Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


BAMBINI e GIOVANI SEMPRE piu' MALATI, con i VACCINI - 1
BAMBINI e GIOVANI SANI SENZA i VACCINI
 

Meno si vaccina, meno morti ci sono !

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3170075/
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21543527 
https://vactruth.com/vaccines-and-mortality-rates/

400 studi scientifici sui Danni dei Vaccini
Vaccine-story-Peer-Review-1000
Bibliografia aggiuntiva:
http://treasoncast.com/2014/04/05/anti-vaccination-peer-reviewd-research-list/
http://edgytruth.com/2016/08/21/vaccine-quackery-bombshell-key-studies-cited-prove-vaccines-safe-funded-almost-entirely-vaccine-manufacturers/#

BIMBI sempre piu' malati, se Vaccinati - Agosto 2009 
Continua QUI:
Bambini piu' malati con i vaccini- 2 + Bambini piu' malati con i Vaccini - 3 + Bambini piu' malati con i vaccini - 4
Vaccini obbligatori, cosa accadra' ai nostri figli ?
I Vaccini aumentano anticorpi e quindi potenzialmente creano malattie autoimmuni

Italy 2017 - BAMBINI DISABILI + 40% IN 10 ANNI (fonte Min. Pubblica Istruzione), COSA STA SUCCEDENDO ?
PERCHE’ NESSUNO NE PARLA ?

http://www.complottisti.info/bambini-disabili-40-in-10-anni-fonte-min-pubblica-istruzione-cosa-diavolo-sta-succedendo-perche-nessuno-ne-parla-2/


Vedi la truffa dei CDC, FDA e di TUTTI gli enti governativi collusi con BIG PHARMA

Primo studio mai eseguito da pari di bambini vaccinati contro bambini non vaccinati, risultato, i bambini vaccinati hanno una maggiore percentuale di malattia, es.: aumento del 470% nell'autismo - 7 maggio 2017

Il primo studio di revisione tra pari è stato pubblicato confrontando la salute totale nei bambini vaccinati e non vaccinati. 
Il Dott. Anthony Mawson ha guidato un gruppo di ricerca che ha studiato la relazione tra esposizioni vaccinali e malattie acute o croniche nei bambini a casa. I bambini vaccinati avevano un tasso di autismo e ADHD molto più alto, con un tasso del 470% superiore a quelli che non avevano ricevuto colpi. I bambini vaccinati erano anche più vulnerabili alle allergie e all'eczema. 
I bambini non vaccinati contraggono più frequentemente le malattie infantili lievi, ma le loro controparti vaccinate soffrono più frequentemente di polmoniti e infezioni alle orecchie. La scoperta che la vaccinazione introduce un rischio significativo per l'autismo è devastante per l'industria dei vaccini e, pertanto, sarà fortemente attaccata. - GEG
Continua QUI:
https://needtoknow.news/2017/05/first-ever-peer-reviewed-study-vaccinated-vs-unvaccinated-children-shows-vaccinated-kids-higher-rate-sickness-470-increase-autism/ 

https://koenig2099.wordpress.com/2017/11/06/i-bambini-non-vaccinati-sembrano-essere-immuni-al-virus-misterioso-che-si-diffonde-attualmente-nel-midwest-statunitense/

BIMBI US, Confronto fra Bambini Vaccinati e NON vaccinati
Studio comparativo pilota sulla salute di bambini statunitensi vaccinati e non vaccinati di età compresa tra 6 e 12 anni
By:
- Anthony R Mawson, Professore, Dipartimento di Epidemiologia e Biostatistica, Scuola di salute pubblica, Jackson State University, Jackson, MS 39213, USA
- Brian D Ray, Presidente, Istituto nazionale di ricerca per l'educazione domestica, casella postale 13939, Salem, OR 97309, USA
- Azad R Bhuiyan, Professore associato, Dipartimento di Epidemiologia e Biostatistica, Scuola di salute pubblica, Jackson State University, Jackson, MS 39213, USA
- Binu Jacob, Ex-studente universitario, Dipartimento di Epidemiologia e Biostatistica School of Public Health, Jackson State University, Jackson, MS 39213, USA
DOI: 10.15761 / JTS.1000186
Articolo 
Informazioni sull'articolo

Informazioni sull'autore
Dati e dati

Estratto
Le vaccinazioni hanno prevenuto milioni di malattie infettive, ospedalizzazioni e decessi tra i bambini statunitensi, tuttavia i risultati a lungo termine sulla salute del programma di vaccinazione rimangono incerti. 
Gli studi sono stati raccomandati dall'Istituto di Medicina degli Stati Uniti per rispondere a questa domanda. 
Questo studio mirava 1) a confrontare i bambini vaccinati e non vaccinati su una vasta gamma di esiti di salute, e 2) a determinare se un'associazione trovata tra vaccinazione e disturbi del neurosviluppo (NDD), se presente, rimaneva significativa dopo aggiustamento per altri fattori misurati. Uno studio trasversale di madri di bambini istruiti a casa è stato condotto in collaborazione con organizzazioni homeschool in quattro stati degli Stati Uniti: Florida, Louisiana, Mississippi e Oregon. 
Alle madri è stato chiesto di compilare un questionario online anonimo sui loro bambini biologici dai 6 ai 12 anni in relazione a fattori legati alla gravidanza, storia di nascita, vaccinazioni, malattie diagnosticate dal medico, farmaci usati e servizi sanitari. 
L'NDD, una misura diagnostica derivata, è stato definito come avente una o più delle seguenti tre diagnosi strettamente correlate: una disabilità dell'apprendimento, un disordine da deficit di attenzione e iperattività e un disturbo dello spettro autistico. È stato ottenuto un campione di convenienza di 666 bambini, di cui 261 (39%) non vaccinati. I vaccinati erano meno probabili rispetto a quelli non vaccinati a cui era stata diagnosticata la varicella e la pertosse, ma con maggiore probabilità di essere stati diagnosticati con polmonite, otite media, allergie e NDD. Dopo aggiustamento, vaccinazione, sesso maschile, e la nascita pretermine è rimasta significativamente associata con NDD. 
Tuttavia, in un modello aggiustato finale con interazione, la vaccinazione ma non il parto pretermine è rimasta associata a NDD, mentre l'interazione tra parto pretermine e vaccinazione è stata associata a un aumento di 6.6 volte maggiore di NDD (IC 95%: 2.8, 15,5). In conclusione, è stato riscontrato che i bambini homeschool vaccinati hanno un più alto tasso di allergie e NDD rispetto ai bambini homeschool non vaccinati. 
Mentre la vaccinazione è rimasta significativamente associata con NDD dopo il controllo di altri fattori, la nascita pretermine associata alla vaccinazione è stata associata ad un evidente aumento sinergico delle probabilità di NDD. Ulteriori ricerche coinvolgono più grandi,

Parole chiave
malattie acute, malattie croniche, epidemiologia, valutazione, politica sanitaria, immunizzazione, disturbi del neurosviluppo, vaccinazione

Abbreviazioni
ADHD: Disturbo da deficit di attenzione e iperattività; ASD: Disturbo dello spettro autistico; AOM: Otite media acuta; CDC: Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie; CI: intervallo di confidenza; NDD: Disturbi dello sviluppo neurologico; NHERI: Istituto nazionale di ricerca sull'educazione domestica; OR: odds ratio; PCV-7: Vaccino-7 del coniugato pneumococcico; VAERS: sistema di segnalazione degli eventi avversi vaccino.

Introduzione
I vaccini sono tra le più grandi conquiste della scienza biomedica e uno degli interventi di sanità pubblica più efficaci del XX secolo [1]. Tra i bambini statunitensi nati tra il 1995 e il 2013, si stima che la vaccinazione abbia prevenuto 322 milioni di malattie, 21 milioni di ospedalizzazioni e 732.000 decessi prematuri, con un risparmio complessivo di $ 1.38 trilioni [2]. Circa il 95% dei bambini statunitensi in età di scuola materna riceve tutti i vaccini raccomandati come requisito per la frequenza scolastica e di assistenza ai bambini [3,4], al fine di prevenire l'insorgenza e la diffusione di malattie infettive mirate [5]. I progressi della biotecnologia stanno contribuendo allo sviluppo di nuovi vaccini per uso diffuso [6].

Secondo il programma di vaccinazione pediatrica attualmente raccomandato [7], i bambini statunitensi ricevono fino a 48 dosi di vaccini per 14 malattie dalla nascita all'età di sei anni, una cifra che è aumentata costantemente dagli anni '50, in particolare da quando è stato creato il programma Vaccines for Children nel 1994. Il programma Vaccines for Children è iniziato con vaccini mirati a nove malattie: difterite, tetano, pertosse, poliomielite, malattia di Haemophilus influenzae tipo b, epatite B, morbillo, parotite e rosolia. Tra il 1995 e il 2013, sono stati aggiunti nuovi vaccini contro cinque altre malattie per bambini di età pari o inferiore a 6 anni: varicella, epatite A, malattia da pneumococco, influenza e vaccino contro il rotavirus.

Sebbene i test immunologici e di sicurezza a breve termine siano eseguiti sui vaccini prima della loro approvazione da parte della Food and Drug Administration statunitense, gli effetti a lungo termine dei singoli vaccini e del programma di vaccinazione rimangono sconosciuti [8]. I vaccini sono riconosciuti come portatori di rischi di gravi effetti avversi cronici e acuti, come complicazioni neurologiche e persino morte [9], ma tali rischi sono considerati così rari che il programma di vaccinazione è ritenuto sicuro ed efficace per quasi tutti i bambini [10] .

Esistono pochissimi studi randomizzati su qualsiasi vaccino esistente raccomandato per i bambini in termini di morbilità e mortalità, in parte a causa di preoccupazioni etiche che riguardano la somministrazione di vaccini da parte di bambini assegnati a un gruppo di controllo. Un'eccezione, il vaccino contro il morbillo ad alto titolo, è stata ritirata dopo diversi studi randomizzati in Africa occidentale che hanno mostrato che interagiva con il vaccino contro la difterite-tetano-pertosse, con un conseguente aumento significativo del 33% della mortalità infantile [11]. L'evidenza di sicurezza derivante da studi osservazionali include un numero limitato di vaccini, ad esempio il vaccino contro il morbillo, la parotite e la rosolia e il vaccino contro l'epatite B, ma nessuno sul programma di vaccinazione infantile stesso. La conoscenza è limitata anche per i vaccini con una lunga esperienza di sicurezza e protezione contro le malattie contagiose [12]. Anche i livelli di sicurezza e gli effetti a lungo termine degli ingredienti vaccinali come adiuvanti e conservanti sono sconosciuti [13]. Altre preoccupazioni riguardano la sicurezza e l'efficacia in termini di costi dei nuovi vaccini contro malattie potenzialmente letali per gli individui, ma hanno un impatto minore sulla salute della popolazione, come il vaccino per il meningococco di gruppo B [14].

La conoscenza degli eventi avversi dopo le vaccinazioni si basa in gran parte su segnalazioni volontarie al Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) da parte di medici e genitori. Tuttavia, il tasso di segnalazione di gravi lesioni da vaccino è stimato a <1% [15]. Queste considerazioni hanno portato l'ex Istituto di Medicina (ora National Academy of Medicine) nel 2005 a raccomandare lo sviluppo di un piano quinquennale per la ricerca sulla sicurezza dei vaccini da parte dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) [16,17]. Nelle sue revisioni del 2011 e del 2013 sugli effetti avversi dei vaccini, l'Istituto di Medicina ha concluso che pochi problemi di salute sono causati o associati a vaccini e non hanno trovato prove che il programma di vaccinazione fosse pericoloso [18,19]. 
Un'altra recensione sistematica, commissionato dall'Agenzia statunitense per la ricerca e la qualità dell'assistenza sanitaria per identificare le lacune nelle prove sulla sicurezza del programma di vaccinazione infantile, ha concluso che eventi avversi gravi dopo le vaccinazioni sono estremamente rari [20]. L'Istituto di Medicina, tuttavia, ha osservato che erano necessari degli studi: confrontare i risultati di salute dei bambini vaccinati e non vaccinati; esaminare gli effetti cumulativi a lungo termine dei vaccini; i tempi della vaccinazione in relazione all'età e alle condizioni del bambino; il carico totale o il numero di vaccini somministrati contemporaneamente; l'effetto di altri ingredienti del vaccino in relazione agli esiti di salute; e i meccanismi del danno associato al vaccino [19]. L'Istituto di Medicina, tuttavia, ha osservato che erano necessari degli studi: confrontare i risultati di salute dei bambini vaccinati e non vaccinati; esaminare gli effetti cumulativi a lungo termine dei vaccini; i tempi della vaccinazione in relazione all'età e alle condizioni del bambino; il carico totale o il numero di vaccini somministrati contemporaneamente; l'effetto di altri ingredienti del vaccino in relazione agli esiti di salute; e i meccanismi del danno associato al vaccino [19]. L'Istituto di Medicina, tuttavia, ha osservato che erano necessari degli studi: confrontare i risultati di salute dei bambini vaccinati e non vaccinati; esaminare gli effetti cumulativi a lungo termine dei vaccini; i tempi della vaccinazione in relazione all'età e alle condizioni del bambino; il carico totale o il numero di vaccini somministrati contemporaneamente; l'effetto di altri ingredienti del vaccino in relazione agli esiti di salute; e i meccanismi del danno associato al vaccino [19].

Un fattore di complicazione nella valutazione del programma di vaccinazione è che i vaccini contro le malattie infettive hanno effetti non specifici complessi su morbilità e mortalità che vanno oltre la prevenzione della malattia mirata. L'esistenza di tali effetti pone una sfida all'ipotesi che i singoli vaccini influenzino il sistema immunitario indipendentemente l'uno dall'altro e non abbiano alcun effetto fisiologico diverso dalla protezione contro il patogeno bersaglio [21]. 
Gli effetti non specifici di alcuni vaccini sembrano essere benefici, mentre in altri sembrano aumentare la morbilità e la mortalità [22,23]. Ad esempio, sia il morbillo che il vaccino Bacillus Calmette-Guérin riducono la morbilità e la mortalità complessive [24], mentre i vaccini contro la difterite-tetano-pertosse [25] e l'epatite B [26] hanno l'effetto opposto.inter alia : interazioni tra vaccini e loro ingredienti, ad esempio se i vaccini sono vivi o inattivati; il vaccino somministrato più recentemente; integratori di micronutrienti come la vitamina A; la sequenza in cui vengono somministrati i vaccini; e i loro possibili effetti combinati e cumulativi [21].

Una delle principali controversie in corso è la questione se la vaccinazione abbia un ruolo nei disturbi dello sviluppo neurologico (NDD), che comprendono in generale disabilità dell'apprendimento, Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) e Disturbo dello spettro autistico (ASD). La polemica è stata alimentata dal fatto che gli Stati Uniti stanno vivendo quella che è stata descritta come una "pandemia silente" di neurotossicità dello sviluppo per lo più subclinica, in cui circa il 15% dei bambini soffre di difficoltà di apprendimento, deficit sensoriali e ritardi di sviluppo [27] , 28]. Nel 1996 la prevalenza stimata di ASD era dello 0,42%. Nel 2010 era salito all'1,47% (1 su 68), con 1 ragazzo su 42 e 1 su 189 ragazze colpite [29]. Più recentemente, sulla base di un'indagine sui genitori condotta da CDC nel 2011-2014, il 2,24% dei bambini (1 su 45) aveva un ASD stimato. I tassi di altre disabilità dello sviluppo, tuttavia, come disabilità intellettiva, paralisi cerebrale, perdita dell'udito e menomazioni della vista, sono diminuiti o sono rimasti invariati [30]. Anche i tassi di prevalenza del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) sono aumentati notevolmente negli ultimi decenni [31]. I precedenti aumenti nella prevalenza della disabilità dell'apprendimento sono stati seguiti da tassi decrescenti nella maggior parte degli stati, probabilmente a causa di cambiamenti nei criteri diagnostici [32].

Si ritiene che gran parte dell'aumento delle diagnosi NDD negli ultimi decenni sia dovuta alla crescente consapevolezza dell'autismo e di strumenti di screening più sensibili, e quindi a un maggior numero di bambini con sintomi lievi di autismo. Ma questi fattori non tengono conto di tutto l'aumento [33]. L'aumento geograficamente diffuso di ASD e ADHD suggerisce un ruolo per un fattore ambientale a cui praticamente tutti i bambini sono esposti. Le sostanze chimiche agricole sono al centro dell'attenzione della ricerca [34-37].

Un possibile ruolo contributivo per i vaccini nell'aumento delle diagnosi NDD rimane sconosciuto perché mancano dati sugli esiti sanitari dei bambini vaccinati e non vaccinati. La necessità di tali studi è suggerita dal fatto che il Programma di risarcimento delle lesioni da vaccino ha pagato $ 3,2 miliardi di risarcimento per il danno da vaccino sin dalla sua creazione nel 1986 [38]. Uno studio sulle affermazioni compensate dal Programma di compensazione degli infortuni vaccino per l'encefalopatia e il disturbo convulsivo indotto da vaccino ha rilevato 83 affermazioni che sono state riconosciute come dovute a danni cerebrali. In tutti i casi è stato notato dalla Corte dei Crediti Federali, o indicato in accordi transattivi, che i bambini avevano autismo o ASD [39]. D'altra parte, numerosi studi epidemiologici non hanno trovato alcuna associazione tra il ricevimento di vaccini selezionati (in particolare il morbillo combinato, la parotite,

Una sfida importante nel confronto tra bambini vaccinati e non vaccinati è stata quella di identificare un bacino accessibile di bambini non vaccinati, poiché la maggior parte dei bambini negli Stati Uniti sono vaccinati. I bambini istruiti a casa ("homeschool children") sono adatti per tali studi poiché una percentuale maggiore non è vaccinata rispetto ai bambini delle scuole pubbliche [47]. Le famiglie homeschool hanno un reddito mediano approssimativamente uguale a quello delle famiglie sposate a livello nazionale, un po 'più di anni di istruzione formale e una dimensione familiare media più alta (poco più di tre bambini) rispetto alla media nazionale di poco più di due bambini [48-50 ]. Le famiglie di homeschooling sono leggermente sovrarappresentate nel sud, circa il 23% sono non-bianchi, e la distribuzione per età dei bambini homeschool nei gradi K-12 è simile a quella dei bambini a livello nazionale [51].

Gli obiettivi di questo studio erano: 1) confrontare i bambini vaccinati e non vaccinati su una vasta gamma di esiti di salute, comprese le condizioni acute e croniche, l'uso di farmaci e servizi sanitari e 2) determinare se un'associazione ha trovato tra vaccinazione e NDD, se ce ne sono , è rimasto significativo dopo la regolazione per altri fattori misurati.

Metodi
Pianificazione dello studio
Per implementare lo studio, è stata costituita una partnership con il National Home Education Research Institute (NHERI), un'organizzazione che è stata coinvolta nella ricerca educativa sulla homeschooling per molti anni e ha contatti forti ed estesi con la comunità homeschool in tutto il paese ( www. nheri.org ) . Il protocollo di studio è stato approvato dall'Institutional Review Board della Jackson State University.

Studio di progettazione
Lo studio è stato concepito come un'indagine trasversale delle madri in età scolastica sui loro bambini biologici vaccinati e non vaccinati di età compresa tra 6 e 12. Poiché le informazioni di contatto sulle famiglie homeschool non erano disponibili, non esisteva una popolazione definita o una struttura di campionamento da cui poter condurre uno studio randomizzato fuori, e da che i tassi di risposta potrebbero essere determinati. Tuttavia, lo scopo del nostro studio pilota non era quello di ottenere un campione rappresentativo di bambini in età prescolare, ma un campione di convenienza di bambini non vaccinati di dimensioni sufficienti per testare differenze significative nei risultati tra i gruppi.

Abbiamo proceduto selezionando 4 stati (Florida, Louisiana, Mississippi e Oregon) per il sondaggio (Fase 1). NHERI ha compilato un elenco di organizzazioni statali e locali di homeschool, per un totale di 84 persone in Florida, 18 in Louisiana, 12 in Mississippi e 17 in Oregon. I contatti iniziali sono stati effettuati nel giugno 2012. NHERI ha contattato i leader di ciascuna organizzazione statale per e-mail per richiedere il loro supporto. Una seconda e-mail è stato poi inviato, spiegando la finalità di studio e di fondo, che i leader sono stati invitati a trasmettere ai loro Stati s(Fase 2). È stato fornito un collegamento a un questionario online in cui non sono state richieste informazioni di identificazione personale. Con finanziamenti limitati a 12 mesi, abbiamo cercato di ottenere il maggior numero possibile di risposte, contattando le famiglie solo indirettamente attraverso le organizzazioni homeschool. Alle madri biologiche di bambini di età compresa tra 6 e 12 anni è stato chiesto di servire come intervistati al fine di standardizzare la raccolta di dati e di includere dati sui fattori relativi alla gravidanza e sulla storia della nascita che potrebbero riguardare la salute attuale dei bambini. L'intervallo di età tra 6 e 12 anni è stato selezionato perché la maggior parte delle vaccinazioni raccomandate sarebbero state ricevute entro tale data.

Assunzione e consenso informato
Ai dirigenti delle scuole elementari è stato chiesto di firmare un memorandum di accordo a nome delle loro organizzazioni e di fornire il numero delle famiglie associate. Ai non rispondenti è stato inviato un secondo avviso, ma pochi hanno fornito le informazioni richieste. Tuttavia, le chiamate di follow-up ai leader hanno suggerito che tutti avevano contattato i loro membri sullo studio. Sia la lettera alle famiglie sia le domande del sondaggio sono state dichiarate in modo neutrale rispetto ai vaccini. La nostra lettera ai genitori iniziò:

"Caro genitore, questo studio riguarda una importante questione sanitaria attuale: ovvero se la vaccinazione sia collegata in qualche modo alla salute a lungo termine dei bambini. La vaccinazione è una delle più grandi scoperte in medicina, ma poco si sa sul suo impatto a lungo termine. L'obiettivo di questo studio è di valutare gli effetti della vaccinazione confrontando i bambini vaccinati e non vaccinati in termini di una serie di importanti risultati di salute ... "

Agli intervistati è stato chiesto di indicare il loro consenso a partecipare, fornire il proprio stato di residenza e il proprio codice di avviamento postale e confermare di avere figli biologici dai 6 ai 12 anni. La società di comunicazioni Qualtrics ( http://qualtrics.com ) ha ospitato il sito web del sondaggio. Il questionario includeva solo domande a risposta chiusa che richiedevano risposte sì o no, con l'obiettivo di migliorare sia i tassi di risposta che di completamento.

Un certo numero di madri homeschool si sono offerte volontarie per aiutare la NHERI a promuovere lo studio nelle loro ampie cerchie di contatti homeschool. Un certo numero di organizzazioni nazionali ha anche accettato di promuovere lo studio negli stati designati. Il sondaggio online è rimasto aperto per tre mesi nell'estate del 2012. Gli incentivi finanziari per completare il sondaggio non erano né disponibili né offerti.

Definizioni e misure
Lo stato di vaccinazione è stato classificato come non vaccinato (cioè senza precedenti vaccinazioni), parzialmente vaccinato (ricevuto alcune ma non tutte le vaccinazioni raccomandate) e completamente vaccinato (ricevuto tutti i vaccini raccomandati per l'età raccomandati), come riportato dalle madri. Queste categorie sono state sviluppate sulla base del presupposto che eventuali effetti a lungo termine dei vaccini sarebbero stati più evidenti nei bambini completamente vaccinati rispetto ai bambini parzialmente vaccinati e rari o assenti nei non vaccinati. Alle madri è stato chiesto di utilizzare i registri delle vaccinazioni dei loro figli per indicare i vaccini raccomandati e le dosi che il loro bambino aveva ricevuto. Le date delle vaccinazioni non sono state richieste per non sovraccaricare gli intervistati e per ridurre la probabilità di segnalazione non accurata; né sono state richieste informazioni su eventi avversi correlati ai vaccini, in quanto questo non era il nostro scopo. Inoltre, non abbiamo chiesto le date delle diagnosi perché le malattie croniche sono spesso di insorgenza graduale e rese molto tempo dopo la comparsa dei sintomi. Poiché la maggior parte delle vaccinazioni viene somministrata prima dei 6 anni, ci si aspetta che la vaccinazione preceda il riconoscimento e la diagnosi della maggior parte delle patologie croniche.

Alle madri è stato chiesto di indicare su un elenco di oltre 40 malattie acute e croniche tutte quelle per le quali il suo bambino o i suoi figli avevano ricevuto una diagnosi da un medico. Altre domande riguardavano l'uso di servizi e procedure sanitarie, check-up dentali, "visite di malati" ai medici, farmaci usati, inserimento di tubi per l'orecchio di ventilazione, numero di giorni in ospedale, l'estensione dell'attività fisica (numero di ore del bambino impegnati in attività "vigorose" in un tipico giorno della settimana), numero di fratelli, struttura familiare (madre e padre che vivono in casa, divorziati o separati), reddito familiare e / o massimo livello di istruzione di madre o padre e interazione sociale con bambini fuori casa (es .quantità di tempo trascorso in gioco o altri contatti con bambini al di fuori della famiglia). Domande specifiche per la madre comprendevano condizioni relative alla gravidanza e anamnesi, uso di farmaci durante la gravidanza ed esposizione ad un ambiente avverso (definito come vivere entro 1-2 miglia da una fabbrica di produzione di mobili, sito di rifiuti pericolosi o fabbrica di lavorazione del legname ) . L'NDD, una categoria diagnostica derivata, è stata definita come caratterizzata da una o più delle seguenti tre diagnosi strettamente correlate e sovrapposte: disabilità dell'apprendimento, Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) e Disturbo dello spettro autistico (ASD) [53].

Metodi statistici
Le analisi bivariate non aggiustate usando i test del chi quadro sono state inizialmente eseguite per testare l'ipotesi nulla di assenza di associazione tra stato vaccinale e risultati di salute, cioè malattie acute e croniche diagnosticate dal medico, farmaci e l'uso di servizi sanitari. Nella maggior parte delle analisi, i bambini parzialmente e completamente vaccinati sono stati raggruppati come gruppo "vaccinato", con bambini non vaccinati come gruppo di controllo. Il secondo obiettivo dello studio era di determinare se qualche associazione trovata tra vaccinazione e disordini dello sviluppo neurologico fosse rimasta significativa dopo aver controllato per altri fattori misurati. Le statistiche descrittive su tutte le variabili sono state calcolate per determinare frequenze e percentuali per variabili categoriali e medie (± DS) per variabili continue. La forza delle associazioni tra lo stato di vaccinazione e gli esiti di salute sono stati testati usando odds ratio (OR) e 95% Confidence Intervals (CI). Gli odds ratio descrivono la forza dell'associazione tra due variabili categoriali misurate simultaneamente e sono misure appropriate di tale relazione in uno studio trasversale [54]. Le analisi di regressione logistica non regolate e aggiustate sono state eseguite utilizzando SAS (versione 9.3) per determinare i fattori associati agli NDD.

Risultati
Caratteristiche socio-demografiche dei rispondenti
Le informazioni contenute in 415 questionari hanno fornito dati su 666 bambini in età prescolare. La tabella 1 mostra le caratteristiche dei rispondenti al sondaggio. Le madri avevano in media circa 40 anni, erano in genere bianchi, laureati, con redditi familiari tra $ 50.000 e $ 100.000, cristiani e sposati. Le ragioni dell'insegnamento a domicilio per la maggior parte degli intervistati (80-86%) riguardavano un ambiente morale, relazioni familiari migliori o più contatti con i loro figli o i loro figli.

Tabella 1. Caratteristiche degli intervistati a

 

Media (SD) a

Età (n = 407)

40,59 (6,7) 

 

Numero (%) a

Gara

 

     bianca

382 (92,5%)

      Non-Bianco

21 (7,6%)

      Totale

413

Formazione scolastica

 

       Diplomato o meno

35 (8,5%)

       Qualche college

114 (27,5%)

       Laureato

187 (45,2%)

       Post-laureati

78 (18,5%)

       Totale

414

Totale reddito familiare lordo

 

      <$ 49.999

123 (30,8%)

      $ 50.000-100.000

182 (45,5%)

      > $ 100.000

95 (23,8%)

      Totale

400

Affiliazione religiosa

 

       cristianesimo

375 (91,2%)

      Non-Cristianesimo

36 (8,8%)

      Totale

411

Stato civile

 

      Sposato

386 (93,7%)

      Non sposato

26 (6,3%)

      Totale

412

un osservazioni mancanti sono esclusi.
I bambini come gruppo erano per lo più bianchi (88%), con una leggera preponderanza di femmine (52%) e una media di 9 anni. 
Per quanto riguarda lo stato di vaccinazione, 261 (39%) non erano vaccinati, 208 (31%) erano parzialmente vaccinati e 197 (30%) avevano ricevuto tutte le vaccinazioni raccomandate. Tutte le analisi statistiche sono basate su questi numeri.

> Malattia acuta

I bambini vaccinati (N = 405), che combinavano parzialmente e completamente vaccinati, erano significativamente meno probabili rispetto a quelli non vaccinati di aver avuto la varicella (7,9% vs 25,3%, p <0,001; Odds Ratio = 0,26, 95% Intervallo di confidenza: 0,2, 0.4) e pertosse (pertosse) (2,5% vs 8,4%, p <0,001; O 0,3, IC 95%: 0,1, 0,6) e meno probabile, ma non significativamente, per avere avuto la rosolia (0,3% vs. 1,9%, p = 0,04; OR 0,1, IC 95%: 0,01, 1,1). Tuttavia, i vaccinati erano significativamente più probabili rispetto ai non vaccinati a essere stati diagnosticati con otite media (19,8% vs 5,8%, p <0,001; OR 3,8, IC 95%: 2,1, 6,6) e polmonite (6,4% vs 1,2% , p = 0,001; OR 5,9, IC 95%: 1,8, 19,7). Non sono state osservate differenze significative riguardo all'epatite A o B, febbre alta negli ultimi 6 mesi, morbillo, parotite, meningite (virale o batterica), influenza,

Tabella 2. Stato di vaccinazione e risultati di salute - Condizioni acute

 

 Vaccinato (n = 405)

 Non vaccinato (n = 261)

Totale

 (N = 666)

Chi- 
quadrato

P-value

Odds Ratio 
(95% CI)

Varicella

 

 

 

 

 

 

       sì

32 (7,9%)

66 (25,3%)

98 (14,7%)

38,229

 <0,001

  0,26 (0,2 - 0,4)

       No

373 (92,1%)

195 (74,7%)

568 (85,3%)

Otite media

 

 

 

 

 

 

     sì

80 (19,8%)

16 (5,8%)

96 (14,4%)

26,643

 <0,001

3.8 (2.1 - 6.6)

     No

325 (80,2%)

245 (94,2%)

507 (85,6%)

Polmonite

 

 

 

 

 

 

     sì

26 (6,4%)

3 (1,2%)

29 (4,4%)

10,585

<0,001

5.9 (1.8 - 19.7)

     No

379 (93,6%)

258 (98,8%)

637 (95,6%)

Pertosse

 

 

 

 

 

 

     sì

10 (2,5%)

22 (8,4%)

32 (4,8%)

12,326

<0,001

0,3 (0,1 - 0,6)

     No

395 (97,5%)

239 (91,6%)

634 (95,2%)

Rosolia

 

 

 

 

 

 

     sì

1 (0,3%)

5 (1,9%)

6 (0,9%)

4.951

0.037

0,1 (0,01 - 1,1)

     No

404 (99,6%)

256 (98,1%)

660 (99,1%)

> Malattia cronica

I bambini vaccinati erano significativamente più probabili rispetto ai non vaccinati a cui era stata diagnosticata la seguente: rinite allergica (10,4% vs 0,4%, p <0,001; OR 30,1, IC 95%: 4,1, 219,3), altre allergie (22,2% vs. 6,9%, p <0,001; OR 3,9, IC 95%: 2,3, 6,6), eczema / dermatite atopica (9,5% vs 3,6%, p = 0,035; OR 2,9, IC 95%: 1,4, 6,1), una disabilità di apprendimento (5,7% vs 1,2%, p = 0,003; OR 5,2, IC 95%: 1,6, 17,4), ADHD (4,7% vs 1,0%, p = 0,013; OR 4,2, IC 95%: 1,2, 14,5), ASD (4,7% vs 1,0%, p = 0,013, OR 4,2, IC 95%: 1,2, 14,5), qualsiasi disturbo dello sviluppo neurologico (cioè disabilità dell'apprendimento, ADHD o ASD) (10,5% vs. 3,1%, p <0,001; 3,7, IC 95%: 1,7, 7,9) e qualsiasi malattia cronica (44,0% vs 25,0%, p <0,001; OR 2,4, IC 95%: 1,7, 3,3). Non sono state osservate differenze significative riguardo a cancro, stanchezza cronica, disturbo della condotta,

Tabella 3. Stato di vaccinazione e risultati sulla salute - Condizioni croniche

Malattia cronica

 vaccinato

(N = 405)

Non vaccinato (n = 261)

Chi- 
quadrato

P-value

Odds Ratio 
(95% CI)

Rinite allergica

 

 

 

 

 

      sì

42 (10,4%)

1 (0,4%)

26.21

<0,001

30.1 
(4.1 - 219.3)

      No

363 (89,6%)

260 (99,6%)

allergie

 

 

 

 

 

      sì

90 (22,2%)

18 (6,9%)

29.44

<0,001

3.9 
(2.3 - 6.6)

      No

315 (77,9%)

243 (93,1%)

ADHD

 

 

 

 

 

      sì

19 (4,7%)

3 (1,0%)

6.23

0,013

4.2 
(1.2 - 14.5)

      No

386 (95,3%)

258 (99,0%)

ASD

 

 

 

 

 

      sì

19 (4,7%)

3 (1,0%)

6.23

0,013

4.2 
(1.2 - 14.5)

      No

386 (95,3%)

258 (99,0%)

Eczema (dermatite atopica)

 

 

 

 

 

      sì

38 (9,5%)

9 (3,6%)

8,522

0.035

2.9 
(1.4 - 6.1)

      No

367 (90,5%)

252 (96,4%)

Difficoltà di apprendimento

 

 

 

 

 

      sì

23 (5,7%)

3 (1,2%)

8,6803

0.003

5.2 
(1.6 - 17.4)

      No

382 (94,3%)

258 (98,9%)

Disturbo del Neurosviluppo

 

 

 

 

 

      sì

42 (10,5%)

8 (3,1%)

12,198

<0,001

3,7 
(1,7 - 7,9)

      No

313 (89,5%)

253 (96,9%)

Qualsiasi condizione cronica

 

 

 

 

 

      sì

178 (44,0%)

65 (24,9%)

24,8456

<0,001

2.4 
(1.7 - 3.3)

      No

227 (56,0%)

196 (75,1%)

Parziale controVaccinazione totale

I bambini parzialmente vaccinati avevano una posizione intermedia tra il completamente vaccinato e non vaccinato per quanto riguarda diversi, ma non tutti i risultati di salute. Ad esempio, come mostrato nella Tabella 4, i vaccinati parzialmente avevano una posizione intermedia (apparentemente dannosa) in termini di rinite allergica, ADHD, eczema e disabilità di apprendimento.

Tabella 4.  Parziale contro vaccinazione completa e condizioni di salute croniche

 

Non vaccinato 
(n = 261)

Vaccinato parzialmente 
(n = 208)

Completamente vaccinato 
(n = 197)

Totale

(N = 666)

Chi- 
Square

P-value


Condizioni croniche

 

 

 

 

 

 

Rinite allergica

 

 

 

 

 

 

      sì

1 (0,4%)

17 (8,2%)

25 (12,7%)

43 (6,5%)

29,6306

<0,001

      No

260 (99,6%)

191 (91,8%)

172 (87,3%)

623 (93,5%)

allergie

 

 

 

 

 

 

      sì

18 (6,9%)

47 (22,6%)

43 (21,8%)

108 (16,2%)

27,4819

<0,001

      No

243 (93,1%)

161 (77,4%)

154 (78,2%)

558 (83,8%)

ADHD

 

 

 

 

 

 

      sì

3 (1,2%)

8 (3,9%)

11 (5,6%)

22 (3,3%)

7,1900

0,075

      No

258 (98,8%)

200 (96,1%)

186 (94,4%)

644 (96,7%)

ASD

 

 

 

 

 

 

      sì

3 (1,2%)

11 (5,3%)

8 (4,6%)

22 (3,3%)

6,7109

0,034

      No

258 (98,8%)

197 (94,7%)

189 (95,4%)

644 (96,7%)

Eczema 
(dermatite atopica)

 

 

 

 

 

 

      sì

9 (3,5%)

18 (8,7%)

20 (10,2%)

47 (7,1%)

8,8683

0,012

      No

252 (96,5%)

190 (91,3%)

177 (89,8%)

619 (92,9%)

Difficoltà di apprendimento

 

 

 

 

 

 

      sì

3 (1,2%)

11 (5,3%)

12 (6,1%)

26 (3,9%)

8,8541

0,012

      No

258 (98,8%)

197 (94,7%)

185 (93,9%)

640 (96,1%)

NDD

 

 

 

 

 

 

      sì

8 (3,1%)

21 (10,1%)

21 (10,7%)

50 (7,5%)

12,2443

0.002

      No

253 (96,9%)

187 (89,9%)

176 (89,3%)

616 (92,5%)

Qualsiasi condizione cronica

 

 

 

 

 

 

      sì

65 (24,9%)

94 (45,2%)

84 (42,6%)

243 (36,5%)

25,1301

<0,001

      No

196 (75,1%)

114 (54,8%)

113 (57,4%)

423 (63,5%)

Differenze di genere nella malattia cronica

Tra i vaccinati (che combinavano i bambini parzialmente e completamente vaccinati), i maschi avevano più probabilità rispetto alle ragazze di essere diagnosticati con una condizione cronica - significativamente così nel caso della rinite allergica (13,9% vs 7,2%, p = 0,03; OR 2,1, 95 % CI: 1,1, 4,1), ASD (7,7% vs 1,9%, p = 0,006; OR 4,3, IC 95%: 1,4, 13,2) e qualsiasi disturbo neurosviluppo (14,4% vs 6,7%, p = 0,01; 2.3, IC 95%: 1.2, 4.6) (Tabella 5).

Tabella 5.  Condizioni croniche e genere tra i bambini vaccinati

 

Maschio

(N = 194)

Femmina

(N = 209)

Totale

(N = 403)

Chi-quadrato

P-value

Rapporto di probabilità 

(95% CI)

Rinite allergica

 

 

 

 

 

 

     sì

27 (13,9%)

15 (7,2%)

42 (10,4%)

4,8964

0,0269

2.1 (1.1 - 4.1)

     No

167 (86,1%)

194 (92,8%)

361 (90,0%)

allergie

 

 

 

 

 

 

     sì

50 (25,8%)

40 (19,1%)

90 (22,3%)

2,5531

0,1101

1,5 (0,91 - 2,4)

     No

144 (74,2%)

168 (80,9%)

313 (77,7%)

ADHD

 

 

 

 

 

 

     sì

13 (6,7%)

6 (2,9%)

19 (4,7%)

3,2856

0,0699

2,4 (0,90 - 6,5)

     No

181 (93,3%)

203 (97,1%)

384 (95,3%)

ASD

 

 

 

 

 

 

      sì

15 (7,7%)

4 (1,9%)

19 (4,7%)

7,5810

0.0059

4.3 (1.4 - 13.2)

       No

178 (92,3%)

205 (98,1%)

384 (95,3%)

Eczema

 

 

 

 

 

 

      sì

19 (9,89%)

19 (9,1%)

38 (9,4%)

0,0582

0,8094

1.1 (0.6 - 2.1)

      No

175 (90,2%)

190 (90,9%)

365 (90,6%)

Difficoltà di apprendimento

 

 

 

 

 

 

      sì

14 (7,2%)

9 (4,3%)

23 (5,7%)

1,5835

0,2083

1.7 (0.7 - 4.1)

      No

180 (92,8%)

200 (95,7%)

380 (94,3%)

NDD

 

 

 

 

 

 

      sì

28 (14,4%)

14 (6,7%)

42 (10,4%)

6,4469

0,0111

2.3 (1.2 - 4.6)

       No

166 (85,6%)

195 (93,3%)

361 (89,6%)

Qualsiasi condizione cronica

 

 

 

 

 

 

     sì

94 (48,5%)

83 (39,7%)

177 (43,9%)

3,1208

0,0773

1.4 (1.0 - 2.1)

     No

100 (51,5%)

126 (60,3%)

226 (56,1%)

Uso di farmaci e servizi sanitari

I vaccinati (che combinavano parzialmente e completamente vaccinati) erano significativamente più probabili rispetto ai non vaccinati ad usare i farmaci per le allergie (20,0% vs 1,2%, p <0,001; OR 21,5, 95% IC: 6,7, 68,9), per usare antibiotici negli ultimi 12 mesi (30,8% vs 15,4%, p <0,001; OR 2,4, IC 95%: 1,6, 3,6) e aver usato farmaci per la febbre almeno una volta (90,7% vs 67,8%, p <0,001; O 4.6, 95% CI: 3.0, 7.1). I vaccinati avevano anche più probabilità di aver visto un medico per un controllo di routine negli ultimi 12 mesi (57,6% vs 37,2%, p <0,001; OR 2,3, IC 95%: 1,7, 3,2), visitato un dentista nel passato anno (89,4% vs 80,5%, p <0,001; OR 2,0, IC 95%: 1,3, 3,2), visitato un medico o una clinica a causa di malattia nell'ultimo anno (36,0% vs 16,0%, p <0,001; 3,0, IC 95%: 2,0, 4,4), sono stati dotati di tubi auricolari per la ventilazione (3,0% vs 0,4%, p = 0,018;

Tabella 6.   Stato di vaccinazione, uso di farmaci e utilizzo dei servizi sanitari

 

Vaccinato 
(n = 405)

Non vaccinato 
(n = 261)

Totale 
(n = 666)

Chi- 
quadrato

P-value

Odds Ratio 
(95% CI)

     Uso di farmaci

 

 

 

 

 

 

Farmaco per allergia

 

 

 

 

 

 

      sì

81 (20,0%)

3 (1,2%)

84 (12,6%)

51,170

<0,001

21,5 (6,7 - 68,9)

      No

324 (80,0%)

258 (98,8%)

582 (87,4%)

Antibiotici usati negli ultimi 12 mesi

 

 

 

 

 

 

      sì

124 (30,8%)

40 (15,4%)

164 (24,7%)

20,092

<0,001

2.4 (1.6 - 3.6)

      No

279 (69,2%)

220 (84,6%)

499 (75,3%)

Farmaco usato per febbre 1+ volte

 

 

 

 

 

 

      sì

350 (90,7%)

173 (67,8%)

523 (81,6%)

53,288

<0,001

4.6 (3.0 - 7.1)

      No

36 (9,3%)

82 (32,2%)

118 (18,4%)

Utilizzando tubi di drenaggio auricolari montati

 

 

 

 

 

 

      sì

12 (3,0%)

1 (0,4%)

13 (2,0%)

 5,592

 0.018

8.0 (1.0 - 66.1)

      No

389 (97,0%)

260 (99,6%)

649 (98,0%)

Farmaci usati per l'ADHD

 

 

 

 

 

 

      sì

7 (1,7%)

3 (1,2%)

10 (1,5%)

0,346

0,556

-

      No

398 (98,3%)

256 (98,8%)

654 (98,5%)

Farmaci usati per le convulsioni

 

 

 

 

 

 

      sì

4 (1,0%)

1 (0,4%)

5 (0,8%)

0,769

0,653

-

      No

400 (99,0%)

258 (99,6%)

658 (99.2)

     Servizi sanitari     

     utilizzo

 

 

 

 

 

 

Visita del dipartimento di emergenza negli ultimi 12 mesi

 

 

 

 

 

 

      sì

38 (9,5%)

23 (9,0%)

61 (9,3%)

0.047

0,828

-

      No

364 (90,5%)

234 (91,0%)

598 (90,7%)

Visita malata al dottore l'anno scorso

 

 

 

 

 

 

      sì

145 (36,0%)

41 (16,0%)

186 (28,2%)

31,096

<0,001

3.0 (2.0 - 4.4)

      No

258 (64,0%)

216 (84,0%)

474 (71,8%)

Mai trascorso una o più notti in ospedale

 

 

 

 

 

 

      sì

80 (19,8%)

32 (12,3%)

112 (16,8%)

6,267

0,012

1.8 (1.1 - 2.7)

      No

325 (80,2%)

228 (87,7%)

553 (83,2%)

Visto medico per il controllo negli ultimi 12 mesi

 

 

 

 

 

 

      sì

233 (57,7%)

97 (37,2%)

330 (49,6%)

26,336

<0,001

2.3 (1.7 - 3.2)

      No

172 (42,4%)

164 (62,8%)

336 (50,4%)

Visto dentista negli ultimi 12 mesi

 

 

 

 

 

 

      sì

362 (89,4%)

210 (80,5%)

572 (85,9%)

10,424

<0,001

2.0 (1.3 - 3.2)

      No

43 (10,6%)

51 (19,5%)

94 (14,1%)

Fattori associati ai disturbi dello sviluppo neurologico

Il secondo obiettivo dello studio si è incentrato su uno specifico risultato di salute ed è stato progettato per determinare se la vaccinazione fosse associata a disturbi del neurosviluppo (NDD) e, in tal caso, se l'associazione rimanesse significativa dopo aggiustamento per altri fattori misurati. Come notato, a causa del numero relativamente piccolo di bambini con diagnosi specifiche, NDD era una variabile derivata che combinava i bambini con una diagnosi di uno o più di ASD, ADHD e una disabilità di apprendimento. La stretta associazione e sovrapposizione di queste diagnosi nello studio è mostrata nella figura sopra (Figura 1). La figura mostra che il singolo gruppo più grande di diagnosi era la disabilità di apprendimento (n = 15) seguita da ASD (n = 9) e ADHD (n = 9), con numeri più piccoli comprendenti combinazioni delle tre diagnosi.

Figura 1. La sovrapposizione e la distribuzione dei disturbi del neurosviluppo diagnosticati dal medico, sulla base delle relazioni delle madri.

Analisi non aggiustata

La Tabella 7 mostra che i fattori associati con NDD nelle analisi di regressione logistica non aggiustate erano: vaccinazione (OR 3,7, IC 95%: 1,7, 7,9); genere maschile (OR 2.1, IC 95%: 1.1, 3.8); ambiente sfavorevole, definito come vivere entro 1-2 miglia da una fabbrica di produzione di mobili, sito di rifiuti pericolosi o fabbrica di lavorazione del legname (OR 2.9, IC 95%: 1.1, 7.4); uso materno di antibiotici durante la gravidanza (OR 2,3, IC 95%: 1,1, 4,8); e parto pretermine (OR 4.9, IC 95%: 2.4, 10.3). Due fattori che hanno quasi raggiunto la significatività statistica sono stati la vaccinazione durante la gravidanza (OR 2,5, IC 95%: 1,0, 6,3) e tre o più ultrasuoni fetali (OR 3,2, IC 95%: 0,92, 11,5). I fattori che non erano associati a NDD in questo studio includevano l'istruzione della madre, il reddito familiare e l'affiliazione religiosa; uso di paracetamolo, alcol e antiacidi durante la gravidanza; Diabete gestazionale; preeclampsia; Rhogham ha sparato durante la gravidanza; e allattamento (dati non mostrati).

Tabella 7. Analisi non corretta dei potenziali fattori di rischio per i disturbi dello sviluppo neurologico

 

NDD

Stato di vaccinazione

(N = 50)

No

(N = 616)

Totale*

(N = 666)

Chi- 
Square

P-value

 OR (IC 95%) **

     vaccinato

42

363

405

12,198

<0.001

3,7 (1,7 - 7,9)

     Non vaccinato

8

253

261

arbitro

Gara

 

 

 

 

 

 

     Non-Bianco

9

71

80

1,8208

0,177

1.7 (0.7 - 3.6)

     bianca

41

544

585

arbitro

Sesso del bambino

 

 

 

 

 

 

     Maschio

32

283

315

5,9471

0,015

2.1 (1.1 - 3.8)

     Femmina

18

331

349

arbitro

Ambiente avverso

 

 

 

 

 

 

     sì

6

27

33

5,8706

0,053

2.9 (1.1 - 7.4)

     No

40

523

563

arbitro

     Non lo so

4

66

70

0.8 (0.3 - 2.3)

Farmaci durante la gravidanza -    

     antibiotici

 

 

 

 

 

 

     sì

10

61

71

4.950

0.026

2.3 (1.1 - 4.8)

     No

40

555

595

arbitro

Farmaci durante la gravidanza -

     vaccinato

 

 

 

 

 

 

     sì

6

32

38

3.965

0,057

2.5 (1.0 - 6.3)

     No

44

583

627

arbitro

Nascita prematura

 

 

 

 

 

 

     sì

12

37

49

22,910

<0,001

4.9 (2.4 - 10.3)

     No

38

578

616

arbitro

ultrasuono

 

 

 

 

 

 

     Nessuna

3

71

74

5,898

0,052

arbitro

     1-3 volte

30

419

449

  1,7 (0,5 - 5,7)

    > 3 volte

17

124

141

 

 

3,2 (0,92 - 11,5)

* I numeri non possono aggiungere ai totali delle colonne a causa di dati mancanti o incompleti.

** Si noti che gli Odds Ratio sono i rapporti tra prodotti diversi delle voci nelle tabelle 2 per 2 e sono una stima dell'incidenza relativa (o del rischio) del risultato associato al fattore di esposizione.

Continua QUI: Bambini sempre piu' malati con i vaccini - 2 + Bambini piu' malati con i Vaccini - 3 + Bambini piu' malati con i vaccini - 4 + CURE per BAMBINI + Alimentazione naturale dei bambini