Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


I VACCINI sono una BOMBA ad orologeria,
...ma per coprire gli interessi delle
multinazionali dei Vaccini, non si deve dire...
LOBOTOMIA con i Vaccini - Alex Jones di Infowars, uno dei più importanti siti web di media alternativi degli USA,
ha realizzato un video sulla minaccia di una nuova generazione di vaccini che mette in evidenza il manifesto della Jane Burgermeister
come una delle piu’ importanti notizie giornalistiche sulle vaccinazioni di massa
per generare una sottospecie di uomini robot…. - vedi: http://ilsole24h.blogspot.com/2010/08/alex-jones-di-infowars-mostra-il.html
Sole Attivo: http://ilsole24h.blogspot.com/ 

"Vaccine Nation" è un documentario che racconta l'incredibile storia di Alan Yurko e della sua famiglia.
Il Thimerosal dei vaccini distrugge e/o altera la flora intestinale essendo una sostanza altamente tossica

Ecco il recente studio che ha coinvolto più di 17.000 bambini fino a 19 anni
Questo studio-indagine attualmente in corso è stato avviato dall’omeopata Andreas Bachmair.

20 FATTI misconosciuti sui Vaccini + Perche' vaccinare ? + I miti dei Vaccini
Premi in denaro ai medici che vaccinano...
 

Bambini sani senza medicinali e Vaccini 
vedi:  DANNI dei VACCINI anche ai Bambini
+  Danni dei Vaccini + Effetto Gregge + Perche' vaccinare ?

Forse troverete questa affermazione difficile da accettare; le vaccinazioni sono state pubblicizzate così abilmente e con tanta aggressività che la maggior parte dei genitori le ritiene il ‘miracolo’ debellatore di molte spaventose malattie. 
Conseguentemente, chiunque vi si opponga è considerato ai limiti della pazzia. Per un pediatra, invece, contestarle equivale alla negazione da parte di un prete del dogma dell’infallibilità del Papa. Molto di ciò che vi hanno fatto credere sulle vaccinazioni non è vero. Non solo nutro su di esse gravi dubbi ma, se dovessi seguire le mie profonde convinzioni, vi esorterei su due piedi a rifiutarvi di praticare a vostro figlio qualsiasi vaccinazione. Sebbene nei primi anni della mia carriera anch’io abbia inoculato vaccini, sono col tempo divenuto un fermo oppositore della vaccinazione di massa.
In questa sede riassumerò pertanto le mie obiezioni allo zelo fanatico con cui i medici
inoculano ciecamente proteine estranee (virus) nel corpo di un bambino, senza sapere quali eventuali danni possano provocare. 
vedi:
Danni anche Neurologici dai Vaccini + Bibliografia su Autismo dai vaccini + Bimbi sempre piu' malati + VACCINAZIONI di MASSA - il CRIMINE delle Vaccinazioni nel Mondo


Danni dei Farmaci e Vaccini, eminenti medici/ricercatori indipendenti lo confermano

Sindrome infiammatoria chiamata "Asia" scatenata dai vaccini !
ASIA_Sindrome infiammatoria-dai-vaccini-Riassunto.pdf
Tratto da:  http://www.assis.it/wp-content/uploads/2014/12/ASIARiassunto.pdf
... ed e' noto che... le infiammazioni sono foriere di qualsiasi tipo di sintomi, che i medici impreparati allopati chiamano erroneamente "malattie"....

I Vaccini sono una scarica enorme di tossine invasive e pericolose nei corpi umani ed animali, ma e specie nei bambini ! + Bimbi scossi + Bimbi Down + Sids + Morte nella culla + Uccisi dai vaccini + Le porcherie vaccinali

Confronto fra Bambini Vaccinati, sempre malati e Bambini NON vaccinati, piu' sani

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

ll CDC ha ammesso che tra 1955-1963 più di 98 milioni di americani hanno ricevuto una o più dosi di un vaccino per la poliomielite che è stato contaminato da un virus per il cancro chiamato virus Simian 40 (SV40).
http://www.vaccines.news/2015-09-23-cdc-admits-98-million-americans-were-given-cancer-virus-via-the-polio-shot.html


Il CDC ha messo l'articolo nel suo sito in basso nella pagina, insieme a Google, ma poi lo ha rapidamente tolto, ma il sito è stato memorizzato nella cache, che per fortuna e' stato salvato per simboleggiare questa grande ammissione ed oscuramento.
Ad ulteriore conferma questa ammissione incredibile, assistente professore di patologia alla Loyola University di Chicago Dr. Michele Carbone è stata in grado di verificare autonomamente la presenza del virus SV40 in campioni di tessuto e tessuto osseo delle pazienti che sono morti durante quel periodo. Ha scoperto che il 33% dei campioni con tumori ossei osteosarcoma, il 40% di altri tumori ossei, e il 60% dei tumori polmonari del mesotelioma tutto conteneva questo oscuro virus. Questo lascia la postulazione che verso l'alto di 10-30.000.000 effettivamente contratta e sono stati influenzati negativamente da questo virus, per essere mortale accurate.

 

Abbiamo barattato orecchioni e morbillo contro cancro e leucemia
Sono molto poche le persone che si rendono conto del fatto che la peggiore epidemia che abbia mai colpito l’America, la cosiddetta Influenza Spagnola del 1918 sia stata causata dalla massiccia campagna di vaccinazione portata avanti in tutta la federazione [statunitense]. I dottori hanno detto alla popolazione che la malattia era causata dai germi. I virus non erano ancora noti ai tempi altrimenti sarebbero stati incolpati loro. Germi, batteri e virus, assieme ai bacilli ed ad un piccolo numero di altri organismi invisibili sono i capri espiatori sui quali i medici amano far ricadere la colpa delle cose che non comprendono.
Se un medico compie un errore nel formulare una diagnosi e prescrivere la terapia, e uccide il suo paziente, può sempre dare la colpa ai germi, ed affermare che l’infezione del suo paziente non era stata precedentemente diagnosticata e che quindi era venuto da lui troppo tardi. Se torniamo indietro al 1918, il periodo nel quale esplose l’influenza, noteremo come essa esplose subito dopo la fine della prima guerra mondiale quando i nostri soldati stavano ritornando a casa da oltre oceano.
Questa fu la prima guerra nella quale tutti i vaccini allora noti furono somministrati obbligatoriamente a tutti i militari.
Questo guazzabuglio di veleni farmacologici e di proteine putride di cui i vaccini erano composti, causò una tale diffusione di malattia e di morte tra i soldati che era un comune soggetto di discussione il fatto che i nostri uomini venivano uccisi più dalle iniezioni dei medici che dalle pallottole delle armi da fuoco. Molti furono resi invalidi e tornarono a casa o finirono in un ospedale militare, come dei rottami senza speranza, prima ancora di avere visto un girono di battaglia.
La percentuale di malattie e morti tra i soldati vaccinati fu quattro volte maggiore rispetto ai civili non vaccinati. Ma questo non fermò i promotori dei vaccini. I vaccini sono sempre stati un grande business, e così si continuò ostinatamente ad utilizzarli.
Fu una guerra più breve di quanto non avessero pensato i produttori di vaccini, durò solo un anno per noi, e così ai produttori dei vaccini restarono una quantità di vaccini inutilizzati e andati a male che volevano vendere ricavandoci un buon profitto.
E così essi fecero ciò che fanno usualmente, fecero una riunione a porte chiuse e progettarono tutto lo sporco programma, un’operazione di vaccinazione federale (mondiale) che utilizzasse tutti i loro vaccini, raccontando alla popolazione che i soldati stavano tornando a casa con molte terribili malattie contratte in paesi stranieri e che era un dovere patriottico di ogni uomo donna o bambino di proteggersi correndo ai centri di vaccinazione e facendo tutte le iniezioni.
La maggior parte della gente credette ai propri medici ed agli ufficiali governativi, e fece quanto fu loro consigliato.
Il risultato fu che la quasi totalità della popolazione si sottopose alle iniezioni senza essere sfiorata dal dubbio, e fu solo una questione di ore prima che la gente iniziasse ad agonizzare e morire, mentre molti altri collassarono colpiti da malattie di una tale virulenza che nessuno aveva mai visto niente del genere prima d’allora. Tali malattie avevano tutte le caratteristiche delle malattie contro le quali le persone erano state vaccinate, la febbre alta, i brividi, il dolore, i crampi, la diarrea, etc. della febbre tifoidea, la congestione alla gola ed ai polmoni simile a quella della polmonite e tipica della difterite, il vomito, il mal di testa, la debolezza e il tormento dell’epatite causata dai vaccini contro la febbre della giungla, e la manifestazione di piaghe sulla pelle causata dai vaccini per  il vaiolo, insieme alla paralisi causata dall’insieme dei vaccini, etc. I medici furono sconcertati, e dissero che non conoscevano la causa di questa strana e mortale malattia, e che certamente non avevano alcuna cura.
Avrebbero dovuto sapere che la causa nascosta furono le vaccinazioni, perché la stessa cosa successe ai soldati dopo avere ricevuto le iniezioni vaccinali nelle caserme. I vaccini per la febbre tifoidea causarono una forma ancora peggiore della stessa malattia, che chiamarono para-tifoide.
Quindi cercarono di sopprimere i sintomi di questa malattia con un vaccino più forte, che causò a sua volta una malattia ancora più perniciosa, che uccise e rese disabili una gran quantità di uomini.
 La combinazione di tutti quei vaccini tossici che fermentavano assieme nel corpo, causò tali violente reazioni che i medici non riuscirono ad affrontare quella situazione. Il disastro si diffuse rapidamente negli accampamenti. Alcuni ospedali militari furono riempiti esclusivamente di soldati paralizzati, e furono considerati infortuni di guerra, anche se avvenuti prima che abbandonassero il suolo Americano.

Ho parlato con alcuni dei sopravvissuti a questo massacro vaccinale quando ritornarono a casa dagli accampamenti dopo la guerra, ed essi mi raccontarono degli orrori, non della guerra in sé stessa e delle battaglie, ma delle malattie diffuse negli accampamenti.
I medici non volevano che la diffusione di questa malattia causata dai vaccini si ritorcesse contro di loro, e così di misero d’accordo tra di loro per chiamarla Influenza Spagnola. La Spagna era un luogo molto lontano, ed alcuni dei soldati erano stati lì, così l’idea di denominarla Influenza Spagnola sembrò un’ottima scelta per incolpare qualcun altro.
 Gli Spagnoli si risentirono del fatto questo flagello mondiale aveva preso la denominazione da loro. Essi sapevano che la malattia non aveva avuto origine nel loro paese. Venti milioni di persone morirono in tutto il mondo di quell’epidemia influenzale e sembrò toccare tutti i paesi che furono raggiunti dalla vaccinazione.
 La Grecia e poche altre nazioni, che non accettarono il vaccino, furono le uniche a non essere colpite dall’influenza.
Questo non dimostra forse qualcosa ? A casa (negli U.S.A.) la situazione era la stessa; gli unici che sfuggirono all’influenza furono quelli che rifiutarono le vaccinazioni.
La mia famiglia ed io fummo tra i pochi che persistettero nel rifiutare le forti pressioni della propaganda, e nessuno di noi ebbe l’influenza, nemmeno uno po’ di raffreddore, a dispetto del fatto che i malati erano tutto intorno a noi, e nel mezzo del periodo più freddo dell’inverno. Tutti sembravano averla presa.
L’intera città era prostrata, tutti malati o morenti. Gli ospedali erano chiusi perché i dottori e gli infermieri erano stati colpiti dall’influenza. Tutto era chiuso, le scuole, gli uffici, le poste, tutto insomma, Nessuno andava per strada.
Era come una città fantasma. Non c’erano medici per prendersi cura degli ammalati, e così i miei genitori andarono di casa in casa facendo il possibile per aiutare le persone colpite dalla malattia. Passarono tutto il giorno e parte della notte per alcune settimane al capezzale dei malati, e tornavano a casa solo per mangiare e per dormire.
Se i germi o i virus o i batteri, o qualsiasi altro piccolo organismo fosse stato la causa di quella malattia, essi avrebbero avuto moltissime opportunità di attaccarsi ai miei genitori e colpirli con la malattia che aveva prostrato il mondo intero.
Ma i germi non erano la causa di quella o di qualche altra malattia, e così non ne furono colpiti. Ho parlato con poche altre persone dopo di allora, che dicevano di essere sopravvissute all’influenza del 1918, e così ho chiesto loro se si erano vaccinate, e tutte quante mi hanno riferito di non avere mai creduto nella validità dei vaccini e che non ne avevano fatto nemmeno uno.
Il buon senso ci mostra che tutti quei vaccini tossici iniettati insieme nelle persone non potevano fare a meno di causare un pesante avvelenamento dei corpi, e l’avvelenamento di un qualche tipo é usualmente la causa della malattia.
L’influenza del 1918 fu la più devastante che abbiamo mai affrontato, e nel tentativo di debellarla furono usate tutte le sostanze conosciute nell’armamentario medico; ma l’aggiunta di questi farmaci, ognuno dei quali rappresenta un veleno, non fece altro che intensificare la condizione di iper - avvelenamento dei malati, in maniera tale che il trattamento della malattia uccise in realtà più di quanto non fece l’influenza stessa.
Tratto da: I. Honorof, E. McBean, Vaccination The Silent Killer (ovvero Vaccinazione il killer silenzioso) pag. 28
http://spktruth2power.wordpress.com/2009/07/11/the-1918-influenza-epidemic-was-a-vaccine-caused-disease/   

Video, Vaccinazioni Forzate = bambini handicappati e non solo....

A San Marino (I) dal 2012 esiste una legge che obbliga i genitori obiettori ai vaccini, per i loro bambini (quelli che non vogliono vaccinare i propri figli), a contrarre una polizza assicurativa per il “Danno da Contagio”….richiesta che fa ridere, perche’ siccome il danno da contagio non esiste, perché tutto e basato sulla FALSA teoria del contagio aerobico, che NON esiste, salvo ad esempio nel caso di  trasfusioni di sangue o contato e/o manipolazione di feci, per cui trattasi non di contagio aerobico, ma si tratta per le trasfusioni, di inoculazione di sangue tossico eterologo (non proprio), quindi ritenuto tossico dall’organismo ricevente, con tutti i pericoli del caso, e per la manipolazione di feci, non e' detto che i manipolatori delle feci dei bambini vaccinati, cosa che fanno tutte le madri di bambini vaccinati quando gli lavano il sederino dopo la loro cacca...NON si ammalano es. di Polio...neppure loro....si dovrebbe tenere il conto dei “possibili” contagiati  aerobici dalla data della entrata in vigore della Legge sanmarinese sul tema,  per vedere quanti bambini non vaccinati si sarebbero ammalati con il "contagio aerobico"; inoltre se fosse vera la "teoria del contagio" i bambini vaccinati, essendo portatori sani o non, dei virus e batteri vaccinali, potrebbero "contagiare" gli altri adulti e bambini non vaccinati, con i quali vengono in contatto, cosa che NON avviene mai !
Esempio:
In Italia ogni anno nascono 500 mila bambini x 40 anni = 20 milioni di bambini portatori, (di questi quasi il 95 % viene vaccinato minimo con l’esavalente che contiene  ben 6 virus vaccinali, ad esempio quello della polio); i bambini portatori "sani" crescono e vengono in contatto con tutti gli altri, eppure pur essendovi in Italia oltre 20 milioni di adulti di oltre 40 anni, NON vaccinati per la Poliomielite, NESSUNO di questi, pur essendo a contatto con quei bambini portatori "sani" del virus della Polio, si ammala…perche’ ?..., perche’ la teoria del contagio e’ FALSA !...... e cio’ vale anche per la altre malattie falsamente dette "contagiose"…
Riflettete bene su questi che sono fatti !

video del dott. Massimo Montinari a Don Chisciotte  - Ott. 2012


Non esiste nessuna convincente prova scientifica
del fatto che si possa attribuire alle vaccinazioni di massa l’eliminazione di alcuna malattia infantile
.
E’ vero che alcune malattie, un tempo assai diffuse, sono diminuite o addirittura scomparse da quando sono state introdotte le vaccinazioni. Ma nessuno può affermare con certezza la causa di questo fenomeno, che potrebbe essere il generale miglioramento del tenore di vita.
(NdR le statistiche Istat in Italia dimostrano che le vaccinazioni sono state ininfluenti per la scomparsa delle malattie per cui vaccinano i soggetti, anzi sono state in molti casi responsabili dell'aumento dei casi di soggetti che si sono ammalati).
Si crede comunemente che il vaccino Salk abbia avuto il merito di interrompere la falsamente detta "epidemia" di poliomielite che afflisse i bambini negli anni Quaranta e Cinquanta, (che nella realta' erano stati solamente malnutriti durante la seconda guerra mondiale).
Se così fosse,
perché la cosiddetta falsamente "epidemia" si fermò anche in Stati europei nei quali il vaccino antipolio non era stato usato così diffusamente ?
Di maggiore attualità è il chiedersi perché il vaccino Sabin, e' stato somministrato ai bambini fino agli anni 2005 (NdR: da quegli anni si utilizza di nuovo il vaccino Salk), quando il dottor Jonas Salk, scopritore del primo vaccino, lo accusa di essere la causa della maggior parte dei casi di poliomielite oggi esistenti. Continuare a inoculare questi vaccini nei bambini è un atteggiamento medico irrazionale che non fa che confermare la mia asserzione sull’incapacità della medicina di riconoscere i propri errori.
Con il vaccino antipolio stiamo assistendo al ripetersi della riluttanza dei medici ad abbandonare la vaccinazione antivaiolosa che per trent’anni dopo la scomparsa della malattia, fu l’unica causa di morte per vaiolo.

Riflettete: per trent’anni i bambini continuarono a morire a causa dell’antivaiolosa sebbene il vaiolo non costituisse più una minaccia ! (NdR:) E per 40 anni dagli anni 1960 in cui la vaccinazione per la polio fu resa obbligatoria per i bambini, nessuno dei non vaccinati di antipolio - adulti, quelli che oggi hanno 50 anni - ha mai somatizzato la polio, pur non essendo stati vaccinati per la polio !

Ogni vaccinazione comporta rischi significativi e ha numerose controindicazioni che ne rendono pericolosa l’inoculazione. I medici, invece, le praticano abitualmente, senza nemmeno avvertire i genitori dei possibili rischi e senza determinare se il vaccino sia controindicato per quel singolo bambino. Nessuno bimbo dovrebbe venire vaccinato senza prima eseguire questo tipo di indagine, tuttavia ogni giorno eserciti di bambini vengono allineati negli uffici competenti per essere vaccinati, senza tante domande... 

Mentre sono conosciuti i moltissimi rischi a breve termine della maggior parte delle vaccinazioni, nessuno è invece a conoscenza delle conseguenze a lungo termine che possono derivare dall’inoculare proteine estranee nell’organismo di un bambino. Ancor più sconvolgente è il fatto che nessuno stia compiendo uno sforzo organizzato per scoprirle.....

Esiste un crescente sospetto che le vaccinazioni contro le malattie infantili relativamente innocue possano essere responsabili del drammatico aumento di malattie autoimmuni verificatosi dopo l’introduzione delle vaccinazioni di massa. Si tratta di malattie terribili come il cancro, la leucemia, l’artrite reumatoide, la sclerosi multipla, il lupus eritematoso, la sindrome di Guillain-Barré, l’Aids.
Una malattia autoimmune può essere definita in termini semplici come un’affezione in cui il meccanismo di autodifesa dell’organismo non è in grado di distinguere gli invasori esterni dai propri tessuti, con conseguente autodistruzione.
Abbiamo barattato orecchioni e morbillo con cancro e leucemia e non solo.....  

La più acuta controversia che sta attualmente infuriando nell’ambiente medico non è sfuggita all’attenzione dei mezzi di informazione: un sempre crescente numero di genitori rifiuta di far vaccinare i propri bambini, affrontando le conseguenze legali della propria azione.
I genitori dei bambini che hanno subito lesioni permanenti in seguito alle vaccinazioni non accettano più l’idea della ‘fatalità’ ma intentano cause legali contro lo Stato, le case farmaceutiche produttrici del siero ed i medici che lo hanno inoculato.  

Alcune ditte hanno smesso di produrre vaccini e le rimanenti stanno allungando - anno dopo anno - l’elenco delle controindicazioni all’uso. Nel frattempo, dato che le vaccinazioni obbligatorie comportano una successione di visite mediche e numerosi posti di lavoro nei distretti delle Unità Sanitarie Locali, i pediatri continuano a difenderle fino alla morte. La domanda che i genitori dovrebbero porsi è: "La morte di chi ?". 

Solo ai genitori spetta decidere se rifiutare la vaccinazione o accettarla insieme ai rischi che comporta.
Tuttavia, prima di accettare la vaccinazione, un consiglio: documentatevi sui benefici e sui rischi connessi e discutetene con il vostro pediatra.
E se decidete di non far vaccinare il vostro bambino contattate le associazioni sorte proprio per dare consigli ai genitori che intendono riconquistare la loro Libertà di scelta nella Cura.
By Robert Mendelsohn, da "Bambini sani senza medicinali", Red, 1992, pag. 117 e segg.

IMPORTANTE:
PROPOSTA di LEGGE per  STUDIO negli  USA sullo STATO di SALUTE FRA BAMBINI VACCINATI e NON VACCINATI (di nessun vaccino)
Il DISEGNO di LEGGE n° 3069 a FIRMA della DEPUTATA MALONEY NON E' STATO APPROVATO per cui  E' RIMASTO sulla CARTA.... e NEPPURE DISCUSSO dal CONGRESSO....a dimostrazione che NON si vuole fare vere ricerche sui gravi DANNI dei VACCINI......Big Pharma ringrazia...

Uno studio in inglese dimostra, che bambini NON vaccinati sono più sani che i bambini vaccinati
http://www.naturalblaze.com/?s=Studies+Prove+Without+Doubt+That+Unvaccinated+Children+Are+Far+H

I bambini NON vaccinati sono più sani - Bologna, 28 ottobre 2015
A sostenerlo non sono pseudo-guaritori, maghi o fattucchieri. Ma oltre 120 medici che, dopo settimane di dibattiti e polemiche sul tema, escono allo scoperto con una lettera aperta all’Istituto superiore di sanità. Primo firmatario il cardiologo Roberto Gava, membro della ‘Società medicina centrata sulla persona’ di Bologna, appoggiato da oltre una ventina di professionisti emiliano-romagnoli e marchigiani.
Il corposo documento prende le mosse dalle affermazioni del presidente dell’Istituto, il professor Gualtiero Ricciardi (leggete i conflitti di interesse che questo soggetto ha con la GSK, produttore di vaccini), che ha recentemente sostenuto la sicurezza dei vaccini pediatrici: "Su 19 milioni di vaccinazioni ci sono stati soli 5 casi di reazioni gravi, peraltro non mortali".
Non è esattamente così per i firmatari della missiva che rivelano l’esistenza di "reazioni avverse che ammontano a migliaia di rilievi all’anno".
Non per questo vogliono essere classificati come i fautori del no, senza se e senza ma. E infatti nella premessa mettono in chiaro che, oggigiorno, un qualsiasi medico dotato "di buon senso" e di "un minimo di conoscenza scientifica" non può essere "contro le vaccinazioni pediatriche".
Ma poi mettono sul tavolo la loro esperienza sul campo. E cioè "pratica medica specializzata" accanto al bambino malato, non "frettolosa ma fatta di osservazione e ascolto, di considerazione di quello che lui ci comunica e subliminale e di quello che i genitori raccontano". E tutto ciò "ci ha aperto gli occhi".
La conclusione è destinata a suscitare scalpore: "I bambini non vaccinati appaiono indubbiamente e globalmente più sani, meno soggetti alle patologie infettive, specie delle vie aeree, meno soggetti ai disturbi intestinali e alle patologie croniche, meno soggetti a patologie neurologiche e comportamentali e scarsi consumatori di farmaci e di interventi sanitari".
- vedi questo studio: Confronto fra vaccinati e NON vaccinati

Bambini vaccinati e non: RITIRATO lo studio che li mette a confronto ! - 04/01/2017
By Vicki Batts - Traduzione a cura di: Emanuela Lorenzi - Fonte: naturalnews.com
Ritirato lo studio che esaminava le differenze nello stato di salute fra bambini vaccinati e non vaccinati
La censura della scienza non è un fatto nuovo.
In Canada, ad esempio, hanno suscitato molte perplessità i vincoli governativi sempre più stringenti che impedivano agli scienziati di rendere note al pubblico le loro scoperte. La censura, nel suo complesso, è un problema costantemente sottostimato nella nostra società. L'elezione di Donald Trump ha certamente mostrato il fatto che i media mainstream riportano solo le narrazioni che vogliono farci vedere.

Nell'ultimo caso di censura scientifica, un articolo di una rivista scientifica è stato “rimosso,” ma solo dopo che i sostenitori dei vaccini hanno dichiarato che doveva essere eliminato. Lo studio, vedete, esaminava le differenze nello stato di salute fra bambini vaccinati e non vaccinati. I risultati indicavano che "i bambini vaccinati mostravano significativamente meno probabilità di ricevere diagnosi di varicella e pertosse rispetto ai non vaccinati, ma significativamente più probabilità di ammalarsi di polmonite, otite media, allergie e patologie del neurosviluppo - NDDs (definite come disturbo dello spettro autistico, sindrome da deficit di attenzione e iperattività, e/o  disturbo dell'apprendimento).”

Dalle segnalazioni delle madri, i ricercatori hanno scoperto che i bambini vaccinati erano più soggetti ad allergie e patologie del neurosviluppo (NDDs). Il team ha notato che anche dopo aver tenuto conto di altri fattori, la vaccinazione restava associata in modo rilevante alla presenza di patologie a carico del neurosviluppo, con una probabilità di ricevere una diagnosi di questo tipo quasi tre volte superiore rispetto al controllo. La combinazione di nascita pretermine e vaccinazione produceva un rischio persino maggiore di NDDs, aumentandone le possibilità di oltre sei volte. 

Nell'abstract, i ricercatori hanno scritto come conclusione: “In questo studio basato sui report delle madri, i vaccinati hanno avuto un tasso superiore di allergie e di patologie del neurosviluppo rispetto ai non vaccinati.
La vaccinazione, ma non la nascita pretermine, è rimasta associata in modo significativo a questo tipo di malattie dopo aver tenuto conto di altri fattori. Tuttavia, la nascita pretermine combinata con la vaccinazione  era associata ad un aumento apparentemente sinergico nello sviluppo di NDDs. Sono necessarie ulteriori ricerche che coinvolgano campioni più ampi e indipendenti per verificare e comprendere queste scoperte inattese ed ottimizzare l'impatto dei vaccini sulla salute dei bambini.”

Baxter Dmitry di Investment Watch Blog sottolinea che questo studio è stato  “rimosso” dalla rivista Frontiers In Public Health. Normalmente, è ancora possibile vedere la copia cache nell'archivio di internet. Ma Baxter afferma che anche quella è stata cancellata, dichiarando “anche la copia cache disponibile nell'archivio di internet è stata rimossa, il che denota l'esistenza di una vera e propria campagna per evitare che il pubblico venga a conoscenza di questo studio.”
Fortunatamente, è stato salvato uno screenshot dello studio prima che il tutto scomparisse per sempre da internet.

Prima di essere rimosso da internet, lo studio è stato sottoposto ad una enorme quantità controlli; a quanto pare in questo caso l'uso di sondaggi, che vengono ampiamente utilizzati per la raccolta dati - sarebbe in qualche modo viziato dal "biais" (forma di distorsione della valutazione causata dal pregiudizio, N.d.T.). Fra i più suggestivi commenti pubblici, “Questo studio è caratterizzato da carente progettazione, benché i risultati non  siano impossibili.  Esso si basa sui report spontanei delle madri, inducendo al biais,” e “Ecco un altro studio spazzatura sulla rivista Frontiers. Scienziati, smettetela di recensire/pubblicare qui.”
Non è certo la prima volta che uno studio che mostri i potenziali effetti nocivi dei vaccini viene ritirato da internet.
A febbraio, la rivista Vaccine rimosse temporaneamente, e poi alla fine ritirò, uno studio che associava il vaccino contro il papillomavirus (HPV) a disturbi comportamentali nei topi.  
Pubblicare ricerche che contengono informazioni in conflitto con le narrazioni mainstream continua a mostrarsi un modo veloce e facile per trovarsi sulla lista nera della censura da parte dei media tradizionali.
Questo fatto sottolinea ancora una volta l’importanza della ricerca indipendente e dei media alternativi.

Fonti:
http://www.activistpost.com/2016/12/vaccinated-versus-unvaccinated-children-2016-health-study-pulled-from-publication.html
http://www.naturalblaze.com/2016/12/notable-study-on-vaccinated-vs-unvaccinated-children-pulled-from-web.html
http://www.universityworldnews.com/article.php?story=20130625133943361
https://vaccineimpact.com/2016/retracted-paper-linking-hpv-vaccine-to-behavioral-issues-republished/


"Noi medici siamo plagiati, fin dall'inizio, dagli insegnamenti universitari che ci vengono propinati da un manipolo di "professori"
 che
hanno il solo interesse di lasciarci nell'ignoranza sulla vera origine delle malattie. Alcuni di noi, alla fine, raggiungono la consapevolezza e mettono in moto delle grosse energie che provocano reazioni positive nel Tutto."
 By  Dott.
Giuseppe De Pace (medico ortopedico ospedaliero)

Le CONTAMINAZIONI dei VACCINI
Polio
: uno dei problemi relativi a questo vaccino deriva dalla sua contaminazione con un numero ancora sconosciuto di virus animali. Il vaccino contiene centinaia di migliaia di virus che possono produrre polio, meningite, encefalite, epilessia. Accreditate ricerche ha mostrato che l’iniezione di un virus da una specie di scimmia all’altra ha provocato lo sviluppo di tumori maligni.
La cancerogenicità di alcuni di questi virus è stata dimostrata da Sweet (1960), Fraumemeni (1963), Gerber (19621), Rowe (1962). Innes scoprì nel 1968 che la mortalità per leucemia negli USA dal 1955 al 1959 era cresciuta del 10% circa tra i 5 e i 14 anni, proprio negli anni del Salk. Secondo l’O.M.S., tra il 1970 e il 1974 in otto paesi europei ci sono stati 360 casi di polio di cui 205 associati alla vaccinazione. Secondo il Medical Letter (1988), negli ultimi decenni negli USA si sono verificati fino a 5-10 casi dall’anno di polio paralitica come conseguenza del vaccino Sabin, praticamente quasi il 100% dei casi di polio paralizzante.
Secondo Mendelshon, nel 1977, su 18 casi di polio negli USA, 13 erano derivati dalla vaccinazione. In Israele nell’88 ci sono stati 15 casi di polio (Slater,1988) di cui 9 vaccinati con almeno tre dosi di Sabin, due con due dosi, ed uno con una. Si ritiene che l’87% dei casi di polio dal 1970 negli USA derivano dall’uso del vaccino antipolio.

Morbillo: nel giugno 1984 la rivista medica “USA MMWR” ha riportato un’epidemia di morbillo tra studenti dell’Illinois e del New Mexico vaccinati da poco al 98%.
Gustafson (1987) descrive un’epidemia in una scuola secondaria con un indice di vaccinazione al 99% con virus attenuato. Secondo la FDA nel 1988, l’80% dei casi di morbillo erano di persone precedentemente vaccinate al morbillo.

Parotite: secondo West (1966), la mancanza della malattia in età infantile corrisponde ad una maggior probabilità di cancro alle ovaie e in generale di tutti i cancri (Ronnie, 1985). Efficacia: dal 1986 sta aumentando l’incidenza di parotite, caratterizzata da una particolare presenza tra gli studenti delle scuole medie e superiori.

Rosolia: efficacia: Secondo Cherry (1980), l’utilizzo di centinaia di milioni di dosi negli USA non ha sortito alcun effetto nei confronti delle continue ondate periodiche della malattia, anzi è stata notata la reinfezione da parotite nei vaccinati. Kloch e Rachelefsky (1973) hanno descritto un’epidemia di oltre mille casi a Casper (USA) nel 1971 che si presentò nove mesi dopo la campagna vaccinale e coinvolse per lo più vaccinati, pari all’83% nelle elementari ed il 52% negli asili.
Hartman afferma che la rosolia produce malattia visibile solo nel 2-5% di non vaccinati contro un 50-100% dei vaccinati, cosa che dovrebbe far riflettere in generale sull’efficacia dei vaccini.

Pertosse: nel 1975 il Giappone decise di posticipare questa vaccinazione (particolarmente pericolosa) dal secondo mese di vita al secondo anno di vita e nel 1981 fu abolita del tutto. A partire dal 1975 la mortalità nei primi mesi di vita scomparve in Giappone, ma aumentò l’incidenza di meningite al secondo anno di età. Levine (1966) e Savinski (1973) hanno documentato che alti dosaggi di tale vaccino preludono alla comparsa di encefalomielite nell’animale. Smith (1988) ha dimostrato l’esistenza della meningite da vaccino, con incrementi pari al 400% al terzo mese di età. In tutti i Paesi in cui sono partiti massicci programmi di vaccinazioni si sono verificati aumenti esponenziali di casi di paralisi cerebrali.

Antinfluenzale (Emophilus B): numerosi ricercatori segnalano il pericolo di complicazioni neurologiche (encefaliti e paralisi di Guillen-Barrè) soprattutto nei bambini, a seguito di vaccini antinfluenzali. A seguito di massiva vaccinazione, con oltre 40 milioni di soggetti, furono registrate migliaia di reazioni avverse con centinaia di paralisi di Guillen-Barrè e 10 decessi, nell’arco di quattro mesi. Conseguirono 4.000 cause civili che con un fatturato di 3 miliardi di dollari di risarcimento.
Nel 1978-79 una nuova campagna convinse nuovamente gli americani a vaccinarsi e nel periodo 78- 79 apparvero altri casi di Guillen-Barrè, di cui il 67% era già stato vaccinato nel 1976. Secondo uno studio del CDC, i bambini vaccinati avevano un’incidenza 5 volte maggiore di contrarre il virus del vaccino stesso e quindi l’influenza.

Vaiolo: Kittel verifica che, dopo l’antivaiolosa, 3297 bambini hanno riportato danni all’udito e 71 sono rimasti sordi. Bambini che hanno ripetuto l’antivaiolosa diverse volte presentano delle aberrazioni cromosomiche nei loro globuli bianchi. Miller (1967) descrive nove pazienti che svilupparono la sclerosi multipla dopo la prima o la seconda vaccinazione antivaiolosa.
Il Messico e l’India hanno subito le epidemie di vaiolo più violente e mortali, sebbene le loro popolazioni fossero state rispettivamente completamente e parzialmente vaccinate. In Italia già nel 1887-89 la morte per vaiolo tra i vaccinati era equivalente a quella tra la popolazione non vaccinata.
In Gran Bretagna la vaccinazione anti-vaiolo divenne obbligatoria nel 1853 e vent’anni dopo, nel 1870-71, si manifestò la più spaventosa epidemia della storia (23.000 morti); nei decenni successivi la mortalità da vaiolo in Gran Bretagna diminuì in modo perfettamente parallelo alla diminuzione del tasso di vaccinazione.

IMPORTANTE SEGNALAZIONE
L'iniezione della Vitamina K1 (s'intende una serie di composti che derivano dal 2-metil-1,4-naftochinone, la K1 e' chiamata anche fillochinone), ai neonati in  Italia ed in altre nazioni del mondo, viene fatta a tutti bambini appena nascono ma di nascosto o con genitori "consenzienti", senza pero' aver fatto leggere loro il bugiardino del farmaco.
Non hanno bisogno del vostro consenso, l'iniezione è inclusa nelle pratiche mediche che effettuano nella  sezione dove voi dichiarate di lasciare in cura il vostro bambino, al reparto nursering, per esser lavato, medicato ecc.
Per le sostanze che contiene questa iniezione (alluminio, vedi foto, sostanze che passano facilmente nel cervello del piccolo e che ecciteranno od alteranno i neuroni fin da subito, e poi nel tempo potrebbero generare problemi ....tipo intossicazione del fegato, infatti questa iniezione puo' portare,
a stress ossidoriduttivo con diminuzione dei livelli di emissione di glutatione, da parte delle cellule, anche epatiche, perche', nel neonato specialmente, e' stato intossicato da quelle SOSTANZE con l'iniezione di VitaminaK1, e puo' produrre anche e non  solo emolisi), queste sostanze iniettate (vitaminaK1...) sono state sempre  e preventivamente irradiate da Cobalto 60...., quindi ogni genitore avrebbe, secondo i "diritti umani", di denunciare il Ministero della Salute Italiano per complicità premeditata in crimine organizzato !!
Segue alle volte, sempre all'insaputa dei genitori e senza scriverlo sulla cartella clinica, anche la vaccinazione per l'epatite A o B, con vaccino irradiato dal Cobalto 60, tutte sostanze in grado di scatenare anche e non solo malattie autoimmunitarie, sordità, cecità, patologie neurologiche, AIDS, epatite B, epatite C, Cancro, Autismo precoce, ecc.
A due giorni dalla nascita spuntano fuori varie associazioni che vi fanno firmare la vendita del DNA del vostro figlio a Terzi (case farmaceutiche) mediante il prelievo del sangue dal tallone, per la cosiddetta prevenzione delle malattie metaboliche !
Insomma appena nasci ATTENTANO alla tua salute !

A parte il discorso alluminio, vedi foto e porcherie varie dentro l'iniezione della VitaminaK1 (Sostanze che contiene questa iniezione), a fronte di una azione "tendenzialmente razionale" nel dare/iniettare e/o somministrare la vitamina K1, per "evitare emorragie cerebrali fatali", sarebbe più indicato somministrare la vitamina K2 (non aditivata con sostanze tossiche come la K1 e preparate su colture batteriche), se si considera che poi l'integrazione del neonato puo' continuare anche con vitamina D....perchè la vitamina K2 aiuta a fare si che la vitamina D3 venga assorbita e vada veramente dove deve andare, cioè nelle ossa e non nelle arterie.
Quindi a pensare bene la vitamina K1 viene data per salvare dalle emorragie, a pensar male viene data, sapendo poi dei Vaccini fatti dopo poco tempo (3 mesi), per aumentare ancora di più l'effetto di microischemia cerebrale che un vaccino puo' causare in un neonato con barriera ematoencefalica ancora immatura (l'ittero neonatale infatti è pericoloso e viene curato proprio perchè la bilirubina potrebbe finire nel cervello e creare danni !).... Questa e' solo biochimica spicciola e patologia generale...
Precisazione necessaria:
le reazioni in questo caso all'alluminio (presente in VitaminaK1 e Vaccini) dipendono anche da dove arriva, cioe' va, la sostanza tossica, se nei tessuti o fin nella cellula ed a seconda del luogo (organo), variano le tipologie di reattivita' alle sostanze tossiche ed al metalli tossici, senza contare le reattivita' immunitarie del soggetto che sono SEMPRE individuali e non hanno collegamento solo con la quantita'...ma anche e soprattutto con il riconoscimento della vibrazione, cioe' con la frequenza di battimento atomico delle molecole della sostanza inoculata, che la mente/cervello detetta, rivela ed individua in realtime, attivando le opportune e necessarie reazioni di eliminazione che possono essere anche abnormi.... e se non ce la fa, ad eliminarle per le vie naturali emuntorie....sono guai...perche esse vengono facilmente trasportate anche dai macrofagi, specie nel cervello per mezzo della via linfatica) e/o incistata dalla melanina in sospensione nei liquidi corporei e depositata nei tessuti grassi (anche il cervello in particolare).... sostanza che si puo' rendere di nuovo disponibile in certi stati febbrili.....generando gravi problemi, anche neurologici.
Lo stesso meccanismo vale anche per TUTTI i Vaccini e le loro sostanze nocive !

Ricordo a tutti che il farmaco Vitamina K1 chiamato Konakion e' commercializzato da Roche spa, in Italia e nei bugiardini, difficili da reperire in Italia, non si fa cenno all'alluminio....forse perche' l'alluminio contenuto e' sotto i limiti di Legge...ma nelle indicazioni dell' Ag. Farmaco del governo, si legge:
Avvertenze e precauzioni
Si rivolga al medico, al farmacista o all’infermiere prima di prendere/ di somministrare al bambino o prima che le venga somministrato Konakion.
In particolare informi il medico: - se lei/il bambino soffre di una grave malattia del fegato.
Pertanto il medico sottoporrà lei/il bambino ad esami del sangue per monitorarne la fluidità.
Bambini Non somministri Konakion a bambini di età inferiore ad 1 anno.
Tratto da:
https://farmaci.agenziafarmaco.gov.it/aifa/servlet/PdfDownloadServlet?pdfFileName=footer_000108_008776_FI.pdf&retry=0&sys=m0b1l3 

...e' per questo motivo che viene facilmente l'itterizia ai bambini appena nati.... per l'intossicazione del fegato, che questi criminali fanno alla nascita, quando la barriera ematoencefalica sta ancora rafforzandosi ... !
 

 
 

Quel maledetto vaccino: mamma Lorenza e la lotta per Melania - 16/07/2012
Lorenza Moratti ha 30 anni, ma - dice lei stessa - a volte le sembra di averne 70. Poco più di tre anni fa la sua vita, quella della sua famiglia e soprattutto quella della sua secondogenita, è stata sconvolta. Dal vaccino esavalente e quello del pneumococco, secondo Lorenza. Da una paresi cerebrale la cui causa non è stata ancora identificata ma non sarebbe collegabile al vaccino, secondo una commissione medica dell’Azienda sanitaria che ha respinto i due ricorsi avanzati dalla famiglia per vedersi riconoscere i danni.
"Nessuno mi toglierà mai dalla testa che oggi Melania non parla, non cammina, non riesce ad afferrare gli oggetti e ha movimenti scordinati per colpa di quel vaccino. Ho le foto che lo dimostrano. Fino a pochi giorni prima riusciva a tenersi il ciuccio in bocca con le mani e teneva la testa dritta e dal 15 giugno 2009, giorno del vaccino, più nulla".
"Ricordo come fosse ieri che la notte dopo il vaccino Melania continuava a svegliarsi di soprassalto urlando. Poi nei giorni seguenti avevo notato un calo di vivacità. Sembrava stanca, svogliata, non reggeva bene la testa. Ma inizialmente avevo dato la colpa al caldo, anche perché nessuno mi aveva informato dei possibili danni da vaccino. Mi avevano parlato della febbre, niente di più», racconta la mamma. Per questo la prima visita di Melania dalla pediatra risale a circa un mese dopo il vaccino.
Era prevista una visita di bilancio e in quell’occasione manifestai alla dottoressa tutti i miei dubbi. Fino a quel momento non c’era stato alcun problema. Tutte le visite erano andate bene. I primi accertamenti alla nascita, i successivi controlli. Tutto nella norma.
Ma dopo il vaccino Melania era cambiata, non era più lei». E infatti da quel momento è stato l’inizio di un lungo calvario.
Una vita sconvolta, quella di questa famiglia. Di questa mamma che oltre a Melania ha un altro figlio, di appena 11 mesi più grande della secondogenita. «Melania ha bisogno di me in ogni momento perché da sola non è in grado di fare nulla.
È come una bambina di sei mesi. È ovvio che il bambino più grande di questa situazione ne soffre. In più Melania ha bisogno di cure, di riabilitazione. Soprattutto d’inverno ogni giorno dobbiamo venire a Trento. E poi anche in Slovacchia dove abbiamo effettuato cure specifiche che hanno portato a dei piccoli miglioramenti".
Al Centro Adeli la bambina ha la possibilità di fare due ore giornaliere di fisioterapia indossando una tutina spaziale abbinata a terapia laser, crioterapia, ossigenoterapia, terapia manuale e logopedica. È evidente che Melania ha bisogno di tempo, di affetto, di attenzioni, ma anche di denaro. "Porto avanti la nostra battaglia per una questione di principio, perché non voglio essere presa in giro. Non voglio che mi dicano che il vaccino non c’entra senza dirmi la causa del problema di mia figlia. I medici l’hanno rivoltata come un calzino facendole anche tanti esami invasivi che hanno reso necessarie otto anestesie totali. Niente, nessuno ha saputo dirmi perché Melania si trovi in queste condizioni.
Hanno fatto accertamenti genetici, di malattie metaboliche, hanno parlato di malattie rare senza nome ma una diagnosi ancora non c’è. E allora mi chiedo perché fino a quattro mesi stava bene e ora non riesce a muoversi e parlare".
Però Melania capisce e a modo suo comunica. Sorride quando è contenta. Piange quando qualcosa non le va. Nella vasca del centro di riabilitazione Franca Martini di Trento si lascia guidare dalle mani esperte del fisioterapista ma con gli occhi cerca la mamma. Lorenza risponde allo sguardo, le parla, le sorride. Melania è la sua vita, ma anche il suo costante pensiero.
"Inutile negare che mi aspettavo una vita diversa, che ora tante cose non le posso più fare e che sono preoccupata per Melania e anche per l’altro bambino che soffre del fatto che io devo sempre stare con la sorella. Ma io faccio l’impossibile per essere all’altezza. Ho lasciato il lavoro di estetista per stare loro vicina, porto Melania ovunque per accertamenti e terapie, ma i costi sono tanti e per questo vado avanti con il ricorso".
La famiglia si è rivolta all’avvocato Saverio Crea di Firenze, specializzato in questo genere di battaglie che sull’argomento ha anche un blog personale. "Il prossimo passo sarà un ricorso giudiziario - spiega l’avvocato - in quanto le prove schiaccianti da noi presentate che attestavano una severa intossicazione da metalli pesanti legata al vaccino sono state ignorate".

La battaglia di Lorenza è una battaglia personale per garantire a Melania tutta l’assistenza di cui ha bisogno. "Se il tribunale mi desse ragione forse potrei chiedere aiuto a qualcuno almeno qualche ora al giorno. Oggi invece tutti i soldi della pensione servono per i viaggi e per le cure private. Inoltre dobbiamo rifare casa per adeguarla ai bisogni della bambina. Anche questo è un costo enorme e in casa solo mio marito lavora in quanto io, con i bisogni della bambina, non me lo posso permettere".
Ma la battaglia di Lorenza è anche una battaglia civile, affinché si parli delle possibili conseguenze dei vaccini.
"Ho scoperto solo dopo, ad esempio, che esistono degli esami preventivi per capire se i bambini sono pronti a ricevere il vaccino. Me lo avessero detto prima... Ho l’impressione che invece le Asl non tengano conto dei singoli. Che li vaccinino come pecore senza pensare troppo alle conseguenze. Tanto poi alla fine sono le famiglie a sorreggere il peso e le conseguenze dei danni. E la cosa assurda è che non ammettono nemmeno che sia il vaccino la causa".
By Patrizia Todesco – Tratto da: informasalus.it - Fonte: L'Adige

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>


Fino a poco tempo fa, poche persone interrogavano i loro dottori quando l'ostetrica dell'ospedale portava via i loro neonati perché fossero "ripuliti". Questo prima di realizzare che in quel periodo sono spesso soggetti ad interventi medici non necessari, come le iniezioni di Vitamina K ed il vaccino per l'epatite B.
La maggior parte dei genitori non è consapevole che il vaccino per l'epatite B non è mai stato clinicamente testato sui bambini sotto i cinque anni di età.
Infatti, tutti i vaccini attualmente in uso sono autorizzati soprattutto in base ad una specifica risposta di anticorpi e non su studi che ne provino la sicurezza o l'efficacia. Queste enormi sperimentazioni mediche sui nostri bambini continuano all'età di due mesi, durante il primo controllo del neonato, quando il pediatra raccomanda che siano somministrate cinque iniezioni di TaP, Hib, Hep B (la seconda dopo la nascita), IPV (vaccino inattivo contro la poliomelite), e PCV (vaccino pneumococcico) durante la visita e tutte nel giro di mezz'ora.

A causa della fiducia dei genitori nell'esperienza e lo studio del loro pediatra, la maggior parte dei genitori non mette in dubbio che sia saggio iniettare tutti questi antigeni nel loro prezioso bambino in un tanto breve periodo di tempo. La marea sta cambiando, comunque, perché tante persone sono testimoni di amici e familiari che soffrono di reazioni negative alle vaccinazioni di routine.
La ricerca rivela che la propaganda di promozione dei vaccini non è sostenuta dalla scienza. Nonostante questa ricerca richieda considerevoli tempo ed energia, molti genitori hanno scoperto che è uno studio che avrebbero voluto fare prima. La vaccinazione non è una procedura di, emergenza e nulla è più importante dei nostri bambini. Una dilazione di pochi mesi nel fare questa decisione vitale è certamente giustificata.

Thimerosal e autismo
E' oggi ampiamente noto che c'è un'accesa controversia riguardo gli effetti cumulativi del thimerosal (49 % di etil-mercurio), il quale è stato aggiunto ai vaccini per oltre 60 anni, sia come coadiuvante che come conservante.
Sembra che le agenzie di controllo del nostro governo stessero dormendo mentre i nostri bambini ricevevano una tale quantità di mercurio mediante il programma di vaccinazione del Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC), responsabile di un progressivo aumento annuale dei vaccini per l'infanzia da somministrare. Come diretto risultato dello sconsiderato aumento nel programma di vaccinazione del CDC, la nostra nazione sta sperimentando un'epidemia di ADHD, disturbi dello spettro autistici e bipolari, dislessia ed altri disturbi psicologici. E' inquietante notare che i sintomi da avvelenamento da mercurio sono virtualmente identici ai sintomi dell'autismo.

Ma perché i danni e le morti da vaccinazione stanno diventano la norma anziché l'eccezione ? Ci sono molte ragioni, sebbene la causa principale sembri essere l'alterazione del genoma umano da parte dei vaccini.
Iniettando crescenti quantità di DNA ed RNA estranei, metalli tossici e agenti chimici velenosi nei nostri flussi sanguigni, la nostra stessa struttura genetica viene alterata, avendo effetto su tutte le generazioni che seguono. Già compromesso da mutazioni ereditate (come il cancro epidemico, la disfunzione auto-immune, il comportamento socio-atipico e la dipendenza da droghe farmaceutiche), l'attuale generazione di neonati è "a rischio" dal momento in cui viene al mondo. Iniziate ad imbottirli di vaccini appena dopo la nascita e la probabilità di una reazione negativa aumenta.

Senza mezzi termini
Oggi i bambini sono bombardati da un'innaturale chimica prenatale accoppiata con un assalto di vaccini dalla nascita fino ai cinque anni: ben 31 iniezioni raccomandate a livello federale. Anche se non sviluppano complicazioni fisiche e mentali come una sclerosi multipla o l'autismo, potrebbero non avere la capacità di avere a loro volta bambini in salute.
C'è speranza per l'umanità quando siamo stati così bio-chimicamente e geneticamente alterati che la nostra progenie non può più avere una progenie ?
La risposta è "sì". Con l'esperienza di molti allevatori di cani australiani che hanno smesso di somministrare vaccini ai loro animali e, invece, hanno somministrato rimedi omeopatici ed una solida dieta, sembra che la salute e la virilità possano essere ripristinate nel corso del tempo.

Smettiamola di usare mezzi termini. Dicendo che i vaccini sono "connessi" piuttosto che "la causa" di improvvisi decessi infantili, incapacità di apprendimento e malattie croniche, eludiamo giornalisticamente quanto sappiamo dalla scienza, oltre che dalla dura e gelida esperienza, essere la realtà dei programmi di vaccinazione di massa. La verità è che i vaccini causano significative morti infantili, incapacità di apprendimento e lo sviluppo di malattie croniche auto-immuni. Non possiamo neppure descrivere quanto sia esteso il declino della salute nazionale causato da politiche di salute pubblica che autorizzano "sperimentazioni mediche" mediante le vaccinazione. E' chiaramente uno iatro-genocidio o strage indotta dalla medicina.

Gli ingredienti
Diamo un'occhiata agli ingredienti nei vaccini. Solo allora capiremo chiaramente che è impossibile costruire una struttura cellulare vitale e un forte sistema immunitario iniettando nei nostri corpi noti cancerogeni e proteine estranee che contengono materiale genetico da altre specie.
Virus e batteri sono allevati in serie cellulari continue che hanno origine o dal tessuto fetale di un aborto o da vari organi animali.
Per esempio, il vaccino inattivato per la poliomelite IPOL® della Aventis Pasteur contiene "tre specie di poliovirus, cresciuti individualmente in cellule Vero, una serie continua di cellule renali delle scimmie in micro-vettori".
Molti dei più nuovi vaccini come per l'epatite A, la varicella e la rosolia, sono stati coltivati in linee cellulari continue che hanno origine dal tessuto fetale umano e sono elencate nelle indicazioni del farmaco come "cellule diploidi umane". Molti ricercatori considerano i coadiuvanti e i preservanti dei vaccini più tossici dei componenti virali.
Alcuni di questi sono: thimerosal (etil-mercurio), formaldeide, idrossido di alluminio, fosfato di alluminio, , monosodio glutammato, fenossietanolo (anti-gelo), neomicina (antibiotico), fenolo (acido fenico) e solfato di ammonio.

Controindicazioni
E' stato osservato che i vaccini causano encefaliti o aumento delle dimensioni cerebrali a vari livelli. Quando il ricevente è anche malnutrito, l'aumento cerebrale è molto più grave. La ricerca del dottor Viera Scheibner dimostra che la nostra attuale epidemia di SIDS ed i casi di sindrome dei bambini scossi sono direttamente connessi ai vaccini per l'infanzia.
Anche gli Annali di Neurologia hanno pubblicato un rapporto di Louis Reik, nell'aprile 1980, che provava come i vaccini causassero lesioni e danni alla guaina mielinica che ricopre dei componenti del nostro sistema nervoso centrale.
Questa epidemia di bambini danneggiati dai vaccini è comprovata dal fatto che dal 1986 oltre 1 miliardo di dollari siano stati spesi per ripagare le persone lese dai vaccini, grazie al Programma Nazionale per il Risarcimento dei Danni da Vaccini (National Vaccine Injury Compensation Program). Sfortunatamente, solo una frazione di tutti i reclamanti ha mai ricevuto un indennizzo.

Approvato dal governo ?
Potreste star chiedendovi perché la Food and Drug Administration autorizzerebbe vaccini così pericolosi.
Il concetto che la produzione di anticorpi equivalga all'immunità da una particolare malattia infettiva è fortemente accettato, sebbene numerosi ricercatori osservino l'immunità in individui senza livelli rilevabili di anticorpi. Altri individui con elevati livelli pre-esistenti di anticorpi hanno contratto la stessa malattia per cui si affermava avessero l'immunità.
La ricerca ha scoperto che gli anticorpi negli ingredienti dei vaccini sbilanciano la quantità di cellule killer immuni per le cellule-memoria immuni, confermando che i vaccini danneggiano invece il sistema immunitario.
L'autorizzazione dei vaccini è basata soprattutto sulla dimostrazione da parte dell'azienda farmaceutica della produzione di specifici anticorpi. L'efficacia e la sicurezza a lungo termine sono ignorate quando un vaccino viene autorizzato.
Per esempio, nelle indicazioni del vaccino ActHIB® della Aventis Pasteur, si dice che gli studi sperimentali hanno coinvolto 7.000 bambini. Di 7.000 bambini, solo il 15 % (1,064) non ha sofferto una reazione negativa. Dovrebbe essere notato che il 15 % aveva più di un anno e gli fu somministrato solo questo vaccino. Lo stesso vaccino è raccomandato dal CDC per essere dato ai neonati di due mesi insieme ai vaccini per epatite B, DTaP, IPV e PCV
Fonte: programma raccomandato di immunizzazione infantile - 2005.

Vaccinati contro non-vaccinati
Quando compariamo la totalità della popolazione non vaccinata con la sua controparte vaccinata, come per il caso dei bambini di Hopewood in Australia, è chiaro che i non vaccinati sono più sani dei loro coetanei vaccinati.
Perché ci viene detto che le vaccinazioni sono un tema di salute pubblica, quando i vaccinati sono protetti dai non vaccinati ? Come può essere logico il concetto di vaccinazione di massa ? Dovremmo davvero credere che la medicina che prendi tu non funzionerà finché non la prendo pure io ?

Video su: I BAMBINI NON VACCINATI SONO molto PIU' SANI di quelli VACCINATI !
Nel 1992 I.A.S. ha condotto un sondaggio sulla salute e la vaccinazione dei bambini della Nuova Zelanda ed ha trovato solide prove scientifiche che I BAMBINI NON VACCINATI sono PIU' SANI dei loro coetanei vaccinati !

L'esenzione è possibile
A causa del fatto che le vaccinazioni possono causare molte malattie e persino la morte, chiunque in tutti i 50 stati ha diritto ad un'esenzione medica. Comunque, la maggior parte dei dottori non prescriverà un'esenzione medica a meno che voi o il vostro bambino non siate già stati danneggiati da un vaccino o abbiate una storia familiare di allergie e reazioni negative ai vaccini.
Molti dottori che hanno dato esenzioni mediche si sono visti minacciare il ritiro della propria licenza a praticare la professione, quindi è meglio ricorrere alle altre esenzioni disponibili nel vostro stato. Le esenzioni religiose sono disponibili in 48 stati. Solo la West Virginia e il Mississippi (USA) non hanno un'esenzione religiosa.

Se la vostra chiesa o altre affiliazioni religiose non si esprimono contro la vaccinazione come inquinamento del sangue, profanazione del "tempio dello spirito" o altre obiezioni, allora ricordate che tutte le persone (anche un ateo) possono ritenere che non è etico o morale mettere a repentaglio la propria vita o quella dei propri bambini iniettando nel corpo sostanze dannose, non necessarie e talvolta letali. Uno dei più fondamentali diritti umani è la possibilità di scegliere quello che entra nei nostri corpi.
Persino il Codice di Norimberga, che risultò dai famosi processi medici a Norimberga dopo la II Guerra Mondiale, nacque in parte dall'uso di vaccini non testati sui prigionieri come aspetto della sperimentazione medica contro la volontà di una persona.

Se un' "autorità" insiste che dobbiate accondiscendere ad una politica di vaccinazione obbligatoria, allora insistete che firmino un'accettazione di responsabilità medica che trasferisca da voi a loro la responsabilità per danni da vaccinazione.
Se il rischio di una reazione negativa è raro come vorrebbero farci credere, non dovrebbero avere problemi nel giocare alla roulette russa e a firmare il modulo che avete creato. Dopotutto, siete stati costretti ! a gioca re alla roulette russa con la vostra salute ogni volta che vi hanno obbligato a ricevere un'iniezione di vaccino... patogeno.
By Dewey Ross Duffel & Ingri Cassel
The Idaho Observer P.O. Box 457 Spirit Lake, Idaho 83869 - Phone: 208-255-2307 - Email: observer@coldreams.com
Web: http://idaho-observer.com  +  http://proliberty.com/observer/  Dewey Ross Duffel & Ingri Cassel
Fonte: http://proliberty.com/


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

VACCINI ed AUTISMO la diatriba continua...
Quattordici studi sono stati condotti (sia qui negli Stati Uniti che all'estero), e questi test sono riproducibili, non importa dove sono somministrati, o chi li finanzia, la conclusione è la stessa: non vi è alcuna associazione tra autismo e vaccini ".
- Amanda Peet, attrice di Hollywood, portavoce del Sanofi Aventis, un produttore di vaccini
"Penso che il governo o alcuni funzionari pubblici del governo sono stati troppo pronti a respingere le preoccupazioni di queste famiglie senza studiare la popolazione che si è ammalata.
Penso che i funzionari della sanità pubblica sono stati troppo pronti a respingere l'ipotesi come irrazionale, senza studi sufficienti di causalità
".
- Dr. Bernardine Healy, ex direttore del National Institutes of Health (NIH), la più grande agenzia federale statunitense responsabile della conduzione e sostenere la ricerca medica. Dr. Healy non ha conflitti di interesse contenuti nel dibattito vaccino-autismo

Cosa sta succedendo ?
Se si ascolta ben remunerato portavoce della produzione di vaccini (Amanda Peet), sentirete che il caso è chiuso sul legame tra vaccini e autismo, e che il consenso scientifico non supporta alcuna associazione.
Cio’ e inquietante e ci ricorda i giorni in cui le aziende di produzione del tabacco, hanno scritto e sbandierato a destra ed a manca, che non esiste alcun legame tra fumo e cancro ai polmoni.

Ma, voci più indipendenti  ad esempio, quella del doctor. Bernardine Healy, l'ex direttore del NIH, sono in aumento e sfidare questa diatriba.
Dov'è la verità ?
Come tutto il resto nella vita, il diavolo è nei dettagli. I quattordici "studi sono in corso e sono stati travisati dai funzionari della sanità pubblica che stanno cercando di salvare l’attuale programma di vaccinazione, che è aumentato a dismisura negli USA, da 10 vaccini nel 1980 a 36 oggi, un aumento del 260%.
Nello stesso periodo, i tassi di autismo sono passati da 1 su 10.000 a 1 su 110, un aumento del 9.000%, o 90 volte.
Leggendo e analizzando tutti gli studi pubblicati utilizzato per "dimostrare" i vaccini non causano l'autismo, questo sito – www.fourteenstudy.org, vi mostrerà che:
- Nessuno studio del mondo reale dei programmi vaccinali è mai stato fatto. Tra i 11 vaccini separati somministrati ai bambini americani (molte volte anche di più), un solo vaccino - l'MMR - è stato studiato per la sua relazione con l'autismo. Eppure, i bambini americani per ottenere 6 o 7 diversi vaccini simultaneamente devono ottenere l’appuntamento con il medico a 2, 4, 6 e 12 mesi.
- Non uno studio mette a confronto bambini vaccinati a bambini NON vaccinati - ogni studio guarda solo ai bambini che hanno ricevuto i vaccini (qualsiasi). Questo è come paragonare i fumatori che fumano un pacchetto al giorno a coloro che fumano due pacchetti al giorno, non vedendo alcuna differenza nei tassi di cancro, e dire le sigarette non causano il cancro.
- Gli studi sono piene di conflitti di interesse tra gli autori che sono stati pagati da aziende produttrici di vaccini, e le agenzie federali e governi stranieri accusati di somministrazione di vaccini.
- Molti degli studi giungono a conclusioni false od a conclusioni che nulla hanno a che fare con la semplice domanda: i vaccini causano l'autismo ?
Sono semplicemente travisati dalla stampa  e dai funzionari della sanità pubblica, approfittando di un supporto che è fortemente dipendente e condizionato dalla pubblicità di aziende farmaceutiche sui mass media.
Tratto da: http://www.fourteenstudies.org

Commento NdR: questi studi dimostrano e confermano cio' che insegniamo da decenni e cioe' che i Vaccini producono nei soggetti sottoposti a quelle infauste pratiche in-sanitarie, spacciate per tecniche preventive, Malnutrizione con perdita di fattori vitali essenziali alla vita sana, alterazione e perdita di: enzimi, flora batterica autoctona, vitamine, minerali, proteine vitali), oltre alle mutazioni genetiche occulte, immunodepressioni, intossicazioni, infiammazioni e contaminazioni da virus e/o batteri pericolosi che nel tempo possono produrre malattie le piu' disparate ! - vedi: Contenuto dei vaccini

Consulenze e perizie per danni da vaccino dott.  M. Montinari  +  Interrogazione Parlamentare   
Autismo, Vaccini, la prova
-  
Il libro ormai esaurito, del dott. Massimo Montinari

Gli anticorpi che dovrebbero essere indotti da un vaccino NON indicano immunità. Ciò che mette molti medici in confusione è che parte della reazione nei confronti del vaccino porta alla produzione di anticorpi. Ciò è falsamente considerato immunità.

Continua in:  Immunogenetica  +   Pag.2  +   Pag.3  +  Pag. 4  +  Bibliografia
vedi: Bibliografia Danni dei vaccini  +  Bibliografia danni 2  +  1.000 studi sui Danni dei Vaccini

Pag. 6  -  Pag. 7  -  Pag. 8  -  Pag. 9  -  Pag. 10  -  Pag 11  -  Pag. 12  -  Pag. 13  - Pag 14  - Pag 15  -
Pag. 16  -  Pag. 17  -  Pag. 18  -  Pag.19  -  Pag. 20  -  Pag. 21
vedi anche Dati ISTAT sui Vaccini