforzo della medicina medievale per riportare l’intera fenomenologia del corpo ad alcuni principi assoluti.
Il volume illustra questioni ancor oggi cruciali: la relazione fra medico e paziente, il rapporto fra cause interne e cause esterne all’origine della malattia come della guarigione, le dinamiche naturali che determinano le reazioni dell’organismo, la ricerca del benessere fisico come simbolo di una perfettibilità morale e quindi di un percorso dell’uomo verso un obiettivo spirituale più alto.
Il costante riferimento alle tesi di Tommaso d’Aquino, ammiratore senza riserve della scienza medica, percorre tutto il libro.
Di fronte al prevalere in ambito sanitario di visioni impersonali e meccanicistiche del soggetto sofferente, la sintesi tra aristotelismo e teologia cristiana operata dal Dottore Angelico appare ancor oggi feconda di molteplici suggestioni.
By Pasquale Rotunno
Tratto da: http://www.avanti.it

Commento NdR: Secondo la Medicina Naturale tutto cio' ha senso reale in quanto la Vera Realta' e' SOLO di ordine Spirituale (virtuale), cioe' essa appartiene il mondo dello Spirito, quello delle idee. Ma quando le i-dee, scendono nella "materia", essa assume la forma (possessione demoniaca) e la funzione dettatagli dallo Spirito = In-Form-azione (in essa contenuta), divenendo materia-informata, ovvero materia Spirituale.
Quindi la malattia (il dolore) e' un'espressione dello Spirito (Ego/IO dell'essere) il quale DEVE passare attraverso questa esperienza (perche' l'ha creata consapevolmente od inconsapevolmente Lui stesso) per attraversare l'esperienza che gli e' necessaria per comprendere certe cose che la Sua mente gli ha impedito fino a quel momento di capire.

I "demoni" non sono solo altro che le i-Dee errate (che ci ammalano per i comportamenti incoerenti, errati che compiamo, rispetto alle Leggi dell'UniVerso) ed il voler  "resistere" - opporsi - non accettando e/o risolvendo le situazioni (conflitti irrisolti) che ci autocreiamo, diviene indispensabile l'inserirci (consapevolmente od inconsapevolmente) anche nella "malattia", cioe' nella esperienza profonda e necessaria per la nostra Essenza-Mentale, lo Spirito (vedi: Mente) che devono evolvere verso la Perfezione, generano il corpo di dolore, se non eliminano le cause Psico-fisiche, con la Medicina Naturale !

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Ecco la dimostrazione che la malattia genera Mutazioni Genetiche, cosi' come i Vaccini
Il malato è sequenziato:
Confrontando DNA di tessuto sano e canceroso di una singola persona, sono state scoperte otto nuove mutazioni legate alla malattia. Lo studio su Nature. 
Decodificato per la prima volta il genoma completo di una persona malata di cancro. Il confronto tra il Dna di tessuto canceroso e normale di una donna malata di leucemia mieloide acuta (Aml) ha permesso di individuare dieci mutazioni nel genoma delle cellule tumorali, di cui otto finora sconosciute, che sarebbero legate alla malattia. I ricercatori della Washington University School of Medicine (Usa), coordinati da Richard K. Wilson, hanno presentato i loro risultati su Nature.
Gli scienziati hanno prelevato un campione di tessuto normale dalla cute e uno di tessuto tumorale dal midollo osseo di una paziente affetta da Aml - tumore che colpisce le cellule midollari che producono i globuli rossi. Successivamente hanno decodificato il Dna dei due tessuti, confrontando a coppie tutti tre miliardi di basi di cui erano composti i genomi, per risalire alle differenze caratteristiche della malattia in quella singola persona.
Sono state dieci le mutazioni individuate, due già note, otto mai collegate prima alla malattia. Di queste ultime, tre sono state trovate in geni che normalmente possono bloccare la crescita del tumore (per esempio nel Ptprt, il tyrosine phosphatase gene, spesso alterato nel cancro al colon). Quattro modificazioni invece coinvolgevano geni che regolano le vie molecolari che promuovono lo sviluppo tumorale – in particolare a una famiglia di geni, espressa solitamente nelle cellule staminali embrionali, che potrebbe stimolare il rinnovo cellulare. Un’ultima alterazione disturbava invece il trasporto dei farmaci nella cellula.
Secondo gli scienziati, queste mutazioni sono avvenute una dopo l’altra, aggiungendo ognuna qualcosa di nuovo al tumore.
I ricercatori hanno anche verificato se le otto nuove mutazioni riscontrate fossero presenti nel Dna di altri 187 pazienti affetti da leucemia, ma nessuna di loro è risultata presente. “La variabilità nelle alterazioni genetiche sembra enorme, anche in una singola malattia come l’Aml”, conclude Wilson. (e.r.)
Tratto da: galileonet.it

Commento NdR: In realta' non e' la mutazione, in questi due casi, che genera la malattia, bensi' e' il sintomo-malattia che imprime sul DNA la mutazione.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Che cos’è la Dentosofia ? Scopritelo leggendo questo estratto dal libro "Denti & Salute" dalla salute della bocca alla salute del corpo (By Michel Montaud), per scoprire un metodo rivoluzionario che mette in luce il legame tra denti, corpo e psiche.

Definizione di Dentosofia (o Saggezza dei Denti):
“Terapia caratterizzata da un approccio umanistico all’arte dentistica e che si basa su tecniche funzionali evidenziando il legame tra l’equilibrio della bocca, l’equilibrio dell’essere umano e, in senso più lato, quello del mondo intero”.
Ma cosa significa tutto ciò ? Esisterebbe un legame tra i denti, l’essere umano e il mondo ! Come si può fare una simile affermazione ?
L’essere umano porta dentro di sé i quattro regni: il regno minerale, il regno vegetale, il regno animale e il regno umano.
Lo smalto dei denti è costituito unicamente di minerali. Si tratta del regno più arcaico nell’essere umano, dove si fissano le memorie e i conflitti più antichi. La bocca può essere utile per decifrare questi elementi, che vi sono impressi.
Per divenire un essere umano per intero, è necessario avere una certa apertura di spirito, una certa capacità di credere, senza prove, ad alcune cose che vanno aldilà della nostra comprensione”. (By Martha Nussbaum)
Da molti anni, il nostro lavoro comune ha messo in evidenza legami inconfutabili tra l’equilibrio della bocca, l’equilibrio dell’essere umano e, di conseguenza, quello del mondo, dato che siamo proprio noi esseri umani a creare il mondo in cui viviamo.
Allora, che legami vi sono tra la bocca, l’uomo e il mondo ?
Un essere può rivelare se stesso attraverso la propria bocca ? Utopia ? Realtà ? La bocca e i denti ci parlano.
Ascoltiamoli, guardiamoli, comprendiamoli.

Ci racconteranno la nostra storia e ci permetteranno, se noi lo decidiamo, di guarire.
Ma...Che cosa significa guarire ? Guarigione è una parola della cui portata non sempre ci si rende conto. Certo, tutti pensano di comprenderla. Nel corso della prima visita, pongo spesso ai miei pazienti la seguente domanda: “La turbo se le dico che il solo medico adatto a lei è lei stesso ?”.

Da millenni, i più grandi saggi situano il potere di guarigione all’interno dell’essere umano. Non sono in tanti a meravigliarsi di fronte a questa affermazione. In generale, i pazienti non sono sorpresi e annuiscono. Allora aggiungo: “Se siamo per davvero il medico di noi stessi, per quale motivo allora andare a consultare qualcun altro, quando ci ammaliamo ?”.
La risposta è sistematica: “Non si può risolvere tutto da soli”. Questo potrebbe sembrare giusto. Quindi, ci rivolgiamo a un terapeuta, i sintomi spariscono e a questo punto si parla di guarigione.
Ma quando siamo il medico di noi stessi, in tutta questa storia ?

Infatti, quando i pazienti parlano di “medico interiore”, pensano soltanto ai poteri di autoguarigione dell’essere umano.
Si tratta, per esempio, del sistema immunitario, della cicatrizzazione, della saldatura delle fratture, tutte cose che avvengono da sole, senza il nostro consenso e che si trovano al di sotto del livello della coscienza. La guarigione può essere ridotta a questo ?
Allora, che cosa significa guarire ? Guarire, è recuperare la salute.

Che cos’è la salute ? È “lo stato di qualcuno il cui organismo funziona normalmente” (dal vocabolario della lingua francese Larousse).
Che cos’è un funzionamento normale ? Per la maggior parte delle persone significa: non ammalarsi. Dunque, quando ci si chiede: “Che cos’è la salute ?”, “Non essere ammalato” è la risposta più frequente. Il linguaggio popolare offre, come definizione di una parola, la negazione del suo contrario. Bene, questo è impossibile. La definizione di una parola non può basarsi sul suo contrario.
Ci scontriamo con un’evidenza: nel linguaggio popolare, non si trova una definizione per la parola salute.

Lo stesso può essere esteso alla parola guarire. Se non si trova alcun significato per queste parole, vuol dire che da qualche decennio si sta ragionando in modo sbagliato. Possiamo riformulare la definizione di salute nel modo seguente: Significa guarire, sistematicamente, quando si è ammalati. Ciò è completamente diverso da “non avere malattie”. La salute è la facoltà di utilizzare i propri processi di autoguarigione in ogni momento. È un processo fisiologico della vita.

Mi spingo un po’ oltre con questa riflessione. I processi di autoguarigione sono in attività incessantemente. Ci si confronta, ogni secondo, con germi (virus, batteri...), con aggressioni termiche (per esempio, grandi sbalzi di temperatura) e ciò che in campo medico viene chiamato fisiologia (ovvero lo stato normale) non è altro che la capacità vitale dell’essere umano di adattarsi continuamente.
Tutti questi processi si attivano senza l’intervento della coscienza. Ma quand’è che finisce l’adattamento e inizia la malattia ?
Si potrebbe rispondere: “Quando vengono oltrepassate le capacità di adattamento, si instaura la malattia ?”.

Ma dove si trova il confine tra adattamento e malattia ? È l’essere umano a definirlo. Infatti, ad esempio, nel caso della febbre, è il corpo stesso che produce l’aumento della temperatura. Si tratta, quindi, sempre di un adattamento del corpo, ma in questo caso l’adattamento è vissuto in modo cosciente e la febbre è considerata l’inizio di una malattia. Viene chiamata sintomo, ed è un sintomo che non resta più a livello inconscio.

Eppure, se il corpo produce la febbre quando ce n’è bisogno, vuol dire che ha il potere di farlo, esattamente come si respira con la bocca quando ci si tappa il naso. Nessuno forza l’organismo ad aumentare il suo calore interno. Si tratta di una funzione biologica naturale, totalmente inconscia, con l’obiettivo di bruciare certi “aggressori”. È la constatazione della febbre a raggiungere la nostra coscienza, non la sua attivazione. Si può dire che la reazione di fronte a una malattia è anche un normale processo vitale.
La sola differenza, riguardo all’adattamento, è che si prende coscienza del sintomo.

L’adattamento potrebbe essere chiamato una “malattia guarita a livello inconscio”, e la malattia sarà, allora, un “adattamento portato alla coscienza”. Per avvalorare queste ipotesi vi propongo la seguente riflessione: “Ci si ammala mangiando e si guarisce digerendo”. (L’esempio si riferisce a un’alimentazione naturale ed equilibrata, naturalmente).
In effetti, se gli alimenti non vengono assimilati per mezzo della digestione, ci si ammala (indigestione, vomito, diarrea). Se ciò si protrae nel tempo, si muore. Mangiare non basta, bisogna digerire.

Orbene, mangiare è vitale, dato che, se non lo si fa, si muore ugualmente. Si è quindi obbligati anche a mangiare. Mangiare è indispensabile ma non sufficiente, e digerire è un passaggio obbligato.
La digestione corrisponde alla decomposizione in singole molecole di prodotti assunti dal mondo esterno. Tutto deve essere trasformato per poter essere assimilato e per rendere possibile, tra l’altro, il passaggio oltre la barriera intestinale e polmonare. Non è possibile iniettare direttamente nel sangue gli alimenti o l’aria non trasformati, senza provocare la morte. Si è dunque obbligati, per restare in vita, a “umanizzare” tutti i contributi che provengono dall’esterno.

Siamo davanti a una legge naturale: tutto ciò che arriva dal mondo esterno è un veleno (aria, alimenti) e, tuttavia, l’essere umano ne ha un bisogno vitale. A partire da questa constatazione, si potrebbe affermare che: la fame è il “sintomo” della malattia “mangiare”, che è un fenomeno naturale, fisiologico e indispensabile.
Si guarisce digerendo tutti i pasti, dalla nascita alla morte. Mangiare e digerire sono considerati da tutti come processi normali.
Quindi fisiologia vuol ben dire guarire incessantemente. Ci si rende malati mangiando e ci si guarisce digerendo. Godere di buona salute corrisponde proprio alla capacità di stimolare i propri processi di guarigione continuamente. Se la normalità è guarire sistematicamente, ciò significa che la malattia è una necessità (come mangiare) e la guarigione un obbligo (come digerire).

Si potrebbe anche paragonare la malattia allo squilibrio e la guarigione al (ri)equilibrio.
Prendiamo ad esempio la deambulazione. Immaginiamo il piede destro sollevato in aria, pronto ad appoggiarsi a terra, quando si cammina. In quell’istante si è disequilibrati, ma si ritrova l’equilibrio non appena il piede trova appoggio; e immediatamente il piede sinistro si stacca da terra e ci si sposta di nuovo verso il disequilibrio, finché anche il sinistro non si appoggia per ritrovare l’equilibrio successivo ecc. La deambulazione è una successione di equilibri e squilibri. Anche nel caso appena illustrato, come per malattia e salute, lo squilibrio diviene una necessità e l’equilibrio un obbligo.

Abbiamo infatti visto che l’adattamento è una malattia risolta senza l’intervento della coscienza, che mette in moto i processi inconsci di autoguarigione (così come mangiare innesca i processi di digestione), mentre una malattia conclamata fa prendere coscienza. Ma... coscienza di che cosa ?

Se l’organismo umano è capace di risolvere la stragrande maggioranza degli adattamenti, perché esiste la malattia ? Questa – di certo – ha qualcosa da dire e c’è – per forza – qualcosa da comprendere, altrimenti resterebbe allo stadio dell’adattamento.
La malattia avrebbe, quindi, un significato. Introduciamo qui il concetto di "pourquoi", perché, e di pour quoi, a causa di che cosa, vale a dire:

Qual è il significato della malattia ? Cosa significano le patologie ? E a quale scopo appaiono ?
Ricordatevi: si mangia e si digerisce, per lo più, in modo completamente armonioso. Si cammina senza cadere.

L’armonia è quindi la norma.
Se l’armonia è naturale, l’essere umano malato è un essere umano illusorio e il mondo malato è un mondo illusorio. Le malattie si creano a immagine del loro ospite (l’essere umano) e il mondo è a immagine dell’essere umano, poiché è quest’ultimo che lo crea. Ma l’essere umano percepisce come va il mondo allo stesso modo in cui percepisce le malattie: non è un’utopia !
Com’è possibile comprendere questo modo diverso di ragionare ?
È arrivato il momento di evocare certe correnti filosofiche dell’Antichità. Quando antenati illustri parlavano del “medico interiore dell’essere umano”, facevano allusione all’essere psicoaffettivo, vale a dire all’essere pensante e sensitivo, e non soltanto ai processi di
autoguarigione inconsci.
Affermare come norma che la malattia sia una necessità e la guarigione un obbligo permette il riconoscimento nel corso della vita, sotto il profilo fisiologico, dell’alternanza di questi due spartiti. Il direttore d’orchestra di questa sinfonia è il funzionamento psicoaffettivo.  
Il temperamento fa passare da una parte all’altra e ogni istante è necessario per sapere dove dirigersi per poter comprendere la malattia. Si attua sempre una scelta tra il caos e l’armonia... o tra la malattia e la guarigione (e non il sollievo).
La malattia è una funzione biologica naturale, allo stesso titolo della vista o della respirazione.

La malattia fa parte della salute
La malattia diventa allora un’amica, perché fornisce il significato. Guida e avverte continuamente: “Non sei sulla buona strada. Non è grave, basta consultare la mappa e ritornare all’incrocio precedente. Allora ti troverai sulla via della guarigione”.
La guarigione (ma anche la malattia) arriva sempre da dentro (vale a dire, dallo stato d’animo), mentre molta gente immagina che venga da fuori.

La malattia dovrebbe far prendere coscienza del fatto che la propria modalità di funzionamento non è armoniosa; esiste per avvertirci e per permetterci di cambiarla.
Ecco il reale significato della malattia: Una presenza necessaria per risvegliarsi di fronte a una guarigione indispensabile alla “crescita”.

E quando tutti saremo “cresciuti”, la malattia non avrà più ragione di esistere. Non avrà più nulla da dire. Resterà allo stadio di adattamento. Si comprende meglio perché la malattia giunge alla coscienza, invece di restare allo stadio di adattamento inconscio.
La malattia assume allora un’altra dimensione e la guarigione tutto un altro significato. Si vedrà, nel corso di questo testo, come gli avvenimenti della vita forniscano all’essere umano ciò di cui ha bisogno per avanzare nella comprensione della propria storia e per avviare la propria guarigione.
Testo tratto da pagina 22 e seguenti del libro - Tratto da: aamterranuova.it


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Legami segreti tra organizzazioni di pazienti e compagnie farmaceutiche:
Il quotidiano statunitense The Philadelphia Inquirer ha pubblicato in una sua inchiesta sui "legami quasi mai dichiarati", di sei organizzazioni non-profit (associazioni) che "affermano" di agire nell'interesse dei pazienti di altrettante malattie, e le compagnie farmaceutiche.
Pero' le sei organizzazioni, lo scorso anno (2007) hanno ricevuto complessivamente 29 milioni di dollari in donazioni dalle industrie farmaceutiche........

Le Malattie Inventate
- vedi anche Panorama del 27 febbraio 2006
Nuove sindromi definite a tavolino. Fattori di rischio trasformati in patologie. Alti e bassi della vita considerati gravi disturbi.
Ecco come l'industria farmaceutica ci trasforma tutti in pazienti. Per vendere sempre più farmaci.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Vorrei ricordare ancora a TUTTI che le coddette falsamente "malattie", cosi come vengono definite e chiamate dalla medicina ufficiale (quella imperante al servizio di Big Pharma...), sono semplicemente e solo SINTOMI dell'UNICA malattia:  l'Ammalamento ! Chiamarle "malattie" con vari nomi, e' inculcare la PAURA nello Spirito degli ammalati per tenerli sotto controllo per renderli psicodipendenti dai farmaci e vaccini....
vedi: Come nasce la malattia + Teoria dei germi e' FALSA
+ I postulati di Koch

Le CAUSE sono sempre le stesse e per tutti, ed esse sono l'incorenza Etico-comportamentale, cioe'  Spirituale, che fa compiere azioni contro sopravvivenza in disarmonia con le Leggi della Natura che regolano i sistemi Viventi, Leggi ben note alla Medicina Naturale e misconosciute od ignorate dai medici impreparati della medicina ufficiale. - vedi
ACIDOSI
Variano solo i SINTOMI, che possono essere tendenzialmente **infiniti**.....sintomi che variano da soggetto a soggetto ed anche a seconda dell'eta' e delle condizioni immunitarie e genetiche.
Le varie "parole" che i medici impreparati, chiamano impropriamente "malattie" servono solo a spaventare le persone ed a mantenere l'esclusivita' di controllo su di esse......mentre se tutto fosse spiegato come indica la Medicina Naturale, TUTTI comprenderebbero facilmente come ci si ammala e come ci si guarisce,  ed allora la loro "esclusiva" andrebbe a farsi benedire....e non Vi controllerebbero piu'.
Percio' uscite dalla confusione ed iniziate  a capire cosa e' la Salute e cosa e' l'AMMALAMENTO = l'UNICA malattia del Vivente.
Per far capire ancora meglio, questi pur semplici concetti, pensate che l'ammalamento agisce con un meccanismo identico alla legge di "gravita" che fa scendere inevitabilmente l'acqua dal cielo fin sul vertice di una montagna ed a seconda del "versante" ove si trovano gli avallamenti, l'acqua scende sempre piu' rapidamente e quando trova un ostacolo, lo raggira, ma scende SEMPRE fino alla base e nel suo passaggio spazza via ogni cosa che trova sul suo cammino....fino al fiume che porta al mare...dal  quale l'acqua riprende il suo ciclo, mare, cielo, terra, mare, cielo....ecc., ecc.
Il vertice della montagna e' l'Ego/IO dell'essere,  la montagna e' il corpo, l'acqua (l'informazione, in questo caso errata) che scende dai cieli dello Spirito (luogo dove risiede l'in-form-azione, cioe' che sta formandosi) e si posa sul vertice della Mente - cervello e' l'IGNORANZA (mancanza di conoscenza che genera INCOERENZA sulle Leggi della Natura, che scendendo dal cielo dello Spirito si posa inevitabilmente nella Mente e quindi nei cervelli e quindi a seconda di dove si trova nei vari cervelli, l'ammalamento, per "gravita", cioe' perche l'informazione crea materia,scende seguendo i "canali" (gli avvallamenti della montagna), cioe' a seconda delle predisposizioni immunitarie e genetiche del soggetto, creando ruscelli, torrenti, (i vari sintomi) che portano l'ammalamento ed all'
ACIDOSI nelle cellule, tessuti, organi bersaglio (del Conflitto Spirituale), generando il corpo di dolore e spazzando via di conseguenza la Salute, e se non si interviene a riportare sintonia ed armonia dello Spirito e del fisico, con le Leggi della Natura, mediante le Cure naturali, trascina il soggetto fino alla morte prematura (rappresentato dal mare) e da essa, la morte riprendera' il suo ciclo per ritornare, Informazione (spirito), energia e di nuovo materia in un ciclo Infinito....
vedi: il Senso della Vita


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

UN ESEMPIO di DISINFORMAZIONE sulla MALATTIA che spaventa.. il CANCRO - Apr. 2011
Come oscurare l'informazione quando diventa controproducente per le multinazionali:

NEOPLASIE e PATOLOGIE VARIE, TUTTE CONCATENATE ad UNA SOLA CAUSA
Come tutti gli organismi viventi, il nostro corpo è composto da cellule. Il corpo umano è costituito da circa 60 trilioni di cellule.
Alcune di queste cellule si dividono continuamente per sostituire le cellule usurate o danneggiate in modo ordinato e regolato.

CITAZIONE del Presidente del Cancer Panel: Ridurre i rischi ambientali attraverso le scelte alimentari
Il Presidente's Cancer Panel, rapporto pubblicato il 6 maggio 2010, esorta i consumatori a scegliere prodotti alimentari coltivati senza pesticidi o fertilizzanti chimici, antibiotici, ormoni della crescita e possa contribuire a ridurre l'esposizione a sostanze chimiche ambientali che possono aumentare il loro rischio di contrarre il cancro.
Cancer Panel è pieno di relazioni del presidente ed è disponibile online all'indirizzo
http://www.facebook.com/l/54c88xCAs73B1XegX_3X0aS4Dwg;deainfo.nci.nih.gov/advisory/pcp/pc...t_08-09_508.pdf .
OGGI 05/02/2011 il FILE del PDF SOPRACCITATO e'  STATO CANCELLATO
FILE in LINGUA ORIGINALE, QUI - OnePagerCancerPanelLetterhead.pdf
L'articolo completo ed altro ancora, invece lo trovate su
https://sites.google.com/site/studioolisticobenessereesalute/documents


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Importante: ….pur segnalando le gravi anomalie (anche criminali) dei Padroni della Sanita’ Mondiale gestita per e dalle Lobbies  farmaceutiche e dei loro “agenti-rappresentanti”, uomini inseriti a tutti i livelli, Politici e Sanitari nel Mondo intero, vogliamo anche ricordare e spendere per Giustizia delle parole per gratificare e ringraziare quei centinaia di migliaia di medici (quelli in buona fede) che, malgrado le interferenze degli interessi di quelle Lobbies, incessantemente si prodigano ogni giorno aiutare i malati che a loro si rivolgono e che con i progressi delle apparecchiature tecnologiche per la diagnostica e delle tecniche interventive, stanno facendo notevoli progressi e raggiungono per essi risultati ed effetti benefici, che fino a qualche anno fa erano impensabili.
Vediamo ogni giorno progressi in tal senso, ma la terapeutica indicata dalla direzione della Sanita’ ufficiale Mondiale = OMS (che e' legata alle linee guida di dette Lobbies), non segue, salvo rari casi, quella curva progressiva di benessere per i malati.

Se questi bravi medici che operano giornalmente sul campo, conoscessero anche la Medicina Naturale, potrebbero migliorare e di molto le loro tecniche terapeutiche, con grande beneficio per tutti i malati, e per le casse di vari stati del mondo, con  risparmio di miliardi di Euros/Dollari...all'anno !

RICERCA Parole nel SITO

HOME

"Questo sito WEB vi informa", Non siamo responsabili della correttezza e/o della solvibilità degli inserzionisti del ns. Network.
 Webmaster  - Vietata la copia anche parziale dei contenuti, se non viene citata la fonte - All rights reserved - Publisher DataBit s.a.