Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


MEDICINA, nuove PROSPETTIVE
(By Arturo Greco - medico)
 

In ogni arte, mestiere o professione, nell'arco di una vita lavorativa, riteniamo sia buona cosa fermarsi ogni tanto a riflettere per valutare se si sta operando al passo con i tempi e l'evoluzione di ogni singola attività per non rischiare di lavorare con una mentalità distorta e/o obsoleta.
 
Questa è la premessa per la trattazione dell'argomento in questione: cosa è cambiato e sta cambiando nell'esercizio della professione medica e cosa si può migliorare.
Premetto che non intendo trattare del problema dell'aggiornamento professionale, ma di qualcosa di molto più complesso.

Abbiamo numerosi esempi di come la Medicina non sia una scienza esatta: ad es. terapie praticate per anni poi in breve tempo dichiarate dannose, oppure concetti "eziologici" (*) come quello sulla gastrite e co. sconvolti dalla scoperta dell'Elycobacter Pylori, ecc., ma non voglio dilungarmi su questi argomenti per non perdere ti filo ed arrivare al punto che ritengo cruciale. (*) dal greco άίτίά, aitia=causa e λογόσ, logos=discorso, Discorso sulla causa.

Prendiamo in esame i principali aspetti di valutatone dei paziente per considerare come si sono evoluti negli ultimi anni :
- concetto di Terreno: è espressione della situazione organica dello individuo che si va ad esaminare, in sintesi dove cade l'evento patologico che si deve curare
- Alimentazione: potrei sintetizzare nel proverbio "dimmi come mangi e ti dirò chi sei" (alcuni ricercatori sostengono che 80 % delle patologie è correlato all'alimentazione)
- evoluzione della patologia o delle patologie da trattare: influenza sostanzialmente la condotta operativa e deve essere squisitamente eziologica per produrre una terapia mirata
- terapia: "primum non nocere" credo esprima sinteticamente la regola che si dovrebbe applicare.

Il "Terreno" su cui andiamo a lavorare, valutando un paziente, è la situazione organica su cui si è sviluppato l'evento o gli eventi patotogici che vorremmo trattare, cioè presenza di tossine a livello tissutale, diatesi allergiche, esposizione ad eventi fisici e chimici pregressa e/o nella vita quotidiana, ecc.
La presenza nell'ambiente di
agenti fisici e chimici, nell'attuale, deve essere valutata con estrema attenzione in quanto si è rivelata dai più recenti studi, determinante per molte e gravi patologie.

L'Alimentazione è costantemente carente poiché con l'impoverimento e lo sfruttamento intensivo dei Terreni agricoli, + industrializzazione dei cibi nei quali vengono a mancare nutrienti ed oligoelementi, depauperamento evidenziati da studi recenti, necessari nei metabolismi della catena alimentare, per cui dobbiamo spesso fare ricorso a integratori, ma forse sarebbe più opportuno parlare di Nutriceutica Nutrizione cellulare).

La velocità evolutiva dei processi patologici influenza in maniera incisiva la condotta terapeutica in quanto nelle forme acute e progressive impone rapide decisioni a volte rischiose per l'impossibilità di una valutazione ponderata ed esecuzione di indagini lunghe e laboriose.
La diagnosi, a mio avviso, deve essere il più possibile precisa e circostanziate per
portare a una corretta terapia personalizzata e non fortemente influenzata da schemi e automatismi assai frequenti, per i protocolli standardizzati della medicina allopatica.
La terapia si può definire come la fase finale dell'intervento "tecnico" e bisogna considerare, nell'impiego dei farmaci, che ogni prodotto presenta una tossicità e possibilità di interazione con altri, per cui non sarebbe da sottovalutare l'impiego di Medicine Non Convenzionali, in  specie la Medicina Naturale, che sono meno impegnative e rischiose pur con una buona anche se contestata efficacia.
Mi rendo conto della difficoltà di esporre in sintesi questi argomenti che meriterebbero una più ampia e dettagliata trattazione, ma è mia intenzione dare solo una visione globale del problema.

La Medicina Multimediale
Dopo quanto detto si può intuire che per ben operare nel settore medico vi sono notevoli difficoltà e un gravoso impegno personale giustificato dalla vastità e delicatezza del campo della salute.
Vorrei cercare di introdurre una nuova figura di operatore sanitario motivandone l'importanza.

Partiamo da un esempio pratico: se un paziente soffre di patologie localizzate in vari settori dell'organismo (caso piuttosto frequente), la normale prassi è che si rechi dal suo medico di base che predispone le indagini e le visite specialistiche del caso facendo da coordinatore per le condotte terapeutiche che ne derivano.
La principale difficoltà che si presenta è la conciliazione di differenti terapie che possono interagire fra loro oltre alla scelta di praticarle tutte Insieme, in parte od in tempi differenti con rischi abbastanza evidenti, relativi al carico tossico dei singoli farmaci e ai possibile effetti collaterali oltre alla possibilità di interazione.
Anche il disagio pratico di questa procedura per il paziente che per ogni singola prestazione deve fare una fila e quindi spostarsi e perdere tempo, salvo non decida di effettuare prestazioni a pagamento, diventa un problema. Sembrerebbe una buona soluzione il ricovero ospedaliere breve, ma, anche in questo caso, andiamo ad affrontare una serie di difficoltà tecniche che vanno dalla carenza di posti letto all'impossibilità di creare un'equipe sufficientemente affiatata per poter essere operativa.

Come risolvere, almeno in parte, la problematica suddetta e ottimizzare il Servizio Sanitario ?
Propongo una figura di operatore sanitario che sappia trattare e coordinare le varie branche della Medicina e che possa considerare tutte le connessioni esistenti fra le varie patologie che possono interessare l'organismo onde arrivare a una condotta terapeutica globale con poco o nullo rischio per il paziente. Sembrerebbe pura fantasia, ma sono convinto che questo si possa realizzare con l'impiego di Medicine Non Convenzionali es.: la Medicina Naturale che comprende utilissime terapie non invasive ed altre ad es. l'Omotossicologia,
in prima scelta di terapia riservando il passaggio alla Medicina ufficiale ed ai farmaci (di sintesi) , se non vi sono rilevanti risultati in tempi brevi od all'atto chirurgico come ultima spiaggia.

Come si può riuscire a metter mano a quasi tutta la Medicina ? - vedi Resettare la medicina ufficiale
Quando vi è una buona preparazione di base, la moderna tecnologia ci mette in grado di ottenere aggiornamenti o informazioni in tempo reale tramite INTERNET, inoltre è possibile creare collegamenti con specialisti di vari settori ad es. in videoconferenza o addirittura eseguire interventi chirurgici a distanza......
La procedura di lavoro con l'ausilio del Computer è ormai prassi consolidata, per cui è necessario semplicemente ottimizzarne l'uso.
La scelta dell'Omotossicologia, come trattamento di base assieme alla Scienza della nutrizione parte del Protocollo della Medicina Naturale, deriva dal fatto che si tratta di metodologia a basso rischio e di efficacia comprovata da circa 60 anni di studi senza dimenticare che l'Omotossicologia è un'evoluzione dell'Omeopatia.
Sarebbe lungo e doveroso trattare in maniera più ampia e dettagliata ogni singola parte di questo scritto, ma non voglio annoiare il lettore, in ogni caso sono disponibile a discutere se dovessero emergere dubbi o contestazioni.

By Dr. Arturo Greco (medico)
il seguito su: Fisica dell'Intenzione, un nuovo modo di fare Medicina
+ Riforma Sanitaria secondo la MedNat + Evidenze cliniche e Certificazione di qualita' per il medico

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Importante: ….pur segnalando le gravi anomalie (anche criminali) della Sanita’ Mondiale gestita dalle Lobbies  farmaceutiche e dei loro “agenti-rappresentanti” inseriti a tutti i livelli, Politici e Sanitari nel Mondo intero, vogliamo anche ricordare e spendere per Giustizia delle parole per gratificare e ringraziare quei centinaia di migliaia di medici (quelli in buona fede) che, malgrado le interferenze degli interessi di quelle Lobbies, incessantemente si prodigano ogni giorno aiutare i malati che a loro si rivolgono e che con i progressi delle apparecchiature tecnologiche per la diagnostica e delle tecniche interventive, stanno facendo notevoli progressi e raggiungono per essi risultati ed effetti benefici, che fino a qualche anno fa erano impensabili.
Vediamo ogni giorno progressi in tal senso, ma la terapeutica indicata dalla direzione della Sanita’ ufficiale Mondiale = OMS (che e' legata alle linee guida di dette Lobbies), non segue, salvo rari casi, quella curva progressiva di benessere per i malati.

Se questi bravi medici che operano giornalmente sul campo, conoscessero anche la Medicina Naturale, potrebbero migliorare e di molto le loro tecniche terapeutiche, con grande beneficio per tutti i malati.

"Questo sito WEB vi informa", Non siamo responsabili della correttezza e/o della solvibilità degli inserzionisti del ns. Network.
 Webmaster  - Vietata la copia anche parziale dei contenuti, se non viene citata la fonte - All rights reserved - Publisher DataBit s.a.