Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali  la Guida alla Salute Naturale  Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 

"La Vita e’ cio’ che ne facciamo" (Socrate)
Questo e' il Portale, il Sito della Via al Benessere
.....la Salute e' nelle vostre mani.....ecco la via Giusta per uscire dalle "malattie".....

.....il tecnico informa, la Natura guarisce....
 


AMORE e SESSO - 1, INTRODUZIONE
ed info sul tema
AMORE e SESSO - 2, INDICE, SOMMARIO 
Articoli e Studi

"Se non mettiamo la Libertà delle Cure mediche nella Costituzione,  verrà il tempo in cui la medicina si organizzerà, piano piano e  senza farsene accorgere, in una Dittatura nascosta. E il tentativo di limitare l'arte della medicina solo ad una classe di persone, e la negazione di uguali privilegi alle altre “arti”, rappresenterà la Bastiglia della scienza medica". 
(By Benjamin Rush, firmatario  della Dichiarazione  d'Indipendenza USA  17 Sett 1787)

In una intervista il saggio orientale esperto di medicina Ayurvedica alla domanda:
"La consapevolezza puo' essere incontrata attraverso l'Amore ? e quale e' il ruolo della sessualita' e dell'orgasmo nella strada della comprensione = consapevolezza, ossia si puo' entrare in contatto con un sapere piu' completo, abbandonandosi al piacere fisico ?
Ha cosi risposto: "L'orgasmo non e' altro che un momento in cui viviamo una perdita e completa della percezione dell'esterno e del corpo stgesso, da parte della mEnte (personalita') dell'Ego/IO: Vi e' una naturalezza totale, il senso di dimensione senza tempo, si e' totalmente nudi, fisicamente, spiritualmente ed emotivamente, e si espone la propria vulnerabilita'. Si ha quella che si chiama  coscienza dell'unione o dell'unita'  questa e' un'esperienza di trascendenza e quindi una esperienza SACRA.
In molte saggezze anche antiche l'energia spirituale e l'energia sessuale sono la stessa cosa, sono l'energia dell'Universo, che esprime se stessa come vitalita', come il nostro essere all'erta, eccitati, appassionati, innamorati. L'energia sessuale e' energia pura
".

Il tema dell'orgasmo e del piacere, e' estremamente importante per gli esseri viventi perche' indica in pochi attimi il Vero e completo piacere dell'esistere per se' e per gli altri; infatti la sessualita' e gli organi sessuali sono i simboli Sacri per eccellenza che indicano come si svolge la manifestazione dell'UniVerso nell'Infinita'.
 

Il rapporto sessuale tra due persone e' un linguaggio per comunicare cose, che non si possono dire altrimenti. Insoddisfacente e', in certe situazioni e bisogni, la parola e cio' fa dire a Hegel che in fondo: "Tutto il linguaggio e' un limite: il parlante e' il punto intermedio tra il dicibile e l'indicibile, tra la parola e il silenzio".
Allora, unica possibilita' di comunicare resta il linguaggio del corpo, che e' il solo a rendere soddisfacenti certe sottili e complesse relazioni anche intime.


Lowen sottolineo' che la percezione dell'identita' nasce dall'esperienza di contatto con il corpo. Ashley Montagu senza mezzi termini affermo' che: "La semplice sensazione del tatto come stimolo e' assolutamente necessaria per la sopravvivenza dell'organismo... e' dimostrato inequivocabilmente che nessun organismo puo' sopravvivere a lungo senza stimolazione cutanea proveniente dall'esterno".
Quanta importanza si scopre nella fisicita' della comunicazione tattile !!

L'amore puo' essere compreso solo in questa ottica, scrive Hegel: "...amore vero e proprio ha luogo solo fra viventi che sono uguali in potenza e che, quindi sono viventi l'uno per l'altro nel modo piu' completo e, per nessun lato l'uno e' morto rispetto all'altro". 
Questa e' la sola condizione per poter dare sé stessi e fare dell'altro un essere che da. 
L'amore non puo', neppure, essere riconducibile esclusivamente al sesso come Sigmund Freud credeva.

Tratto da:
http://coscogiuseppe.tripod.com/esoterismo/coppia.htm

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>


La
NUDITA' di un Corpo e' COME la VERITA' esse spaventano i "religiosi", perche' mettere a nudo un corpo significa mostrare la Verita' su quel corpo, cosi come mettere a nudo la Verita' di una idea, significa scoprirla....e penetrarla, cioe' viverla.... e quindi scoprire le menzogne che il $ixT€ma ci racconta !
Cio' e' tanto vero che TUTTI i "religiosi" combattono la nudita' dei corpi umani
con forza, perche' in realta' hanno PAURA della VERITA', essa li "spaventa", perche' essi NON hanno la Vera VERITA' !!
Ai "religiosi" diciamo: ricercate la Verita' (in senso Totale) ed essa vi fara' LIBERI da tutti i vs Conflitti Spirituali, anche quelli sessuali....

Questa la sintesi della Medicina Naturale:
Tutte le "malattie" e specialmente quelle degenerative hanno come causa principale i Conflitti Spirituali irrisolti e come concausa fisiologica le intossicazioni (ad esempio e particolarmente quelle dei Vaccini, droghe, farmaci, alimenti contaminati, ecc.) che generano alterazioni nel microcircolo, nel metabolismo cellulare e quindi infiammazioni nei tessuti degli organi bersaglio del Conflitto Spirituale irrisolto.
vedi: INTRODUZIONE al SESSO

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il Sesso cura tutti i mali: lo dice la scienza - 17 Lug. 2012
Il sesso fa bene alla salute. Lo dice una ricerca dell’Università della Pennsylvania, secondo cui la pratica fisica dell’erotismo può rappresentare un’arma contro il raffreddore. Niente più mucolitici e medicinali contro gli stati febbrili: per contrastare il raffreddore nel 30% dei casi basta fare sesso almeno due volte a settimana, perché in questo modo risalgono le difese immunitarie.
Ma sesso ed erotismo non salvaguardano solo dal raffreddore, ma anche dalla degenerazione dei tessuti e della pelle: lo afferma uno studio dell’ospedale Royal Edinburgh in Gran Bretagna, che sottolinea come la produzione di estrogeni rallenti in particolare l’invecchiamento della pelle, influenzando anche la brillantezza dei capelli.
Queste due ricerche si inseriscono in un trend ormai in voga tra gli scienziati negli ultimi mesi. La scienza ha anche provato che fare sesso diminuisce l’insorgenza di alcuni tipi di mal di testa, in particolare quello da stress, quello da pressione alta e quello da dolori cervicali. Nonostante questo, il mal di testa può essere ancora una scusa eccellente per non fare sesso.
Ma non finisce qui: di recente è stato provato anche che fare sesso regolarmente previene i problemi di incontinenza in tarda età, e per gli uomini è facile immaginare perché, dato che l’organo sessuale e le vie urinarie sono ovviamente collegati.
Fonte: Fastweb.it

E rende piu' intelligenti....
Fare sesso non sarebbe solo un toccasana per l'umore, ma renderebbe persino più intelligenti. A dimostrarlo due diverse ricerche, condotte l'una in Maryland, negli Stati Uniti, e l'altra in Corea del Sud. Osservando i ratti di mezza età, gli scienziati hanno scoperto che dopo l'attività sessuale sono migliorate le performance mentali e la produzione di nuovi neuroni.
Il gruppo di ricerca coreano, inoltre, ha dimostrato che l'attività sessuale bilancia le perdite di memoria causate dallo
stress cronico.
Risultato opposto, invece, per il sesso "virtuale" dei porno: un'eccessiva visione, ha dimostrato un team di neuroscienziati della University of Texas, può portare all'insorgere di patologie.

Promemoria:

La malattia non nasce “per caso” o per sfortuna, ma essa nasce per il “Caos” autogenerato, inconsciamente o consciamente dall’Essere stesso che si pone in modo “anticontroopposto” rispetto alle Leggi che regolano gli Esseri Viventi, generando in se stesso un sistema biologico caotico; quindi la malattia e’ la cristallizzazione, ovvero il corpo fisico caotico nel sistema Psicoecobiologico alterato rispetto alla Perfetta Salute. 
vedi: Definizione della parola malattia

Inoltre: “Ogni Organismo, risponde in maniera differenziata, agendo secondo precise leggi biologiche e biochimiche  adeguandosi ogni istante, alle varie esigenze di stimolazione esterna dell'atmosfera nella quale vive; infatti tutte le variazioni iono atmosferiche, anche minime, modificano ad ogni istante le cariche bioelettroniche dei liquidi ( il Terreno o Matrice ) del corpo dei vari organismi viventi
 

Il mal di testa si combatte con la "sex therapy" : Il sesso per alleviare cefalee e mal di testahttp://www.lastampa.it/common/images/pixel.gif http://www.lastampa.it/common/images/pixel.gifUna volta erano le pasticche, oggi per combattere il mal di testa si può ricorrere a un "rimedio" molto più piacevole: il sesso.
Uno studio condotto dal dr. Bruno Marcello Fusco dell’IRCCS (Istituto di ricerca e cura a carattere scientifico Neuromed di Venafro  Is) e responsabile del Centro di Medicina del Dolore, suggerisce che il sesso potrebbe essere un ottimo rimedio contro il mal di testa e le cefalee.
La sorpresa, che sfata il credo comune che il mal di testa sia un freno all’attività sessuale, è che chi ne soffre, in genere ha un maggiore desiderio di fare sesso (a questo punto le donne non hanno più una scusa valida).
Fare sesso fa aumentare i livelli di serotonina e dopamina, fa notare Fusco. Questo si traduce in un’azione sui neurotrasmettitori che influiscono sulle emozioni e gli stati d’animo: una situazione che, stimolando l’equilibrio interno, agisce sui sintomi del mal di testa.
I dati lo confermano: il 45% delle persone esaminate afferma di avere una vita sessuale regolare e il 13% di queste vede svanire il mal di testa durante il rapporto o subito dopo.


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il BACIO
Esistono vari tipi di baci e per ciascuno di essi esiste una storia e un significato. Non possiamo infatti mettere a confronto il bacio accademico con il bacio di saluto, il bacio appassionato di due amanti con il bacio di Giuda.

Eppure, tutti questi baci hanno qualcosa in comune, ovvero il gesto di avvicinare le labbra e di emettere un caratteristico rumore, che nel linguaggio onomatopeico utilizzato nei fumetti è rappresentato con uno “smack”.

Il bacio può essere dato sulle labbra, sulle guance, su un anello, sui genitali o in qualsiasi altra parte del corpo; può essere dato ma non ricevuto, oppure dato e ricevuto nello stesso tempo; può essere “asciutto” o “bagnato” se vi è o meno presenza di saliva.

Cosa significa un bacio?
Di tutto: può significare affetto, amicizia, amore, attrazione sessuale, ma anche adorazione, rispetto, accordo, obbedienza, superiorità, inferiorità, ammirazione. In alcune circostanze un bacio può perfino essere un insulto.

Il bacio ha avuto, in senso evolutivo, lo scopo di rafforzare i legami sociali, le relazioni personali e politiche all’interno dei gruppi.

Il bacio è molto diffuso in tutto il mondo, ma assume dei significati differenti, a seconda dei contesti culturali nei quali viene praticato. Lo studioso danese Kristoffer Nyrop (1858-1931) ad esempio ha descritto i comportamenti di alcune tribù finniche i cui membri, uomini e donne, usavano fare il bagno nudi insieme, ma consideravano il baciarsi una cosa indecente.
Nel 1897 l’antropologo francese Paul d’Enjoy descrisse invece il comportamento delle popolazioni cinesi, che consideravano il baciarsi in bocca una pratica orrenda, simile al cannibalismo. In alcune aree della Cina, nonostante i radicali mutamenti culturali, questo tabù permane e solo nelle grandi metropoli cinesi è oggi possibile scambiarsi delle effusioni e dei baci, cosa che fino a pochi anni fa era assolutamente proibita.
Altre popolazioni non usano il bacio, o presentano modi diversi di comunicarsi affetto e tenerezza, fra essi ricordiamo lo sfregarsi il naso degli Esquimesi o i vari comportamenti intimi di gruppi etnici dell’Africa e dell’Oceania.

Negli anni sessanta lo studioso britannico Desmond Morris pensò di aver individuato la filogenesi del bacio dopo aver osservato, fra i primati, delle madri che masticavano il cibo, per poi nutrire bocca a bocca i piccoli. E’ possibile, secondo Morris, che anche gli antenati degli esseri umani abbiano utilizzato tale modalità per nutrire i piccoli e che la pressione delle labbra sulle labbra, sia stata poi utilizzata dalle madri per placare la richiesta di cibo nei periodi di carestia.

Nelle altre specie animali invece è difficile osservare il comportamento del bacio sebbene questi animali siano capaci di esprimere la tenerezza in altro modo e siano perfettamente capaci di compiere atti sessuali senza questo genere di preliminari.

Secondo l’etologo Irenäus Eibl-Eibesfeldt (1970) almeno un decimo del genere umano non usa il comportamento del bacio.
Da stime più recenti, sembra che oltre 650 milioni di esseri umani non si bacino mai sulle labbra.

Questo non riguarda certo la nostra cultura: basti pensare che gli antichi cristiani usavano scambiarsi il bacio come segno di pace, di fratellanza e di unione in Cristo. In seguito si cercò di evitare il bacio fra persone di sesso opposto ed i Protestanti lo abolirono completamente. Non a caso oggi in Chiesa il gesto della pace che viene richiesto di scambiarsi fra fedeli è una semplice stretta di mano.

In molte società gli uomini si baciano fra di loro mentre in altre questa pratica è considerata un vero tabù. Per citare un esempio, quando Thomas Coryate, esperto cortigiano, visitò Venezia nel 1608, rimase molto colpito da questa “straordinaria usanza” di due conoscenti di sesso maschile che si scambiavano baci al momento di salutarsi. Il cortigiano affermò di non aver mai visto prima nulla del genere, né di averne letto o sentito parlare da nessuno. Ancora oggi in Italia e in altri Paesi latini gli uomini possono baciarsi tra loro in segno di saluto, o anche di affetto, senza per questo essere considerati degli omosessuali.

Ma il bacio, oltre che un gesto di saluto, di affetto o di tenerezza, ha anche un significato erotico molto importante.
Freud considerava il bacio erotico come un tentativo di ritornare alla sicurezza del seno materno. Un bacio infatti è il primo gesto importante di fiducia, di confidenza, di disponibilità in una coppia: il fatto di poter riprovare uno dei primissimi piaceri dell’infanzia accresce la sensazione di intimità, scarica le tensioni muscolari, provoca un forte coinvolgimento durante l’atto sessuale ed aiuta a “lasciarsi andare”.

Anche molto prima di Freud comunque le labbra venivano considerate una zona erogena. Un bacio in questa area del viso infatti può suscitare delle reazioni e delle emozioni molto intense. Le donne più degli uomini considerano il momento del bacio particolarmente erotico, mentre per molti uomini esso non è altro che un preliminare all’atto sessuale.

Il bacio erotico non necessariamente deve essere particolarmente profondo e potrebbe riguardare, oltre alla bocca, anche altre parti del corpo molto sensibili, come ad esempio le orecchie, la nuca, il collo: zone tutte riccamente innervate di terminazioni nervose e dunque particolarmente sensibili.

Baciando una persona si entra in contatto con una serie di sostanze odorose e organiche e dunque è molto importante che i due partners curino l’igiene, per quanto riguarda la pulizia dei denti, l’odore dell’alito, la pulizia del collo e delle orecchie.
E’ consigliabile inoltre fare attenzione alla dieta: meglio evitare di mangiare aglio, cipolla o altre specialità esotiche troppo piccanti prima di dare un bacio, se non si vuole disgustare il/la partner con un alito pesante quanto sgradevole e imbarazzante.

I tipi di baci conosciuti sono circa una trentina: da quello ‘aspirapolvere’ che toglie il respiro, a quello bagnato che si pratica dopo essersi passati la lingua sulle labbra, a quello ‘lip-o suction’, dove si bacia il labbro inferiore dell’altro, mentre il partner bacia quello superiore, per poi scambiarsi le posizioni…

Quando due persone si baciano, specie quando lo fanno per la prima volta, provano un’emozione intensa, che mette in moto mille meccanismi : si risvegliano i sensi, il desiderio, la sudorazione, la pressione, il battito cardiaco e si calcola che in un minuto vengano bruciate circa 6 calorie, grazie all’accelerazione del ritmo cardiaco ed all’utilizzo simultaneo di circa 35 muscoli del viso.

Non esiste un modo ‘giusto’ di baciare e gli adolescenti dovrebbero tranquillizzarsi sul fatto che l’unico modo per imparare a baciare è attraverso la pratica, cercando di lasciarsi andare il più possibile, di chiudere gli occhi e di adattarsi ai ritmi dell’altro.

In genere tutte le storie romantiche iniziano con un bacio: è un rito di passaggio importante che segna l’ingresso nell’età adulta e per questo è difficile che una persona possa dimenticare il suo primo bacio.
Oggi l’età del primo bacio si è abbassata: ormai a tredici anni buona parte dei ragazzi ha già sperimentato il "bacio alla francese", che consiste nella profonda esplorazione della bocca dell’altro, con la lingua.

Last, but not least, ci sembra giusto ricordare che il bacio può causare anche qualche problema non grave alla salute, ad esempio quando lo scambio di saliva può far contrarre l’ influenza, mal di gola, tosse, tonsillite, ecc. in seguito ad un bacio con una persona influenzata.
By G. Proietti – Tratto da psicolinea.it

- Il bacio ha potere terapeutico, ma deve essere frequente e "intenso"
Il punto sugli effetti per la salute del più celebrato dei gesti amorosi in occasione della Giornata mondiale che gli è stata dedicata. Produzione di endorfine e ossitocina anti-cortisolo, antistress e anti-emicrania: sono solo alcuni benefici di questo atto che mette in azione 29 muscoli facciali. E qualcosa si aggiunge se a monte c'è un sentimento ricambiato
Allevia l'emicrania
- tiene a bada il colesterolo e rende la pelle più bella. Non si tratta di un nuovo farmaco, ma degli strepitosi effetti che può avere il bacio. Al più romantico dei gesti d'amore, celebrato in ogni tempo e da tutte le arti, è dedicata una Giornata mondiale che si celebra il 6 luglio e nel cui ambito si possono ricordare anche le sue capacità 'curative'.

Emicrania e depressione 
- Con il bacio si rilasciano dopamina ed endorfine che abbassano la sensibilità al dolore. Ecco perché anche il mal di testa diventa più sopportabile. "L'effetto analgesico e antidepressivo del bacio è dovuto fondamentalmente al fatto che rappresenta la realizzazione pratica e immediata di uno degli obiettivi principali del sistema psico-biologico, o potremmo dire MenteCorpo, dal quale siamo costituiti, che è l'attaccamento", spiega Giuseppe Genovesi, docente di Endocrinologia presso l'Università La Sapienza di Roma, specializzato in psico-neuro-endocrino-immunologia. In pratica, ci congiungiamo fisicamente, diventiamo "uno" con l'altro.  "Per questo motivo il cervello produce specifici neurotrasmettitori con particolare riferimento agli oppioidi, ai cannabinoidi, alla serotonina e, in parte, anche alla dopamina".
 
Anti-stress 
- Poiché riduce i livelli di cortisolo, il bacio è anche un potente anti-stress. Il meccanismo è rafforzato dal fatto che il contatto delle labbra stimola l'ossitocina, un ormone che riduce lo stress. Lo ha dimostrato uno studio che ha misurato il livello di ossicitina e quello di cortisolo in alcune coppie di studenti che si baciavano. Sia negli uomini che nelle donne si è registrata una diminuzione di cortisolo, un chiaro segnale di rilassamento, che è stato maggiore di quanto rilevato quando, anziché baciarsi, le coppie si tenevano semplicemente le mani. "La riduzione di cortisolo che agisce da anti-stress si verifica solo in chi si bacia spesso" chiarisce però l'endocrinologo. "Un bacio unico, magari mozzafiato, produce, invece, un aumento del cortisolo che esprime l'effetto stressante positivo tipico delle emozioni intense".

Anti-cancro e anti-aging
- Il bacio può agire persino come anticancro e anti degenerativo riducendo l'entropia del sistema del partner. Ma per questo effetto la presenza di un forte sentimento reciproco è una condizione irrinunciabile. "Baciare una persona che ci ama e che amiamo è molto differente dal baciare occasionalmente soprattutto dal punto di vista degli effetti che può realmente avere sulla salute", sottolinea Genovesi.

Difese immunitarie 
- Con il bacio ci si scambiano gli anticorpi e, secondo uno studio condotto da ricercatori di Osaka, in Giappone, ciò rafforza il profilo immunitario. "In effetti, la produzione di alcuni neurotrasmettitori specifici stimola il sistema immunitario, in particolare nella sua componente CD4 cioè linfociti T helper", conferma Genovesi.

Colesterolo - Il bacio può persino aiutare a tenere sotto controllo il colesterolo. "Il baciarsi frequentemente ha un effetto metabolico vero e proprio che induce una riduzione del colesterolo" dice l'esperto spiegando che il colesterolo è il mattone con cui l'organismo produce il cortisolo: "Quindi meno stress significa meno bisogno di cortisolo e meno necessità di produrre colesterolo da parte del fegato".

Denti, calorie e pelle 
- Il meno romantico dei benefici del bacio è indicato dall'Academy of general dentistry, un'organizzazione americana no profit, secondo la quale l'aumento di produzione di saliva, che il bacio comporta, favorisce la rimozione dei residui di cibi e dei batteri responsabili della carie.

Ma baciare appassionatamente può contribuire anche al dispendio energetico visto che, secondo alcune stime, ogni bacio farebbe bruciare almeno 12 calorie. D'Altra parte, a beneficiarne è anche la bellezza del viso. Ogni bacio, infatti, muove 29 muscoli facciali rendendo la pelle più tonica e luminosa, mentre la tempesta ormonale che esso può scatenare rilassa il viso. 
By Irma D’Aria  - Tratto da: repubblica.it

Un bacio intimo porta allo scambio di decine di milioni di batteri, e relativi enzimi buccali e se una coppia si scambia questo tipo di effusioni almeno nove volte al giorno, la composizione della flora batterica salivare dei due partner diventa rapidamente identica (red)

Un bacio da ottanta milioni di batteri

Gli scienziati hanno effettuato un esperimento di bacio controllato per quantificare il trasferimento dei batteri. Ad un membro di ciascuna coppia è stata fatta bere una bevanda probiotica contenente specifiche quantità di particolari varietà di batteri, tra cui Lactobacillus e bifidobatteri, per poi prelevare un campione di saliva dell'altro partner e confrontarlo con un campione prelevato prima di un bacio. In questo modo hanno verificato che, in seguito al bacio, la quantità di batteri probiotici nella saliva del ricevente aumentava di tre volte rispetto a quella precedenti, e calcolato che in media un bacio di dieci secondi permette la trasmissione di 80 milioni di batteri.

Quanto al numero di baci necessario a determinare microbiomi identici nei partner, i ricercatori si sono attenuti a una stima prudenziale, dato che nei questionari compilati dalle coppie si è registrato un singolare fenomeno: il 74 per cento degli uomini ha riferito un numero di baci intimi al giorno nettamente superiore a quello indicato dalle donne, dieci contro cinque.

Lo studio infine suggerisce che l'ecosistema del cavo orale sia costituito da specifici sottosistemi, su cui i diversi fattori (stili di vita, abitudini alimentari e cura della persona) agiscono in maniera differente.
I ricercatori hanno infatti scoperto che mentre il microbioma della saliva e delle ghiandole salivari era fortemente influenzato dallo scambio di baci, lo stesso non valeva per il microbioma della lingua, sebbene anche quest'ultimo sia risultato molto più simile fra partner che fra estranei.
By dott. Giuseppe Parisi (medico)
 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Perché ci piace il porno
?
Il cervello umano è attratto dalle immagini a luci rosse, una passione che affonda le radici nell'evoluzione della nostra specie e che presenta alcune differenze tra maschi e femmine.
Passa le notti davanti al computer, non vuole sentire storie e ha un cassetto chiuso a chiave che chissa' che cosa contiene.
Non solo: spende un mucchio di quattrini con la carta di credito, è distratto, nervoso e non vuole più fare all'amore.
Che cosa stara' combinando ? Il dilemma coinvolge molte donne in diversi angoli del pianeta.
E ha una risposta ovvia: il marito ha imparato a navigare sui siti porno, che sono tanti ed estremamente facili da usare, capaci di soddisfare ogni gusto.
Prima aveva le videocassette, e prima ancora i giornaletti, ma la tecnologia avanza e la pornografia è abile ad approfittarsene.
E così, come ogni uomo che può disporre di materiale a luci rosse, il marito sta alimentando un giro di affari di miliardi di dollari all'anno, più corposo di quello che nutre l'industria militare. Un giro d'affari immune da recessioni e stagflazioni, sempre pronto ad adattarsi al mercato e agli stili di vita, capace di creare un mondo parallelo di eccessi sessuali al di fuori di ogni realtà, dove sono rosse le luci ma mai i bilanci.
Ma perche' i maschi della specie umana, si chiamino Brambilla, Thompson, Garcia o Shimura sono tanto attratti dalla pornografia, dalla comparsa del primo brufolo fino alla bara ?
E perche' arrivano a perdere la testa e a diventare dipendenti, come è successo per esempio al cantante del gruppo rock californiano Red Hot Chili Peppers, Anthony Kiedis, al quale le donne in carne e ossa di certo non mancano ?
Una risposta arriva dalle neuroscienze, che a onor del vero non si sono affannate riguardo alla faccenda, ma intanto hanno indagato sul luogo comune secondo cui gli uomini sono più «visivi» delle donne, cioè si eccitano più a guardare che a pensare, come invece pare facciano le donne.
Dietro al luogo comune c'è anche una questione evoluzionistica di non poco conto: che vantaggio può esserci, per il maschio, a essere più visivo ? Perché l'evoluzione avrebbe distinto i due sessi sulla base della risposta alla visione di scene a contenuto erotico ?
By Silvia Bencivelli 
Tratto da: lescienze.espresso.repubblica.it e  da: Mente&Cervello, Novembre 2008, n. 47

Commento NdR: la risposta e' semplice...perche' il maschio e' meno incline alla immaginazione e piu' alla visione diretta della forma e della praticita', mentre per la femmina e' esattamente l'opposto.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

MASCHI e FEMMINE due UNIVERSI diversi e complementari, ma i maschi "tradiscono" piu' delle femmine, perche' ?
I maschi tradiscono più delle femmine ? A quanto pare sì. La causa però non sarebbe uno scarso autocontrollo, come ritenuto in precedenza da molti psicologi, ma piuttosto la presenza nel genere maschile di impulsi sessuali più intensi, e difficili da dominare, di quelli femminili.
È quanto emerge da uno studio della Texas A&M University, pubblicato sulle pagine della rivista Personality and Social Psychology Bulletin.
Non è certo la prima volta che gli psicologi indagano la tendenza al tradimento. Era già stato verificato infatti che i maschi sono molto più propensi delle donne a inseguire i partner “off limits”, ma riguardo alle cause di tale comportamento esistevano ancora due ipotesi alternative.
La prima era appunto che questo fosse dovuto alla presenza di impulsi sessuali più forti nei maschi, mentre una seconda spiegazione attribuiva alle donne molto più autocontrollo, e di conseguenza una maggior facilità nel resistere alle tentazioni.

Per dirimere la questione, il team di ricercatori guidato da Natasha Tidwell, psicologa della Texas A&M University che ha coordinato lo studio, ha analizzato i comportamenti di maschi e femmine in una situazione controllata, scoprendo che per quanto riguarda l'autocontrollo, la differenza tra i due sessi è davvero minima.
La capacità di trattenersi sarebbe infatti la stessa, ma quando questa viene meno, gli impulsi sessuali a cui è sottoposto un maschio sarebbero molto più intensi, e quindi difficili da dominare.

Lo studio si è svolto in due fasi.
Nel primo esperimento, i partecipanti, un gruppo di 218 persone composto da 79 maschi e 148 femmine, è stato chiesto di ricordare e descrivere un’occasione nella quale avevano provato attrazione per un potenziale partner che non fosse disponibile.
In seguito i partecipanti dovevano compilare un questionario, che tramite domande mirate misurava l’intensità dei loro impulsi sessuali, e la loro capacità di dominarli. In queste occasioni, spiegano i ricercatori, i maschi hanno riportato di aver provato impulsi molto più potenti, e di averli assecondati più spesso di quanto non avessero fatto le femmine.

Nel secondo esperimento i ricercatori hanno indagato allora la forza degli istinti sessuali nei due sessi, per comprendere quanto potessero influenzare la loro capacità decisionale.
Per farlo hanno reclutato 600 studenti, 326 uomini e 274 donne, sottoponendoli a un “partner selection game”.
Nel test sono state mostrate velocemente ai partecipanti delle foto di persone dell’altro sesso, marcate in precedenza dai ricercatori con la tag “adatte a te” o con quella “non adatte a te”. È stato quindi chiesto loro di accettare o rifiutare questi possibili partner basandosi unicamente sulle indicazioni delle tag, piuttosto che sul loro aspetto fisico.

I risultati hanno mostrato che, mentre le femmine riuscivano facilmente a fare la loro scelta attenendosi alle indicazioni ricevute, i maschi avevano molta più difficoltà a rifiutare i partner desiderabili, anche quando veniva espressamente chiesto loro di farlo.
Dando ai maschi più tempo per rispondere però, la loro precisione aumentava notevolmente.
Questo, spiegano i ricercatori, dimostrerebbe che il problema non risiede tanto nella mancanza di autocontrollo, quanto piuttosto nella presenza di istinti sessuali più intensi di quelli di quelli del genere femminile.
Riferimenti: Personality and Social Psychology Bulletin doi:10.1177/0146167213499614

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

RISULTATI di una RICERCA AUSTRALIANA  Sesso tutti i giorni per essere piu' fecondi ? "Un po' di astinenza permette agli spermatozoi di aumentare di numero ma diminuisce la loro qualita'"
La regola d'oro che prescrive agli uomini di astenersi dal sesso per due tre giorni per essere piu' fecondi non vale per tutti.
Per alcuni sarebbe meglio avere rapporti quotidiani per migliorare la qualita' dello sperma e aumentare così le chance di mettere incinta la propria partner. E' quanto emerge da una ricerca della Sydney University.
Ad una conferenza dell'American society for reproductive medicine in corso a Washington gli studiosi australiani hanno spiegato che avere rapporti sessuali quotidiani giova in termini di fecondita' agli uomini con sperma danneggiato.
Il team scientifico ha esaminato 42 uomini con liquido seminale dalla forma anomala (visibile al microscopio ovviamente).
A loro e' stata richiesta un'eiaculazione giornaliera per sette giorni: dall'analisi dello sperma e' risultato che quello dell'ultimo giorno era meno danneggiato rispetto a quello dell'inizio, «espulso» dopo tre giorni di astinenza. Un'evidenza che eiaculando una volta al giorno si riducono considerevolmente i danni al Dna degli spermatozoi e quindi lo sperma e' piu' "sano".

QUALITA' e QUANTITA'  "Questa ricerca conferma sì che non avere sesso per giorni permette agli spermatozoi di aumentare numericamente, ma dimostra anche che esiste una forbice tra qualita' e quantita' degli stessi", spiega il dottor Allan Pacey, segretario della British Fertility Society. "Alcuni uomini pensano che limitando le eiaculazioni diventano piu' fecondi. E ci sono mogli che si concedono soltanto nei loro periodi fertili perché credono di aumentare le probabilita' di restare incinta. Ma non e' così  osserva Pacey : se normalmente in una coppia che sta cercando un bambino resta auspicabile un intervallo di due tre giorni, ci sono casi in cui diventa meglio abolirlo". E provarci quando e quanto si vuole. Per la gioia di aspiranti padri e madri.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Le origini della felicita’ od infelicita’ negli adolescenti come negli adulti hanno la loro “nascita” nella mancanza di una completa ed appagante sessualita’ con colui che si ama.
Quindi significa che: “una scopata al giorno, toglie il medico di torno”…
La Vera Moralita’ naturale autoregolantesi, nasce non dalla obbedienza ai “testi” sacri, come dicono i religiosi, ma dall’esperienza del massimo piacere sessuale con la persona amata ! Il piacere, sopra tutto quello sessuale, e’ accompagnato da una elevata carica bioelettronica dell’energia della Pelle, mentre il fastidio od il disagio ansioso sono accompagnati da una perdita di tale carica energetica.
Gli odierni discorsi sul sesso in genere riguardano piu’ che altro il “viagra” o barzellette per nascondere l’ansia latente, mentre nessuno osa chiedere o chiedersi, perche’ sono tanto diffuse fra uomini e donne, le disfunzioni sessuali…

…..Iniziamo ad amarci tutti, pensiamo in positivo....
Pensare in positivo emana un fluido magnetico che schiaccia la negativita', facendoci trovare le soluzioni migliori per noi e gli altri. Il pensiero e' fonte di energia magnetica che, piu' veloce della luce, si diffonde in tutti noi. Il pensiero si negativizza, quindi non fluisce tra gli uomini se non stagnato, come nella storia dell'umanita' durante le guerre: i totalitarismi, nelle logiche artificiali delle democrazie rappresentative, ancora stagnanti fino alla forte negativita', di fronte ai religiosismi coatti.
Liberiamo le forze positive, sono parte di noi !
Il pensiero positivo, la sua forza magnetica con le sue energie sottili, si basano su teorie scientifiche che hanno trovato molte fonti di studio autorevoli. Tra di esse, anche quelle dell'universita' di Princeton, in New Jersey (Usa). Secondo gli scienziati, l'umanita' condivide emozioni e intenzioni, contribuendo alla creazione di una coscienza globale. Quindi energie sottili si trasmettono a velocita' non conosciute influenzando l'intero Pianeta. Innanzitutto il pensiero, pensare e desiderare.
Sembra un paradosso, ma basta questo per iniziare a cambiare l'umanita'.
Ancor prima degli scienziati, lo dice Madre Natura   www.globalorgasm.org
Fare all'amore produce una ondata positiva, ma non ditelo al Vaticano, che intenderebbe "solo per procreare".
Donna Sheehan e Paul Reffell, promotori dell'orgasmo planetario con tanto di tesi scientifica e portale di supporto, hanno invitato tutti ad "amarsi" lo scorso 22 Dicembre, gia' alla seconda edizione rispetto a quella del 2006.
Il sito "Global O" e' stato cliccato piu' di 14 milioni di volte in poche settimane, attirando oltre un milione di visitatori, 214,806 il 22 dicembre. Quasi cinquemila da Madrid, poco piu' di quattromila da Bangkok e 3212 da Parigi. Sono purtroppo numeri che non corrispondono a quelli delle televisioni e dei media cartacei assistiti (in Italia) con i nostri soldi, quelli dello status quo, tra cui anche l'Osservatore Romano ed il quotidiano Avvenire (oltre 10 milioni di euro all'anno). Per dirci cosa ?
                        

….Molte filosofie antiche iniziano: "All'inizio c'era la parola", "L'uomo e' quello che pensa".
Il pensiero, il desiderio di voler cambiare portera' il cambiamento, pensiamo intensamente durante l'orgasmo.
L'orgasmo sara' il catalizzatore positivo delle emozioni che si muoveranno in lungo e largo, raggiungendo gli altri, oltremodo raggiunti dagli altri in una dinamicita' e fluidita' energetica, grande quanto il Pianeta, quanto l'Universo, perche' legge dell'UniVerso, del quale noi siamo gli inesorabili ingrati figli.
By Giuseppe Parisi  (medico)


Il nudo femminile sdraiato (dipinti) nel corso dei Secoli:
http://www.guidecampania.com/dellaragione/articolo49/articolo.htm


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Calo della libido spinta ai livelli piu' estremi  Milano, 6 mag. 2008 (Adnkronos Salute)
Fino a raggiungere una pace dei sensi precoce, una completa perdita di interesse per il sesso gia' intorno ai 4050 anni. L''anoressia sessuale maschile', messa in luce tra gli uomini inglesi da un gruppo di psicoterapeutici britannici, "e' un problema anche italiano". Un vero e proprio 'censimento' non e' stato fatto, "ma l'impressione e' che in 10 anni nella Penisola siano almeno triplicate le coppie bianche": partner fissi, sposati o conviventi, che hanno ormai rinunciato ai rapporti intimi per vivere come fratelli.
Lo riferisce all'ADNKRONOS SALUTE, Bruno Giammusso, responsabile dell'Unita' operativa di andrologia all'Universita' di Catania, oggi a Milano a margine del lancio di una campagna sociale contro la disfunzione erettile o impotenza.
Un'iniziativa promossa da Societa' italiana di andrologia (Sia) ed European Sexual Disfunction Alliance (Esda), con il supporto di Eli Lilly Italia, per inviare un messaggio di speranza ai maschi italiani che ancora soffrono in silenzio.
Ma accanto agli uomini che evitano la partner per disturbi di erezione o altri sintomi di malessere organico, conferma Giammusso, "ci sono anche italiani che si rassegnano a una vita senza sesso solo per totale mancanza di desiderio", di spinta verso l'altro. E se "a volte il fattore scatenante e' un disagio di coppia  precisa l'esperto  altre volte il problema alla base non e' relazionale, bensì individuale": stress da super lavoro e 'mal di citta''.
"Nelle metropoli come Milano le coppie bianche appaiono piu' numerose", assicura Giammusso. Secondo l'andrologo entra infatti in gioco "quella che un tempo si chiamava 'sindrome dell'avvocato'": non certo una malattia di categoria, ma "un modo per indicare i casi in cui le attivita' razionali della routine professionale prendono il sopravvento sull'istinto e le emozioni".
Insomma, "se fino a 1015 anni fa il problema del ridotto desiderio sessuale era un aspetto solo marginale, oggi e' diventato sostanziale", continua Giammusso. Non solo nel Regno di Sua Maesta', come rivelano appunto le indagini condotte Oltremanica, ma anche nel Belpaese. Il 'latin lover' di un tempo lascia quindi spazio a un maschio piu' fragile e insicuro, che per sottrarsi ai doveri coniugali adduce non di rado alibi tradizionalmente appannaggio del gentil sesso.
Cerchio alla testa in primis. "Non sempre ci sono problemi medici alla base  ribadisce l'esperto  Il calo della libido puo' essere indipendente da disturbi come la disfunzione erettile.
E anche in questo caso, c'e' chi mantiene la voglia di recuperare il desiderio perduto e chi invece preferisce abolire il sesso". All'interno e fuori dalla coppia.
"Capita sempre piu' di frequente, magari durante un consulto urologico, di apprendere che un paziente gia' nella quartaquinta decade di vita ha detto addio ai rapporti intimi".
E la scelta "appare piu' diffusa nei grandi centri urbani", complice una frenesia produttiva che ruba al maschio la voglia di abbandonarsi alla passione. "Lavorare 1416 ore al giorno toglie il desiderio di fare l'amore  concorda Vincenzo Mirone, presidente dell'Esda  E quando arriva il fatidico sabato l'uomo si sente sotto pressione, quasi in obbligo verso la compagna". Questa, a sua volta, di fronte all''inappetenza' di lui "entra in crisi e si colpevolizza, si sente poco amata e pensa subito a un'altra donna", riprende Giammusso.
Ma come in un circolo vizioso il tarlo del sospetto "peggiora moltissimo la situazione, che per l'uomo sfocia a volte in un primo campanello d'allarme, anticamera della depressione". Il consiglio e' parlare: rivolgersi al medico senza timori, dialogare con la partner e recuperare spontaneita'. Una mano puo' arrivare dal calendario:
"La vita sessuale 'soffre' le stagioni di transizione e soprattutto l'inizio dell'inverno, quando la poca luce abbatte l'umore. In estate  conclude Giammusso  le cose migliorano".

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Sesso: desiderio sopito per 40% over 50, troppe donne rinunciano in silenzio
Spagna  Madrid, 21 mag. 2008   Splendide cinquantenni accompagnate da aitanti giovanotti ?
Questa nuova coppia, protagonista di spot e gossip, sembra scontrarsi con una realtà ben diversa. Circa quattro europee su 10, arrivate a 50 anni, confessano di sperimentare un brusco calo del desiderio, e il 30% si spinge più in là, dicendosi disinteressata al sesso, mentre il 20% a conti fatti pensa di vivere un'intimità poco o per nulla piacevole.
Dati allarmanti, quelli diffusi oggi a Madrid dagli esperti riuniti al 12.esimo Congresso mondiale sulla menopausa, che puntano il dito sul fatto che "ancora troppe donne scelgono di vivere in silenzio questi problemi, spesso rinunciando a un'intimità divenuta spiacevole o dolorosa", ha detto Santiago Palacios, direttore dell'Instituto Palacios de Salud y Medicina de la Mujer (Madrid) e presidente del Congresso.

"Il calo del desiderio non è il solo problema femminile  ha aggiunto Rossella Nappi del Centro di ricerche sulla medicina riproduttiva dell'Universita' di Pavia  circa tre donne su 10, infatti, lamentano secchezza vaginale e dolore durante il rapporto. Insomma, oggi la disfunzione sessuale è rilevante per le donne di ogni età, ma molto più spesso si manifesta in menopausa". Inoltre, secondo le stime diffuse a Madrid, il 50% delle over 50 ha difficoltà nel raggiungere l'orgasmo, e il 25% non ci riesce affatto. Alla radice di questi problemi, secondo i ginecologi, ci sono fattori psicologici, ormonali o di entrambi i tipi.
"Ma le donne non sempre sono in grado di comprendere le trasformazioni legate alla sfera sessuale e portate loro dalla menopausa, perchè il processo può anche essere lento  ha aggiunto la Nappi  Queste variazioni, infatti, spesso cominciano a manifestarsi nel periodo immediatamente precedente alla menopausa stessa, una fase della vita in cui spesso ci si sente stressate dal lavoro, dai doveri familiari e dai mille impegni di una vita moderna".

Così, distratte dalla quotidianità, si sottovalutano segnali d'allarme e problemi iniziali. Finchè qualcuna non arriva a rinunciare del tutto alla sessualità. "Sappiamo che ci sono diverse ragioni che spingono le donne a tacere questi problemi, anche al ginecologo  ha spiegato Johannes Bitzer del Dipartimento di ostetricia e ginecologia dell'Ospedale universitario di Basilea (Svizzera) 
Per prima cosa tutte vivono questa sfera come molto privata e intima e si imbarazzano nel confessare delle difficoltà. Poi, spesso, sono convinte che il proprio medico non abbia tempo per parlare di questi argomenti. E a volte non sanno che per i loro problemi esistono già trattamenti disponibili, che potrebbero aiutarle a superare i problemi".
Risultato ? Troppe tacciono e soffrono in silenzio, o mandano in pensione la sessualità, rinunciando del tutto all'intimità.
"Ma i cambiamenti sperimentati dalle donne quando raggiungono la menopausa possono essere trattati con medicinali specifici, se alla base del problema c'è una disfunzione biologica", ha assicurato Palacio.
Per prima cosa, però bisogna parlare con le donne, hanno detto gli specialisti, e sfatare i falsi miti e i pudori che ancora avvolgono questi temi. "Comprendere meglio le disfunzioni sessuali femminili è cruciale per ottenere il miglior risultato possibile, in termini di trattamento", ha concluso Palacio.
Tratto da: Adnkronos Salute  By Margherita Lopes

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

TESTOSTERONE
La sua diminuzione comporta una serie di problemi che molto spesso vengono etichettati come gli acciacchi dell'eta'.
Quando i livelli scendono al di sotto del valore soglia (350 ng/dL), e si associa la presenza di specifici sintomi, si configura un quadro patologico noto come "Sindrome da deficienza di testosterone".
E' stato rilevato che la carenza di testosterone, oltre ad avere un'influenza negativa sulla sessualita', determina un aumento della mortalita' per cause cardiovascolari e metaboliche, dal momento che cresce l'incidenza di diabete, ipertensione, obesita' e iperlipidemia (ipercolesterolemia ed ipertrigliceridemia).
In questo senso, il testosterone rappresenta un vero e proprio "marcatore dell'invecchiamento" ed una sua valutazione periodica, consente di individuare eventuali deficit e di instaurare una moderna ed efficace terapia sostitutiva che impedisca l'insorgenza di importanti conseguenze cliniche. Oltre a formulazioni farmaceutiche piu' efficaci rispetto al passato.
Per aumentare il testosterone e' importante l'attivita' sportiva, una alimentazione ricca di antiossidanti e di fibre. Importante e' anche una vita familiare serena. Questo nuovo esame del testosterone costituisce quindi un momento importante per l'uomo oltre una certa eta' e un utile punto di riferimento per un programma terapeutico.
By Giuseppe Parisi (medico)  vedi:
INTRODUZIONE al SESSO

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

IMPOTENZA sessuale
Secondo le statistiche l'impotenza colpisce circa il 13% degli italiani, tra cui il 60% di coloro che hanno più di 75 anni e il 20% di chi ha tra 50 e 54 anni.
Disturbi erettili
maschili, riguardano oltre 500 milioni di persone e questi aumentano sempre di piu'.
In medicina, incapacità di compiere l'atto sessuale (impotentia coeundi) o di generare (impotentia generandi);  nel maschio, essa e’ una disfunzione o deficit erettile è l'incapacità di raggiungere o di mantenere l'erezione in presenza di adeguati stimoli sessuali.
Le cause possono essere molteplici quali ad esempio, i fattori psicogeni (più diffusi tra i giovani) come insicurezza, stress, sensi di colpa, ansia da prestazione, problemi di coppia, depressione, eiaculazione precoce.
Nel maschio l'erezione si ha quando tramite le arterie del pene arriva un abbondante flusso di sangue ai tessuti spugnosi dei corpi cavernosi e nel glande. Il sangue, rimanendo intrappolato nei tessuti spugnosi, rende il pene duro. Normalmente il deflusso del sangue durante il rapporto sessuale viene bloccato mantenendo l'erezione.

La prima forma d'impotenza,  può essere dovuta ad anomalia dei genitali, ad alterazioni endocrine, a malattie generali, a traumi nervosi nella regione perineale (i. sintomatica); a paralisi dei nervi motori (impotenza atonica); a lesioni del sistema nervoso centrale, in particolare del midollo spinale (impotenza paretica); a fattori di ordine psicologico.
La terapia consiste nel rimuovere le cause locali e generali, oltre a quelle psicologiche.
Altre cause possono essere i fattori organici ad esempio conseguenza di malattie quali diabete, disfunzioni venose, ipertensione arteriosa, insufficienza renale, traumi, lesioni al midollo spinale; fattori iatrogeni quali asportazione della prostata, operazioni invasive sulla vescica, sul retto, sull'aorta addominale, assunzione di medicinali quali diuretici, antipertensivi, anoressizzanti, tranquillanti, ecc., oppure da difetto quantitativo o qualitativo degli spermatozoi, da ostruzione delle vie genitali per pregresse infezioni o interventi chirurgici; alterata deposizione dell'eiaculato in vagina, per anomalie del pene, eiaculazione precoce, ecc.

Proprio conoscendo queste sottigliezze primordiali cosi’ importanti, le case farmaceutiche cercano di cavalcare (con farmaci chimici) questa “malattia” dell’anima…..il mancato e/o ridotto piacere dell’amore anche sessuale….che dai religiosi (i senza Dio dell’AmOre VERO) viene sempre e purtroppo represso con la violenza psicofisica !
 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Se tra marito e moglie non ci sono piu' rapporti sessuali… - 05 Feb. 2014
Roma, (I) - Se tra marito e moglie non ci sono piu' rapporti sessuali rapporti sessuali non commette alcuna violazione ai doveri coniugali chi dei due decide di andar via con un'amante.
Lo ha precisato la suprema Corte di Cassazione respingendo il ricorso presentato da una donna di Pescara che chiedeva l'addebito del divorzio al marito colpevole, a suo dire, di essere andato via di casa per vivere con un'altra donna. "L'abbandono della casa familiare - spiegano i supremi giudici con la sentenza 2539 della sesta sezione civile - che di per se' costituisce violazione di un obbligo matrimoniale e, conseguentemente, causa di addebito della separazione, in quanto porta alla impossibilita' della convivenza non concreta tale violazione se si provi (e l'onere incombe a chi ha posto in essere l'abbandono) che esso e' stato determinato dal comportamento dell'altro coniuge, ovvero quando il suddetto abbandono sia intervenuto nel momento in cui l'intollerabilita' della prosecuzione della convivenza si sia gia' verificata, ed in conseguenza di tale fatto".
Il marito ha infatti sostenuto che dalla nascita del loro figlio con la moglie non ha piu' avuto rapporti sessuali, e questo e' durato per nove anni.
Secondo i giudici della cassazione, inoltre, non avrebbe importanza stabilire a chi dei due sia imputabile la decisione di non avere piu' rapporti sessuali. I supremi giudici hanno confermato quanto stabilito nel secondo grado di giudizio ed hanno respinto la richiesta di risarcimento danni avanzata dalla donna. By AGI

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

L’amore nella coppia ? si vede nel sonno
Diversi studi rivelano il rapporto tra il modo in cui si dorme e la situazione sentimentale di una coppia
Il modo e le posizioni in cui una coppia dorme rivelerebbero il grado di affiatamento, armonia e profondità del rapporto. Lo rivela una serie di studi effettuati negli anni, che rivisti in prospettiva sembrano riservare considerazioni interessanti. Lo psicoanalista Samuel Dunkell affrontò tale argomento nel suo libro Le posizioni del sonno (Sonzogno, 1978) e, più recentemente, la sociologa americana Evany Thomas ha analizzato i più comuni incastri notturni di due amanti nel libro The Secret Language Of Sleep (Sonzogno, 2006).
Il letto, insomma, è visto come uno spazio esistenziale nel quale ognuno agisce ed esprime la relazione attraverso il modo in cui lo occupa insieme al partner. In generale gli “incastri” di coppia durante il sonno evolvono naturalmente, da una posizione di estrema vicinanza dei corpi a un graduale allontanamento.
Ciò non implica necessariamente la presenza di problemi, ma può essere indice del fatto che la coppia ha acquisito una certa sicurezza emotiva e che i due partner tendono verso uno spontaneo recupero della propria individualità.
Una posizione tipica dell’inizio di una relazione è quella definita a cucchiaio: i corpi sono accostati, stesi nella stessa direzione girati su un fianco e in genere è lui a stare dietro.
Se il contatto continua a essere molto forte anche con il passare del tempo, può però indicare possessività, controllo e ansia da separazione. Allo stesso modo la distanza tra i corpi non è detto che denoti allontanamento emotivo o individualismo, ma può invece significare una normale e sana dose di indipendenza.
Ci sono poi posizioni stravaganti che riflettono inequivocabilmente il rapporto, come dormire di sbieco o addirittura dormire uno con la testa ai piedi del letto e l’altro con la testa sul cuscino, ad indicare che la vita dei due partner sta andando in direzioni diverse.
Tratto da. alfemminile.com

Animated Kama Sutra: http://www.animatedkamasutra.com/contents37.htm
Mantak Chia: http://mantakchiauniversaltao.com/
Quantum Tantra, by Nick Herbert:  http://members.cruzio.com/~quanta/qtantra1.html
http://google.com/Top/Society/Sexuality/Tantra
http://www.luigicascioli.it/sesso_ita.php  
Le posizioni del Kamasutra
  (Francais)  +  http://www.amicosesso.it/ +   Naturismo e Nudismo

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

I dittatori nascosti (clandestini) della medicina, d’altra parte li conosciamo molto bene…..; che vestano gli abiti dei “baroni” e degli “scienziati”, che si mimetizzano nelle “lobbies accademiche” od operino nelle multinazionali del farmaci, sono loro quelli che “contano” e “governano” la medicina ufficiale.
Alle menti aperte e liberali il compito di reagire a questa marea montante di intolleranza antiscientifica, prima che questi nuovi tiranni arrivino ad insegnarci perfino cosa e’ giusto e non e’ giusto pensare…!
220 anni dopo, questa situazione di dittatura sanitaria si e' realizzata e TU caro lettore cosa fai per contrastarla ??

Un esempio:
Germania. "Lo scandalo gigantesco" dei genitori "incarcerati fino a 40 giorni" perché i figli non partecipano ai corsi gender a scuola - 13/11/2014 - By Leone Grotti
I corsi sono obbligatori e tanti sono già finiti in prigione, come i coniugi Martens. Intervista a Mathias Ebert, che ha fondato a Colonia l’associazione “Genitori preoccupati”: "Centinaia di genitori sono nella stessa situazione". Il 24 ottobre un ufficiale di polizia si è presentato alla porta della famiglia Martens a Eslohe, piccolo comune della Renania Settentrionale-Vestfalia, in Germania. Mentre apriva la porta, Eugen conosceva già lo scopo di quella visita: l’arresto della moglie e madre dei suoi nove figli Luise. Sapeva tutto in anticipo perché per lo stesso motivo lui stesso era già stato arrestato il 15 agosto del 2013. Che cosa hanno fatto dunque i due coniugi di 37 anni di così grave da meritare l’arresto ?

Non hanno ucciso, non hanno rubato né danneggiato alcuno.
La loro unica colpa è di essere padre e madre di una bambina che si è rifiutata di partecipare due volte ai corsi di "educazione sessuale" previsti per le elementari. L’anno scorso Luise non è stata portata in carcere insieme al marito perché era incinta.
Quest’anno, l’ufficiale di polizia non l’ha "prelevata con la forza come dovrei" perché sta ancora allattando l’ultimo figlio. "Purtroppo però non finisce qui. L’ufficio del procuratore farà applicare la decisione del giudice", afferma il poliziotto nel video che vedete qui sotto. (VIDEO cliccare  sul link della FONTE)
"Tantissime famiglie sono nella stessa situazione dei coniugi Martens in Germania», dichiara a tempi.it  Mathias Ebert, sposato con quattro figli, che dopo essere venuto a conoscenza della storia dei Martens, ha deciso di fondare a Colonia l’associazione Besorgte Eltern ("Genitori preoccupati").
Il movimento ha già organizzato diverse manifestazioni in Germania con migliaia di partecipanti perché "si discuta pubblicamente di questo scandalo gigantesco e si impedisca la corruzione dei nostri figli", che a partire dai sei anni devono partecipare a corsi di educazione sessuale dove si propugna l’ideologia del gender.

Perché se una bambina salta due ore di scuola i genitori vengono messi in carcere?
In Germania la scuola è obbligatoria e se un bambino salta le lezioni la scuola ha la facoltà di denunciare i genitori e il tribunale può multare la famiglia. I coniugi Martens hanno per questo ricevuto una multa di circa 30 euro. Questo è assurdo perché la figlia ha abbandonato di sua iniziativa la lezione.

La famiglia non poteva pagare e basta ?
No, perché è una questione di principio. Quello che fa arrabbiare è che il tribunale usi due pesi e due misure. Alcuni bambini non vanno a scuola per mesi e ai genitori non succede niente. Però quando una bambina salta due ore di educazione sessuale, ecco che la famiglia viene subito denunciata. È ingiusto e infatti nel video che abbiamo realizzato il poliziotto è imbarazzato e dà tutta la colpa alla procura.

Perché la bambina non voleva partecipare ai corsi di "educazione sessuale" ?
Perché il contenuto delle lezioni è perverso. Non solo si mostra ai bambini come funziona il sesso dei maschi e delle femmine, ma li si mette davanti alla “varietà” delle pratiche sessuali: sesso orale, sesso anale e molto altro. Si dice anche ai bambini, fin dalle elementari, che il loro genere non è determinato e che non possono sapere se sono maschietti o femminucce, che devono pensarci su. Questa per me si chiama manipolazione dei più piccoli.

Ci sono stati altri casi oltre a quello della famiglia Martens ?
Certo. Non conosco il numero esatto dei genitori incarcerati, ma solo il piccolo gruppo dei genitori della città di Paderborn (150 mila abitanti, ndr) ha scontato negli ultimi anni complessivamente 210 giorni di galera. È uno scandalo gigantesco anche perché sono gli stessi bambini a voler uscire dalle classi.
Nella città di Borken, ad esempio, in una classe la lezione ha turbato così tanto i bambini che sei di loro sono svenuti.

Quanto devono stare in carcere i genitori ?
Dipende. Un padre con cui ho parlato recentemente qui nella Renania Settentrionale-Vestfalia ha passato in galera 21 giorni e sua moglie rischia la stessa pena perché il figlio ha abbandonato le lezioni di sua spontanea volontà. Altri restano in carcere anche 40 giorni ma nessuno li ascolta. Nessuna consente loro di alzare la voce e protestare.

La storia dei Martens però ha fatto il giro della Germania.
Sì, perché sono persone molto coraggiose. Hanno scelto di rendere pubblica la loro storia e non è scontato, visto che la maggior parte degli altri genitori non parla di questa cose.

Perché ?
Perché ha paura. In Germania quando si viene puniti, si viene subito considerati come “criminali”. Quindi non è difficile farsi intimidire. Io però sto cercando di mobilitare queste famiglie perché le loro storie escano alla luce del sole. La famiglia Martens ha da subito parlato pubblicamente ed è stato grandioso: se tanta gente verrà a conoscenza di questi fatti, finalmente se ne discuterà. Alle cose non si dà il giusto peso: in Germania uno stupratore viene lasciato a piede libero se non era pregiudicato, mentre si rinchiudono in prigione i genitori onesti.
Tratto da: http://www.tempi.it/germania-scandalo-genitori-incarcerati-figli-corsi-gender-scuola#ixzz3J52PSD5b


Commento:
La questione del "genere" (in inglese gender) è un incrocio fra una dottrina pseudo-scientifica e un bisogno politico, che ha finito col tramutarla in ideologia. 
Nella cultura mass-mediatica il termine è ormai egemonico e ha sostituito - anche negli studi internazionali e nelle analisi di sostegno al terzo mondo - il termine sesso. Il linguaggio recepisce velocemente i cambiamenti e il nostro caso non fa eccezione, tanto che questo nuovo significato di genere è passato all'interno delle nostre culture. La teoria del gender è una idea che sostiene la non-esistenza di una differenza biologica tra uomini e donne determinata da fattori scritti nel corpo, ma che gli uomini e le donne sono uguali da ogni punto di vista; c'è quella differenza morfologica, ma non conta niente. Invece la differenza maschile/ femminile è una differenza esclusivamente culturale, cioè gli uomini sono uomini perché sono educati da uomini, le donne sono donne perché sono educate da donne.
Se non ci fossero queste costruzioni culturali non ci sarebbero differenze tra donne e uomini e il genere umano sarebbe fatto di persone uguali. In tal modo la sessualità viene dissociata dalla personalità, non viene naturalmente connessa con la costruzione di una persona.
Se osserviamo la realtà vicina a noi, in effetti oggi i ragazzi e le ragazze tendenzialmente sono educati nello stesso identico modo e i genitori si vergognano un po' se dicono alla figlia cose diverse che al figlio, anche se in realtà i ragazzi e le ragazze hanno esigenze diverse, problemi diversi, incontrano ostacoli diversi. Si è imposta la tendenza a negare le differenze.
Prima l'idea era di essere uguali se cancelliamo la proprietà privata, le differenze sociali, la meritocrazia, se cancelliamo tutto.
Oggi, invece, questa utopia dell'uguaglianza ha preso strade diverse: secondo la teoria del gender, l'umanità non è divisa tra maschi e femmine, ma l'umanità è fatta di individui che scelgono chi vogliono essere. Questa utopia dell'uguaglianza è anche quella che sta dietro l'eugenetica: se nessuno è malato, siamo tutti uguali, tutti sani.

tutti felici.
Il successo di questa omologazione è anche legato al crollo delle ideologie tradizionali, al riempimento di un vuoto dopo il crollo del muro di Berlino.
Si introduce così il cambiamento di termini: parentalità invece di genitori, perché genitori sono padre e madre, invece parentalità è una parola strana; parole che cancellano la differenza sessuale e che vorrebbero dire che esistono solo dei nuclei sociali che possono assomigliare alla famiglia, indipendentemente dalla differenza sessuale.

La cosa grave è che le Nazioni Unite e, soprattutto, l'Unione Europea hanno sposato quest'ideologia del gender, come un'ideologia ugualitaria, quindi buona, quindi da proporre.
L'Unione Europea ha stabilito sostanziosi finanziamenti per favorire la diffusione dell'ideologia del gender in Europa; il che ha significato che chiunque in una Università, in un contesto di ricerca, metta il termine gender nel suo programma, diventi idoneo a ricevere dei soldi. Questo ha fatto sì che il termine abbia avuto una rapida diffusione, perché anche persone che si occupavano di cose diverse hanno inserito la parola gender in modo tale da avere finanziamenti.
Così il termine è diventato familiare; poi è molto chic perché è un termine inglese, moderno; non si dice più differenze sessuali, che ricordano il sesso, archetipo della Creazione, gender è molto più carino, alla moda.
Uno si sente parte di un mondo avanzato, moderno, lo si usa ormai anche all'interno del mondo cattolico. Lo usano tutti.
La diffusione è avvenuta anche nelle nostre Regioni: nei documenti delle Regioni si usa "famiglie" invece che famiglia, e parentalità.Troviamo la parola genere dappertutto e le persone che la usano non sanno tutta la storia: che cosa è il genere, il pericolo che rappresenta e il tipo di categoria che usano.

Bisognerebbe stare molto attenti, quando si parla, a non usare il termine "genere" e a denunciare quando viene usato: tu sai cosa è?
Ma sai cosa vuol dire questo termine che usi ? Perché è un modo per contrastare questa avanzata assurda che però, ad un certo punto, come tutte le ideologie diventa realtà sociale; e quindi già si dice che non esiste più la differenza sessuale, ma che esiste solo il genere, che è una costruzione culturale.

Al convegno delle Nazioni Unite di Pechino del 1995 - dedicato alla condizione femminile e che ebbe fra le principali protagoniste Hillary Clinton - si propose di sostituire la differenza tra uomini e donne con cinque "generi". Tratto da: vicariatusurbis.org

L'ORGANIZZAZIONE MONDIALE della SANITA', ha creato le guide gender per spiegare e istruire nelle scuole ,che ci sono 5 generi di sesso. uomo, donna, omosessuale, lesbica, transessuale (i generi di sesso diciamo "scoperti" arrivano fino a 24) queste guide sono inserite dal governo monti,al momento facoltative ma gli insegnanti che le usano non hanno l'obbligo di informarne i genitori, le guide accompagnano i bambini dall'asilo all'università, secondo l'Oms. servono per evitare discriminazione fra i sessi e l'accoglimento degli altri generi, si comincia con l'insegnare la masturbazione negli asili, per poi passare a orgasmo eiaculazione e rapporti fra i vari sessi.
Tutto viene servito nelle scuole elementari, naturalmente useranno supporti come film, bambolotti e disegni, insomma col gioco..... un po' come fanno i pedofili, è una cosa OSCENA in Germania ci sono stati casi di bambini che per troppa tensione emotiva sono svenuti, una ragazza fuggita dalla lezione di genere ha fatto arrestare i genitori accusati dalle leggi sull'omofobia di essere omofobi.
La cosa che preoccupa è che queste lezioni si terranno senza il consenso dei genitori, entrando nella sfera dell'educazione sancita dalla Costituzione di prerogativa dei genitori, quindi come insegneranno a bambini di 4, o 5 anni a masturbarsi ? chi mi garantisce che l'insegnante o persone nella scuola non faranno foto o film per venderseli in internet ?e poi nelle medie o nei liceii se vi saranno insegnanti che approfittano delle guide per avere la possibilità di avvicinarsi ai nostri figli ?
Mettiamo questo documento che tutti dovrebbero firmare e consegnare al preside della scuola, con firma di ricevuta, dove studiano i nostri figli prima che qualcuno faccia danni irreparabili per la crescita dei nostri figli,
ed anche per impedire l'educazione sessuale al posto dell'informazione sessuale:

Il tutto e' inventato e propagandato dai soliti noti: I Banchieri, con i loro politici, che vogliono degli schiavi e degli "omologati"...che sono anche i proprietari delle multinazionali e finanziano in qualsiasi modo....tutti gli enti pubblici e privati del mondo.....ed i loro uomini immessi nei posti chiave dei vari stati del mondo...
vedi:
Rapporto Flexner e Dichiarazione di Alma Ata
+ FARMACI e CONTROINDICAZIONI + Farmaci, Soldi, Bugie: www.informatori.it/informatori/farsold.htm
L'F.D.A. (USA) ha TENUTO NASCOSTE le PROVE della PERICOLOSITÀ dei CIBI TRANSGENICI e di molti Farmaci e Vaccini  (vedi la trasmissione Report Rai3 del 20704/08) + FORUM sul pericolo dei Farmaci e delle Case Farmaceutiche

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Le Ovaie di giovane donna distrutte dal Gardasil (vaccino fasullo per il tumore all'utero): Merck ha “dimenticato di fare ricerca” degli effetti del vaccino sulla riproduzione femminile…. - Martedì 6 agosto 2013
Fonte NaturalNews - Uno studio appena pubblicato ha rivelato che la Merck & Co., la mente aziendale dietro il famigerato vaccino Gardasil per il papillomavirus umano (HPV), ha convenientemente dimenticato di ricercare gli effetti di questo vaccino mortale sui sistemi riproduttivi delle donne. E almeno una giovane donna, in questo caso da Australia, sostenuto il peso di questo fallimento imperdonabile dopo aver scoperto che i suoi ovaie erano state completamente distrutte a seguito della vaccinazione.

Pubblicato in peer-reviewed sul British Medical Journal (BMJ), lo straziante racconto dell’ esperienza di questa giovane ragazza di 16 anni dovrebbe far riflettere tutti i genitori attualmente sotto pressione dai loro medici per far vaccinare le loro giovani figlie con il pericoloso Gardasil.
Privata della sua naturale capacità di vivere la piena femminilità, questa giovane donna ha vissuta menopausa precoce, in cui le ovaie sono state rovinate ancora prima che fossero anche in grado di svilupparsi pienamente.

Intitolata “Insufficienza ovarica prematura” tre anni dopo, in una ragazza di 16 anni a seguito della vaccinazione per il papillomavirus umano, questo ultimo caso di studio fornisce una prova solida che Gardasil è, per lo meno, una grave minaccia per la funzione ovarica normale.
Non solo è stata la ragazza danneggiata esaminata e verificata di avere avuto le ovaie sane prima del vaccino, ma non ci sono stati altri fattori identificati oltre Gardasil, che avrebbe potuto essere eventualmente coinvolti nella sua improvvisa disgrazia.

Peggio ancora è il fatto che le informazioni ottenute in seguito dalla australiana Therapeutic Goods Administration (TGA) per il caso - TGA è equivalente australiano della Food and Drug Administration (FDA) negli Stati Uniti - ha rivelato che Merck NON aveva mai condotto test di sicurezza sul Gardasil in relazione ai suoi effetti sulle ovaie femminili. Secondo il rapporto, la Merck aveva solo testato gli effetti di Gardasil sul testicoli maschili (?).
"Anche se la relazione della TGA pubblica australiana di valutazione per il umano vaccino quadrivalente per il papillomavirus, del Febbraio 2011, fa rapporto sulla istologia di testicoli di ratto vaccinati e epididimi, nessun referto istologico è stato disponibile per le ovaie di ratto vaccinati", spiega il rapporto. "Il referto istologico delle ovaie di topi vaccinati è rimasto disponibile al di là di una numerazione del corpo luteo presente a svezzamento con eutanasia dopo la prima cucciolata."
In altre parole, Merck intenzionalmente o accidentalmente - entrambe le opzioni sono tra l'altro del tutto inaccettabili - non è riuscita a controllare se Gardasil ha il potenziale di danneggiare i sistemi riproduttivi delle giovani donne, anche se le giovani donne sono sempre state il target di mercato primario per il vaccino.
Solo di recente anche i ragazzi giovani maschi, sono stati tirati nella mischia delle vaccinazioni con il Gardasil, nonostante il fatto che gli effetti collaterali a lungo termine del vaccino nei maschi sono ancora in gran parte sconosciuti.
Gardasil e’ prodotto con additivi noti per danneggiare l'apparato di riproduzione femminile
Come riportato dal giornalista investigativo Heidi Stevenson, ci sono almeno due ingredienti additivi nel vaccino che possono essere responsabili di danneggiare le ovaie femminili. Questi ingredienti sono polisorbato 80, un conservante emulsionante, e L-istidina, un aminoacido naturale. Entrambi questi ingredienti sono, ovviamente, utilizzati in alimenti trasformati, che milioni di persone consumano ogni giorno. Ma iniettandoli nel corpo hanno un effetto biologico diverso molto più che se semplicemente li consumiamo.

Come si è visto, polisorbato 80, e’ conosciuto anche con i nomi di Tween 80, Alkest, e Canarcel, ed è stato dimostrato in studi scientifici, di danneggiare la riproduzione femminile. Non solo questo additivo chimico ha il potere di accelerare notevolmente la maturazione sessuale nelle donne, ma tende anche a ridurre il peso e la funzione sia delle ovaie e dell'utero.
Allo stesso modo, L-istidina, quando iniettato nel tessuto muscolare, può indurre il corpo a sviluppare una risposta autoimmune alla sostanza naturale, che può portare a molti dei gravi effetti collaterali che sono stati osservati in molte giovani ragazze alle quali e’ stato propinato il vaccino Gardasil.
By Jonathan Benson
Assicurarsi di leggere le seguenti due relazioni di Heidi Stevenson per saperne di più su come il Gardasil danneggia la riproduzione femminile:
http://www.thelibertybeacon.com
http://gaia-health.com
Fonte di questo articolo include anche http://pop.org

INFORMATORE SANITARIO
DEFINIZIONE della parola italiana: SESSO
http://www.grandepene.com/controllo.html
Siamo Contro la Pedofilia  +  Guida per i Genitori  +  Associazione Contro la Pedofilia
Visiona questo Mantra
Progetto per Realizzare un VILLAGGIO della SALUTE (Ricerca dell'Autosufficiente)

Torna la sifilide  10 Nov. 2010.
Negli ultimi dieci anni i casi di sifilide registrati ogni anno in Italia erano circa 150200. Oggi arriviamo a oltre 1500.
Un’impennata vera e propria per la malattia venerea, che non può passare inosservata: a lanciare l’allarme sono, in particolare, gli Ospedali Riuniti di Bergamo (I), dove, nei primi 10 mesi di questo 2010, sono stati trattati già 90 casi.
La sifilide è una malattia a trasmissione sessuale, causata da un batterio, il Treponema Pallidum: “I primi sintomi non sono eclatanti, così spesso vengono sottovalutati dai pazienti fino a quando interessano gli organi interni causando infarti, ictus e cecità” spiega la dottoressa Anna Di Landro, dermatologa dell’Ambulatorio Malattie trasmesse sessualmente (Mts) degli Ospedali Riuniti: “Colpisce senza distinzioni di età o di nazionalità, ma è più frequente nei soggetti sieropositivi e nelle giovani donne straniere che spesso scoprono di esserne affette durante i controlli in gravidanza” aggiunge la dermatologa.
Per altro la sifilide rappresenta un rischio anche per il feto, perché può causare aborti, oppure, conseguenze gravi dopo la nascita (handicap o anche morte neonatale).
A che cosa si deve questo nuovo incremento di una malattia data quasi per scomparsa ? “L’incidenza della sifilide è in crescita soprattutto per i costumi sessuali più liberi e l’aumento di viaggi e flussi migratori dall’Africa, dall’est Europa e dall’America centromeridionale, dove la malattia è endemica” continua l’esperta. Tempo fa esperti inglesi avevano dato la colpa anche a Facebook, per la sua capacità di favorire il sesso occasionale e non protetto.
Per proteggersi dalle infezioni sessuali diventa, quindi, essenziale assumere comportamenti adeguati sotto le lenzuola, non rinunciando mai al profilattico, che va usato sin dall’inizio del rapporto (anche in caso di incontri anali), con il partner di sempre, se è colpito da un’infezione, e a maggior ragione con partner occasionali, di cui non si conosce lo stato di salute.
By Valeria G.  Tratto da tantasalute.it
Commento NdR: Tutti i soggetti vaccinati essendo immunitariamente depressi, sono a rischio di qualsiasi infezione, infiammazione del partner occasionale o non,; ecco perche' questa recudescenza; anche gli extracomunitari in italia vengono vaccinati appena entrano in italia regolarmente e quindi anch'essi sono immunidpressi.

Un  precursore dell' ipotetico HIV fu mescolato ai
Vaccini (come lo SV40) da propinare agli africani  gia' negli anni 70'80'  
Questa informazione e' stata "trovata" (nel 1999) negli archivi topsecret declassati, da un perspicace investigatore, un certo Boyd E. Graves, JD, il quale ha scoperto che i militari (USA) di quegli anni, avevano inserito nei Vaccini, poi propinati alla popolazione africana, dei contaminati virali (proteine tossiche) per indebolire immunitariamente intere popolazione di quel continente + una zona di New York, Manhatan, ove vivono tantissimi neri....
vedi sito: www.boydgraves.com
In Africa gia' negli anni 1960 (dopo le prime campagne  vaccinali intensive degli anni 1955-1960), si riscontravano dei casi di soggetti che dimagrivano e poi morivano inspiegabilmente; le successive campagne vaccinali degli anni 1970-80, hanno aggravato e diffuso il problema dell'immunodeficienza da vaccino (AIDS) in quel continente, infatti esso e' comparso in primis SOLO negli stati del Centro Africa, stati nei quali si sono condotte le campagne vaccinali propagandate e gestite dall'OMS ! e poi negli altri stati ove sono state successivamente effettuate altre "campagne vaccinali !
Anche
Ebola e' stata indotta dalle campagne vaccinali della OMS......trattasi di vero e proprio genocidio CONTRO la popolazione nera !

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Tumore gola: "legame" tra sesso e Papilloma Virus – 02 Dic. 2013
Esiste un legame tra sesso orale e Papilloma Virus. Uno studio condotto dall’equipe di Carlo Foresta, andrologo dell’Università di Padova, ha dimostrato (NdR: sono solo illazioni) che un partner su tre è a rischio malattie del cavo orale se l’altro è positivo all’Hpv, il Papilloma Virus.
In queste coppie vi è un elevato rischio di infezione del cavo orale dell’Hpv, pari addirittura al 30 per cento. “La ricerca – ha spiegato Foresta – nasce dalla scoperta scientifica che abbiamo fatto poco tempo fa. Abbiamo dimostrato che esiste un nesso di causalità tra la presenza dell’Hpv nel liquido seminale e infertilità maschile.
Alla luce di questa risultanza, abbiamo valutato altri possibili effetti del Papilloma virus. Lo studio che abbiamo condotto dimostra (NdR: assunto errato) la stretta relazione che esiste tra infezioni del cavo orale e Hpv e di conseguenza la possibilità di sviluppare un tumore orofaringeo”(NdR: altro assunto falso).
“Il Pap-test (NdR: test che determina anche falsi positivi) riesce solo a dimostrare se il virus è mai stato presente nell’organismo, noi invece siamo andati alla ricerca della presenza del virus nel liquido seminale in quel preciso momento, per valutare la sua relazione con patologie del cavo orale del partner” – Ha precisato l’esperto (NdR: di che cosa se dice tutte queste balle biologiche ?)

Il gruppo di lavoro diretto da Foresta, in collaborazione con Andrea Garolla ha infatti dapprima dimostrato che il Papilloma Virus può essere presente nel liquido seminale e alterare la fertilità, e in un secondo step dello studio ha dimostrato la presenza dell’Hpv nel cavo orale in partner di coppie con infezione a livello genitale e che riferivano abitudini sessuali che comprendevano il sesso orale.

Commento NdR: ….ecco un’altra delle innumerevoli ricerche basate su assunti, presupposti errati e falsi, quindi le conclusioni sono certamente fasulle !
1 – Il sesso orale esiste da quando esiste l’uomo, fin dall’antichita’ piu’ remota gli uomini cosi come gli animali, hanno bevuto l’urina anche del proprio compagno e da quella pratica e’ probabilmente nato il sesso orale.
Eppure la specie non si e’ estinta ed il cancro era un male molto remoto e rarissimo, specie quello orale.
Mentre oggi il cancro e’ divenuto un endemico male del secolo detto “moderno”, dovuto ai comportamenti errati, nell’alimentazione industrializzata, nelle acque malsane e per le vaccinazioni, ecc.
2 – il virus HPV NON e’ la causa del cancro, ma e’ la conseguenza dell'ammalamento e quindi dell’alterazione micro circolatoria e quella  del metabolismo, infatti la sostanza (chiamata virus) emessa e prodotta dalle cellule in stress ossidativo ed in apoptosi, che viene falsamente interpretata dai medici della medicina ufficiale come "causa" del cancro alla cervice dell’utero, cosa NON vera, come ben dimostrato in “I Germi NON sono le cause delle malattie” + Come nasce il cancro + Gardasil-Cervarix Guerra alle donne con il vaccino per lo HPV, ecc.
Il fatto quindi di avere nel cavo orale quel virus (sostanza lipidica a DNA) NON significa che quella persona avra’ il cancro, ma solo che quei soggetti hanno un Terreno alterato e che quindi va curato nelle giuste modalita’ come descritto in Medicina Naturale.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

L'Aids e' la malattia chiamata Sindrome Da Immunodeficienza Acquisita, ma con che cosa ?
Con le VACCINAZIONI effettuate negli anni 1970 nelle nazioni del Centro Africa, si sono indebolite immunitariamente milioni di persone che successivamente negli anni 1980 si sono ammalate di Aids, per via della sommatoria di cofattori ai Vaccini che sono immunosopressori = immunodepressione generata dai vaccini + malnutrizione + scarsa igiene !!
Il virus HIV (se esiste e se non esiste lo si crea...) e' solo un depistaggio dalla realta' dei fatti e per avere guadagni dai brevetti sui test inaffidabili....e sulla vendita dei successivi farmaci...
Nel 2006 ormai nel mondo vi sono quasi 50 milioni di individui ammalati (dati OMS) ed il 75% e' in Africa......ma altre nazioni dell'africa + quelle di altri paesi del sud del mondo (quelle occidentali sono state gia' vaccinate – in esse quelli piu' a rischio sono coloro che utilizzano droghe, farmaci ecc.  ma la stragrande maggioranza della popolazione occidentale non ha problemi di malnutrizione, ne' di scarsa igiene, come  le popolazioni dei paesi del terzo mondo e quindi la malattia (aids) produce meno casi, invece in Africa e nei paesi del terzo mondo, si e' propagata nei soggetti per via delle difese immunitarie rese labili dai Vaccini in soggetti malnutriti e con scarsa igiene.
In quelle stesse nazioni negli anni 1980  1990 e’ “nata” anche Ebola, una malattia degenerativa MORTALE, ed altre ne continueranno a nascere..!
Forse questa guerra batteriologica contro le popolazioni, che proliferano troppo rispetto alla razza bianca.....e' stata studiata a tavolino, per mantenere i neri sotto il dominio delle multinazionali di
Farmaci e Vaccini in mano alla razza bianca……gestita da BIG PHARMA ?

E' possibile che la pandemia di AIDS sia stata causata da vaccini per la polio "accidentalmente contaminati" con un virus delle scimmie e utilizzati in Africa alla fine degli anni '50 ? Ebbene purtroppo SI !!
Visionare il documento video:

L'Origine del male = 'Aids e' stato INVENTATO con il VACCINO ORALE per la Polio in Africa
 

ROMANIA TRISTE PRIMATO
In Europa circa il 60% dei bambini ammalati di aids e' Rumeno, come mai ? perche' la Romania e' il paese ex sovietico nel quale l'ex dittatore Ceausescu, ha effettuato, sponsorizzato e pagato dalle multinazionali dei vaccini, piu' campagne di vaccinazioni sui bambini di tutte le nazioni ex sovietiche, persino i test dei vaccini erano stati favoriti da quel criminale ! ....quindi quei poveri bambini, a loro volta figli di plurivaccinati,  si trovano oggi in pessime condizioni immunitarie e si ammalano quindi l'AIDS, senza contare che molti di loro hanno anche subito trasfusioni di sangue ……vedi:  Cosa e' un Virus
 


SPIRITO e SALUTE = Mente sana in Corpo Sano
PERDONARE  e NON TENERE RANCORE, FA BENE alla SALUTE
Un gruppo di ricercatori hanno sperimentato con successo la terapia del “perdono” di genitori di vittime di omicidi in Irlanda del Nord;  i risultati della sperimentazione su 259 persone, sono stati presentati al meeting dell’American Psycological Association a San Francisco  (USA) dallo psicologo Carl Thorensen della Stanford University in California, che ha tenuto a sottolineare che il perdono deve essere inteso come rinuncia al diritto di provare, esasperazione, rancore, irritazione o desiderio di vendetta; un carattere clemente, facilita anche l’amore ed i rapporti intimi !!
INTRODUZIONE al SESSO
 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il Viagra potrebbe mettere a rischio la fertilita' maschile - Londra, UK - Marzo 2008
E' l'allarme lanciato da alcuni ricercatori sulle pagine del domenicale britannico The Observer. Secondo un'altra ricerca, condotta da David Glee della Queen’s University Belfast, il farmacoantiimpotenza danneggerebbe lo sperma.
L'esperto, ginecologo e specialista all'universita' inglese, ha pubblicato il suo studio sulla rivista Fertility and Sterility, in cui sostiene non solo che il Viagra altererebbe lo sperma, ma anche che impedirebbe agli uomini di mettere al mondo dei figli.
Glenn ha effettuato un esperimento su alcuni volontari a cui sono stati prelevati campioni di sperma....
Tratto da: http://www.scienze.tv/node/2965

Site Map, all INDEX    Mappa del Sito sul BENESSERE,  TUTTI gli INDICI 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Diritti riproduttivi delle donne: Vaticano e paesi islamici contro l’Onu
Anche il Consiglio Onu per i diritti umani ribadisce, con una recente risoluzione, la necessità di garantire alle donne il diritto di accedere alla contraccezione e all’aborto e di implementare politiche per la salute sessuale e riproduttiva. Tutto questo per salvaguardare la vita e l’autodeterminazione delle donne. Una possibilità ancora negata in molti paesi poveri, nei quali è forte l’influenza religiosa. E che causa la morte di centinaia di migliaia di donne in tutto il mondo per malattia a trasmissione sessua­le e complicazioni durante il parto.
Il quotidiano dei vescovi Avvenire ha ripreso oggi in tono allarmistico la notizia. La risoluzione approvata durante la ventunesima sessione dello United Na­tions Human Rights Council, tenutosi a Ginevra viene descritta con preoccupazione come la “prima sostanziale apertura a questi livelli dell’idea dell’aborto come ‘diritto’ delle donne”. Contrari, soprattutto i paesi islamici e quelli più cattolici, con il supporto del Vaticano in qualità di osservatore.
In realtà ormai da anni ormai proprio le Nazioni Unite sono impegnate nel riconoscimento di questi diritti, come emerge dagli stessi riferimenti nella risoluzione e dalle linee guida tecniche tese a ridurre “mortalità ed incidenza di malattie” tra le madri. Come più volte ribadito, con un “approccio basato sui diritti umani”: al fine di garantire gravidanze più sicure, migliorare l’accesso all’educazione sessuale, alla contraccezione ed eventualmente all’aborto, salvaguardare le donne da malattie sessualmente trasmissibili. E invitando i paesi a rendere possibile tutto ciò. Non si tratta quindi di uno sdoganamento improvviso e strumentale, come vorrebbero invece gli antiabortisti. I quali, senza il minimo imbarazzo, parlano addirittura di “manipolazione dei concetti” nei documenti.
E’ opportuno ricordare che Vaticano e associazioni "nochoice" (non scelta) collegate, attuano da anni un massiccio interventismo per orientare in senso restrittivo le risoluzioni in sede internazionale, come accaduto nella Conferenza Rio+20: tanto da far parlare di “asse del male contro le donne” del Vaticano, dei paesi islamici e di altre nazio­ni autoritarie. Ma come succede anche in singoli paesi, come le Filippine.
Una santa alleanza che in nome della ‘difesa della vita’, della morale e di un ulteriore, dissennato incremento demografico gioca proprio sulla pelle delle donne, contro la più completa affermazione delle loro libertà e l’impegno delle organizzazioni che le rappresentano, nonostante le ricerche mediche mettano in evidenza come sia necessario garantire alle donne l’accesso ad una adeguata educazione sessuale e alle più varie forme di "family planning" al fine di salvaguardarne la salute. Senza contare come la conquista di una maggiore autodeterminazione per le donne abbia influenza positiva anche sullo sviluppo e sull’affermazione dei diritti nei paesi più disagiati.

La risoluzione "prochoice" adottata in sede Onu e fortemente voluta dall’Alto Commissario Navy Pillay — già attiva per arginare norme repressive a fondamento religioso contro gay e donne — è stata permessa anche grazie alla vigilanza dell’IHEU, l’organizzazione internazionale che riunisce varie associazioni di non credenti nel mondo, tra cui anche l’Uaar (che tra l’altro ha già finanziato progetti in favore di organizzazioni femminili in Uganda).
E’ abba­stanza curioso che i diritti delle femmine, che tutti i sondaggi mostrano come mediamente più credenti dei maschi, siano difesi soprattutto da associazioni di non credenti. Ma non teniamo particolarmente a questa esclusi­va: il mondo sarebbe senz’altro migliore se anche le confessioni religiose facessero proprie tali istanze. La lettura dell’edizione odierna di Avvenire non depone però a favore di un’imminente svolta in tal senso.
Tratto da: uaar.it

HOME

"Questo sito WEB vi informa", Non siamo responsabili della correttezza e/o della solvibilità degli inserzionisti del ns. Network.
 Webmaster   Vietata la copia anche parziale dei contenuti, se non viene citata la fonte  All rights reserved  Publisher DataBit s.a.