Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


VACCINI e loro DANNI - 1
 
(descrizione dei Meccanismi, e q
uesta e' solo una piccola "sintesi")
Vaccines and their DAMAGES (Mechanisms)

"Se non mettiamo la Liberta' delle Cure mediche nella Costituzione,  verra' il tempo in cui la medicina si organizzera',
piano piano e  senza farsene accorgere, in una Dittatura nascosta. E il tentativo di limitare l'arte della medicina
solo ad una classe di persone,
e la negazione di uguali privilegi alle altre “arti”, rappresentera' la Bastiglia della scienza medica". 
(By Benjamin Rush, firmatario  della Dichiarazione  d'Indipendenza USA - 17 Sett 1787)

GRAVI DANNI PSICO-Fisici dei VACCINI

Continua
anche in:
Pag. 2 + Pag. 3) + Pag. 4 + Pag. 5
vedi anche questa: raccolta di dati medico-scientifici sui gravi danni dei Vaccini

Il dott. Moulden (Canadese), ha fatto delle importanti ricerche sui danni neurologici dei vaccini:
http://healthimpactnews.com/2014/dr-andrew-moulden-every-vaccine-produces-harm/
Ogni vaccino produce un danno microvascolare
- http://www.vacciniinforma.it/2015/03/31/ogni-vaccino-produce-un-danno-microvascolare-le-dichiarazioni-del-dr-andrew-moulden/2289
http://www.vacfacts.info/vaccination-toxicity-the-zeta-phase-of-mass-and-ldquoblood-sludgingrdquo.html
vedi anche QUI: altra intervista al dott. A. Moulden  + PDF articolo del dott. Miedico (medico)

Intervista di Vactruth.com, al dott. Andrew Moulden
Il dott. Moulden (Canadese), ha fatto delle importanti ricerche sui danni neurologici dei vaccini:
http://healthimpactnews.com/2014/dr-andrew-moulden-every-vaccine-produces-harm/


vedi anche QUI: altra intervista al dott. A. Moulden  + PDF articolo del dott. Miedico (medico)

1.) Dott. Moulden, ci può parlare un po' del suo background ?
Ho 44 anni ed ho trascorso tutta la vita nel mondo accademico tra studi di clinica medica, pratica e ricerca. La mia predilezione per lo studio del cervello e delle scienze del comportamento deriva da un genuino desiderio di trovare soluzioni a molte domande che non hanno risposta, quali: perché siamo qui ? che cosa ci rende umani? quali sono le cause di malattie come la schizofrenia, la demenza, la sclerosi multipla, la difficoltà di apprendimento e molte altre patologie spesso invalidanti ?
La mia area di competenza professionale è relativa alla valutazione neurocomportamentale del cervello e dei disordini del comportamento.
Sono laureato in Psicologia Biologica con una media dell'88% cumulata proprio sulle materie fondanti della mia specialità, presso la Nipissing University, North Bay Ontario in Canada. Master in "Sviluppo Infantile" con tesi sul "Linguaggio e Sviluppo Neurocognitivo in bambini ed adolescenti" presso la Laurentian University.
I miei voti del corso di laurea in Cervello e Comportamento (98%) e Neurobiologia (94%) erano tutte "A". Ho raggiunto simili successi accademici anche durante i successivi master e dottorati.
Ho svolto il mio dottorato di ricerca in Neuropsicologia Clinica Sperimentale. Ho completato anche una sub-specializzazione in Neuroscienze Cognitive presso l'Università di Ottawa durante il dottorato. I miei esami di dottorato di ricerca sono stati svolti sulle lesioni cerebrali acquisite e le sindromi post commozione cerebrale. Ho lavorato con la "Mild Brain Injury Association" come responsabile del gruppo e anche preso la "Head Injury Association" di Toronto, durante il periodo di dottorato.
Il mio esame finale di dottorato di ricerca è stato sulle lesioni cerebrali acquisite in seguito ad infortuni. Il mio lavoro clinico è stato dedicato al rilevamento delle lesioni cerebrali acquisite.
Sono stato borsista presso il Natural, Sciences, Engineering, and Research Council of Canada, allievo presso l'Ontario Mental Health Foundation ed ho ricevuto 27 premi/borse di studio per l'eccellenza accademica, di ricerca, clinica e didattica nel corso della mia formazione universitaria. Sono stato classificato tra i primi 1-5% dei medici residenti durante il mio soggiorno per le rotazioni di medicina di emergenza a Ottawa.
Ho svolto corsi di approfondimento in Cervello e Comportamento, Neurologia, Neuropsicologia e Neuropsichiatria presso l'Università di Ottawa (1993-2005) e corsi completi in Neurobiologia presso l'Atlantic Baptist University a Moncton, Canada Newbrunswick.
La mia formazione clinica, durante il dottorato è stata in Neuropsicologia Clinica presso l'Ospedale Baycrest, Rotman Research Institute - University of Toronto, e il Credit Valley Hospital, Ottawa Health Sciences Center Memory Disorders Clinic. La tesi di dottorato è stata in Functional Brain Imaging ed in Neuro-Elettrofisiologia alla University of Toronto. In seguito ho completato una laurea in medicina presso la McMaster University di Hamilton, Ontario.
Durante il dottorato la mia formazione extra-curriculare è stata in Neurologia Comportamentale e Neuropsicologia Clinica. Il tirocinio elettivo durante la Scuola Medica si è svolto presso il reparto di Clinica Neurologica. La formazione da medico residente in Psichiatria/Neuropsichiatria. Ho ricevuto la licenza del Medical Counsel of Canada (2006) avendo superato le conoscenze di base (LMCC 1), le competenze cliniche (LMCC 2) e gli esami coerenti con gli United States Medical Licensing Exams (parti USMLE 1 e 2).
Durante la mia formazione come medico residente, sono stato classificato tra i primi 1-5% dei medici residenti, durante le rotazioni dalla mia autorità di vigilanza tra cui le rotazioni in Medicina di Emergenza a Ottawa.
Ho scelto di dedicarmi alle valutazioni neurocognitive, neurocomportamentali e di ricerca basandomi sul mio dottorato e masters di formazione, piuttosto che praticare la medicina clinica. Ho conseguito la laurea in medicina solo per capire meglio il cervello e disturbi del comportamento, non per diventare un medico pratico/prescrizionale.
In passato, mi sono dedicato per diversi anni alla decifrazione delle conseguenze neurocomportamentali derivanti dalle iper attivazioni del sistema immunitario, disturbi dello sviluppo neurologico ed ultimamente alle vaccinazioni, quali fattori scatenanti ambientali comuni di alcune malattie cerebrali e disturbi del comportamento.
Prossimamente il mio lavoro sarà sottoposto a revisione paritaria (in originale 'peer review' = analisi fatta sulle pubblicazioni scientifiche, da parte di specialisti del settore per verificarne l'eventuale idoneità alla successiva pubblicazione su riviste specializzate). Per ora, la "peer review" è disponibile nella serie di DVD dal titolo 'Tolerance Lost', in cui ho tradotto le scienze mediche in uno stile di informazione e di presentazione che può essere compresa dal grande pubblico, così come le sentenze speciali in cui la corte si è pronunciata sui danni da vaccino. Esempi di prova di danno, sono stati catalogati in modo da poter essere visionati personalmente da ognuno (a ’see for yourself’ format).

2.) Dott. Moulden, abbiamo appreso che Lei ha fatto una scoperta rivoluzionaria. Ce ne può parlare ?

Sarei felice di farlo.
Attraverso le mie ricerche ed il mio lavoro nel corso degli anni, ho scoperto che le vaccinazioni causano compromissioni del flusso sanguigno (ischemie) al cervello ed al corpo, le cui entità possono andare dal danno clinico silente fino alla morte del paziente. Questi sono colpi che attraversano il corpo di tutti noi. Ho ragione di credere che siamo tutti interessati e che tutte le vaccinazioni siano la causa dell'ascesa travolgente di autismo, disturbi specifici dell'apprendimento, disturbi da deficit di attenzione, la morte improvvisa del lattante, sindrome della guerra del golfo, demenza, disturbi epilettici, alcuni tipi di cancro e da quanto emerso, molto, molto di più.

 3.) Cosa l'ha fatta dissentire dai punti di vista rigidi e forse ottusi della maggior parte dei suoi colleghi ?

Il cervello ed il sistema nervoso sono collegati in modo molto specifico. Le funzioni sono localizzate in aree specifiche. Dopo aver studiato il cervello e il comportamento, le neuroscienze, la neuropsicologia clinica, lo sviluppo neurologico infantile, l'imaging funzionale del cervello, neurologia clinica, neuropsichiatria clinica, medicina clinica, immunologia, ematologia, test e misurazioni e la comprensione degli strumenti e le ipotesi e le tecniche della medicina ufficiale, mi trovai nella condizione eccezionale di avere la possibilità di vedere i problemi di medicina clinica, da una moltitudine di settori di competenza e di conoscenze scientifiche simultaneamente. Rispetto al cervello umano, ho capito 'regole e leggi' della funzione del cervello rispetto al danno cerebrale e meccanismi fisiologici che possono causare unicamente danni al cervello ben specifici, in modi che solo le mie abilità cliniche hanno potuto scoprire e riconoscere, mentre le principali tecniche di neuroimaging non riescono a farlo. L'iniziale momento "aha" è stato nel 2001.

4.) Cosa ha catturato la Sua attenzione, in cosa si è imbattuto tanto da indurla ad indagare ulteriormente ?

Al termine della Scuola Medica, stavo vedendo pazienti autistici che presentavano afasie motorie trans-corticali, difficoltà verbali e paralisi dei nervi cranici molto specifiche che potevano essere spiegati SOLAMENTE da un ictus ischemico. I miei studi precedenti sulla schizofrenia, sulla demenza, sulla ricerca di modalità di neuroimaging, valutazioni celebrali e comportamentali, hanno contribuito notevolmente alla mia capacità di 'vedere' ciò che è stato a lungo davanti agli occhi di tutti - ictus ischemici e danni cerebrali - da vaccinazioni. Il problema è stato che non sapevamo né come misurare, né quando misurare o che cosa misurare, senza considerare i limiti degli strumenti che abbiamo usato per misurare l'integrità del cervello in salute, malato e disturbato.
Ci sono voluti diversi anni per decifrare come si verificano i danni cerebrali nell'autismo ed in molti altri disturbi dello sviluppo neurologico che vedevamo. Ora credo di avere le risposte a questo, o almeno così sembra ed anche alcune soluzioni.
Le vaccinazioni anti Polio hanno causato danni cerebrali esattamente come TUTTI gli altri vaccini. Infatti, la sindrome di Guillian Barré ed una miriade di altri disturbi neurologici sono causati da un meccanismo di danno comune - sia pure da inneschi diversi a seconda dell'individuo. Si tratta di ischemia da flusso del sangue alterato nelle unità di microcircolazione. Semplicemente non avevamo sufficientemente valutato ciò che giusto di fronte ai nostri occhi.
I miei primi casi includevano numerosi pazienti autistici e schizofrenici. Essi mostravano esattamente la stessa manifestazione acuta di paralisi. Questi danni cerebrali erano sottili ma multipli in modo misurabile ed erano riscontrabili in epoche pre-vaccinali (ovvero anteriormente alla diffusione della vaccinazioni generali) a causa di virus selvaggi come la poliomielite e la paralisi infantile.
Una volta che ero armato delle conoscenze e delle competenze di un medico, di un neuropsicologo clinico, di un esperto in sviluppo neurocomportamentale infantile con esperienza di ricerca in neuroimaging, test e misura, metodo di progettazione ed analisi scientifiche, nonché, nella localizzazione funzionale dei disturbi cerebrali e comportamentali, e in diverse altre discipline scientifiche, ho potuto vedere 'l'intera la foresta' nonostante gli alberi. Letteralmente, credo di aver trovato e scoperto un meccanismo comune di molte malattie e disordini neurologici acquisiti.

5.) Come è stato in grado di dimostrare questo e come si è organizzato per farlo? Quali tecniche di imaging sono alla base di tutto questo ?

Ho quantificato ed ampliato gli standard di valutazione neurologica e neuropsicologica delle funzioni del cervello. In sostanza, ho 'digitalizzato' gli esami fisici neurologici e neuropsicologici attraverso neurosviluppo utilizzando software di miglioramento dell'immagine in grado di localizzare i 'territori spartiacque' delle aree funzionali nel cervello - 'la fine della strada' dei vasi sanguigni in varie aree del cervello. Tutti i miei strumenti e le mie tecniche non sono invasive.
Ora sono in grado di valutare nel 'qui ed ora' o guardare indietro a 50 anni fa, per rispondere alle domande sulle cause delle malattie, dei disturbi dello sviluppo neurologico e molto altro. Ora possiamo avanzare notevolmente, diagnosticare preventivamente la morte improvvisa del neonato e non posso rispondere a domande quali: era un bambino predisposto? sono stati i vaccini a causare l'autismo a questa persona? questa morte è stata causata dal Gardasil? forse i vaccini provocano questi danni? Poiché il meccanismo di danneggiamento è comune a tutti, quando i vaccini sono coinvolti e talvolta anche in caso di malattie infettive di origine virale.

6.) Qual'è l'informazione di base che sottostà alle Sue affermazioni e su cosa si fondano le Sue convinzion ?

I semplici microbi non sono l'unica causa di decessi, malattie e disturbi. Ora ho definitivamente dimostrato che TUTTI i vaccini, da quelli pediatrici a quelli geriatrici, stanno causando gli stessi tipi di danno al cervello, a prescindere da quale malattia o disturbo si palesi. I danni in questione sono dei 'mini colpi' vascolari che non sono rilevabili attraverso il nostro neuroimaging, in quanto al di sotto della sua risoluzione ma sono misurabili confrontando il prima / dopo protocollo di vaccinazione.
Essi sono anche direttamente misurabili in tempo reale, tuttavia, questo comporterebbe l'impiego di tecniche e tecnologie che non ho ancora divulgato al pubblico.
Da sottolineare che, in epoca pre-vaccinale, i virus della polio, rosolia prenatale, morbillo, tetano, "influenza spagnola", ecc. provocarono esattamente gli stessi danni di cui parliamo. Noi semplicemente non abbiamo considerato il fatto che una risposta generica nel corpo umano, quale una risposta immunitaria aspecifica e l'instabilità emodinamica del flusso di sangue al microscopio, stavano causando paralisi, insufficienza respiratoria ed altro.
Abbiamo indebolito virus e batteri, li abbiamo iniettati in ognuno di noi causando malattie croniche, ovvero, malattie in forma attenuata, questo è il modo in cui questi agenti patogeni hanno sempre causato un danno. Tutto questo non è altro che la risposta dell'organismo quando agenti estranei vi entrano, specialmente in condizioni di ipersensibilità, ciò sta provocando disturbi dello sviluppo neurologico, malattie croniche e molto altro.

7.) Lei parla di epidemie. Cosa può spiegarci riguardo alle epidemie ? Come si manifestano ?

La spiegazione di epidemia è semplice, attualmente stiamo vedendo:

- 1 bambino su 6 con disturbi specifici dell'apprendimento;

- 12-15% dei bambini con disturbo da deficit di attenzione;

- 1 bambino su 87 all'interno spettro autistico - con un aumento del 1700% in dieci anni;

- 1% di morte improvvisa del lattante;

- 40 morti e 15.000 sostanziali reazioni avverse al Gardasil;

- 1 persona ogni 15, ultra 65enne, affetta da demenza, 1 su 8 oltre gli 85 anni;

- Sindrome da stanchezza cronica;

- Fibromialgia;

- Disturbo epilettico;

- Sindrome di West;

- Ritardo globale dello sviluppo;
- 1 persona ogni 450 con diabete di tipo 1;
- 1 uomo ogni 2 ed 1 donna ogni 3 svilupperà il cancro nel corso della vita.

La sindrome guerra del Golfo ha colpito e reso disabili oltre 250.000 soldati con 42.000 decessi. Questi soldati vaccinati mostrano esattamente gli stessi danni neurologici post-vaccinazione dei neonati e dei bambini sottoposti a vaccinazioni pediatriche. In conclusione, questi sono i danni causati da una richiesta di ossigeno maggiore rispetto alla quantità disponibile nell'organismo!
Questa è solo la punta dell'iceberg.
Questi colpi microscopici avvengono nel cervello e nel resto del corpo nell'immediato e posticipatamente, in modo crescente e calante, in modo acuto e cronico.
Questi danni così diversi, stanno ricevendo una sovrabbondanza di diagnosi/nomenclature cliniche, tuttavia, la causa fisiologica di base è comune a tutti i livelli.
Non esiste una cosa come un'epidemia genetica acquisita. L'epidemia è un fenomeno acquisito, da fattori ambientali, quindi, ora posso dimostrare in modo definitivo, che le vaccinazioni di massa sono responsabili della maggior parte di questi casi.

8.) Qual è stata la risposta alle Sue scoperte ? Come sono state accolte dal pubblico e dal mondo in generale ?

Il pubblico capisce. I medici alternativi accettano. I medici tradizionali, tra cui i neurologi pediatrici, sono sbalorditi. Le case farmaceutiche e le organizzazioni sanitarie strutturate devono negarlo. La filosofia è "se non possiamo negare il messaggio, allora dovremo screditare il messaggero", Questo è semplicemente come funziona il sistema.
L'evidenza ora è rilevabile da tutti. Tutto ciò che dovete fare ora è essere istruiti per apprezzare e vedere ciò che è davanti ai vostri occhi - laici e medici.
La mia immagine si chiama 12-IMAM – 12 "Eye" M.A.S.S. Anoxia Measures, basata sui 12 nervi cranici. "M.A.S.S." sta per "Moulden Anoxia Spectrum Syndrome". Anossia (anoxia) significa apporto alterato di ossigeno ai tessuti.

9.) Ci sono altri medici, ricercatori e scienziati che condividono la Sua opinione e sono d'accordo con Lei ?

Tutti loro devono prendersi il tempo per apprendere. Ciò è al 100% innegabile. Non c'è alcun modo per confutare ciò che tutti ora possiamo vedere. Per l'esempio, la gravità esisteva fin dagli albori della creazione. Isaac Newton non ha 'scoperto' la gravità, ha semplicemente proposto un quadro concettuale per spiegare perché le mele cadono dagli alberi.
Io ho semplicemente proposto un quadro concettuale scientifico, un sistema di misurazione, delle spiegazioni del "perché ci ammaliamo", ho osservato che tutti i vaccini causano esattamente gli stessi danni neurologici a prescindere da quando la malattia si palesa nel corso della vita. Questo significa che la causa di malattie e disturbi è "qualcosa" che il corpo fa in risposta alla stimolazione immunitaria - ora credo di sapere cos'è questo "qualcosa".

10.) Secondo Lei, qual è la percentuale di vaccini che causano effetti negativi ?

A mio parere, TUTTI. Ora posso mostrare le prove a sostegno di questo. I danni possono essere stati clinicamente silenti, ma siamo tutti lesi a diversi livelli che possono andare dalla situazione clinicamente silente ai veri e propri disturbi e malattie - in tutti gli organi. Tuttavia, per il momento, la mia capacità di misurare e dimostrare la mia idea è bloccata principalmente alle funzioni cerebrali e alle condizioni neurocomportamentali, neuropsichiatriche e neurologiche.

11.) Pensa che sia possibile determinare in anticipo (con prove mediche o esami clinici) quali individui sono predisposti a reazioni molto gravi ai vaccini ?

Si, comunque, i vaccini non sono rivolti alla causa comune delle malattie e dei disordini fisiologici. Non sono i microbi a provocare malattie, morte e malattie croniche, è la risposta immune, generica, non specifica e l'instabilità elettrostatica del flusso di sangue che sta provocando malattie e molti stati di autoimmunità, incluso la sclerosi multipla e molto, molto di più.
Non abbiamo bisogno di vaccinarci contro tutti gli agenti patogeni della terra, dal momento che tutti gli agenti patogeni inducono malattia, morte e disabilità attraverso un unico meccanismo comune. E' questo meccanismo comune a dover essere indirizzato sulla base delle esigenze di ognuno. Questo ora è fattibile.
La teoria dei germi di Louis Pasteur era giusto quello - una teoria. I suoi contemporanei, il dott. Antoine Bechamp e il dott. Rudolf Virchow erano più vicini alla verità per quanto riguarda la causa delle malattie. Sorprendentemente, questo significa che molto di ciò che stiamo facendo in medicina occidentale è sbagliato - abbiamo praticato la medicina in modo da confondere le cause con gli effetti e causando, complessivamente, più danni che salute... per oltre 200 anni!

12.) Coloro che credono fortemente nei vaccini, spesso affermano che se avviene una reazione in poche ore è troppo presto o se avviene dopo diversi mesi o addirittura anni dopo la somministrazione del vaccino è troppo tardi per affermare che gli stessi sono coinvolti. Entro quanto tempo potrebbero verificarsi effetti negativi, secondo Lei? Questi effetti collaterali potrebbero presentarsi in ritardo? Come si potrebbe spiegare che alcuni eventi avversi si sono verificati così tanto tempo dopo la vaccinazione ?

Le reazioni si verificano per tutti noi in pochi minuti, a due livelli:
1) reazione non specifica da iperstimolazione del sistema immunitario (un processo coinvolto in tutti gli stati di ipersensibilità immunitaria - che ho chiamato "di massa"),
2) instabilità elettrostatica del flusso di sangue che riduce la dinamica dei fluidi e l'apporto di ossigeno e nutrienti in tutto il corpo: 60.000 miglia di sottili vasi sanguigni necessari per la vita, la funzione cellulare, il benessere e la salute.
Al microscopio, il flusso di sangue ed i vasi sanguigni appaiono danneggiati, immediatamente e posticipatamente, in forma crescente e calante, da acuta a cronica, clinicamente silente o apparente. Si verificano cambiamenti di fase del flusso di sangue da fluido a gel, e viceversa. Il flusso sanguigno diventa viscoso/agglutinato. Il sangue vischioso non può attraversare i capillari progettati per consentire ai globuli rossi, che trasportano l'ossigeno, di transitare in fila indiana.
In fisica, la forza è uguale tempi di accelerazione delle masse. Questo fenomeno è noto come la "Big G" di Isaac Newton (per gravità). All'aumentare la massa (come nel sangue agglomerato da altre particelle in sospensione nel flusso sanguigno - tra cui metalli pesanti e amminoacidi), senza un incremento netto in spinta, allora, si verifica una decelerazione, un non avanzamento del flusso.
Il cervello ed altri organi non hanno recettori di flusso di sangue. Ci sono solo i recettori per la pressione arteriosa. Di conseguenza, quando il flusso di sangue diminuisce, il corpo non riceve segnali che qualcosa non va qualora la pressione rimanga adeguata. Tutto ciò influisce a livello microscopico, talora a livello di angstrom (0,1 nanometri) ma non abbiamo microscopi per vedere tutto questo "live" all'interno del corpo umano.
Quando un lattante muore di “morte improvvisa” o per “nessuna causa apparente” dopo una vaccinazione, la causa effettiva del decesso è il flusso indebolito del sangue, in questo caso a livello di microscopici vasi capillari spartiacque nel tronco encefalico che controlla il movimento centrale respiratorio. Il flusso danneggiato del sangue è bilaterale. Questo determina la cessazione della respirazione. L’arresto cardio-respiratorio avviene in un essere umano perfettamente sano. I medici legali non rileveranno alcuna causa di decesso dato che la causa della morte “per mancanza di flusso sanguigno a livello capillare” si verifica in tutti noi in caso di morte.
Eventi avversi avvengono a tale distanza dalle vaccinazioni in quanto i danni sono aggiuntivi, progressivi e soggetti ad altri eventi che producono una iper-stimolazione del sistema immunitario non specifica oltre la semplice vaccinazione. Lo stato ischemico può aumentare e diminuire. Auto anticorpi possono formarsi contro I tessuti che vengono, così, scarsamente irrorati. La viscosità del sangue può fluttuare e le aree vascolari danneggiate da precedenti vaccinazioni divengono predisposte.
Tuttavia, il meccanismo comune di patologia ritardata è quasi sempre correlata alla tolleranza immunologica, alla stabilità colloidale ridotta o indebolita del flusso sanguigno e alla perdita di capacità di conduzione e dispersione del flusso sanguigno. “La vita della carne si trova effettivamente nel sangue” – questa è elettrostatica. Non c’è niente in natura come la corrente alternata o diretta. Tutto è elettrostatico. In termini di elementi formati nel sangue, questi si ritrovano in minute cariche statiche nel dominio di 100 mila volt che mantengono il flusso sanguigno sparso, graduale, fluido con basso “bulk stress” o coagulato, laminare “denso” con elevato bulk stress.
Le leggi che governano il flusso sanguigno nel corpo umano sono le stesse che governano il movimento nel nostro universo. Sono forze elettriche e chimiche.
La causa non deve essere mai ricercata nella chimica. I cambiamenti chimici sono un effetto. Le cause si trovano nelle forze elettriche, che sono una parte di tutte le sostanze che hanno massa. La medicina occidentale ignora la natura elettrica della fisiologia umana, per lo più per mancanza di comprensione e per una inabilità a trarre vantaggio dalle sfaccettature basilari della natura liberamente a disposizione di tutti noi – elettricità, elettrostatica e acqua…di tutte le cose. Il corpo è per il 75% formato da acqua. Il sangue è costituito per il 95% da acqua. L’acqua ha una componente elettrica così come tutta la massa e la materia nell’universo.
Questa componente elettrica è critica per il flusso sanguigno, per la capacità di conduzione, la cicatrizzazione e le funzioni a livello cellulare.

13.) Secondo Lei, tutti I vaccini sono “imputati” oppure alcuni vaccini sono ancora “accettabili” ed in caso affermativo, quali ?

Non è più un’opinione, in quanto posso ora dimostrare che TUTTI i vaccini producono esattamente gli stessi danni per tutti noi esattamente allo stesso modo in cui il virus della poliomielite ha causato paralisi, insufficienza respiratoria (“Iron lung”: polmone di ferro), morte, emorragia celebrale e molto altro.
Una prima parte del problema è dovuta alle ripetute vaccinazioni, debitamente intervallate. La seconda parte del problema è creata dall’alluminio. La terza parte problema è rappresentata da TUTTE le sostanze estranee contenute nei vaccini – è come buttare benzina sul fuoco. Una persona non deve necessariamente essere vaccinata direttamente per essere danneggiata da un vaccino.
I vaccini non sono gli unici fattori scatenanti il problema. Talvolta, quando una madre tollera dal punto di vista immunitario un determinante antigene specifico, la vaccinazione della madre indurrà danni ischemici da “M.A.S.S.” al lattante attraverso l’allattamento al seno, così come fanno le vaccinazioni – e causare autismo (attacchi ischemici).
Talvolta questo potrà causare la “Sindrome di Mobius” nel periodo prenatale – il 48% di questi bambini sono affetti da autismo o da schizofrenia infantile.
Schizofrenia ed autismo rappresentano la stessa “bestia” in patofisiologia (ischemia da M.A.S.S.) sebbene la sequenza di innesco differisca in funzione dell’immunologia. Elettrostatica e tempistica dei danni durante il neurosviluppo.
I danni acquisiti sono aggiuntivi e cumulativi con ciascun vaccino. Per esempio, ho adesso dimostrato che le adolescenti che hanno presentato gravi reazioni avverse al Gardasil, inclusa la morte, stanno attualmente sperimentando un completamento del danno neurovascolare aggiuntivo che aumenta con OGNI vaccinazione infantile. Questi danni sono anch’essi aggiuntivi per i lattanti e i bambini alla stessa maniera. Sono tutti attacchi ischemici. C’è un “punto di rottura”. Quando questo punto viene raggiunto, in frequenza, durata o gravità nei primissimi anni, emergono disturbi dello sviluppo neurologico. Se questo avviene in un adolescente o adulto, emergeranno diverse serie di sintomi. Il processo è simile ad uno “strangolamento” veloce o lento di un tessuto a causa di una rallentata dinamica dei fluidi e circolazione microvascolare, integrità e riparazione.

14.) In Francia, molti denunciano di soffrire di Macrofagi Myofasciitis a seguito della campagna di vaccinazione di massa anti Epatite B (Ghepardi, Clérin e al.).
Si tratta di una condizione causata da un'anomala stagnazione di cristalli di alluminio derivanti da una iper-stimolazione e una iper-reazione del sistema immunitario e da una miriade di altri problemi immunitari collaterali.

La Sua scoperta conferma l’esistenza di questo tipo di malattia o ha scoperto una condizione completamente diversa ?
Sicuramente. Questo è simile alla reazione Arthus da vaccini, il “fenomeno Bordet, il fenomeno Santarelli/Schwatrzman, e la risposta da ipersensibilità ritardata di tipo IV nella fisiologia dei mammiferi".
La “M.A.S.S.” consiste in una serie di passi fisiologici che portano l’ischemia – a pelle, cervello, organi e ossa. L’alluminio è un coagulante o flocculante.
Lalluminio ha una carica elettrica di +3, tutti i cationi positivi sono “coagulanti” – determinano l’aggregazione, agglomerazione, il deposito, l’ “addensarsi” di particelle dotate di massa.
L’alluminio ha 84 volte la capacità di causare l’agglomerazione (l’addensarsi) rispetto al Sodio (Na+) – un elemento con una singola carica positiva.
Noi usiamo l’alluminio nel trattamento acquatico delle piante, per addensare, agglomerare e flocculare al fine di far sedimentare in fondo all’acqua le relative impurità. Usiamo l’alluminio come un anti-sudorifico dato che causa addensamento e blocca i dotti per la traspirazione delle ascelle. Il tessuto ischemico attrae i macrofagi che tentano di “ripulire” il tessuto danneggiato allo stesso modo dell’alluminio sedimentato. Questo determina una risposta infiammatoria (o meno).
L’alluminio non può essere prontamente rimosso dai tessuti in quanto l’ampia carica positiva (dall’alluminio) svia la capacità di conduzione elettrostatica negativa del sangue laddove l’alluminio si è accumulato. I vasi sanguigni, i muscoli, e l’aponeurosi nelle aree tessutali verranno danneggiate dalla progressiva ischemia e dall’incapacità di rimuovere l’alluminio dall’area (per un problema di carica elettrica). I macrofagi e i globuli bianchi verranno richiamati per “ripulire” quest’area.
Si tratta della reazione del sistema immunitario concentrata in modo cronico in quest’area che perpetua il problema e crea malattie più gravi e la possibilità dell’introduzione di una risposta autoimmune, o una tolleranza immunologia attraverso anergy ( = assenza di normale reattività) o delezione.

Straordinariamente, la risposta del sistema immunitario, in biomeccanica, determina un ulteriore danno ai tessuti, in alcuni casi, passando dalla macrofagi myofasciitis al Diabete di tipo 1, al morbo di Parkinson, alla sclerosi multipla, alla Sindrome di Guillan Barré, alle convulsioni febbrili, allo spettro autistico, al morbo di Crohn, alla morte improvvisa del lattante e …a “quello che volete”.

15.) Gli additivi tossici nei vaccini, quali l’alluminio, sono gli unici fattori scatenanti le reazioni da Lei menzionate o anche gli antigeni dei vaccini possono contribuire a queste reazioni? In altre parole, secondo Lei, se i vaccini non contenessero alluminio il problema della tossicità sarebbe completamente risolta ?
Ritiene che tutti i vaccini debbano essere banditi, ossia che l’intera filosofia delle vaccinazioni sia sbagliata, oppure che siano solo quei vaccini e i loro ingredienti che debbano essere modificati per essere resi “buoni” ?

Buona domanda. Chiaramente avete letto alcuni delle mie pubblicazioni. Il problema è duplice:
1. Elettrostatico. Ad esempio, i cationi caricati positivamente sono patologici;
2. Immunologico - questo è la “M.A.S.S.” (sequenze di risposte immunologiche). Entrambe le categorie presentano una serie di processi che possono essere lanciati indipendentemente o in collaborazione e che alla fine determinano il meccanismo della malattia – l’ischemia – che rappresenta il primo passo per ciò che segue.
Ritengo, sulla base di prove conclusive, che tutti i vaccini debbano essere banditi. Tutti i vaccini causano ischemie celebrali, danni fisici, malattie croniche e malattie varie. I vaccini non affrontano la causa degli agenti infettivi – M.A.S.S. ed elettrostatica del flusso sanguigno. Sono questi ultimi che devono essere affrontati, non le vaccinazioni per qualunque tipo di “germe” esistente.
Alluminio, mercurio, squalene e altri inquinanti che vengono aggiunti ai vaccini, sono equivalenti ai virus e ai batteri (NdR: estranei=eterologhi, cioe' pericolosi) in termini di danno ai tessuti umani.
Si tratta di sostanze estranee alla fisiologia umana, che inducono risposte anche elettrostatiche ed immunologiche, che in eguale misura sviano il flusso sanguigno e portano a danni tessutali diretti.
È significativo che i vaccini determinino la stessa identica sequenza patologica del virus della poliomielite nel causare paralisi e insufficienza respiratoria.
Questo è lo stesso meccanismo per cui:
- la Talidomide fa nascere bambini privi di braccia e gambe;

- il Vioxx causa infarti e attacchi cardiaci;

- i farmaci per abbassare il colesterolo causano mialgia e myositis (=infiammazione muscolare);

- l’influenza spagnola ha ucciso 20 milioni di persone nel 1918;

- il vaccino per l’influenza suina ha causato paralisi (vedi http://www.vactruth.com );

- i vaccini per Epatite A e B causano la sclerosi multipla;

- una serie di vaccini contro l’antrace hanno portato le ex combattenti (femmine) a dare alla luce neonati senza gambe o braccia 18 mesi dopo le vaccinazioni;

- tutti i vaccini causano disturbi dell’apprendimento o dello spettro autistico, SIDS e ADHD;

- vaccinazioni antinfluenzali ripetute determinano demenza;

- l’antitetanica causa il tetano – un attacco ischemico, in evoluzione, al cervello derivante dall’interruzione del flusso sanguigno;

- le vaccinazioni provocano la Sindrome di Guillan Barré (consistente in ischemie a livello di capillari verso i tratti corticospinali discendenti - danni celebrali!);

- il vaiolo ha ucciso e causato lesioni della pelle – ischemia dermale – flusso sanguigno rallentato;

- la rosolia congenita, in epoca pre-vaccinica, ha causato danni ischemici al cervello, al corpo e ai polmoni.

La poliomielite, il morbillo e la rosolia congenita in epoca pre-vaccinica hanno causato i medesimi danni che vediamo oggi, in forma diversa, a seguito delle vaccinazioni. Non c’è e non c’era nelle normali infezioni virali né mercurio né alluminio. Chiaramente, il problema non può risolversi semplicemente eliminando gli adiuvanti di alluminio.
La soluzione è invece quella di controllare la stabilità elettrostatica del flusso sanguigno e la dinamica dei fluidi, oltre al controllo delle sequenze di risposte immunologiche, non specifiche e generiche, che adesso conosco ed ho chiamato “M.A.S.S.”.
Sorprendentemente, M.A.S.S. ed elettrostatica contengono le risposte per la prevenzione di patologie così come gli aspetti chiave verso la guarigione di questi cervelli e corpi danneggiati, passando attraverso lo spettro “M.A.S.S.”.

 16.) Cosa impedisce alle Sue scoperte di essere accettate e prese in considerazione ?
Questo è qualcosa che devo ancora pubblicare, in ogni caso, cerco di dimostrare presso il circuito delle Corti Federali Statunitensi, che l’unico modo per evitare questa rovina incontrollata è ritenere il sistema responsabile in tribunale – ampiamente, altrimenti le compagnie che producono i vaccini non saranno in alcun modo disincentivate dal trarre profitto dalla disponibilità di vaccini.
Straordinariamente, ho fornito una prova così evidente, che potete vedere quasi letteralmente da soli, partendo da adesso e tornando indietro di 70 anni, se all’epoca vi erano questi danni. Questo è stato realizzato grazie al programma non invasivo e funzionale BrainGuardMD di neuroimaging, neuromotoria, neurovascolare.

17.) Lei crede che la vaccinazioni abbiano estirpato le malattie pandemiche ?
Assolutamente no. Tutto ciò che abbiamo fatto è stato trasformare un “grosso incendio” (forest fire = incendio di una foresta) per l’1% della popolazione in un “incendio leggero” (brush fire = incendio del sottobosco) cronico e acuto per l’intera popolazione.
Le epidemie sono state estirpate da misure igieniche, nutrizione, acqua potabile, adeguata nutrizione ed idratazione.
Patogeni virulenti possono essere trattati – avevamo semplicemente bisogno di controllare la risposta “M.A.S.S.” della fisiologia umana e l’elettrostatica del flusso sanguigno. A questo proposito, non ci sarebbero state paralisi infantili o arresti respiratori causati dalla poliomielite, o morte causata dall’influenza Spagnola o H1N1 per quanto ci riguarda.
Noi possiamo gestire i germi – tutti, semplicemente dobbiamo controllare la grandezza e la natura delle risposte del sistema immunitario a questi patogeni virulenti.
Le stesse sequenze patologiche, nella fisiologia umana, devono essere controllate, nei limiti della necessità di conoscere, indipendentemente dalla tensione o virulenza patogenetica.
La poliomelite adesso è conosciuta come meningite asettica e con una miriade di altri nomi. Non è mai sparita.
Tuttavia, ripeto, il virus della poliomielite non è mai stata la causa di paralisi e malattie – queste reazioni erano attacchi ischemici derivanti da “M.A.S.S.”.
Tutti gli altri stati patologici derivano da questo primo passo generico verso la malattia.

18.) Ha trovato ostilità, difficoltà od ostruzionismo alla pubblicazione dei Suoi lavori da parte delle principali riviste mediche ?
Si, inclusi attacchi alle mie conferenze sin dal 2005, tra le varie tattiche “preventive” che possono essere discusse successivamente. Per il momento la questione riguarda la salute e il benessere dei nostri simili, le mie battaglie sono irrilevanti.
La medicina ufficiale non è stata gentile, sarebbe stata gentile solamente se avessi semplicemente “concordato” (=“play ball” – frase idiomatica che indica accettare di fare quello che qualcuno vuole al fine di raggiungere un fine comune generalmente negativo). All’epoca delle mie prime scoperte e messa a punto di strumenti diagnostici che dimostrassero le funzioni di causa effetto, sedevo nel consiglio di amministrazione di due organizzazioni mediche in Canada. Ho accettato di rappresentare la verità, la scienza e l’umanità piuttosto che riempirmi le tasche o accettare avanzamenti di carriera per “vendermi”.
Questo è quello per cui un medico ha prestato giuramento. Questo è quello per cui uno scienziato deve essere fedele. Questo è quello che un essere umano deve fare per i propri simili. Non si tratta di essere migliore dei propri simili, bensì di aiutare i propri simili a stare meglio. Abbiamo tutti il nostro ruolo da svolgere. Come emerge, queste scoperte mediche costituiscono il mio piccolo contributo alla conoscenza che appartiene all’umanità, non al mio portafogli e non dev'essere sotterrato nella “cripta” di qualche compagnia farmaceutica.
Il mio lavoro spaventa gli alti gradi e adesso anche le corti Federali. Costoro mi devono marchiare come “ciarlatano” e distruggere la mia credibilità, dal momento che non possono negare l’evidenza che porto a conoscenza.
Non è più semplicemente una questione di sicurezza dei vaccini. Le mie scoperte sulla “M.A.S.S.” si ripercuotono sull’intero modello medico – i germi NON sono di per sé la causa delle malattie – questa non è mai stata la verità, ma solo una teoria.

19.) Quali sono i punti di vista principali e le rivendicazioni dei suoi “oppositori” ?

Non ne hanno. Ormai non hanno più opinioni. La verità parla da sola – res ipsa loquitur. Tutto ciò che possono fare è venire ad ascoltare, a vedere. TUTTI coloro che si prendono tempo per imparare ed essere istruiti dalle prove che ora posso dimostrare sono senza parole, dai neuropediatri a tutte le professionalità mediche e paramediche di quel tipo. Le corti federali (“vaccine court”) non possono contestare la verità. Vedremo quale punto di vista emerge da quella platea con il tempo.

20.) In Francia, le autorità affermano che sono solo voci isolate quelle che si oppongono al vaccino per le Epatite B e che il collegamento con la sclerosi multipla deve essere provato. Cosa ne pensa ?

La sclerosi multipla è il primo danno ischemico da rallentato flusso sanguigno, da M.A.S.S. ed elettrostatica dei fluidi del corpo umano deviata. Questo si riscontra anche nella sindrome Guillan Barré. Le guaine mieliniche intorno ai nervi possono essere danneggiate da anticorpi contro proteine basiche della mielina, o altre teorie quali quella del “mimetismo molecolare”. Il punto essenziale è che le condizioni ischemiche sono all’origine. Quando questo si ripete, aumentando e diminuendo, il danno lentamente si accumula. Anche nel grano i tratti di “cavi” di sostanza bianca sono vascolari.
Persino i vasa vasorum ed i tratti di sostanza bianca, bersagliati nella sclerosi multipla, sono il risultato della distruzione di origine autoimmunitaria che sperimentano per i danni ischemici progressivi. Questo si verifica in seguito a ripetute vaccinazioni, “flusso sanguigno addensato”, “M.A.S.S.” e dinamica dei fluidi sviata nella microcircolazione, cervello, corpo e nelle interconnessioni del sistema nervoso.

21.) Cosa pensa del fatto che per ben più di un secolo un gran numero di dottori ha messo in guardia sui vaccini, presentandosi alle conferenze per informare il mondo dei pericoli di questa pratica, ma i cui studi, ricerche ed affermazioni non hanno avuto seguito? Come mai i loro avvertimenti non hanno avuto effetto ?

I soldi fanno girare il mondo. Il modello medico che attualmente abbiamo è sbagliato. Alcuni realmente credono di fare del bene. Il sistema politico è controllato da interessi corporativi molto ricchi. Ignorano quello che non conoscono.
Usano la paura per controllarci. Non avevano le comprovate tecniche che dimostrano la causa effetto che io ho acquisito attraverso il sistema di misurazione 12-IMAM. La scienza è solo un modello umano statistico, probabilistico e matematico che può rapidamente scoprire la verità allo stesso modo in cui può creare verità ex novo, o nascondere la verità – se il fine giustifica i mezzi, se il profitto è coinvolto e non conoscono altri modi per realizzare il fine cui tutti noi tendiamo.

 22.) Sono stati presi provvedimenti nei suoi confronti nel suo lavoro? Qualcuno ha tentato di zittirla, di impedirle di parlare del suo lavoro ?

Esiste un ordine reprimente ad oggi che mi impedisce di parlare ai convegni medici in Canada. Contestarono la mia iscrizione all’albo. La mia sponsorizzazione alla presentazione del mio lavoro al congresso mondiale di psichiatria, al Cairo, Egitto, fu cancellata nel 2005. Nessuno ha voluto finanziare il mio lavoro – nonostante fossi un borsista Nazionale che aveva ricevuto 250.000 dollari in 27 borse di studio accademiche e di ricerca durante I miei studi universitari. Anche il nostro quarantennale consigliere della Food and Drug Safety canadese, Dr. Shiv Chopra, fu intimato al silenzio e licenziato per aver messo in guardia su molte questioni, una delle quali era l’inganno relativamente alla sicurezza ed efficacia dei vaccini.
Fui additato come “ciarlatano” entro 24 ore dalla presentazione in pubblico del mio lavoro, la prima volta lo scorso ottobre. Presumo questo debba considerarsi una medaglia d’onore – sebbene alla società nel suo complesso appare disonorevole.
Ho scelto di allontanarmi dalla medicina Occidentale e da 20 anni di pluri-premiata educazione universitaria, l’anno scorso. Non tornerò indietro. Non ho scelta.
La mia integrità e il mio sapere mi impediscono di andare avanti.
Quando lo standard delle cure mediche ti costringe a fare del male al tuo prossimo, e tu lo sai, allora si presenta un dilemma etico o un’attenzione selettiva.
Se fossi rimasto nella professione medica facendo quello che faccio adesso, dicendo quello che dico adesso, mi avrebbero radiato dall’albo, per una qualunque ragione.
Pertanto vi sareste sentiti dire “non ascoltate il Dr. Moulden…è stato radiato dall’albo.” Non mi possono portare via qualcosa che ho scelto di non usare.
La mia conoscenza non è vincolata rinnovare una licenza. Se guidi per vent’anni, e scegli di non rinnovare la tua patente, questo non implica che tu non sappia comunque guidare una macchina.
L’unico medico che ha compreso la reale grandezza delle mie scoperte è stato il Dr. Bernard Rimland – fondatore dell’Autism Research Institute e del protocollo DAN statunitense. Sfortunatamente il Dr. Rimland è deceduto un anno prima che fossi pronto a pubblicare il mio lavoro.
Sorprendentemente, alcuni prominenti scienziati – sostenitori nel mondo dello spettro autistico conoscono il mio lavoro, tuttavia, il mio lavoro minaccia anche le loro organizzazioni e questo crea ulteriori ostacoli. Non si può giustificare la spesa, in 5 anni, di 5 milioni di finanziamento stimando gli effetti del virus del morbillo sui macachi quando qualcuno ti dimostra che i batteri non sono la causa della malattia, per non parlare dell’autismo. Non si può giustificare di far pagare alle famiglie 5000 dollari per una diagnosi gastrointestinale, quando ormai è dimostrato che i problemi gastrointestinali sono un sintomo della stessa patologia che determina danni celebrali – l’ischemia.

23.) È stato chiamato a testimoniare in tribunale ?

Sono in tribunale adesso. Due “siluri” nell’acqua evidentemente. Un caso riguarda un adulto professore universitario che ha contratto demenza a seguito dei vaccini per le Epatite A e B. L’altro caso riguarda una morte improvvisa in culla a seguito della somministrazione dei vaccini DTap/MMR. Questi casi saranno la cartina di tornasole e sostengo entrambi con la medesima prova – tutti i vaccini, qualunque sia la diagnosi, creano gli stessi danni ischemici neurologici misurabili, riproducibili e quantificabili. Le corti stanno trascinando i propri piedi.

Il seguente link a “Baby M.” racconta la storia di fronte al ministero, http://www.vaccinerights.com/forensics.html

24.) Secondo lei qual è il ruolo del WHO (Organizzazione Mondiale della Sanità), e quello del CDC (Centre of Desease Control) ?

Ritengo che siano controllati dagli stessi gruppi che traggono profitto dal venderci malessere e malattie e cure palliative basate sulla mancanza di conoscenza circa le cause delle malattie e dei disordini – in causa, prevenzione e cura.
L’intera griglia di controlli e contrappesi è stato corrotto con riferimento a conoscenza, potere, direzione, obiettivi, metodi, credi, legislazione e nomine. La salute ed il benessere umano non possono essere affidati alla punta di una siringa o ad un’unica soluzione per qualunque problema. Tagliare, bruciare ed avvelenare non rappresentano la cura della salute.

25.) Perché ritiene che il suo lavoro rappresenti la più importante scoperta nel campo della medicina ?

Si tratta della causa di malattie, di patologie croniche, inclusi tutti i disturbi dello sviluppo neurologico, la demenza, molti disturbi neurologici e … beh, di gran parte di quello che fino ad oggi abbiamo etichettato senza aver di fatto veramente compreso. Abbiamo fino ad oggi lanciato cocomeri sul bersaglio (delle freccette) cercando di beccare il centro, senza sapere dove questo si trovasse. Abbiamo fatto un a gran confusione e causato un inutile e globale dolore e sofferenza ad un numero astronomico di persone. Ciò che devo supportare è quasi letteralmente uno spostamento paradigmatico in tutte le forme di cura per la salute, che ci consenta di passare dall’epoca della candela a quella dell’energia elettrica, con domande e risposte, che non richiedano di iniettare nel nostro corpo sostanze estranee.
È il momento di concentrarsi sul “nocciolo” della salute e del benessere. Il mio lavoro apre la strada a questa nuova epoca e al ritorno a all’arte delle cure naturali, inclusa la chiropratica, la naturopatia, l’osteopatia, la fitoterapia e alla Medicina tradizionale Cinese. Questa sarà una pillola amara da buttar giù per la medicina allopatica e gli interessi farmaceutici.
Sicuramente, condividendo scienza e verità comprovata, nessuno acquisterà o venderà più un vaccino nella storia a venire. Questo avverrà presto. Prego di non essere in ritardo.

 26.) Cosa pensa delle misure che sono state attualmente prese in alcuni paesi per rendere obbligatoria la vaccinazione contro una potenziale pandemia di influenza suina ?

Questo è un genocidio. Coloro che verranno danneggiati saranno quelli che avranno ricevuto il maggior numero di vaccinazioni, dal momento che i danni da vaccino sono cumulativi. Le generazioni più giovani saranno quelle maggiormente colpite – nel breve e nel lungo termine. Stiamo per iniettare vaccinazioni di MASSA, creando disturbi di MASSA, su scala di MASSA. Questo porterà a danni fisici e celebrali per tutti.
Lo stato non ha il diritto di interferire, con leggi o decreti, nell’inviolabilità del sangue e corpo umano e dell’anima. È uno stato che impone la propria volontà su singoli cittadini. Si tratta di una catastrofe incombente, che creerà proprio la cosa che fa credere di allontanare. È già successo prima.
Vi ho allegato un secondo articolo per affrontare la questione – per completare il quadro e mostrare il mio punto di vista, e fare un ultimo sentito appello ai cittadini dei vostri Paesi di svegliarsi da questa corsa titanica in cui siamo stati imbarcati – l’iceberg è proprio davanti a noi. Dovete riprendere il controllo del timone – tutti noi dobbiamo rispondere a questa chiamata, tutte le Nazioni…adesso.

27.) Ritiene possibile che i governi possano istituire leggi marziali per imporre e rendere obbligatorie le vaccinazioni ?

Sono già passate le leggi che sostengono queste azioni. Infatti, in caso di una rivolta civile, nel Nord America le leggi sono state cambiate in modo che l’esercito Americano possa venire in Canada a reprimere le rivolte. Quando viene invocata la legge marziale o una pandemia globale, i singoli cittadini perdono i propri diritti, devono vaccinarsi, a pena di essere considerati come una minaccia per la sicurezza nazionale e la salute pubblica.

28.) Cosa, secondo Lei, ha scatenato l’influenza “spagnola” nel 1918 ?

Le vaccinazioni al personale militare Statunitense impiegato oltremare. L’influenza spagnola non ha ucciso 20 milioni di persone. Sono state una risposta M.A.S.S. immunocompetente non specifica e la perdita di controllo elettrostatico di stabilità del flusso sanguigno a livello microscopico a causare ischemie clinicamente silenti a livello di micro-circolazione capillare.
Gli attacchi ischemici fisici e celebrali possono essere considerati causa di morte nell’influenza Spagnola così come lo potranno essere nella prossima “epidemia” sia attraverso le vaccinazioni che attraverso virus liberamente circolanti nella comunità.
Non avete bisogno di vaccinarvi contro l’Influenza Spagnola più di qualunque altro tipo di patologia, avete bisogno di controllare i meccanismi della fisiologia umana, attraverso i quali i vari patogeni inducono malattie – il MASS e l’elettrostatica – altrimenti conosciuti come “potenziale Zeta”.

29.) Cosa pensa delle varie terapie e discipline usate per trattare le reazione avverse dei vaccini ?

Chiamatemi. 1-877-NOW-I-CAN. Prima cosa valutazione, seconda cosa diagnosi. Terza cosa trattamento – adesso usiamo freccette per colpire l’obiettivo e lasciamo i “cocomeri” dell’allopatia.
Ho alcune soluzioni che potrebbero essere implementate immediatamente. In ogni caso, l’intero sistema deve essere stravolto. Il corpo può guarire – incluso il cervello. Dovete semplicemente colpire più obiettivi contemporaneamente per ripristinare i poteri auto-curanti con cui Dio ha dotato tutti i nostri corpi.
Questa sarà chiamata serie curativa di soluzioni e metodi IMAM MASS Victory. Per ora, potete trovarci on line, per aiuto, al http://www.brightstepsforward.org  e http://www.therapies4kids.com .
Potete creare i migliori cerotti del mondo, fino a che il mondo non capisce che è malato e “sanguinante” i cerotti hanno poco senso. Quando il paziente, in questo caso l’intero sistema medico occidentale, è malato e in fase di rifiuto, non si possono offrire trattamenti e nuove soluzioni, fino a che il paziente non concorda in cosa consista il “sanguinamento”.
Fino a quel momento, siamo tutti fermi e non posso parlare di risposte, soluzioni o “cerotti”, in quanto le mie risposte non hanno ancora alcun senso – coloro che controllano il sistema medico devono prima ammettere che il problema esiste realmente. In questa circostanza, riconoscere qual è il problema costituisce anche un’ammissione di responsabilità – a livello personale, politico e corporativo – questo è un peso non indifferente da portare e una pillola amara da ingoiare.
Cominceremo aiutando coloro che cercano aiuto. Non faccio denunce. Se a qualcuno capita di stare meglio dopo averci visto, deve trattarsi di una coincidenza.

30.) Una volta che “il danno è fatto”, non c’è più speranza oppure ci sono altri approcci ? Si può fare qualcosa per trattare i danni da vaccino ?

Si. Il corpo e il cervello possono guarire allo stesso modo in cui possono guarire l’ulcera del piede diabetico e la piaga da decubito. È prima di tutto una questione di flusso sanguigno – sia dal punto di vista della patologia che della guarigione. L’elettrodinamica, sorprendentemente, è una parte del processo di guarigione quanto lo è l’ossigeno, e il controllo “MASS” e “Zeta”. Il sistema epatico è critico. Il corpo può detossificarsi da solo – in ogni caso, deve essere rimesso in uno stato fisiologico appropriato.
Grazie a Dio, con riferimento alle funzioni celebrali, i danni da vaccino, hanno prevalentemente disconnesso i tratti connettori di sostanza bianca, lasciando invece intatta le “lampadine” (la materia grigia). Le connessioni celebrali di sostanza bianca possono essere ripristinate. I connettori celebrali possono ricrescere e riconnettersi, perfettamente e punto per punto da soli. Si deve prima ristabilire l’equilibrio nel corpo umano – nei sistemi multi-organici. Questo è tutto fattibile, ma deve essere fatto caso per caso, perché non esiste una soluzione unica per tutti in questo caso.

 31.) Lei è coinvolto anche in politica… Ci può dire cosa l’ha spinta ad entrare in politica ? Non crede che la politica delle vaccinazioni potrebbe essere considerata come una posizione strategica, più monopolistica di altre ? Spera di cambiare le cose attraverso il suo coinvolgimento politico ? La sua vita non è maggiormente in pericolo adesso che è entrato in politica, tenuto conto della sua presa di posizione sulla questione delle vaccinazioni ?

Quando il sistema socio politico è malato e produce malattie serve un medico. Non posso cambiare il sistema curando sette pazienti al giorno e chiamare questo vita e carriera.
Preferisco cambiare il sistema, per aiutare l’individuo, piuttosto che cambiare l’individuo per aiutare me stesso. Il sistema medico, socio politico e bancario mondiale è controllato dagli stessi gruppi che contribuiscono a farci ammalare.
Le conoscenze mediche e la verità scientifica non aiuteranno l’umanità.
L’unico modo per uscire dalla confusione che abbiamo creato è una democrazia informata, educata, partecipativa, per la gente, con la gente e della gente. Io spero di ispirare i cittadini a reclamare cosa spetta di diritto alle persone, la loro Nazionalità, i diritti inalienabili, la Sovranità, e il controllo nell’emissione e nel controllo del credito e nella valuta della nazione. Se la gente non controlla questi nodi critici, allora l’usura, una volta preso il controllo seminerà distruzione in tutte le nazioni – su salute, ricchezza, diritti fondamentali e libertà.
Non c’è nulla da temere se non la paura stessa. La morte è inevitabile. Si dovrebbe temere di più ciò che non si è fatto nella vita sapendo cosa era giusto piuttosto che non fare cosa è giusto fare, distinguendo il bene dal male. Derisione, povertà, perdita di prestigio, ricchezza o morte – senza fede, senza speranza, sei già morto. Io ho scelto di amare, per me stesso e per i miei simili, semplicemente perché la verità mi ha guidato nelle mie scelte verso questa direzione. Noi tutti dobbiamo fare delle scelte.
Non vedrete mai un autocarro seguire una processione funebre – forse nella vita c’è di più che raccogliere averi.
Dio non ti incolperà mai per aver fatto la cosa giusta. La colpa sta nell’inerzia, nonostante l’abilità, la conoscenza e la capacità di fare altrimenti.
Sarei contento di entrare nel vostro paese per penetrare l’oscurità dei vaccini con la luce, per tutti.

Davvero inquietante !
Questo medico il Dott. Andrew Moulden è MORTO  (probabilmente ASSASSINATO) in modo inspiegabile, nel novembre 2013 al età di 49, subito dopo aver pubblicato le SUE RICERCHE che DIMOSTRANO il DANNO CAUSATO dai VACCINI, RICONOSCIBILI SOLO da un SEMPLICE ESAME ESTERNO !
http://vaccineimpact.com/2015/dr-andrew-moulden-learning-to-identify-vaccine-damage/  

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

In GUINEA-BISSAU i BAMBINI TRATTATI con il TRIVALENTE RIVELANO una MORTALITÀ QUINTUPLA (5+) RISPETTO ai BIMBI NON VACCINATI
Un recente articolo pubblicato da ricercatori danesi dello Statens Serum Institut dimostra come nella Guinea-Bissau i bambini trattati con il vaccino trivalente contro difterite, tetano e pertosse cui era aggiunto il polio orale avevano una mortalità quintupla rispetto ai soggetti non vaccinati
LINK - http://www.ebiomedicine.com/article/S2352-3964(17)30046-4/fulltext

SUD SUDAN - Giugno 2017
Quindici bambini che avevano meno di 5 anni sono morti in Sud Sudan a causa di una somministrazione sbagliata di vaccini per il morbillo. Lo ha annunciato il ministero della sanità spiegando che si è trattato di un "errore umano": i vaccini non erano stati ben conservati, è stata usata una siringa per tutti i bambini e tra chi somministrava i farmaci c'erano persino bambini di 12 anni.
Il governo del Sud Sudan ha creato una commissione per trovare i responsabili della morte dei bambini e capire se sarà possibile risarcire le famiglie. Sono 2 milioni i bambini in tutto il paese che sono sottoposti al programma di vaccinazioni contro il morbillo. L'Organizzazione mondiale della sanità ha organizzato dei corsi per gli operatori sanitari sud-sudanesi ed è l'Unicef a fornire i vaccini al governo. Fonte ANSA


Commento NdR
:
siccome debbono coprire i veri danni dei vaccini, raccontano che e' sempre un errore umano !
Vedi anche:
https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=1472245072828670&id=100001295757504

https://koenig2099.wordpress.com/2017/11/06/i-bambini-non-vaccinati-sembrano-essere-immuni-al-virus-misterioso-che-si-diffonde-attualmente-nel-midwest-statunitense/


Italy 2017 - BAMBINI DISABILI + 40% IN 10 ANNI (fonte Min. Pubblica Istruzione), COSA STA SUCCEDENDO ?
PERCHE’ NESSUNO NE PARLA ?

http://www.complottisti.info/bambini-disabili-40-in-10-anni-fonte-min-pubblica-istruzione-cosa-diavolo-sta-succedendo-perche-nessuno-ne-parla-2/

Ecco una tabella (minimale) dei gravi Danni dei Vaccini
In realta' qualsiasi vaccino puo' produrre qualsiasi tipo di problema !

VISIONATE QUESTO VIDEO (in Francese) e FATE ATTENZIONE a COSA DICE SUI VACCINI,  assieme ad altre affermazioni addomesticanti il concetto che comunque i vaccini sarebbero utili.... !
- https://youtu.be/CkaShASiWGw

Confronto fra Bambini Vaccinati, sempre malati e Bambini NON vaccinati, piu' sani
NUOVA ZELANDA, studio pubblicato, indicante la notevole differenza di sopravvivenza fra Vaccinati e NON vaccinati !
Rapporto fra Bambini vaccinati e quelli NON vaccinati con meno ospedalizzazioni e morte
Vaccinazioni e risultati sulla salute:
Un sondaggio di Bambini dai 6 ai 12 anni fra quelli vaccinati e non vaccinati, sulla base delle relazioni di madri

Analisi prevaccinali - Anticorpali
Non fateli tanto. non servono assolutamente a sapere se siete immuni o meno....! Sono tutte balle !
La teoria degli anticorpi e' una Balla spaziale.
Nessuno può sapere se e' immune da una malattia o meno, e neppure se e' immune ai danni dei vaccini, prima di farli.
Le variabili soggettive sono cosi infinite che non sono mai prevedibili con NESSUN ESAME !
E solo un mezzo per far spendere soldi al gregge IGNORANTE !
I vaccini sono tossine pericolose, che ammalano gli umani ed anche gli animali.
Non prevengono nulla, anzi immunodeprimono i vaccinati !

Ripeto ancora per vs informazione
Gli esami per la titolazione anticorpale sono una BUFALA che non serve a Nulla, solo a generare business x esami, ed a confondere le idee, siccome il 45 - 50% soggetti dopo un vaccino NON NE HA.
Inoltre
Chi dovrebbe pagare questi inutili esami, e' lo stato, che non li paga, quindi tocca voi pagare € 200 circa, per un test INUTILE e FUORVIANTE, perche' non vi certifica NESSUNA supposta immunita', ne' vi assicura che non avrete danni dai vaccini !
vedi:
http://www.liberascelta.eu/2017/09/24/scandalo-esami-anticorpali-i-bambini-vaccinati-non-risultano-protetti-segnalazioni-di-medici-e-genitori/

Come volevasi dimostrare, l'ho sempre detto che sono esami inutili, ma ci fa comodo utilizzare queste idee fasulle sbugiardare la cosiddetta e falsa immunizzazione dei vaccinati..... sempre seguendo le loro idee fasulle...ci fa comodo....


Video, registrato (telecamera nascosta) in una ASL italiana, una pediatra racconta la verita' sui Vaccini !

Un medico parla chiaro l'effetto gregge e' un BLUFF....e' una BUGIA....una TRUFFA !

Negli USA (2014) si stima che 1 bambino su 6 presenti difficoltà di apprendimento, 1 su 9 asma bronchiale, 1 su 10 ADHD (sindrome da deficit di attenzione con iperattività), 1 su 88 comportamenti autistici, 1 su 450 diabete mellito insulino-dipendente.

Il Consulente medico scientifico della Associazione UNIVERSO BAMBINO
dott. Massimo Montinari (medico chirurgo della Polizia di Stato), con la Sua equipe, ha effettuato diversi anni or sono (1995) al Policlinico di Bari, delle precise ed accurate ricerche Clinico/Sanitarie (auto sovvenzionate) che DIMOSTRANO con certezza l'estrema pericolosità dei vaccini obbligatori e non.
Egli ha accertato (NON solo lui, ormai la cosa e' ben nota a chi vuole ricercare gli studi pubblicati...), che tutti i vaccini creano MUTAZIONI GENETICHE, invalidando ed alterando i geni del braccio corto del Cromosoma 6, (quello che controlla ed organizza il Sistema Immunitario) creando quindi gravi patologie handicappanti.
Anche perche' queste mutazioni indotte dai vaccini, possono anche essere scatenate dal fatto che nella produzione dei vaccini TUTTI quanti, compresa la Vitamina K1 inoculata alla nascita, vengono irradiati con il Cobalto 60....isotopo radioattivo che emette radioattivita' per 6-7 anni... !
Di questi FATTI, sono state informate, appena avuti gli esiti delle ricerche, TUTTE le autorità competenti Italiane: Ministro e Ministero della Sanità, Aifa, Istituto Sup. Sanità, Università, Ricercatori molto noti, Trib. dei Minori, Ospedali, Associazioni dei malati, Giornali, Radio, TV, malgrado ciò, pur essendo la "scoperta del Secolo" NESSUNO ha mosso un dito per informare i cittadini di questi gravissimi danni. - vedi Interrogazione parlamentare disattesa dal 1966 !

vedi anche:
Rapporto Flexner e Dichiarazione di Alma Ata  + Sindacato Rockefeller + Padroni della sanita' nel mondo
Il Thimerosal dei vaccini distrugge e/o altera la flora intestinale essendo una sostanza altamente tossica
Ecco il recente studio che ha coinvolto più di 17.000 bambini fino a 19 anni
Questo studio-indagine attualmente in corso è stato avviato dall’omeopata Andreas Bachmair.

Uno studio in inglese che dimostra, che bambini NON vaccinati sono più sani che i bambini vaccinati
http://www.naturalblaze.com/2014/02/studies-prove-without-doubt-that.html
Vaccino Acelluvax (Chiron-Novartis) DANNOSO
20 FATTI misconosciuti sui Vaccini + Perche' vaccinare ? + I miti dei Vaccini
La scomparsa delle malattie infettive NON e' dovuta ai vaccini ! (Francais)
Lettera di un padre di bambino rovinato dai Vaccini

Leggere i disastri fatti dal vaccino per lo  HPV in India e non solo
Premi in denaro ai medici che vaccinano...
Metalli tossici dei vaccini = Autismo vedi: PDF -  dott. M. Proietti
l'ASL DEVE per legge esporre su di una parete, gli effetti collaterali dei vaccini in ogni locale
Danni dei vaccini relazione di un padre
REAZIONI AUTOIMMUNITARIE con i VACCINI
- http://autoimmunityreactions.org/

CLONAZIONE del DNA UMANO
Molti vaccini vengono prodotti su e con cellule umane di feti abortiti ed ingegnerizzate per modificarne il DNA

QUASI TUTTI I VACCINI sono IRRADIATI con COBALTO 60 (isotopo radioattivo del metallo Cobalto) e lo si ritrova nei vaccini come minerale...e la perdita della Radioattivita' di cio' che e' stato irradiato si esaurisce fra i 5 ed i 7 anni....dall'irradiazione...
Il Cobalto 60 è un isotopo radioattivo e instabile del cobalto che decadendo emette radiazioni ionizzanti. I raggi gamma prodotti dalla sorgente di Co-60 penetrano il materiale e deviano gli elettroni dalla loro orbita. Per le applicazioni a scopo di sterilizzazione (come viene fatto per i vaccini), questo fenomeno ha un effetto disgregante sul DNA 

vedi: la prova dell'iradiazione, nello studio nel PDF

VACCINI TOSSICI .....e
IMPORTANTE
SEGNALAZIONE
Intossicati per legge....il giorno della nascita vitamina K1, a 3 mesi 6 mesi, fino ai 12 anni...con i Vaccini + Vitamina K1
 

Vitamina K1 ecco il resoconto di una madre che ha riscontrato i danni di questa Vitamina K1 sintetica (di sintesi chimica) denunciandoli alle autorita', in-sanitarie, iniezione che e' fatta il giorno della nascita di ogni bambino nel mondo occidentale ed ora anche in quello orientale... infatti per l'intossicazione del fegato che essa produce, molti neonati somatizzano la cosiddetta "Itterizia"...che e' una forte intossicazione epatica !

L'iniezione della vitamina K1 ai neonati in  Italia ed in altre nazioni del mondo, viene fatta/somministrata di nascosto a tutti bambini appena nascono con o senza genitori "consenzienti", senza pero' aver fatto leggere loro il bugiardino del farmaco,
Non hanno bisogno del vostro consenso, l'iniezione è inclusa nelle pratiche mediche che effettuano nella  sezione dove voi dichiarate di lasciare in cura il vostro bambino, al reparto nursering, per esser lavato, medicato, ecc.
Per le sostanze che contiene questa iniezione (alluminio, vedi foto, sostanza che passa facilmente nel cervello del piccolo e che eccitera' i neuroni fin da subito, e poi nel tempo potrebbe generare problemi ....), ogni genitore avrebbe il diritto umano di denunciare il Ministero della Salute Italiano per complicità premeditata in crimine organizzato !!
Segue alle volte, sempre all'insaputa dei genitori e senza scriverlo sulla cartella clinica, anche la vaccinazione per l'epatite A o B, con vaccino irradiato dal Cobalto 60, in grado di scatenare malattie autoimmunitarie, sordità, cecità, patologie neurologiche, AIDS, epatite B, epatite C, Cancro, Autismo precoce ecc.
A due giorni dalla nascita spuntano fuori varie associazioni che vi fanno firmare la vendita del DNA del vostro figlio a Terzi (case farmaceutiche) mediante il prelievo del sangue dal tallone, per la cosiddetta prevenzione delle malattie metaboliche !
Insomma appena nasci attentano alla tua salute !

La via parenterale (IM) è quella più comunemente usata, ma è ampiamente diffusa anche la somministrazione enterale (OS) in molte nazioni europee. In Italia si stima che almeno un terzo dei punti nascita utilizza la via orale (OS).
La somministrazione della vitamina K per OS ha origine da due distinti motivi:
a) la iniezione IM di vitamina K viene considerato da alcuni un atto che contrasta con la fisiologicità del parto naturale;
b) la possibile associazione tra somministrazione intramuscolare di vitamina K e cancro evidenziata dallo studio epidemiologico di Golding comparso nel 1992;  
Una review del 2000 di Ross e Davies identifica dieci studi caso-controllo dei quali 7 non trovano una relazione e 3 una debole relazione con la LLA. Per valutare la più efficace modalità di prevenzione possiamo contare solo sugli studi osservazionali.
Non esistono RCT clinici e l'incidenza della forma tardiva rende impossibile pianificare e condurre studi clinici randomizzati.
La revisione Cochrane di Puckett ed Offringa esamina un discreto numero di studi, ha cercato di utilizzare succedanei biologici per valutare la validità delle differenti vie di somministrazione della profilasi.
Questi studi utilizzano generalmente la presenza dei PIVKA II (proteina indotta dalla assenza di vitamina K), livelli plasmatici di vitamina K. La valutazione è effettuata rispetto a due quesiti: una dose orale verso una dose IM e dosi multiple orali verso una dose IM. La compliance al trattamento con dosi orali successive a quella data alla nascita crea un numero non esiguo di casi da profilassi non completata. 

Lo schema posologico di 3 dosi orali con la formulazione micellare prodotta dalla Roche non riduce significativamente la incidenza della malattia la efficacia della profilassi per via orale se seguita da ulteriori somministrazioni con schema danese od olandese sembra poter raggiungere quella di una dose di 1 mg intramuscolare, per i bambini allattati al seno che hanno ricevuto alla nascita una profilassi orale lo schema danese sembrerebbe da preferirsi a quello olandese se si valuta non solo la efficacia dello schema (successi per terapia effettuata) ma anche la sua effectiviness (efficacia in tutti i casi sottoposti ad uno schema profilattico), i numeri dello studio danese purtroppo non permettono di valutare appieno la efficacia di questo schema perché riguardano circa 400.000 bambini e la decisione della Roche di RITIRARE dal commercio il Konakion gocce (OS) in Danimarca, ha impedito il prosieguo della valutazione.

Il fitomenadione, principio attivo del Konakion, è un prodotto di origine vegetale annoverato nella famiglia della vitamina K2.
La K1 e' un prodotto di sintesi chimica.
Gli effetti collaterali più frequentemente associati al farmaco comprendono ittero, costipazione, dolore addominali, eruzioni cutanee e prurito relativamente nella sede dell’iniezione, nonché un generalizzato malessere, autismo, leucemia, oltre a:
- Disturbi del sistema immunitario
- Reazioni anafilattoidi dopo somministrazione endovenosa di Konakion.
- Irritazione venosa o flebite associate alla somministrazione endovenosa di Konakion.
- Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione
- Reazioni anche molto gravi si sono verificate dopo o durante la somministrazione di fitomenadione per via endovenosa: broncospasmo, cianosi, tachicardia, ipotensione; inoltre possono verificarsi alterazioni del gusto, vampate, sudorazione profusa. Pertanto la somministrazione endovenosa deve essere riservata ai casi in cui sia ritenuta indispensabile.
- Negli adulti sono stati segnalati, dopo somministrazione di dosi particolarmente elevate di vitamina K1 o analoghi, ritenzione di bromosulfonftaleina e prolungamento del tempo di protrombina.
- Nei neonati, in rari casi, sono state riportate reazioni di tipo anafilattoide dopo somministrazione parenterale di Konakion prima infanzia 2 mg/0,2 ml soluzione orale e iniettabile. Può avvenire irritazione locale nel punto di iniezione, tale evenienza è poco probabile dato lo scarso volume del liquido.
Sebbene Konakion abbia un margine di sicurezza maggiore di quello degli analoghi idrosolubili della vitamina K, dosi eccessive di fitomenadione possono causare nei neonati, e particolarmente nei prematuri, aumento della bilirubinemia durante i primi giorni di vita. Apparentemente l'immaturità è un fattore importante nella comparsa di reazioni tossiche dopo somministrazione di vitamina K1 o analoghi, in quanto i nati a termine sono meno soggetti ad effetti collaterali. In soggetti predisposti possono manifestarsi reazioni di ipersensibilità.

Scheda Tecnica, tratta dal sito dell'AIFA (Ag. del Farmaco):
Konakion 10 mg/ml soluzione orale e iniettabile per uso endovenoso fitomenadione (vitamina K1 sintetica)
Leggere attentamente questo foglio prima di prendere/ di somministrare al bambino o prima che venga somministrato questo medicinale,  perché contiene importanti informazioni anche per lei.


A parte il discorso alluminio e porcherie varie dentro l'iniezione della Vitamina K1, a fronte di una azione tendenzialmente razionale nel somministrare la vitamina K1 per la supposta problematica del' "evitare emorragie cerebrali fatali" (vedi: E), sarebbe più indicato somministrare la vitamina K2 (non additivata con sostanze tossiche come la K1), se si considera che poi l'integrazione del neonato puo' continuare anche con vitamina D....perchè la vitamina K2 aiuta a fare si che la vitamina D3 venga assorbita e vada veramente dove deve andare, cioè nelle ossa e non nelle arterie. Quindi a pensare bene la vitamina K1 viene data per salvare dalle emorragie, a pensar male viene data, sapendo poi dei vaccini fatti dopo poco tempo, per aumentare ancora di più l'effetto di microischemia cerebrale che un vaccino causa sempre in un neonato con barriera ematoencefalica ancora immatura (l'ittero neonatale infatti è pericoloso e viene curato proprio perchè la bilirubina potrebbe finire nel cervello e creare danni!)....
Questa e' solo biochimica spicciola e patologia generale...
Precisazione necessaria:
le reazioni in questo caso all'alluminio (VitaminaK1 e vaccini) dipendono anche da dove arriva, cioe' va, viene trasportata dal sangue e/o dalla linfa la sostanza tossica, se nei tessuti o fin nella cellula ed a seconda del luogo (organo), variano le tipologie di reattivita' al metallo tossico contenuto (alluminio od altro), senza contare le reattivita' immunitarie del soggetto che sono SEMPRE individuali e non hanno collegamento solo con la quantita'...ma anche e soprattutto con il riconoscimento della vibrazione, cioe' con la frequenza di battimento atomico delle molecole della sostanza inoculata che la mente/cervello detetta, individua e rivela in realtime, attivando le opportune e necessarie reazioni di eliminazione che possono essere anche abnormi.... e se non ce la fa, ad eliminarle per le vie naturali emuntorie....sono guai...perche esse vengono facilmente trasportate anche dai macrofagi, specie nel cervello per mezzo della via linfatica) e/o incistata dalla melanina in sospensione nei liquidi corporei e depositata nei tessuti grassi.... sostanza che si puo' rendere di nuovo disponibile in certi stati febbrili.....generando gravi problemi, anche neurologici.
Lo stesso meccanismo vale anche per tutti i vaccini e le loro sostanze nocive !

(E):
Nei bambini vaccinati si presentano in certi casi dei pianti incessanti, stridenti, assillanti, nei primi mesi di vita appena dopo le vaccinazioni pediatriche, per il forte malessere che i vaccini inducono nei neonati, con le loro sostanze tossiche, quei piccoli bambini  continuano a piangere divenendo molto insistenti per richiamare i genitori al loro grave malessere e  talvolta i genitori, stremati e frustrati, faticano a sopportarlo e di fronte alle continue  lacrime del figlio, alcune mamme e papà reagiscono violentemente, scuotendo il corpicino adagiato nella culla.
Questo comportamento può dare origine (e' una FALSITA') alla Shaken Baby Syndrome (SBS – Sindrome del bambino scosso), che può (cosi dicono ma non e' vero) avere delle conseguenze gravissime, quali disabilità e addirittura morte del piccolo, ma nella realta' cio' avviene solo grazie ai vaccini !
 

Bibliografia sui vaccini e pericoli di emorragie da essi indotte:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1884189/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4779547/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22187020/

https://www.vaccineinjuryhelpcenter.com/vaccines-linked-to-itp-2/

https://steemit.com/vaccines/@canadian-coconut/deadly-bleeding-disorder-i-t-p-could-have-killed-son-vaccine-adverse-reaction-vaxxed-stories


Ricordo a tutti che il farmaco Vitamina K1 chiamato Konakion e commercializzato da Roche spa, in Italia e nei bugiardini, difficili da reperire in Italia, non si fa cenno all'alluminio....forse perche' l'alluminio contenuto e' sotto i limiti di Legge...ma comunque nelle indicazioni dell' Ag. Farmaco del governo (AIFA), si legge:

Avvertenze e precauzioni
Si rivolga al medico, al farmacista o all’infermiere prima di prendere/ di somministrare al bambino o prima che le venga somministrato Konakion.
In particolare informi il medico: - se lei/il bambino soffre di una grave malattia del fegato.
Pertanto il medico sottoporrà lei/il bambino ad esami del sangue per monitorarne la fluidità.
Bambini Non somministri Konakion a bambini di età inferiore ad 1 anno.
Tratto da:
https://farmaci.agenziafarmaco.gov.it/aifa/servlet/PdfDownloadServlet?pdfFileName=footer_000108_008776_FI.pdf&retry=0&sys=m0b1l3 

...e' per questo motivo che viene facilmente l'itterizia ai bambini appena nati.... per l'intossicazione del fegato, che questi CRIMINALI  fanno entro i due giorni dalla nascita e molte volte non chiedono il consenso ai genitori o se lo fanno non gli spiegano i pericoli lo scrivono neppure sulla cartella sanitaria....
Tenete presente che in  Italia, sotto certi valori di metalli tossici, determinati dalle leggi esistenti, e' possibile evitare si segnalarne la presenza, nel bugiardino del farmaco, Vitamina k! compresa !

Inoltre:
L'idrossido di alluminio (contenuto nei vaccini anche pediatrici) puo' far precipitare gli acidi biliari nell'intestino tenue superiore, riducendo così l'assorbimento delle vitamine liposolubili. 
Vitamina K
- MICROMEDEX Thomson Health Care. USPDI - Informazioni sulle droghe per l'operatore sanitario. 22 ed. Volume 1. MICROMEDEX Thomson Health Care, Greenwood Village, CO 2002. Contenuto revisionato e approvato dalla US Pharmacopeial Convention, Inc., p. 2957

 

VITAMINA K1 - phytonadione injection, emulsion  
AVVERTENZA - USO ENDOVENOSA ed INTRAMUSCOLARE 
Reazioni gravi, tra cui incidenti mortali, si sono verificate durante e immediatamente dopo l'iniezione di fitonadione INTRAVENOUS, anche quando sono state prese precauzioni per diluire il phytonadione ed evitare una rapida infusione. 
Sono state segnalate gravi reazioni, compresi casi fatali, dopo somministrazione endovenosa. 
Tipicamente queste reazioni gravi sembrano assimilabili ad ipersensibilità o anafilassi, inclusi shock e arresto cardiaco e / o respiratorio. 
Alcuni pazienti hanno manifestato queste gravi reazioni al ricevimento di phytonadione per la prima volta. 
Pertanto le somministrazioni INTRAVENOSE ed INTRAMUSCULARI (sottocutanea), dovrebbero essere limitate a quelle situazioni in cui la via sottocutanea non è fattibile e il grave rischio coinvolto è considerato giustificato. 
-
https://dailymed.nlm.nih.gov/dailymed/archives/fdaDrugInfo.cfm?archiveid=64738

Quindi la inoculazione di queste porcherie, NON si deve fare assolutamente MAI soprattutto il primo giorno della nascita di un essere umano, cosi come vaccini (sostanze tossiche) anche somministrati di nascosto....TUTTO cio' e' un CRIMINE e va fermato  !

Dati tecnici, sulla VITAMINA K1

https://pubchem.ncbi.nlm.nih.gov/compound/Phylloquinone#section=Top
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pcsubstance/?term=%22VITAMIN%20K1%22%5BCompleteSynonym%5D%20AND%205284607%5BStandardizedCID%5D

Insolubile in acqua
con parsimonia solubile in metanolo; sol in etanolo; sol in acetonebenzene, etere di petrolio, esano e diossano; sol in cloroformio e altri solventi grassi; sol in oli vegetali
- O'Neil, MJ (a cura di). The Merck Index - Un'enciclopedia di sostanze chimiche, droghe e biologiche. 13a edizione, Whitehouse Station, NJ: Merck and Co., Inc., 2001., p. 1322

STABILE ALL'ARIA E ALL'UMIDITÀ, MA DECOMP ALLA LUCE DEL SOLE
- L'indice di Merck. Nono ed. Rahway, New Jersey: Merck & Co., Inc., 1976., p. 1291

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti... richiede che tutte le formule per neonati vendute negli USA contengano un minimo di 4 ug / 100 kcal (0,2 mg / kg) di vitamina K; e che qualsiasi vitamina K aggiunta deve essere sotto forma di fillochinone.

http://sideeffects.embl.de/drugs/4812/
Una rara reazione di ipersensibilità, che occasionalmente ha provocato la morte, è stata riportata dopo somministrazione endovenosa di fitonadione , specialmente quando la somministrazione è rapida.
- MICROMEDEX Thomson Health Care. USPDI - Informazioni sulle droghe per l'operatore sanitario. 22 ed. Volume 1. MICROMEDEX Thomson Health Care, Greenwood Village, CO 2002. Contenuto revisionato e approvato dalla US Pharmacopeial Convention, Inc., p. 2957

Una rara reazione di ipersensibilità, che occasionalmente ha provocato la morte, è stata riportata dopo somministrazione endovenosa di fitonadione , specialmente quando la somministrazione è rapida.
- MICROMEDEX Thomson Health Care. USPDI - Informazioni sulle droghe per l'operatore sanitario. 22 ed. Volume 1. MICROMEDEX Thomson Health Care, Greenwood Village, CO 2002. Contenuto revisionato e approvato dalla US Pharmacopeial Convention, Inc., p. 2957

Il fitonadione è relativamente non tossico; tuttavia, si sono verificate reazioni gravi raramente durante o immediatamente dopo la somministrazione di IV. Queste reazioni gravi, che possono verificarsi nei pazienti trattati con phytonadione per la prima volta, assomigliano all'ipersensibilità o all'anafilassi. I sintomi includono dolori crampiformi, movimenti convulsi, irregolarità cardiache, dolori al petto, cianosi, coscienza offuscata, rossore al viso, senso di costrizione toracica, collasso circolatorio, broncospasmo, iperidrosi, dispnea, alterazione del gusto, vertigini, rapido e debole polso, breve ipotensione, shock, arresto cardiaco e / o respiratorio e morte.
- McEvoy, GK (a cura di). American Formulary Service - Drug Information 2002. Bethesda, MD: American Society of Health-System Pharmacists, Inc. 2002 (Supplementi Plus)., P. 3565

Si sono verificati aborto spontaneo e parto morto, così come basso peso alla nascita e ritardo della crescita. Inoltre, sono state segnalate emorragia fetale o neonatale, morte fetale da emorragia in utero e aumento del rischio di emorragia materna durante il secondo e terzo trimestre. Ci sono alcune prove che l'embriopatia si verifica solo con la somministrazione di anticoagulanti orali tra la sesta e la dodicesima settimana di gestazione. / Anticoagulanti /
- MICROMEDEX Thomson Health Care. USPDI - Informazioni sulle droghe per l'operatore sanitario. 22 ed. Volume 1. MICROMEDEX Thomson Health Care, Greenwood Village, CO 2002. Contenuto revisionato e approvato dalla US Pharmacopeial Convention, Inc., p. 267

La somministrazione di anticoagulanti nell'immediato periodo postpartum può aumentare il rischio di emorragia materna. / Anticoagulanti /
- MICROMEDEX Thomson Health Care. USPDI - Informazioni sulle droghe per l'operatore sanitario. 22 ed. Volume 1. MICROMEDEX Thomson Health Care, Greenwood Village, CO 2002. Contenuto revisionato e approvato dalla US Pharmacopeial Convention, Inc., p. 267

La profilassi orale e intramuscolare del fitomenadione (vitamina K1) è diventata un problema a seguito del rapporto di un potenziale effetto cancerogeno della profilassi del fitomionfo intramuscolare ma non orale. 
Vi è una crescente evidenza, tuttavia, che la profilassi del phytomenadione orale è meno efficace per la prevenzione del sanguinamento tardivo da carenza di vitamina K (VKDB) rispetto alla profilassi intramuscolare. A seguito di una segnalazione di un aumento del rischio di cancro dopo il fitomionfalo intramuscolare apparve una serie di articoli su questo tema. 
Sebbene un rischio aumentato di tumori solidi possa essere quasi certamente escluso, un rischio potenziale di leucemia linfatica acuta nell'infanzia non può essere escluso definitivamente. Quasi tutti i casi di VKDB tardiva sono prevenibili con la profilassi intramuscolare di fitomenadione   somministrata una volta alla nascita, mentre una singola dose orale somministrata alla nascita è molto meno efficace. Le dosi ripetute di phytomenadione per via orale somministrate a neonati allattati al seno sia settimanalmente (1 mg) che quotidianamente (25 microg) sembrano essere efficaci quanto la profilassi del fitomionfo intramuscolare . 
L'efficacia di 3 dosi orali da 2 mg con la nuova preparazione mista micellare ('KonakionMM') deve ancora essere stabilito. Sebbene alcuni studi non abbiano confermato un rischio di cancro con il fitomenadione, questi studi non sono stati in grado di escludere un rischio in quanto l'assenza di prove non è prova di assenza. Una meta-analisi degli studi disponibili potrebbe fornire intervalli di confidenza al 95% abbastanza stretti per escludere anche un piccolo rischio di cancro con una certa certezza. La profilassi orale sarà probabilmente sicura quanto la profilassi intramuscolare se somministrata giornalmente (25 microg) o settimanale (1 mg).
- von Kries R .; Drug Saf 21 (1): p 1-6 (1999)

Sebbene il farmaco possa essere concentrato nel fegato per un breve periodo dopo l'assorbimento, solo piccole quantità di fitonadione sono immagazzinate nei tessuti corporei.
- McEvoy, GK (a cura di). American Formulary Service - Drug Information 2002. Bethesda, MD: American Society of Health-System Pharmacists, Inc. 2002 (Supplementi Plus)., P. 3566
Commento NdR: da cui l'itterizia nel neonato, dopo inoculazione di Vitamina K1

La vitamina K si accumula nel fegato, nella milza e nei polmoni, ma l'amt significativo non viene immagazzinato nel corpo per lunghi periodi.
- American Medical Association, Council on Drugs. AMA Drug Evaluations Annual 1994. Chicago, IL: American Medical Association, 1994., p. 783

Negli animali da esperimento ... il fillochinone ... può essere convertito in serie di menaquinone più potenti. Se questo può accadere nell'uomo e di quale significato queste trasformazioni siano all'azione del fillochinone ... sono ancora sconosciute.
- Goodman, LS e A. Gilman. (eds.) La base farmacologica delle terapie. 5a ed. New York: Macmillan Publishing Co., Inc., 1975., p. 1593

Il fegato svolge un ruolo esclusivo nelle trasformazioni metaboliche che portano all'eliminazione della vitamina K dal corpo. Dopo dosi endovenose di 45 ug a 1 mg (3) H- fillochinone , circa il 20% del radiomarcato è stato escreto nelle urine entro tre giorni e il 35-50% è stato escreto come metaboliti nelle feci attraverso la bile.
IARC. 
Monografie sulla valutazione del rischio cancerogeno di sostanze chimiche per gli esseri umani. Ginevra: Organizzazione mondiale della sanità, Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, 1972-PRESENTE. (Lavoro multilivello). 
Disponibile all'indirizzo: http://monographs.iarc.fr/ENG/Classification/index.php, p. V76 461-2 (2000)

I preparati commerciali possono contenere fino al 20% dell'isomero cis.
- Budavari, S. (ed.). L'indice di Merck - Enciclopedia di sostanze chimiche, droghe e biologiche. Rahway, NJ: Merck and Co., Inc., 1989., p. 1580

Commento NdR: ....ma l'Isomero cis. non e' metabolizzabile dai nostri enzimi !

Il fillochinone commercialmente disponibile ( vitamina K1 ) viene preparato sinteticamente e può contenere non solo 2 ', 3' -trans-fillochinone (non meno del 75%), ma anche 2', 3' -cis-fillochinone e trans-epossifililfenone (non più del 4,0%). 
Il fillochinone si presenta in natura solo come 2', 3'-trans-7R, 11R-stereoisomero.
IARC. 
Monografie sulla valutazione del rischio cancerogeno di sostanze chimiche per gli esseri umani. Ginevra: Organizzazione mondiale della sanità, Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, 1972-PRESENTE. (Lavoro multilivello). 
Disponibile all'indirizzo: http://monographs.iarc.fr/ENG/Classification/index.php , p. V76 424 (2000)

Fitonadione, USP (K1 VIT, AQUAMEPHYTONKonakionMEPHYTON ) ... IN COMMERCIO 5 mg compresse, e in fiale contenenti emulsione di 2 o 10 mg / ml di Phytonadione disperso in SOLN DI BUFFERED POLISORBATO e glicole propilenico ( Konakion )
OR DERIV E DESTROIDE ACIDI GRASSI POLIETILATI (AQUAMEPHYTON).
- Goodman, LS e A. Gilman. (eds.) La base farmacologica delle terapie. 5a ed. New York: Macmillan Publishing Co., Inc., 1975., p. 593
da HSDB
KONAKION È SOLO AMMINISTRATORE; AQUAMEPHYTON PU BE ESSERE DATO DA QUALUNQUE PERCORSO PARENTALE.
- Goodman, LS e A. Gilman. (eds.) La base farmacologica delle terapie. 5a ed. New York: Macmillan Publishing Co., Inc., 1975., p. 1593

da HSDB
LA SOLLO COLLOIDALE È IN COMMERCIO SOTTO NOME AQUA-MEPHYTON .
- Budavari, S. (ed.). L'indice di Merck - Enciclopedia di sostanze chimiche, droghe e biologiche. Rahway, NJ: Merck and Co., Inc., 1989., p. 1580

Iniezione parenterale; 2 mg / ml, AquaMEPHYTON (con derivato di acido grasso poliossietilato, dextrone e alcool benzilico 0,9%), Merck. 10 mg / ml, AquaMEPHYTON (con derivato di acido grasso poliossietilato, destrosio e alcool benzilico 0,9%), Merck.
- McEvoy, GK (a cura di). American Formulary Service - Drug Information 2002. Bethesda, MD: American Society of Health-System Pharmacists, Inc. 2002 (Supplementi Plus)., P. 3566

IARC. 
Monografie sulla valutazione del rischio cancerogeno di sostanze chimiche per gli esseri umani. Ginevra: Organizzazione mondiale della sanità, Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, 1972-PRESENTE. (Lavoro multilivello). Disponibile all'indirizzo: http://monographs.iarc.fr/ENG/Classification/index.php , p. V76 438 (2000)

Valutazione:
Vi sono prove inadeguate nell'uomo per la cancerogenicità della vitamina K. Non vi sono prove inadeguate in animali da esperimento per la cancerogenicità della vitamina K. Valutazione complessiva: la vitamina K non è classificabile per la sua cancerogenicità per l'uomo (gruppo 3). / Vitamina K /

IARC. 
Monografie sulla valutazione del rischio cancerogeno di sostanze chimiche per gli esseri umani. Ginevra: Organizzazione mondiale della sanità, Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, 1972-PRESENTE. (Lavoro multilivello). 
Disponibile all'indirizzo: http://monographs.iarc.fr/ENG/Classification/index.php , p. V76 475 (2000)

Vitk antagonizza l'effetto inibitorio di / acenocumarolofenprocumoneanisindionedifenadione e fenindione / sulla sintesi epatica delle proteine ​​di coagulazione k-dipendenti vit ... / vit k /

Valutazioni delle interazioni farmacologiche. 2a ed. e integratori. 
- Washington, DC: American Pharmaceutical Assn., 1976, 1978., p. 303

La vitamina K è un fattore che può giocare un ruolo nella perdita di massa ossea nell'osteoporosi postmenopausale.

Il fillochinone è ampiamente distribuito nelle piante superiori e in alcune alghe blu-verdi. È presente in molti alimenti, in particolare verdure a foglia verde e alcuni oli vegetali.

IARC. 
Monografie sulla valutazione del rischio cancerogeno di sostanze chimiche per gli esseri umani. 
Ginevra: Organizzazione mondiale della sanità, Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, 1972-PRESENTE. 
(Lavoro multilivello). Disponibile all'indirizzo: http://monographs.iarc.fr/ENG/Classification/index.php , p. V76 436 (2000)

Manfred Dorner , "Metodo per produrre vitamina K1 ". Brevetto USA US5744624, rilasciato nel giugno del 1964.
Tratto da:
https://pubchem.ncbi.nlm.nih.gov/compound/Phylloquinone#section=Drug-Warning

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>


Raccolta di Studi e Ricerche dal 1926 al 2008, sui gravi Danni dei Vaccini
Vaccine-story-Peer-Review-1000
400 studi scientifici sui Danni dei Vaccini

Bibliografia aggiuntiva:
http://treasoncast.com/2014/04/05/anti-vaccination-peer-reviewd-research-list/
http://edgytruth.com/2016/08/21/vaccine-quackery-bombshell-key-studies-cited-prove-vaccines-safe-funded-almost-entirely-vaccine-manufacturers/#
Bibliografia su Autismo dai vaccini + altri 50 studi sui danni dei vaccini PDF
1.000 studi sui gravi danni dei vaccini
Bibliografia su Guillain Barre' da vaccino
Altri 130 studi sui danni neurologici dei vaccini, con i links all'Autismo
Vaccine Safety Commission = 50 studi sui danni dei Vaccini


MENO si vaccina, MENO morti ci sono !
http://journals.sagepub.com/doi/10.1177/0960327112440111
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3170075/
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21543527 
https://vactruth.com/vaccines-and-mortality-rates/


ALCUNI DANNI dei VACCINI

 
 

REPORT - Rai3 - Il Vaccino dell'Obbligo, ecco i Danni gravi...

Meccanismo sulla tossicita' dell'alluminio dei vaccini e della Vitamina K1, nella popolazione pediatrica (bambini)
Mechanisms of aluminum adjuvant toxicity and autoimmunity in pediatric populations - By Tomljenovic L., Shaw CA.


Nei Vaccini immessi i microchips con la nanotecnologia

http://loveforlife.com.au/content/09/09/15/microchip-implants-ready-be-used-swine-flu-vaccines-chip-located-tip-needle
Vedi anche QUI: Differenze strane nello sviluppo della personalita' anche negli autistici...che sono tutti vaccinati, essendo al 99,9% un danno da Vaccino ! ...per i particolari vedi a Pag.2


Dagli anni 1954, grazie alla tenacia delle cellule HeLa (cellule prelevate da una donna morta di cancro=cancerosa), i ricercatori di tutto il mondo riescono a mettere a punto il sistema per isolare una singola cellula e mantenerla in vita abbastanza a lungo da permetterle di replicarsi (Clonazione) e creare una perfetta copia di se stessa, aprendo la strada alla manipolazione genica del DNA e alle altre tecniche di laboratorio, in modo da poter poi iniettare per mezzo dei vaccini le mutazioni inserite con quelle tecniche.....
Inoltre da molti anni i Vaccini sono prodotti su colture di cellule "VERO" = cellule di tessuti di Scimmia Verde Africana...."Vero".
http://www.naturalnews.com/2017-03-09-cdc-confirms-natural-news-100-correct-on-report-of-african-green-monkey-kidney-cells-used-in-vaccines.html
http://www.naturalnews.com/2017-03-06-cdc-document-bombshell-reveals-list-of-all-vaccine-excipients-including-african-green-monkey-kidney-cells-and-fibroblast-cells-from-aborted-human-fetuses-see-the-complete-list.html


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

DANNI dei VACCINI
Per quasi due decenni Diane E. Griffin e colleghi all’Università Johns Hopkins di Baltimora hanno potuto documentare i meccanismi attraverso cui il vaccino del morbillo deprime l’immunità, e dunque aumenta il rischio di riattivazione di infezioni recentemente acquisite o latenti [Ward, 1993]. Il consiglio dei ricercatori è di non usare vaccini a virus attenuati a poche settimane di distanza tra di loro.
“Le vaccinazioni per il morbillo portarono alla soppressione della proliferazione linfocitaria, che era tanto maggiore quanto più elevati erano gli anticorpi prodotti dal vaccino nei bambini.” [Hussey, 1996].
“Il vaccino attenuato del morbillo produce soppressione immunitaria che contribuisce ad un aumento di suscettibilità ad altre infezioni. Recentemente vaccini antimorbillo ad elevato titolo sono stati correlati a mortalità a lungo termine dei soggetti vaccinati” [Auwaerter, 1996].
Nel 1989 fu creato un tipo di vaccino per il morbillo altamente concentrato e quindi potenzialmente immunizzante più a lungo o meglio. Raccomandato dalla OMS (Organizzazione mondiale della Sanità), fu sperimentato sia su 1500 bambini di un quartiere di Los Angeles (Kaiser Permanente of Southern California) che su bambini del Messico, Haiti ed Africa [Centre for Disease Control, 1989-91]. Fu rilevato che i bambini iniettati con tale prodotto stavano morendo in gran numero. Le bambine africane, cui nell’esperimento fu somministrata una dose doppia rispetto a quella dei bambini, avevano una mortalità significativamente maggiore di quella dei bambini. Nel 1992 l’OMS ritirò tale vaccino dal mercato.

Il super-vaccino creato per il morbillo nel 1989 risultò causare una super-soppressione (da 6 mesi a 3 anni) del sistema immunitario. Il noto fenomeno dell’effetto depressivo del sistema immunitario fu cioè accentuato dalla particolare formulazione del vaccino.

In vista della capacità del virus del morbillo nel sopprimere il sistema immunitario, in particolare l’immunità cellulare, una persona che ha un’infezione cronica da virus del morbillo può essere molto più vulnerabile a numerose altre infezioni, sia virali che batteriche o micotiche.

I danni neurologici derivanti da uno stato di estrema immunosoppressione, non devono necessariamente derivare dal virus del morbillo o quello della rosolia, che comunque hanno una ben documentata correlazione con patologie del sistema centrale nervoso. Altri virus opportunistici, per esempio quello Epstein Barr, sono messi in condizione di rivirulentarsi e diventare dannosi.

Allo stesso modo, a seguito della settimana di vaccinazione contro la polio nella regione del Bahrian, ci furono nel luglio 1995 e nel settembre 1996 due epidemie di meningite da enterovirus, rispettivamente con 286 e 169 vittime:
“Epidemics of aseptic meningitis due to enteroviruses following national immunization days in Bahrain”

(Annals of Tropical Paediatrics,vol. 18, no. 2, June 1998, pp. 101-9)

La letteratura medica ci dà indicazioni puntuali su vaccini di un tipo che possono aumentare l’incidenza di malattie virali di un altro tipo. La capacità del vaccino antipertosse di stimolare l’inizio di una polio paralitica è stato noto sin dal 1909. Nell’epidemia di polio in bambini della penisola araba dell’Oman, secondo la rivista britannica “The Lancet” (1990), la vaccinazione DPT ne fu la causa scatenante: tutte le 70 vittime (età 5-24 mesi) avevano ricevuto una iniezione di DPT entro i 30 giorni precedenti la comparsa della malattia. La vaccinazione DPT aveva esaltato la capacità di attacco del virus del polio. Alla fine degli anni ’40 uno studio pubblicato su American Journal of Public Health evidenziò che su 1300 casi di polio in bambini della città di New York, circa il 70% delle vittime avevano ricevuto la vaccinazione DPT nei due mesi precedenti la manifestazione della malattia.

Secondo il New England Journal of Medicine del 19 gennaio 1984, dopo la vaccinazione antitetano poteva essere dimostrata una temporanea caduta, in ogni soggetto vaccinato, delle concentrazioni di linfociti T a seguito della vaccinazione. La caduta più rilevante si aveva fra il terzo e il quattordicesimo giorno post-vaccinale.

Anche il vaccino per l’influenza ha mostrato di poter aumentare l’incidenza di varie patologie nel periodo immediatamente dopo la vaccinazione. In uno studio del 1990 l’incidenza di patologie era 6.4 volte maggiore in bambini soggetti al vaccino rispetto a bambini non vaccinati.
“Disease caused by Haemophilus influenzae type b in the immediate period after homologous immunization: immunologic investigation”, Pediatrics, vol. 85, number 4 part 2, April 1990, pp. 698-704 

È ben noto alla comunità scientifica il notevole effetto depressivo delle vaccinazioni antipolio sui linfociti, con conseguente temporanea incapacità dell’organismo di combattere le infezioni e i virus. Per questo motivo in Italia “la vaccinazione con il metodo Sabin [virus vivo attenuato] deve essere distanziata di almeno 4 settimane da altra vaccinazione con virus vivo” (Legge 4 febbraio 1966 n. 51).

L’OMS riporta che su 34 nazioni in via di sviluppo (Africa, America latina) vaccinate con il vaccino vivo attenuato del polio, 24 hanno registrato un aumento dei casi di poliomielite paralitica. La poliomielite paralitica è una grave forma di polio che è comparsa solo a seguito delle campagne di vaccinazione antipolio. Prima non esisteva, il decorso della poliomielite era molto meno grave.

Nei casi di regressione autistica post-vaccinazione, lo stato di immunosoppressione è direttamente evidenziabile attraverso parametri immunologici [Singh, 1990] ed è una caratteristica clinica costante nei casi di autismo (difficoltà a fronteggiare le infezioni, basse popolazioni di macrofagi, etc.).

Negli organismi immunosoppressi la febbre è uno dei pochi modi disponibili per liberarsi dei virus in circolazione. L’aumentata temperatura attiva i linfociti e durante la febbre sono attivati una serie di misure antivirus, quale l’immagazzinamento del ferro nel fegato per non alimentare la moltiplicazione virale. Ebbene spesso vediamo che i bambini autistici è come se si risvegliassero temporaneamente durante febbri alte. Molti dei loro tratti autistici scompaiono temporaneamente, una parte di loro improvvisamente elaborano frasi di 5 o 6 parole mentre precedentemente erano assolutamente muti.

Zecca e collaboratori [1998] segnalano che i livelli di anticorpi a rosolia e morbillo in bambini diagnosticati autistici erano del 300% superiori a quelli normali. Questi livelli elevati di anticorpi possono essere interpretati come un’attivazione cronica del sistema immunitario contro un’infezione subclinica.
T. Zecca, D. Grafino, University of Medicine and Dentistry, New Jersey and Children’s Hospital of New Jersey, Newark, “Elevated rubeola [measles] titers in autistic children linked to MMR vaccine”

(abstract submitted to the National Institutes of Health, 1997-8) 

Ricercatori del Royal Free Hospital di Londra [Wakefield, 1998 e 2000], hanno dimostrato, mediante ileocolonscopia, la presenza nell’intestino del virus latente del morbillo nel 100% dei bambini la cui regressione autistica aveva avuto inizio con reazioni avverse alle vaccinazioni infantili.

Un altro gruppo di ricerca, quello irlandese del professor John O’Leary, ha confermato la presenza del virus del morbillo dello stesso ceppo del vaccino nell’intestino di 24 bambini autistici su 25.

Sembra che il bambino autistico non riesca a liberarsi della presenza di tale virus vaccinale nell’organismo. Il prof. Kawashima, dell’Università di Tokio, ha trovato il virus del morbillo (DEL CEPPO VACCINALE) nel sangue di bambini che hanno avuto una regressione autistica a seguito delle vaccinazioni. La tecnica usata è stata quella dell’esame del DNA proteico in cellule mononucleari periferiche del sangue (PBMC), con un riscontro positivo dell’attività subclinica virale a distanza di alcuni anni dalle vaccinazioni infantili nei bambini autistici ma non in quelli di controllo.

Virus di ceppi vaccinali dunque sono una presenza costante (anche a distanza di anni dalla vaccinazione) in bambini autistici ma non in bambini di controllo sani. Ciò è testimoniato dai sopramenzionati recentissimi studi virali nell’autismo provenienti da Inghilterra, Irlanda e Giappone. Essi indicano una situazione dove c’è la stessa progressione dei danni che nelle encefaliti virali cui segue autismo, ma al rallentatore.

Con il test rapido sul sangue denominato “Polymerase Chain Reaction” (PCR test), cioè test sulla catena di reazione della polimerasi, è possibile rilevare la presenza subclinica nell’organismo del virus dello stesso ceppo nel vaccino. Un articolo della rivista “Archives of Virology”, 1996, riporta che mediante il test rapido è stato possibile confermare che alcuni casi di panencefalite sclerosante erano reazioni avverse ai vaccini a virus vivo attenuato.

Nel 1997 sul Journal of Indian Medical Association viene riportato il caso di una ragazza che aveva ricevuto tutte le vaccinazioni infantili. A nove mesi le fu somministrato il vaccino triplo morbillo parotite rosolia: la bambina si sentì male e le sue condizioni deteriorarono rapidamente. Le sue funzioni intellettuali e il suo sviluppo erano stati normali fino ad allora. A seguito della reazione al vaccino la bambina regredì dal punto di vista del comportamento, interazioni sociali e smise di tentare di parlare. Anche la situazione fisica peggiorò con spasmi mioclonici delle braccia e riflessi depressi del tendine. Gli autori conclusero con la diagnosi di panencefalite sclerosante subacuta che si sviluppò come reazione avversa ritardata al vaccino triplo. Gli autori sottolineano che sono stati riportati altri casi simili causati dal virus vivo attenuato del vaccino del morbillo.

“Measles,Mumps, Rubella Vaccine Induced Subacute Sclerosing Panencephalitis,” Journal of the Indian Medical Association, November 1997, vol. 95 no. 11, page 594 

“Polymerase chain reaction detection of the hemagglutinin gene from an attenuated measles vaccine strain in the peripheral mononuclear cells of children with autoimmune hepatitis,” Archives of Virology volume 141, 1996, pages 877-884

Bibliografia

Hussey GD, “The effect of Edmonston-Zagreb and Schwarz measles vaccines on immune response in infants”, J Infect Dis 1996 Jun;173(6):1320-6
Auwaerter PG, “Changes within T cell receptor V beta subsets in infants following measles vaccination”, Clin Immunol Immunopathol 1996 May;79(2):163-70
Ward BJ, Griffin DE, “Changes in cytokine production after measles virus vaccination: predominant production of IL-4 suggests induction of a Th2 response”, Clin Immunol Immunopathol 1993 May; 67(2):171-7
Wu VH,. “Measles virus-specific cellular immunity in patients with vaccine failure”, J Clin Microbiol 1993 Jan; 31(1):118-22

“Mumps meningitis following measles, mumps, and rubella immunisation” (The Lancet, vol. 2, July 8, 1989, p. 98; comments in vol. 2, August 12, 1989, pp. 394-5; vol. 2, September 16, 1989, p. 677)

 Sullo stesso numero di quella rivista, The Lancet, un medico della Germania occidentale riportava una meningite da virus della parotite, in un bambino di 2 anni, 21 giorni dopo la vaccinazione tripla morbillo parotite rosolia. Anche in questo caso non c’era stata esposizione all’infezione naturale della parotite. L’autore conclude dicendo: “Il tempo di incubazione per la parotite è di circa 21 giorni. In alcuni pazienti il lasso di tempo tra la vaccinazione e la manifestazione della meningite è molto vicino a queste 3 settimane, e tutti gli altri dati fanno pensare ad un’incubazione del virus attenuato da vaccino”.

Il 16 settembre 1989 due medici inglesi riportano sul Lancet due casi di bambini di 16 mesi di vita con meningite da parotite ricoverati in ospedale 18 e 19 giorni dopo la vaccinazione tripla morbillo parotite rosolia. Il virus della parotite, isolato dal fluido cerebrospinale di entrambi i bambini, confermò questi due casi di infezione subclinica da virus attenuato della parotite. In uno di questi due bambini, nonostante ciò, non fu osservato l’aumento degli anticorpi relativi alla parotite, anche se egli fu vittima di una meningite post-vaccinica.
La letteratura medica offre altri studi che riferiscono di casi simili causati dall’incubazione del virus attenuato da vaccino:

– “Mumps meningitis, possibly vaccine related”, Canada Disease Weekly Report, vol. 14-40, 1988, pp. 209-11

– “A case of mumps meningitis: a post-immunization complication?”, Canada Disease Weekly Report, vol. 13-35, 1987, pp. 155-6

– “A case of mumps meningitis: a complication of vaccination?”, Canadian Medical Association Journal, vol. 138, 1988, p. 135

– “Vaccine-induced mumps-like disease”, Development of Biological Standards, vol. 43, 1978, pp. 269-72

– “Aseptic meningitis after vaccination against measles and mumps”, Paediatric Infectious Diseases, vol. 8, 1989, pp. 302-8.]

L’infezione della varicella con il tipico rash cutaneo viene segnalata in una donna 38enne precedentemente sana 12 giorni dopo la vaccinazione a virus vivo attenuato della varicella.

“Transmission of vaccine strain varicella-zoster virus from a healthy adult with vaccine-associated rash to susceptible household contacts” (Journal of Infectious Disease, vol. 176, no. 4, October 1997, pp. 1072-5):

ABSTRACT: Dodici giorni dopo aver ricevuto un vaccino a virus vivo del ceppo Oka per la varicella, una donna 38enne sana sviluppò un rash cutaneo con 30 lesioni separate. Sedici giorni dopo i suoi due figli svilupparono anch’essi il rash. Il DNA del virus della varicella, ottenuto dalle lesioni della pelle si rivelò essere quello del ceppo vaccinale. Questo caso documenta la trasmissione del virus vaccinale dal vaccino a sani individui sottoposti all’iniezione e a individui in contatto con loro nell’abitazione domestica.
Ulteriori studi sono necessari per determinare l’incidenza di questi eventi”.

Lo stesso avviene con il vaccino a virus vivo attenuato del polio. In un’indagine del Congresso USA è stato documentato che l’87% negli USA dei casi di polio dal 1970 in poi derivavano dall’uso del vaccino antipolio. Negli ultimi decenni negli USA si sono verificati fino a 5-10 casi dall’anno di polio paralitica come conseguenza del vaccino Sabin, praticamente quasi il 100% dei casi di polio paralizzante.

Una serie di studi sperimentali effettuati da Domingue e Woody [1997], della Tulane University, evidenziano la situazione in cui, in un organismo temporaneamente alterato o compromesso, la maggior parte dei batteri possono assumere forme alquanto diverse da quelle originarie ed avere decorsi atipici: “Questi organismi possono sopravvivere e persistere in uno stato latente nell’organismo, incubarsi e quindi causare stati patologici, tra cui nefriti, febbri reumatiche, stomatiti aftose, ematuria idiopatica, morbo di Crohn, etc.

[“Bacterial persistence and expression of disease”, Clinical Microbiology Review, vol. 10, no. 2, April 1997, pp. 320-44].
39 casi subclinici di morbillo tra 87 bambini completamente vaccinati nell’Africa occidentale sono riportati sulla rivista “The Lancet” [1999]. Le concentrazioni di anticorpi erano 45 volte superiori al normale ed erano rimaste elevate per almeno 6 mesi (fino alla chiusura del periodo di studio).

“Effect of subclinical infection on maintaining immunity against measles in vaccinated children in West Africa”, The Lancet, vol. 353, January 9, 1999, pp. 98-102

“Infezioni subcliniche non sono insolite dopo la somministrazione di vaccini tripli”, secondo uno studio di Trier e Ronne [1992]

H. Trier and T. Ronne, “Duration of immunity and occurrence of secondary vaccine failure following vaccination against measles, mumps and rubella”, Ugeskr Laeger, vo. 154, no. 29, July 13, 1992, pp. 2008-13

Abbiamo citato precedentemente Zecca e collaboratori [1998], secondo cui bambini autistici avevano una persistenza di elevati anticorpi al virus del morbillo e rosolia, indicazione di infezione cronica subclinica.
Secondo uno studio effettuato con il test rapido PCR, “in alcune patologie autoimmuni viene rilevata l’attività nell’organismo del virus vaccinale attenuato”.
“Polymerase chain reaction detection of the hemagglutinin gene from an attenuated measles vaccine strain in the peripheral mononuclear cells of children with autoimmune hepatitis”, Archives of Virology, volume 141, 1996, pages 877-884

Tra i pazienti che non avevano avuto la tipica manifestazione acuta delle infezioni di rosolia o morbillo, ma che avevano altissimi livelli di anticorpi a morbillo e rosolia, Laitinen ha trovato prevalentemente pazienti con patologie autoimmuni come Lupus eritematoso, sclerosi multipla, epatite autoimmune. Nel caso della sclerosi multipla, sottolinea Laitinen, già altri ricercatori hanno mostrato elevati livelli di anticorpi al morbillo.

Laitinen e collaboratori hanno dunque valutato l’ipotesi che, in individui suscettibili, anomali meccanismi di difesa immunologica possano essere attivati da atipiche infezioni croniche. Le conclusioni dei ricercatori sono che i virus attenuati vaccinali non solo possono rivirulentarsi e causare infezioni croniche con elevati livelli di anticorpi, ma che possano avere un ruolo attivo nella patogenesi di almeno alcune delle patologie individuate.

Laitinen O, Vaheri A, University Central Hospital and Department of Virology, University of Helsinki, Finland, “Very high measles and rubella virus antibody titres associated with hepatitis, systemic lupus erythematosus, and infectious mononucleosis”, The Lancet, vol. 1, February 9, 1974, pp. 194-7

Un indizio dell’incubazione nell’organismo del virus attenuato da vaccino può essere la persistenza di elevati titoli di HI e di IgG, in presenza di reazioni a vaccini e anche encefalomielite. Un caso accertato è quello di una bambina vaccinata a 12 anni con un vaccino del morbillo a virus vivo; essa sviluppò una encefalomielite 10 anni dopo la vaccinazione. I ricercatori concludono che il virus attenuato del morbillo dunque diventa patogeno senza i sintomi tipici del morbillo ordinario.

“Measles Encephalomyelitis in a Patient With a History of Vaccination,” Acta Paediatrica Japonica, vol. 37, number 3, June 1995, pp. 374-376 

Avaria della solfatazione e possibile “enterocolite autistica”
Subito dopo la nascita ci sono due stadi nello sviluppo del cervello che richiedono intensa solfatazione. Il primo stadio, durante la proliferazione delle cellule, coinvolge la solfatazione dei glicosaminoglicani (GAG) nel cervello [Balasubramanian, 1970; Burkart, 1987]. Il secondo stadio consiste nella mielinizzazione del tessuto cerebrale [Bachhawat, 1972, Siegrist, 1977], che avviene in buona parte nel periodo dal terzo fino al quindicesimo mese di vita [Yakovlev, 1965]. Questo periodo critico per l’organizzazione di base del cervello [Balasubramanian, 1970; Brunngraber 1979; Singh, 1965] coincide, come sappiamo bene, con il periodo delle vaccinazioni infantili.
Per semplicità i GAG possono essere pensati dal lettore come depositi di zolfo che mantengono la funzionalità dei tessuti.

È normale che i GAG vengano continuamente perduti per essere sostituiti da nuovi. Questa “muta” dei GAG subisce una accelerazione enorme a seguito di attivazioni immunitarie (da vaccini!) [Bai, 1976; Goldberg, 1993; Zanni, 1994, Zapata, 1994], ed è estremamente pronunciata nell’intestino, un tessuto molto ricco di GAG [Geocze, 1982; Murch, 1993]. La natura si è intenzionalmente appoggiata a meccanismi non infiammatori nell’affrontare le infezioni durante i primi mesi di vita, fornendo al neonato IgA non infiammatori dal sistema immunitario della madre, veicolati attraverso il latte materno [Owens, 1997]. Le vaccinazioni però vanno ad indurre nel bambino proprio ciò che la natura voleva evitare, ed infatti producono un fenomeno infiammatorio coinvolgente IgG e IgM. Il neonato non abbonda di materiale per la solfatazione e l’improvvisa richiesta di solfatazione a seguito delle vaccinazioni mette in competizione cervello ed ileo per questo materiale cruciale.

Ricercatori inglesi hanno dimostrato che in 39 bambini con sindromi autistiche su 40 c’era un’infiammazione a chiazze del colon ed un rigonfiamento delle ghiandole linfatiche nell’ultima parte dell’intestino [Wakefield, 1998]. Si trattava di bambini che avevano avuto un periodo iniziale di vita con normale sviluppo e che avevano acquisito capacità di linguaggio e di interazione sociale che però erano stati persi in concomitanza con periodi post- vaccinazioni. Wakefield inoltre riscontrò anomalie nella formazione dei GAG delle membrane intestinali.

Dal 1998 ad oggi, Wakefield, del Royal Free Hospital di Londra, ha pubblicato studi in cui oltre 160 bambini autistici venivano esaminati. Mediante ileocolonscopia fu determinato un’incidenza quasi del 100% dell’iperplasia (infiammazione) intestinale (che è una forma molto più blanda della rettocolite ulcerosa). Normalmente le proteine delle pareti intestinali sono solfatate e, in questo stato, formano uno strato protettivo continuo sulla superficie delle pareti intestinali. Quando c’è una insufficiente solfatazione le proteine tendono ad agglomerarsi tra di loro e lo strato diventa discontinuo.

La stessa cosa avviene nel cervello. La d.ssa Margaret Bauman e il dr Thomas Kemper, mediante autopsie, hanno evidenziato degli addensamenti anomali di neuroni nell’amigdala e nell’ippocampo in bambini autistici e ciò è spiegabile da uno stato di cattiva solfatazione.
Inoltre vedremo nel prossimo capitolo che nei casi più gravi di autismo le membrane meningee, specialmente quelle della “dura mater”, perdono le loro capacità di sostegno della crescita, ostacolando la normale espansione del cervello e della volta cranica.
È noto da studi scientifici degli ultimi 20 anni che le vaccinazioni possono provocare rigonfiamento cerebrale:

Bibliografia
- Barry W, Hatcher G, “Fontanelle protuberanti- in neonati senza meningite”, Arch Dis Child, aprile 1989; 64(4): 635-636
- Dugmore, WN, “Edema bilaterale del polo posteriore: ipersensibilità al vaccino Alavac P”, Br J Ophthalmol, dic. 1972, 55:848-849
- Gross TP, Milstien JB, Kuritsky JN, “Fontanella protuberante a seguito di vaccinazione anti-difterica- tetano- pertosse e vaccino tetano- difterica”, J Pediatr, marzo 1989;114(3):423-425
- Iwasa S, ” Rigonfiamento del cervello in topi causato dal vaccino anti-pertosse “, Jpn J Med Sci Biol, 1985, 38(2):53-65
- Jacob J, Mannino F, “Aumento di pressione intracraniale a seguito di vaccino anti- difterica, tetano e pertosse”, Am J Dis Child, feb. 1979; 133(2):217-218
- Mathur R, Kumari S, “Fontanella protuberante a seguito di vaccino triplo”, Indian Pediatr, giugno 1981; 18(6): 417-418
- Shendurnikar N, “Fontanella protuberante- a seguito di vaccino DPT”, Indian Pediatr, nov. 1986; 23(11): 960

Il vaccino MPR correlato a trombocitopenia purpura
Ricercatori inglesi hanno confermato che il vaccino MPR (morbillo parotite rosolia) può causare una rara forma di sanguinamento in bambini (Miller, marzo 2001), denominato ITP (idiopathic thrombocytopenic purpura).
Le persone con questa malattia ITP hanno sanguinamenti sottocutanei, facendo apparire lividi violacei diffusi su varie parti del corpo. Altri sintomi includono macchioline rosse sulla pelle e perdite di sangue dal naso. Nella maggior parte dei casi questa patologia si manifesta in una forma lieve.
Tale reazione, causata dalla distruzione delle piastrine che regolano l’agglutinarsi del sangue, sembra verificarsi più frequentemente entro le prime 2 o 3 settimane dalla vaccinazione secondo la American Academy of Pediatrics.
Per anni c’erano state segnalazioni di tali casi a seguito di vaccini e si era discusso sulla possibilità che questa patologia potesse manifestarsi come reazione avversa al vaccino; finora però non c’erano state prove certe che supportavano tale correlazione.

Mercurio e trombocitopenia
Il mercurio può colpire le proteine coinvolte nella coagulazione, che hanno un sito di-tiolico, dunque con un’altissima affinità da parte del mercurio. Allo stesso modo altri metalli pesanti possono aver un effetto su anomalie della coagulazione sanguigna.

Berglund (1991) riporta 2 casi di bambini con trombocitopenia purpura come reazione all’inserimento di otturazioni di amalgama in denti da latte. In entrambi i casi la regressione della malattia avvenne a seguito dell’eliminazione del dente da latte contenente l’otturazione di mercurio.

Schwartz (1992) riporta di un caso di riversamento di mercurio liquido in un’abitazione privata. Il bambino più piccolo sviluppò trombocitopenia purpura e solo una terapia mirata di chelazione del mercurio riportò alla normalità i suoi valori di mercurio nel sangue e risolse il caso di trombocitopenia. In questa occasione Schwartz fa notare che in circa il 5% dei casi trattati con penicillamina (agente usato come chelante del mercurio) la trombocitopenia è uno dei sintomi, e ciò dà un’idea della morbilità del mercurio in questa patologia.

Fuortes (1995) riporta un altro caso di riversamento accidentale di mercurio liquido in un’abitazione. L’uso dell’aspirapolvere per ripulire tale perdita accidentale aveva portato ad un’elevata esposizione degli abitanti della casa. Due dei quattro bambini di tale famiglia svilupparono trombocitopenia purpura, manifestazioni dermatologiche che scomparvero solo dopo chelazione interna del mercurio con DMPS.

Bibliografia
- Miller E, Waight P, Farrington CP, Andrews N, Stowe J, Taylor B, “Idiopathic thrombocytopenic purpura and MMR vaccine”, Archives of Disease in Childhood March 2001; 84: 227-229

ABSTRACT
(Immunisation Division, Public Health Laboratory Service Communicable Disease Surveillance Centre, Colindale, London NW9 5EQ, UK):
Una correlazione causale tra vaccino triplo morbillo-rosolia- parotite e ITP (trombocitopenia purpura idiopatica) è stata confermata incrociando i controlli tra vaccianzione e data di ammissione in ospedale. Il rischio assoluto entro 6 settimane è risultato essere 1 su 22 300, e 2 casi su 3 che avvengono in questo periodo di 6 settimane sono causati dal vaccino MPR. Bambini con ITP prima della vaccinazione MPR non avevano mostrato reazioni o effetti secondari da vaccino.

- Schwartz JG, Snider TE, Montiel MM, “Toxicity of a family from vacuumed mercury”, Am J Emerg Med 1992 May;10(3):258-61

ABSTRACT
(Department of Pathology, University of Texas Health Science Center, San Antonio 78284-7750)
A family of four developed toxic blood levels of mercury after the mother vacuumed a spilled jar of liquid mercury from a closet in their apartment.
The youngest son developed severe thrombocytopenia which was initially diagnosed as idiopathic thrombocytopenic purpura secondary to viral illness. A possible association between acute mercury toxicity and idiopathic thrombocytopenic purpura has not been previously reported. Chelation therapy with penicillamine for the older child was administered soon after toxic blood mercury levels were known by the physician. Because thrombocytopenia has been reported to occur in up to 5% of patients receiving penicillamine therapy, the younger child was treated with dimercaptosuccinic acid. The mother was also treated with dimercaptosuccinic acid. The father received dimercaprol therapy. The toxic effects and rationale for now outdated therapeutic uses of mercury are discussed.

- Berglund F, Elinder G, “Trombocitopenia in due bambini dopo l’inserimento di amalgame nei denti da latte”, Sammanfattningar, Svenska Läkarsällskapets, Riksstämma 27-29 nov 1991

“ Una bambina di 9 anni in Oskarshamn si ammalò dopo 2 mesi dall’inserimento di un’amalgama in un dente da latte, con petecchie sulle gambe e gengive sanguinanti. I trombociti inizialmente 15×19(9)/l rapidamente scesero a 2,1×10(9)/l. La microspia del midollo osseo mostrava megacariociti piccoli e immaturi. Furono somministrati 60mg di prednisolone per quattro giorni, poi 20mg al giorno e interrotto dopo tre settimane. I trombociti allora aumentarono nell’arco di tre mesi da 43 fino a circa 200×10(9)/l. Durante questo tempo la bambina aveva perso i suoi denti da latte con l’amalgama. La madre aveva 16 amalgame di varia grandezza e 4 capsule d’oro. Soffriva di dolori alle articolazioni, stanchezza freddo e avevo allattato la bambina per 7 mesi. A un bambino nato nel 1979 venne inserita un’amalgama in un dente da latte nel 1982, a dicembre dell’83 si fece dei lividi e i trombociti erano 23×10(9)/l. Chiaramente positivo il test di Coombs. Inizialmente trattato con cortisone e Imurel. Dopo un paio di mesi solo Imurel fino al 1991. Il dente cadde a gennaio ’91 e fu analizzato. Il ragazzo ora sta bene. La madre ha amalgame in tutti i molari e premolari, con sapore metallico dal 1986 circa. Ha allattato il figlio per due mesi. Topi esposti a mercurio gassoso accumulano mercurio anche nel midollo osseo. La storia dentale, sia della madre che del figlio, dovrebbe essere parte di una valutazione dell’anamnesi.”

- Fuortes LJ, Weismann DN, Peters C, “Trombocitopenia autoimmune ed avvelenamento da mercurio elementare”, J Toxicol Clin Toxicol 33(5):449-455 (1995)

ABSTRACT
Tre casi di grave tossicità al mercurio verificatisi all’interno di una famiglia. Due casi di trombocitopenìa si sono verificati in questa famiglia e rappresentano il secondo importante resoconto di un’associazione tra tossicità da mercurio e trombocitopenìa. Tre dei bambini si sono presentati con una combinazione di manifestazioni dermatologiche e neurologiche che richiamano l’acrodinia o “malattia rosa”. Ciascuno dei 4 bambini in questa famiglia era stato curato con acido dimercaptosuccinico. Sono stati descritti i rischi nell’usare l’aspirapolvere nei casi di perdite di mercurio e le appropriate procedure di pulizia.
By Lorenzo Acerra

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

ANSM (Agence nationale de sécurité su médicament et des produits de santé)

 Studio comparato ricerca di particelle e elementi nei vaccini e in altri prodotti sanitari iniettabili

(Ténormine; Prevenar; Infanrix Tetra; Meningo A + C; Avaxim; Vaxigrip; Meningitec)

 

C = Carbonio

N = Azoto

Na = Sodio

Cl = Cloro (irrita il sistema respiratorio, soprattutto in bambini e anziani. Può causare Edema polmonare)

W = Wolframio o Tungsteno (causa attacchi convulsivi e insufficienza renale con necrosi tubulare acuta)

Si = Silicio

Cr = Cromo (può provocare Intossicazione acuta e cronica)

Al = Alluminio

Mg = Magnesio

K = Potassio

S = Solfo (Molti composti dello zolfo sono tossici o corrosivi)

Fe = Ferro (Un eccesso di ferro può produrre disturbi (emocromatosi))

Ti = Titanio (ha una tendenza al bioaccumulo nei tessuti che contengono silice)

Ca = Calcio (Un'assunzione quantitativa molto elevata di sali di calcio può provocare ipercalcemia e/o ipercalciuria)

P = Fosforo (molto velenoso. L'avvelenamento cronico provoca la necrosi del tessuto osseo. Gli esteri fosforici sono velenosi per il sistema nervoso)

Gd = Gadolinio (aumenta il rischio di sviluppare una grave condizione medica, chiamata fibrosi nefrogenica sistemica - malattia progressiva che può essere debilitante, con esito talora fatale -  nei pazienti con insufficienza renale grave, acuta o cronica)

Mn = Manganese (tossico. La malattia di Parkinson è stata correlata ad esposizioni a manganese nell'industria metalmeccanica, soprattutto fra i saldatori. È elencato nella lista delle sostanze pericolose stilata dall'OSHA)

Y = Ittrio (pericoloso. I sali di ittrio sono sospetti cancerogeni)

Sn = Stagno (i composti trialchilici e triarilici dello stagno sono biocidi)

Sb = Antimonio (tossico, simile a quello da arsenico. A piccole dosi provoca mal di testa e vertigini; a dosi più alte provoca attacchi di vomito violenti e frequenti e porta alla morte nell'arco di pochi giorni)

 

- http://ansm.sante.fr/var/ansm_site/storage/original/application/e35712dbf59a01cfae2f5a0e15c58245.pdf

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
 

VACCINI e le LINEE CELLULARI FETALI - ATTACCO alla GENETICA UMANA ? - 20 luglio 2017

 Sugli effetti collaterali dei «farmaci pediatrici» chiamati vaccini non ci sono dubbi se non nei cervelli di quelle persone profondamente analfabete e ignoranti che si informano tramite la televisione e i giornali, e da parte di quel mondo scientifico e corrotto collegato a doppia mandata con le lobbies della chimica e farmaceutica.

Moltissimi autori, ricercatori e medici onesti intellettualmente descrivono che la causa degli effetti avversi starebbe non tanto nella parte antigenica (virale o batterica che sia), quanto negli adiuvanti e conservanti usati dalle industrie: sostanze neurotossiche (sali di alluminio e mercurio, ecc.), cancerogene (formaldeide, ecc.), antibiotici, ecc.

Tutto estremamente corretto. Ma forse c’è dell’altro… I vaccini contengono sostanze molto meno note - perché coperte dall’inviolabile segreto industriale - che si nascondono dietro sigle e/o acronimi e che potrebbero giocare invece un ruolo prioritario nell’eziologia di gravissime e incurabili patologie, per non parlare dell’inquietante modifica della genetica umana… Le sostanze in questione sono: MRC-5, WI-38 e Vero.

 

Ecco le informazioni riportate dai bugiardini delle rispettive società produttrici.

 

VACCINO INFANRIX HEXA

Nel vaccino esavalente prodotto dalla Glaxo contro difterite, tetano, epatite-B, poliomielite, pertosse e haemophilus influenzae tipo B:

«prodotto da cellule di lievito (S. cerevisiae) tramite tecnologia del DNA ricombinante»; «propagato in cellule VERO».

 

VACCINO M-M-R VAXPRO

Nel vaccino trivalente prodotto dalla Sanofi Pasteur contro morbillo, parotite, rosolia:

«prodotto su cellule embrionali di pollo»; «prodotto su fibroblasti di polmone diploidi umani WI-38».

 

VACCINO PRIORIX

Nel vaccino quadrivalente prodotto dalla Glaxo contro morbillo, parotite, rosolia, varicella:

«coltivato in colture di cellule embrionali di pollo»; «coltivato in cellule diploidi umani MRC-5».

 

VACCINO PROQUAD

Nel vaccino quadrivalente della Sanofi Pasteur contro morbillo, parotite, rosolia, varicella:

«prodotto su cellule embrionali di pollo»; «prodotto su fibroblasti di polmone diploidi umani WI-38»; «prodotto su cellule diploidi umani MRC-5».

 

VACCINO PENTAVAC

Nel vaccino pentavalente prodotto dalla Sanofi Pasteur contro difterite, tetano, pertosse, polio, haemophilus influenzae tipo B:

«adsorbito su alluminio idrossido»;

«prodotto su cellule VERO».

 

Per far crescere i ceppi virali usati poi nei vaccini, le corporation necessitano di un terreno di coltura rappresentato da cellule umane o animali o entrambe assieme (pollo e uomo).

Vediamo adesso nel dettaglio cosa rappresentano e soprattutto cosa nascondono le sigle:

VERO, WI-38, MRC-5.

 

Innanzitutto è interessante sapere che tutti e tre i brevetti di queste linee cellulari sono nelle mani della ATCC®, la più importante e sconosciuta organizzazione mondiale che si occupa di risorse e materiali biologici.

Lavora fin dal 1925 sulla produzione, conservazione e vendita di microrganismi (tra cui fermenti e probiotici) e linee cellulari.

La sede nei primi anni di attività dell’azienda era presso l’Istituto McCormick a Chicago, poi si trasferì all’università di Georgetown a Washington e ora si trova a Manassas in Virginia vicino all’Istituto nazionale di salute americano.

 

WI-38  (Winstar Institute 38, numero ATCC®, CCL-75) La sigla WI-38 indica cellule diploidi umane.

Cellule fibroblastiche polmonari di un feto femmina svedese abortito dopo 3 mesi di gestazione perché la famiglia riteneva di avere già troppi figli.

La linea cellulare isolata la prima volta da Leonard Hayflick e Paul Moorhead nel 1964 è stata ampiamente utilizzata nella ricerca scientifica, con applicazioni che vanno dalla creazione di importanti teorie nella biologia molecolare alla produzione di molti tipi di vaccini anti-morbillo+parotite+rosolia, anti-varicella e anti-herpes zooster.

Dagli anni Sessanta ad oggi continuano ad utilizzare questa linea cellulare. Com’è possibile? A spiegarlo è la stessa ditta produttrice: la crescita di queste cellule è stata fatta aumentare grazie all’aggiunta di un fattore di necrosi tumorale (TNF alfa).

 

MRC-5  (Medical Research Council 5, numero ATCC®, CCL-171) Ancora più inquietante è il brevetto della linea cellulare MRC-5 sempre prodotto dalla ATCC.

Si tratta di cellule polmonari prelevate da un feto maschio abortito di 14 settimane da una mamma di razza caucasica, ma in questo caso ci sono anche altre informazioni aggiuntive.

Questa linea è stata preparata e sviluppata da J. Jacobs nel 1966 partendo dalle cellule espiantate di feto di una donna di 27 anni inglese ricoverata in manicomio.

Lo specifica il report pubblicato su «Nature»: «non cellule oncogene, non malattie familiari, feto espiantato da una donna per cause psichiatriche»!

«Taken from a 14-week male foetus removed for psychiatric reasons from a 27 years old woman».

 

VERO  (numero ATCC®, CCL-81)

Le cellule VERO non sono di origine umana ma animale: derivano dai reni di una scimmia verde africana (Chlorocebus).

Scoperte per la prima volta il 27 marzo 1962 dalla Chiba University in Giappone.

La linea cellulare che ancora oggi si usa è quella ottenuta dopo il 93° passaggio di crescita cellulare al Laboratorio di Virologia Tropicale dell’Istituto nazionale malattie infettive della medesima università il 15 giugno 1964.

Il problema anche in questo caso è molto serio perché la rivista scientifica americana «Cancer Research» ha fornito evidenze sulla presenza di un virus della scimmia, denominato SV40, nei tumori cerebrali umani (gliomi) e nei campioni di sangue e sperma di individui sani.

Questo virus presente nelle scimmie, dove sembra essere innocuo, come può aver saltato la specie e infettato l’uomo? Sono state inventate le teorie più bizzarre che ovviamente si commentano da sole: dal consumo alimentare di carne di scimmia, ai rapporti sessuali tra africani e la povera bestia.

La risposta necessita di uno sforzo mentale e una fantasia meno eccessivi: vaccinazioni!

Molti ricercatori e scienziati ne sono convinti, come il professor Mauro Tognon, biologo e genetista dell’Università di Ferrara: «È noto dal 1960 che SV40 fu trasferito all’uomo mediante le vaccinazioni anti-polio eseguite su scala planetaria durante il periodo 1955-63. Durante quel periodo nei soli Stati Uniti d'America 98 milioni di individui, vaccinati con le antipolio, furono infettati con SV40».

Nel sito ufficiale della ATCC che produce le cellule VERO, è riportato che tra le varie suscettibilità ai virus, c’è anche il SV40…

 

HIGH FIVE CELLS™ (Numero catalogo B85502) Queste linea cellulare fu sviluppata dall’Istituto Boyce Thompson per la ricerca di piante di Ithaca, NY.

Le High Five™ sono cellule di origine animale estrapolate dall’ovaio di un insetto: la falena Trichoplusian ni.

Le cellule High Five™ sono la scelta migliore per via dell’alto numero di espressione proteica, e in questo substrato vengono coltivati i virus vaccinali come quelli dell’HPV, il Papilloma Virus umano.

Nel sito della società Thermo Fisher Scientific viene anche riportato il costo di queste cellule.

Il costo di 3x106 (3 milioni) di cellule è di 1122 euro.

Nel sito ufficiale viene specificato che questa linea cellulare va manipolata con molta attenzione. «Maneggiare come materiale al alto rischio, contenimento di Livello 2 di Biosicurezza. Questo prodotto contiene Dimethyl Sulfoxide (DMSO), un materiale pericoloso» …

 

COSA SUCCEDE INOCULANDO DNA UMANO ?

Alcuni dei virus citati sono ospite-specifici e per sopravvivere creano stretti legami con le cellule in cui penetrano. Quando un virus matura e si divide, acquisisce alcuni frammenti del DNA delle cellule che lo ospitano e se viene utilizzato per preparare un vaccino porta con sé frammenti del DNA delle cellule su cui è stato coltivato (in questo caso DNA fetale umano).

Poiché il nuovo DNA virus/cellula-fetale è almeno in parte della stessa specie del destinatario del vaccino (razza umana), nel momento in cui il DNA virale modificato viene a contatto col DNA umano del soggetto che ha ricevuto il vaccino, si verifica la cosiddetta ricombinazione omologa del DNA (un processo che avviene spontaneamente solo all’interno di una stessa specie).

Si vengono così a formare cellule con un DNA virus/cellula-fetale/vaccinato che possono venire riconosciute come estranee scatenando una risposta immunitaria volta ad eliminare queste cellule anomale (infiammazione).

Dato che l’oggetto di questa battaglia sono le cellule del soggetto stesso, si può scatenare una «risposta autoimmune» nei soggetti che presentano una predisposizione.

Sarà un caso ma oggi le malattie autoimmuni (oltre una ottantina, tra cui: diabete tipo-1, artrite reumatoide, lupus, tiroidite, sclerosi, ecc.) sono in crescita esponenziale tra la popolazione infantile e adulta.

I geni che sono stati collegati all’autismo (AAGs: autism associated genes) hanno una sensibilità molto elevata verso gli insulti alla stabilità genomica in confronto al gruppo di tutti i geni contenuti nel genoma umano e in particolare la sensibilità maggiore è stata riscontrata nei AAGs del cromosoma X.

I virali prodotti da linee cellulari fetali contengono quantità inaccettabilmente elevate di frammenti contaminati di DNA fetale umano e questi vaccini potrebbero indurre l’autismo proprio perché il DNA fetale contaminato dal virus agisce su aree del nostro genoma che sono più sensibili a questo tipo di insulto e che sono proprio le aree che contengono i geni collegati all’autismo. Ecco il classico esempio di danno epigenetico.

Ma non è tutto…

 

CONCLUSIONE

Ricapitolando: nei vaccini pediatrici oltre ai pericolosissimi adiuvanti, metalli pesanti, formaldeide, antibiotici, ecc. si trovano cellule derivate da feti umani abortiti “tenute in vita” (passatemi il termine) da oltre cinquant’anni grazie a fattori tumorali di crescita e moltiplicazione.

Oltre a questo, che è sufficientemente grave per inquietarsi l’animo, alcuni vaccini contengono pure il virus SV-40 delle scimmie che potrebbe giocare un ruolo importante, come cofattore, nell’insorgenza di tumori nell’uomo.

Da oltre mezzo secolo ricercatori pazzi, al cui confronto Mengele è stato un pivellino, lavorano alacremente per tenere in vita cellule fetali che serviranno a Glaxo, Sanofi e Merck per la produzione di vaccini.

Solo chi è mentalmente ottuso o in totale malafede non vuole vedere la crescita esponenziale di patologie e disturbi vari nella nostra società, soprattutto in età pediatrica:

 

- 1 bambino su 6 ha disturbi specifici dell’apprendimento;

- 12-15% dei bambini hanno il disturbo da deficit di attenzione (ADHD);

- 1 bambino su 87 è all’interno dello spettro autistico, con un aumento del 1700% in 10 anni;

- 1% è la morte improvvisa del lattante (SIDS, morte in culla);

- 40 sono i morti e 15.000 le reazioni avverse al Gardasil (Vaccino della Glaxo contro il papilloma virus);

- 1 persona ogni 15, ultra 65enne, affetta da demenza, 1 su 8 oltre gli 85 anni;

- 1 persona ogni 450 manifesta il diabete infantile di tipo-1;

- 1 uomo ogni 2 ed 1 donna ogni 3 svilupperà il cancro nel corso della vita;

- L’Italia ha il triste primato in Europa per numero di tumori in età pediatrica.

 

Inoculando nel corpo di un neonato di due/tre mesi privo di un sistema immunitario maturo, batteri, virus, metalli pesanti (come alluminio e mercurio), antibiotici, formaldeide si corrono gravissimi rischi: disbiosi intestinali, infiammazioni, tra cui le pericolosissime encefaliti, malattie autoimmuni, allergie, ecc.

Ma cosa succede quando a finire nel sangue sono frammenti di DNA alieno? DNA con un corredo cromosomico femminile (XX) e/o maschile (XY)? 

Può questo interferire e/o squilibrare la genetica maschile e quella femminile? Tale abominio potrebbe influenzare il normale sviluppo fisico, mentale e sessuale di un bambino maschio?

L’epigenetica insegna che è l’ambiente e le informazioni che da questo partono a far attivare o disattivare le varie espressioni geniche nel corpo umano.

 

La caratteristica forma a doppia elica allungata del DNA lo renderebbe un’ottima antenna per la ricetrasmissione di onde elettromagnetiche e dagli esperimenti compiuti dai russi il DNA, sottoposto a radiazioni elettromagnetiche, si comporta proprio come un “oscillatore”.

 

Il premio Nobel per la medicina Luc Montagnier ne è convinto: «il DNA del genoma della maggior parte dei batteri patogeni contiene spezzoni che risultano capaci di generare onde elettromagnetiche a frequenza molto bassa, fino a 2 mila Hz». I ricercatori hanno rilevato «gli stessi segnali elettromagnetici di spezzoni di DNA batterico nel plasma sanguigno di pazienti colpiti da Alzheimer, Parkinson, sclerosi multipla e artrite reumatoide».

Questo significa che il DNA è in grado di emettere e trasmettere segnali elettromagnetici di bassa frequenza, i quali mantengono poi “memoria” delle caratteristiche del DNA stesso.

Quale messaggio e quale informazione potrà trasmettere il DNA di cellule di un feto abortito di tre mesi negli anni Sessanta da una donna psichiatrizzata ?

 

Stiamo per caso assistendo al tentativo criminale di modifica e/o inquinamento della genetica umana? Trasformare per esempio il maschio (XY) in un caotico miscuglio ibrido, dove non sa bene a che genere appartiene. Questo potrebbe essere molto interessante per l’Industria della malattia e quella che specula sulla vita: utero in affitto, fertilità, impianti, cure ormonali, banche del seme, ecc. Un giro di affari incalcolabile perché di mezzo c’è il controllo totale sulla vita …

 

Le previsioni ufficiali non lasciano spazio a molti dubbi: la combinazione tra la persistente denatalità ed il progressivo aumento della longevità conducono a stimare che nel 2050, la popolazione inattiva sarà in misura pari all’84% rispetto a quella attiva.  Inattiva significa non in grado di procreare!

Negli ultimi 50 anni il numero di spermatozoi maschili si è ridotto della metà...

 

Forse dovremo fare l’abitudine a titoli come questo: «Femminizzazione del maschio e infertilità maschile»? .

La fortuna vuole che ci siano società biotech e farmaceutiche che lavorano per risolvere questo serissimo problema «creando la vita» on demand e soprattutto on pay.

Un domani infatti solo chi avrà soldi potrà permettersi di «comperare» e «fabbricare» una creatura vivente su misura, a proprio piacimento, mediante per esempio la scelta di un utero in affitto (passaggio transitorio) per giungere al vero e proprio commercio di impianti, ovuli e sperma sintetici creati in laboratorio. Quando poi finiranno la costruzione dell’utero artificiale finalmente la donna sarà sganciata dal fardello assurdo e doloroso chiamato gravidanza !
By Marcello Pamio

Ma il problema non e' solo l'utilizzo di DNA umano, e' che il DNA introdotto nei vaccini e' ingegnerizzato (manipolato), a mezzo nanotecnologia...ecco come fanno...

Robot a DNA per compiti nanoscopici - 15/09/2017
Un dispositivo costituito da un singolo filamento di DNA è in grado di muoversi autonomamente su una superficie per spostare molecole in siti prestabiliti. In futuro questo robot nanoscopico potrebbe trovare numerose applicazioni, per esempio nella nanomedicina
Muoversi autonomamente su una superficie, prendere molecole e portarle verso un sito predefinito. È quello che riesce a fare una nuova macchina nanoscopica, costituita da un singolo filamento di DNA, realizzata da Lulu Qian e colleghi del California Institute of Technology, e 
descritta su “Science”.
Il DNA è una molecola ideale per questo tipo di realizzazioni: ha infatti proprietà fisiche che sono note e programmabili. Un singolo filamento di DNA è infatti costituito solo da sequenze di quattro molecole, legate tra loro come in una collana di perle, chiamate adenina, guanina, citosina e timina.
Illustrazione del robot a DNA tra molecole da riconoscere e trasportare. (Credit: Ella Maru Studio)
Il nuovo dispositivo di dimensioni nanoscopiche è costituito da tre unità elementari che potrebbero essere usate per assemblare un robot a DNA: una “zampa” con due “piedi” per camminare, e una “mano” per prendere il carico, e un segmento che può riconoscere uno specifico punto di scarico e un segnale da inviare alla mano per rilasciare il suo carico. Ciascuno di questi componenti è costituito solo da pochi nucleotidi a singolo filamento di DNA.

Nella sperimentazione descritta su “Science”, la macchina molecolare ha esplorato una superficie, ha individuato sei diverse molecole e le ha poi trasportate in due zone distinte: la marcatura a fluorescenza ha dimostrato che il robot a DNA è riuscito a terminare il compito assegnato in 24 ore. Il processo è complessivamente lento, dunque, ma ha il vantaggio di usare una quantità di energia estremamente bassa.
In linea di principio, questi blocchi modulari potrebbero essere assemblati in molti diversi modi per svolgere compiti differenti: un robot a DNA con molteplici mani potrebbe per esempio trasportare più molecole simultaneamente. Ma le possibili applicazioni potrebbero essere quasi illimitate.
“Non sviluppiamo robot a DNA per applicazioni specifiche: il nostro laboratorio è concentrato a sviluppare dispositivi a scopo generico”, ha spiegato Qian. “Tuttavia, la mia speranza è che altri ricercatori possano sfruttare questi risultati per nuove e affascinanti applicazioni, come l’uso di robot aggregati a formare una sorta di fabbrica nanoscopica per la sintesi di farmaci, che potrebbero essere rilasciati all’interno del corpo umano solo in risposta a uno specifico segnale liberato nel flusso sanguigno o nelle cellule”.
“Il principale progresso segnato dallo studio è nella metodologia di progettazione di semplici dispositivi a DNA che lavorano in parallelo per svolgere compiti non banali”, ha sottolineato John Reif, della Duke University a Durham, in un articolo di commento pubblicato sempre su “Science”. “Molte affascinanti applicazioni emergenti, per esempio nel campo della nanomedicina, potrebbero fare uso di questi dispositivi a DNA posti in parallelo”.
Tratto da: lescienze.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Ricerca medica sul collegamento fra Vaccini e malattie autoimmuni !
http://info.cmsri.org/the-driven-researcher-blog/first-medical-textbook-devoted-to-research-linking-vaccines-to-autoimmunity
REAZIONI AUTOIMMUNITARIE con i VACCINI
- http://autoimmunityreactions.org/

Tratto dal PIANO NAZIONALE VACCINALE 2016/2018 (modificato dalla Legge119/17 Lorenzin)
 

Associazione temporale di alcuni disturbi NeuroPsichiatrici DOPO la vaccinazione di bambini e adolescenti:
Uno studio Pilota con  casi-controllo
http://journal.frontiersin.org/article/10.3389/fpsyt.2017.00003/full

NEUROTOSSICITÀ dei VACCINI - 24 Luglio 2016          
Alluminio Vaccinale e Patologie Immuni Demielinizzanti + Alluminio, metallo tossico contenuto anche nei vaccini e' iniettato nel sangue direttamente, bypassando le normali difese immunologiche della pelle e mucose ! + Danni Neurologici con i Vaccini

Un neurochirurgo descrive i danni neurologici dei Vaccini:
-
https://www.facebook.com/vaccinibasta/posts/1101566029922074?notif_t=like&notif_id=1473664982013714

Danni Collaterali ai Mitocondri -  16/07/2016
“Si è ormai compreso che il danno ai mitocondri gioca un ruolo di rilievo in una vasta gamma di disturbi apparentemente non correlati come la schizofrenia, il diabete, il morbo di Parkinson, la sindrome da stanchezza cronica e la steatoepatite non alcolica. Recentemente si è evinto che il danno mitocondriale iatrogeno (causato da numerosi trattamenti medici fra i quali le vaccinazioni) spiega molte reazioni avverse ai farmaci”

“Tutte le classi di farmaci di tipo psicotropo – quali i medicinali come le statine, gli analgesici come il paracetamolo e molti altri – sono documentati per il fatto di danneggiare i mitocondri”
By John Neustadt, MD e Steven Pieczenik, MD

(*) Diversi anni fa il Dr. Gary G. Kohls – autore della versione inglese di questo articolo – ha partecipato ad una conferenza sponsorizzata dalla “United Mitochondrial Disease Foundation (UMDF)”, in italiano “Fondazione unita per le patologie mitocondriali”, un’organizzazione di raccolta fondi che sembra esser il risultato dell’unione di gruppo di pazienti patrocinatori e di ricercatori di patologie mitocondriali

Il convegno era incentrato interamente sulle forme rare congenite / ereditarie delle malattie mitocondriali che vengono diagnosticate per la prima volta nell’infanzia e che comprendono circa il 10 – 15% dei casi di noti disturbi mitocondriali. Nulla è stato divulgato dai relatori del convegno a proposito del fatto che l’85-90% delle forme acquisite delle malattie mitocondriali potrebbe essere evitabile se la conoscenza delle cause principali venisse trasmessa a medici e pazienti

Durante la fase dibattimentale di domande e risposte, un ricercatore mitocondriale tra il pubblico si alzò e parlò di un suo collega che aveva scritto un documento accademico identificante 72 farmaci comunemente prescritti che sono come veleno a livello mitocondriale, menzionando come esempi i farmaci Lipitor e Zoloft di Pfizer, ed asserendo che tale suo collega non fu in grado di ottenere la pubblicazione del suo studio (nonostante manchino prove effettive che sia neppure stato mai pubblicato). In assenza di commenti imminenti da parte degli esperti di UMDF che coordinavano la conferenza, la discussione tornò a vertere sulle rare forme ereditarie della malattia

Essendo il Dr. Gary G. Kohls naturalmente sospettoso dei possibili Conflicts of Interest (COIs) fra gli “esperti facenti parte di “United Mitochondrial Disease Foundation (UMDF)” e gli enti finanziatori, ha parlato con il ricercatore che aveva sollevato la questione, ovviamente sgradita. Il ricercatore ha fornito il proprio indirizzo e-mail, ma i vari tentativi di contattarlo sono stati vani, scoprendo poi che lo stesso ricercatore aveva ricevuto in passato sovvenzioni per la ricerca dalla casa farmaceutica Pfizer

Da quell’episodio sospetto il Dr. Kohls ha mantenuto un interesse per le patologie mitocondriali, e da allora ha scoperto molti articoli della letteratura scientifica che si sono occupati di patologie mitocondriali indotte da medicinali e/o vaccini, nessuno dei quali viene mai pubblicato nelle riviste mediche tradizionali, almeno quelle i cui proventi di pubblicità hanno origine dalle aziende farmaceutiche

È interessante notare che UMDF ha adottato una conveniente politica sulla privacy che impedisce di rivelare chi siano i loro finanziatori, anche se cinque società farmaceutiche o di test genetici (Reata, Transgenomic, Courtagen, Raptor e Stealth BioTherapeutics) avevano il loro logo affisso sul volantino del convegno, nonostante nessuna discussione sui disturbi mitocondriali acquisiti o iatrogena sia rinvenibile sui loro siti web
È stato possibile trovare un unico approfondimento (sul sito web di www.mitoaction.org) sui disturbi mitocondriali non-ereditari, dove si poteva leggere che “i medicinali o altre sostanze tossiche possono scatenare patologie mitocondriali”

Nota: non sono stati forniti elaborazioni o link a ulteriori informazioni
Quindi la responsabilità di avvisare terze parti riguarda la moltitudine delle comuni malattie iatrogene (causate dai medicinali) che possono essere appunto causate dai farmaci comunemente prescritti e/o dai componenti dei vaccini comunemente inoculati che stanno rendendo di fatto gli statunitensi un popolo altamente dipendente dai medicinali, malnutrito, che vive in un ambiente inquinato e anche iper-vaccinato. Gli americani, siano essi neonati, bambini, adolescenti e adulti sono fra coloro più gravemente e più cronicamente malati nel mondo sviluppato

Sono stati estratti alcuni esempi da una moltitudine di articoli di riviste mediche revisionate (in peer-review) che hanno cercato di condividere i medici (ed i nostri pazienti più consapevoli), poiché ci sono molti disturbi comuni prevenibili di cui il governo o le autorità stabilite vogliono far credere siano causate dallo stesso paziente-vittima (utilizzando il concetto del “vergognati”) o in quanto semplicemente ereditati dai nostri genitori-colpevoli (e quindi né prevenibili né curabili)

Molti di questi disturbi (si veda la lista sottostante) sono in realtà causate da farmaci da prescrizione, vaccini e/o altri prodotti chimici tossici che stanno avvelenando i mitocondri nei seguenti organi:
• cervello, 
• nervi, 
• muscoli
e molti altri. Così si viene afflitti da patologie prevenibili, iatrogene. Entrambe le realtà sono argomenti tabù nella realtà attuale data dal controllo mentale esercitato dai potenti, da multinazionali americane motivate dal profitto quali BigPharma, BigChemical, BigMedicine, BigMedia, Bigfood e BigAgribusiness. Queste preferiscono la nostra ignoranza, e ognuna di esse spende quantità illimitate di denaro per assicurarsi ciò…

L’avidità di queste industrie per possedere una maggiore quota di mercato, giungere ad un maggiore prezzo delle loro azioni societarie, per ottenere maggiori profitti a scapito dei salari, arrivando ad abbassarli quanto più possibile col fine di accumulare quanta più ricchezza non conosce limiti, ed i loro prodotti di debilitazione del cervello rendono i loro obiettivi sempre più facili da raggiungere

Studi scientifici estratti da riviste mediche in peer-review
1) Il primo è inerente agli adiuvanti (tossici) come l’alluminio che sono stati aggiunti a quasi tutti i vaccini infantili e per adulti negli ultimi 70 anni: è inesistente una qualsiasi dose sicura di alluminio o mercurio, oltre ad esser privi di valore nutrizionale. L'[Al]luminio è scarsamente assorbito quando ingerito [assorbimento 0,5%], ma viene assorbito al 100% nel flusso sanguigno quando iniettato
Il programma vaccinale previsto per legge e fatto effettuare dai CDC/AAP (American Academy of Pediatrics) garantisce che un totale di quasi 5.000 microgrammi di alluminio tossico per i mitocondri verrà iniettato nel bambino americano medio dal momento che lui o lei raggiunge i 18 mesi d’età (periodo di vita, fra l’altro, in cui molti dei presunti disturbi mitocondriali “ereditari” si manifestano) !

“Aluminum-induced Defective Mitochondrial Metabolism Perturbs Cytoskeletal Dynamics in Human Astrocytoma Cells”
Autori: J. Lemire, R. Mailloux, S. Puiseux-Dao e V. D. Appanna
Pubblicato su Journal of Neuroscience Research 87:1474–1483 (2009)
Consultabile al seguente link: http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/jnr.21965/abstract

Abstract
Sebbene l'[Al]luminio, nota tossina ambientale, sia stato implicato in molteplici disturbi neurologici, il relativo meccanismo molecolare responsabile è ancora in parte poco chiaro. In questa relazione è stata dimostrata la sua capacità d’innescare la disfunzione mitocondriale e di render inefficace la produzione di adenosina trifosfato (ATP), colpendo gravemente le dinamiche del citoscheletro.
Considerando che le cellule di controllo hanno strutture ben definite, le cellule di astrocitoma esposte ad Al appaiono come strutture globulari. Creatina chinasi (CK) e profilin-2, due modulatori critici per la morfologia cellulare, diminuiscono notevolmente negli astrocitoma trattati con Al.
Antiossidanti come a-chetoglutarato e N-acetilcisteina (NAC) mitigano la presenza degli astrocitoma esposti a tossicità dell'[Al]luminio. L’insieme di questi dati rivela un legame intricato fra metabolismo di adenosina trifosfato (ATP) / disfunzione astrocitaria e fornisce approfondimenti molecolari nella patogenesi di patologie neurologiche indotte dall'[Al]luminio

2) Il secondo è inerente a come il mercurio avveleni i mitocondri presenti nel cervello umano, nei nervi, nei muscoli e nelle cellule dell’intero organismo. Negli ultimi 20 anni è stato pubblicato almeno un centinaio di articoli di riviste mediche revisionate (in peer-review) il cui approfondimento verteva sulla neurotossicità del mercurio, il secondo metallo noto più tossico per l’uomo, secondo solo al plutonio che è il primo
Il mercurio, chiamato Thimerosal nel modulo della compagnia “Eli Lilly & Co”, presente nelle vaccinazioni pediatriche e per gli adulti per diverse generazioni è stato recentemente eliminato, ma solo da un certo numero -quindi non da tutti- di tali vaccini quando la AAP ha richiesto ai relativi produttori di eliminarlo da tutti quanti i vaccini, perché molti pediatri interessati erano convinti che il rapido aumento dell’epidemia di autismo viene almeno in parte causato dalla somministrazione in sempre maggior aumento dei vaccini, ed erano appunto nel giusto! Ma l’alluminio neurotossico, spesso inoculato tramite più vaccinazioni in contemporanea, è rimasto nel calendario vaccinale facoltativo, e l’epidemia di patologie autoimmuni croniche fra i bambini vaccinati anche con vaccini facoltativi continua
Tuttavia, le aziende farmaceutiche, i CDC e l’AAP continuano a raccomandare la somministrazione ogni anno del vaccino antinfluenzale (contenente alluminio e mercurio) per neonati prematuri, per neonati con cervello sottosviluppato, per bambini con sistema immunitario vulnerabile come i neonati dai 6 mesi di età e per le loro madri in gravidanza! Che cosa potrebbe andare storto? C’è da chiedersi: chi sono i benefattori e chi sono le vittime?
“Thimerosal-Derived Ethylmercury Is a Mitochondrial Toxin in Human Astrocytes”
Autori: M. A. Sharpe, A. D. Livingston e D. S. Baskin
Pubblicato in data 28/06/2012 su Journal of Toxicology
Consultabile al seguente link: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3395253/

Abstract
Il Thimerosal genera etilmercurio in soluzione acquosa ed è ampiamente usato come (battericida) conservante. È stata studiata la tossicologia del Thimerosal nei normali astrociti umani, con particolare attenzione alla funzione mitocondriale ed alla produzione di ossidanti specifici. È stato rilevato che l’etilmercurio oltre ad inibire la respirazione mitocondriale che porta ad una diminuzione del potenziale stato della membrana, in concomitanza aumenta la formazione di superossido, perossido di idrogeno e dei radicali liberi che vanno a generarsi quali Fenton/Haber-Weiss, ossidanti che incrementano i livelli di aldeide/chetoni nelle cellule. Inoltre è stato rilevato un aumento di cinque volte dei livelli di ossidanti danneggiati nel DNA mitocondriale e nei livelli di tacche di mtDNA e nelle interruzioni della fine di frammenti di DNA risultante dalla rottura delle molecole di DNA. Mitocondri altamente danneggiati sono caratterizzati dall’avere potenziali di membrana molto bassi, maggiore produzione di superossido/perossido di idrogeno e mtDNA e proteine profondamente danneggiate. Questi mitocondri sembrano aver subito una transizione di permeabilità, dato supportato dall’aumento di cinque volte dei livelli dell’attività della proteina Caspase-3 osservato dopo il trattamento col Thimerosal

Introduzione
Il Thimerosal è un conservante ampiamente usato in prodotti medici, fra cui vaccini, preparazioni di immunoglobuline, test cutanei per antigeni, antisiero per morsi di serpenti, prodotti oftalmici e nasali ed inchiostro per tatuaggio, ed è composto da 49,6 per cento di peso da etilmercurio. Il Thimerosal espone a molti dei suoi potenziali effetti tossici, soprattutto feti in utero e neonati, come si evince dai risultati d’una serie di esperimenti che utilizzano colture di astrociti umani normali (NHA) esposti a Thimerosal per studiarne l’effetto sui mitocondri degli astrociti
Stress ossidativo e cervello
Il cervello utilizza il 20% di ossigeno consumato dal corpo, ma costituisce solo il 2% della massa del corpo

3) Il terzo ed ultimo è costituito dalla summa di studi scientifici revisionati (in peer review) inerenti ai pazienti che subiscono danni mitocondriali ed il ruolo di farmaci / prodotti chimici / pesticidi / metalli /componenti dei vaccini ed altri veleni mitocondriali che mettono ogni cellula del nostro corpo ad aumentato rischio di danni permanenti . Il titolo di tale meta-revisione è “Medication-induced Mitochondrial Damage and Disease”, ed è alquanto allarmante che nessun sito web per la difesa dei pazienti con danni mitocondriali sia stato in grado di trovare il link a questo o ad uno dei molteplici articoli che trattano disturbi mitocondriali acquisiti o iatrogeni.

“Medication-induced Mitochondrial Damage and Disease”
Autori: John Neustadt e Steve R. Pieczeni
Pubblicato su Molecular Nutrition and Food Research. 2008, 52, pp 780 – 788
Versione estesa dello studio scientifico consultabile al seguente link: 
http://psychrights.org/research/Digest/NLPs/DrugsCauseMitochondrialDamage.PDF

Abstract
Dal momento che la prima disfunzione mitocondriale venne descritta nel 1960, il ruolo centrale dei mitocondri e l’importanza per la salute (o per la malattia) è ampiamente documentato. È ormai evidente che i danni mitocondriali abbiano un ruolo cruciale nella patogenesi di una vasta gamma di disturbi apparentemente non correlati come schizofrenia, malattia bipolare, demenza, morbo di Alzheimer, epilessia, emicrania, ictus, dolori neuropatici, morbo di Parkinson, atassia, attacchi ischemici transitori, cardiomiopatia, malattie coronariche, sindrome da affaticamento cronico, fibromialgia, retinite pigmentosa, diabete, epatite C e cirrosi biliare primaria
Recentemente è divenuto noto che il danno mitocondriale iatrogeno spiega molte reazioni avverse da farmaci. È stato documentato che tutti i tipi di psicofarmaci danneggiano i mitocondri, come anche le statine, gli analgesici come il paracetamolo, e molti altri
Mentre le terapie nutrizionali mirate con antiossidanti o loro precursori (ad esempio, la N-acetilcisteina o [NAC]) promettono di migliorare la funzione mitocondriale, ci sono grandi lacune nelle nostre conoscenze. L’approccio più razionale è quello di comprendere i meccanismi di fondo dei danni mitocondriali al fine di ottenere farmaci specifici, e tentar di contrastare gli effetti deleteri con terapie nutrizionali 
Questo articolo esamina la comprensione medica di base di come i mitocondri funzionino e di come i farmaci danneggino i mitocondri creando effetti negativi a volte fatali

Introduction
I mitocondri sono le centrali elettriche delle nostre cellule, responsabili per la generazione di energia […] i mitocondri sono l’unica altra struttura subcellulare escluso il nucleo per contenere il DNA. Tuttavia, a differenza del DNA nucleare (nDNA) che è protetto dagli istoni, il DNA mitocondriale (mtDNA) non lo è: gli istoni avvolgono il DNA nucleare (nDNA) e proteggono il DNA fisicamente dai radicali liberi dannosi, riparandone inoltre eventuali interruzioni. Poiché al DNA mitocondriale (mtDNA) manca la protezione strutturale degli istoni e dei loro meccanismi di riparazione, esso è molto sensibili ai danni

Struttura mitocondriale e sue funzioni
Il fabbisogno energetico cellulare controlla il numero di mitocondri per ogni cellula: una sola cellula somatica può contenere da 200 a 2000 mitocondri, mentre le cellule germinali umane come gli spermatozoi contengono un numero fisso di 16 mitocondri e gli ovociti fino a 100.000. Il maggior numero di mitocondri si trova nelle cellule metabolicamente più attivi, come ad esempio nello scheletro, nel muscolo cardiaco, nel fegato e nel cervello. I mitocondri sono presenti in ogni cellula umana, tranne che negli eritrociti maturi (globuli rossi)

Condizioni acquisite con implicata disfunzione mitocondriale (a partire dal 2007)
• Cancro inclusa epatocarcinogenesi associata al virus dell’epatite C
• Diabete di tipo I e II
• Disturbi di ansia
• Disturbo bipolare
• Fatica, inclusa la Sindrome da fatica cronica, Fibromialgia e dolori miofasciali
• Intollerranza all’esercizio fisico
• Invecchiamento e senescenza
• Malattia di Huntington (o corea di Huntington)
• Malattie cardiovascolari, inclusa aterosclerosi
• Morbo di Alzheimer
• Morbo di Parkinson
• Sarcopenia (tipica della terza età, caratterizzata da perdita progressiva di massa muscolare/forza)
• Schizzofrenia
• Steatoepatite non alcolica (NASH – fase avanzata d’infiltrazione lipidica nel fegato)
Farmaci documentati d’indurre un danno mitocondriale (a partire dal 2007)
http://psychrights.org/research/Digest/NLPs/DrugsCauseMitochondrialDamage.PDF
• Anestetici – Es: Lidocaine, Propofol (anche anestetici generali come Alotano, Isoflurane e Sevoflurane)
• Antiaritmici (regolatori del battiro cardiaco) – Es: Amiodarone (anche beta bloccanti)
• Antibiotici – Es: Tetraciclina
• Antidepressivi – Es: Amitriptilina, Citalopram (Celexa), Fluoxetina (Prozac, Symbyax, Sarafem)
• Antipsicotici – Es: Clorpromazina, Flufenazina, Aloperidolo, Risperidone ed altri
• Barbiturici – Es: Amobarbital, Fenobarbital, Pentobarbital, Propofol e Secobarbital
• Componenti dei vaccini quali il Thimerosal o metilmercurio, l’alluminio ed il glicoletilene
• Farmaci analgesici ed antinfiammatori – Es: Aspirina, Paracetamolo, Indometacina, Naproxene
• Farmaci anticolesterolo – Es: tutte le statine (Atorvastatina, Fluvastatin, lovastatina ed altre)
• Farmaci antiepilettici – Ex: Depakin (sodio valproato), Depakote (sodio divalproato)
• Farmaci antiHIV/AIDS – Es: AZT, Zidovudine
• Farmaci chemioterapici anticancro – Es: Mitomicina C, Profiromicina, Adriamicina
• Farmaci ipoglicemizzanti orali – Es: Metformina, Glucophage, Troglitazone, Rosiglitazone
• Farmaci per angina – Es: Amiodarone
• Farmaci per il Morbo di Alzheimer – Ex: Tacrine (Cognex), Galantamina (Exelon)
• Farmaci per il Morbo di Parkinson
• Farmaci per l’alcolismo – Es: Antabuse (o disulfiram)
• Farmaci per l’ansia – Es: tutte le Benzodiazepine (incluse Alprazolam (Xanax) e Diazepam (valium))
• Stabilizzatori dell’umore – Ex: Litio

Meccanismi di danno mitocondriale indotto
I danni mitocondriali sono causati principalmente da speci reattive dell’ossigeno (ROS) generate dai mitocondri stessi. Come preoccupazione medica, l’iperglicemia induce le cellule endoteliali ad iperprodurre superossido mitocondriale, che è un importante mediatore delle complicazioni diabetiche come le malattie cardiovascolari. La produzione di superossido endoteliale contribuisce ad aterosclerosi, ipertensione, insufficienza cardiaca, l’invecchiamento, la sepsi, danno da ischemia-riperfusione e ipercolesterolemia. I mediatori infiammatori come i fattori di necrosi tumorale alfa (TNF-a) sono stati associati in vitro con la disfunzione mitocondriale ed aumentano la produzione di ROS
Vitamine, minerali e altri metaboliti agiscono come cofattori necessari per la sintesi e la funzione degli enzimi mitocondriali e di altri composti che supportano la funzione mitocondriale, e le diete carenti di micronutrienti possono accelerare il decadimento mitocondriale e contribuire alla neurodegenerazione: gli enzimi per sintetizzar l’emoglobina richiedono quantità adeguate di piridossina, ferro, rame, zinco e riboflavina. Una carenza nel ciclo TCA o ETC può portare ad un aumento della produzione di radicali liberi e danni al mtDNA: il ferro basso diminuisce l’attività mitocondriale, provocando una perdita del complesso IV ed un aumento dello stress ossidativo
Danni mitocondriali indotti da farmaci
Le disfunzioni mitocondriali son sempre più implicate nell’eziologia di tossicità indotta da farmaci, ma i test di tossicità mitocondriale non sono ancora richiesti dalla FDA negli Stati Uniti per l’approvazione di un medicinale. I mitocondri possono essere danneggiati sia direttamente che indirettamente dai farmaci

Conclusioni
Dal momento che la prima disfunzione mitocondriale venne descritta nel 1960, il ruolo centrale dei mitocondri e l’importanza per la salute (o per la malattia) è ampiamente documentato. È ormai evidente che i danni mitocondriali abbiano un ruolo cruciale per la patogenesi di una vasta gamma di disturbi apparentemente non correlati come la schizofrenia, il diabete di tipo I e II, il morbo di Parkinson, la sindrome da stanchezza cronica e la steatoepatite non alcolica (fase avanzata di infiltrazione grassa del fegato)
Recentemente è divenuto noto che il danno mitocondriale iatrogeno spiega molte reazioni avverse da farmaci: i test di tossicità mitocondriale, come parte del processo di pre-approvazione dei farmaci possono aiutare a proteggere i pazienti attraverso l’identificazione dei farmaci più tossici prima che essi vengano autorizzati ad essere immessi nel mercato. Attraverso la comprensione dei meccanismi del danno mitocondriale indotto da farmaci, sarà possibile sviluppare strategie nutrizionali per diminuirne gli effetti potenzialmente tossici. Mentre le terapie nutrizionali mirate con antiossidanti o loro precursori (ad esempio, la N-acetilcisteina o [NAC]) promettono di migliorare la funzione mitocondriale, ci sono grandi lacune nelle nostre conoscenze. L’approccio più razionale è quello di comprendere i meccanismi di fondo dei danni mitocondriali al fine di ottenere farmaci specifici, e tentar di contrastare gli effetti deleteri con terapie nutrizionali. Mancano invero studi casuali e mirati a tal proposito, che si spera saranno ideati e condotti nei prossimi anni in modo che i medici possano avere una più chiara comprensione di come curare e proteggere al meglio i loro pazienti

Il Dr Kohls è un medico in pensione che praticava medicina olistica per la salute mentale durante l’ultimo decennio della sua carriera. Virtualmente tutti i suoi pazienti mostravano sindromi iatrogene come quelle menzionate nel suddetto articolo. Col senno di poi, i pazienti stavano effettivamente manifestando patologie mitocondriali iatrogene. La sua pratica è consistita principalmente nell’aiutare i suoi pazienti, attraverso la terapia di nutrienti mirati per il cervello, psicoterapia psico-educativo e la graduale riduzione o eliminazione dei farmaci psicotropi che li stavano nauseando. Attualmente scrive una rubrica settimanale per il Reader Weekly, un settimanale alternativo pubblicato a Duluth, Minnesota, Stati Uniti d’America, e molti dei suoi articoli vengono archiviati al seguente indirizzo web:
http://duluthreader.com/articles/categories/200_Duty_to_Warn

(*) Versione adattata *** con informazioni/approfondimenti aggiunti *** alla lingua italiana dell’articolo (che ha funto da base) “Mitochondrial Collateral Damage Thanks to Big Pharma”

AUTOIMMUNITYREACTIONS - 05/02/2017 - Danno Mitocondriale e Autoimmunità

Fig. 1 - DNA Mitocondriale e DNA Mitocondriale Mutante.

Esiste una correlazione fra il danno mitocondriale indotto dai farmaci e dai vaccini e l’insorgenza delle patologie autoimmuni ?
Possono i sali di alluminio nelle forme presenti nei vaccini alterare i fisiologismi del citoscheletro e degli astrociti umani ?
Il Thimerosal è ufficialmente assente dai vaccini pediatrici ma una piccola parte di esso è sempre presente in quanto residuo della tecnologia della loro preparazione.
Essendo dotato della capacità di agire a bassissime concentrazioni, è sul banco di accusa in quanto inibente la respirazione mitocondriale nonché attivatore di processi di formazione di superossidi, perossidi e radicali ossidrile Fenton/Haber-Weiss.

Quanto è importante la salute mitocondriale ?
In ogni cellula umana esistono numerosi mitocondri. Essi si comportano in modo paragonabile a dei generatori di energia all’interno di una rete di cellule. Tutte le cause che ne compromettono il regolare funzionamento sono perciò in grado di compromettere le funzionalità (e comportare la relativa morte) delle cellule.
Ogni mitocondrio possiede una quota DNA circolare, chiamato DNA mitocondriale, che orienta la sintesi di numerose molecole fondamentali per la produzione di energia. Il DNA mitocondriale ha però delle capacità di auto-riparazione limitate, accade che quote di esso vadano incontro a mutazioni. Per questo, le versioni normali e quelle mutanti di DNA mitocondriale si trovano normalmente nella stessa cellula, una condizione definita eteroplasmia. La maggior parte delle persone nasce con un certo livello di eteroplasmia;  i livelli di DNA mitocondriale mutante si accrescono durante tutto l’arco vitale. Quando viene raggiunta una soglia critica di DNA mitocondriale mutante, le cellule perdono le funzionalità che sono loro proprie e muoiono.

DNA Mitocondriale a Soglia di Criticità
Quando i livelli di DNA mitocondriale mutante raggiungono dei livelli critici, si verifica un processo di mitofagia (la cellula fagocita il mitocondrio). Una valutazione di questo processo di “autofagia” dovrebbe essere effettuata attraverso l’analisi genetica, rivolta ad accertare il DNA mitocondriale e l’individuazione del gene corrispondente che controlla detto processo.
Molte patologie sono causate dal DNA mitocondriale mutante ed includono una gamma molto estesa di patologie a carattere neurodegenerativo: Autismo, Disturbi dello Spettro Autistico,  Sindrome da stanchezza cronica, Disturbi metabolici, Schizofrenia, Disautonomia, Disturbi del comportamento, ecc.

Fig. 2 - Processi di Autofagia Mitocondriale

[Special Thanks to John Catanzaro, MD]

Azioni sul Metabolismo Mitocondriale Indotte da: Alluminio, Metilmercurio Vaccinali e Farmaci
Il metabolismo mitocondriale alterato indotto dall’Alluminio perturba la dinamica del citoscheletro delle cellule di astrocitomi umani. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19084901
“L’alluminio è in grado di innescare la disfunzione mitocondriale e di rendere la produzione di adenosina trifosfato (ATP) inefficace….”
“….Questi dati rivelano un legame intricato tra il metabolismo dell’ATP e la disfunzione degli astrociti e forniscono gli approfondimenti molecolari nella patogenesi delle malattie neurologiche indotte dall’alluminio…”

Il Thimerosal (metilmercurio) è una tossina mitocondriale negli astrociti umani.
“….Abbiamo studiato la tossicologia del Thimerosal negli astrociti umani normali (cellule a forma di stella del cervello), prestando particolare attenzione alla funzione mitocondriale e alla produzione di ossidanti specifici. Troviamo che il mercurio etilico non inibisce solo la  respirazione mitocondriale che porta ad una diminuzione del potenziale di membrana nello stato stazionario ma, in concomitanza con questi fenomeni, aumenta anche la formazione di superossido, perossido di idrogeno, e di radicali ossidrile Fenton/Haber-Weiss …”

- http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3395253/
- http://ww2.unime.it/cclchim/generale/redox/ChiII(0405)05RadicaliOssigeno.pdf

Danno mitocondriale farmaco-indotto e la malattia
“….Fin da quando la disfunzione mitocondriale è stata descritta per la prima volta negli anni ’60, la medicina ha fatto progressi nella comprensione del ruolo dei mitocondri nel determinare lo stato di salute e di malattia….”
“….È ormai acquisito che i danni ai mitocondri hanno un ruolo nella patogenesi di una vasta gamma di disturbi apparentemente non correlati, come la schizofrenia, la malattia bipolare, la demenza, malattia di Alzheimer, l’epilessia, l’emicrania, l’ictus, il dolore neuropatico, il morbo di Parkinson, l’atassia, l’attacco ischemico transitorio, la cardiomiopatia, la malattia coronarica, la sindrome da affaticamento cronico, la fibromialgia, la retinite pigmentosa, il diabete, l’epatite C e cirrosi biliare primaria…”
“…I farmaci sono ora emersi come una delle principali cause di danno mitocondriale, che può spiegare molti effetti negativi…”
- http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18626887
“….I grovigli neurofibrillari riscontrati nel cervello degli individui affetti da malattia di Alzheimer contengono neurofilamenti e altre proteine…”
(da: Vinay Kumar. “ROBBINS – KUMAR & KLATT. Il manuale di patologia generale e anatomia patologica (Italian Edition”).

“…Tutte le classi di farmaci psicotropi sono stati documentati come in grado di danneggiare i mitocondri, così come hanno fatto le statine, gli analgesici come il paracetamolo, e molti altri…È ormai acquisito che il danno mitocondriale svolge un ruolo in una vasta gamma di disturbi apparentemente non correlati come la schizofrenia, il diabete, il morbo di Parkinson, la sindrome da stanchezza cronica, e la steatoepatite non alcolica. Recentemente è diventato noto che il danno mitocondriale spiega molte reazioni avverse da farmaci“, scrivono il Dr. John Neustadt e il dottor Steven Pieczenik. – Mol Nutr. Food Res. 2008 Jul;52(7):780-8. doi: 10.1002/mnfr.200700075.
- http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18626887

Mitochondrial dysfunction, impaired oxidative-reduction activity, degeneration, and death in human neuronal and fetal cells induced by low-level exposure to thimerosal and other metal compounds.
- http://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/02772240802246458

Vaccini ordinariamente somministrati negli ambulatori medici italiani:
http://autismovaccini.org/foglietti-illustrativi/
Tratto da: http://autoimmunityreactions.org/2017/02/05/danno-mitocondriale-e-autoimmunita/