Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


VACCINO per la PAROTITE  (Orecchioni) ed i suoi DANNI
Il Thimerosal dei vaccini distrugge e/o altera la flora intestinale essendo una sostanza altamente tossica
Ecco il recente studio che ha coinvolto più di 17.000 bambini fino a 19 anni
Questo studio-indagine attualmente in corso è stato avviato dall’omeopata Andreas Bachmair.

Premi in denaro ai medici che vaccinano...
 

La Parotite, si localizza primariamente ad una o entrambe le parotidi, grosse ghiandole salivari poste nel retrobocca, dietro ai rami della mandibola, ovvero gli Orecchioni + malattie dell'orecchio
Questa e' la definizione della Parotite da parte della medicina ufficiale, ma
non e' cosi' = è una malattia contagiosa di "origine virale" che colpisce le ghiandole salivari (NdR: cosi' ci dicono i medici allopati, "origine virale", ma secondo la medicina naturale non e' cosi', trattasi di infiammazione che parte dai problemi dell'intestino e che colpisce la "zona", in certe condizioni climatiche, di freddo e/o cambiamento di stagione).

Parotite e sue Complicanze:
Il periodo di incubazione dura circa  2-3 settimane: è generalmente asintomatico, sebbene possa essere talora accompagnato da malessere, anoressia (perdita dell'appetito), brivido, febbricola.
L'esordio della parotite è invece acuto, con febbre, otalgia (dolore all'orecchio interno), mialgie (dolori muscolari), cefalea e tumefazione delle parotidi, senza segni superficiali di infiammazione: esse appaiono dolenti, mal delimitabili e di  consistenza dura ed elastica. L'interessamento è inizialmente monolaterale (da un solo lato), ma nella maggior parte dei casi (75%), in circa 2 giorni, viene coinvolta anche la parotide controlaterale.
Possono essere interessate anche altre ghiandole salivari, quali le sottomandibolari e le sublinguali.
Si associano febbre e malessere. Circa 24 ore prima della comparsa del rigonfiamento delle parotidi, possono presentarsi brividi, cefalea e un leggero rialzo termico.
Nei bambini la malattia si risolve in pochi giorni nella maggior parte dei casi. Tra le complicazioni descritte vi sono encefaliti (0,02-0,3%), meningiti (0,5-15%), pancreatite (4%) e danni all’udito.
Nei bambini, in 5 casi ogni 100.000 di malattia, (NdR: perche' malcurate da medici impreparati) la parotite causa perdita dell’udito: questa infezione rappresenta infatti la principale causa di sordità neurosensoriale infantile acquisita.
L’encefalite porta raramente alla morte, ma si possono avere conseguenze permanenti come paralisi, epilessia, paralisi dei nervi facciali, stenosi acqueduttale e idrocefalia.
Negli adulti le complicanze sono più frequenti. Nel 20-30% dei maschi dopo la pubertà si ha l’insorgenza dell’orchite, una malattia infiammatoria molto dolorosa, caratterizzata dal gonfiore di uno o di entrambi i testicoli. Questa, sebbene raramente, può risolversi in un’atrofia testicolare con conseguente sterilità. L’ooforite e la mastite sono relativamente rare e in genere non hanno conseguenze durature.
Il contagio durante le prime 12 settimane di gravidanza è associato a un’alta percentuale di aborti spontanei (25%), ma non comporta il rischio di malformazioni del feto.
La  febbre, abitualmente intorno ai 38-40°C, persiste per 4-5 giorni, poi si risolve, contemporaneamente all'attenuazione del dolore e dei sintomi generali. Possono esserci anche delle localizzazioni extrasalivari del virus, e si possono avere in qualunque fase della malattia, prevalentemente dopo l'interessamento delle parotidi.
L'aumento di volume delle parotidi si protrae per 2-3 giorni conferendo al paziente una facies (aspetto del viso) particolare (donde il nome particolare di orecchioni) a causa dello spostamento in avanti ed in fuori dei padiglioni auricolari.
Nel volgere di una settimana circa, le ghiandole ritornano alle normali dimensioni. La fase acuta della parotite epidemica è caratterizzata da un dolore  spontaneo nelle sedi delle ghiandole parotidi, che si accentua con la masticazione, l'assunzione di cibi acidi e la palpazione; all'interno del cavo orale, spesso si evidenziano l'arrossamento e la tumefazione del dotto escretore delle ghiandole, attraverso cui viene immessa la saliva nella bocca, che può apparire circondato da piccole emorragie.
Gli altri organi maggiormente interessati sono:
- I testicoli, in cui possiamo avere un orchiepididimite (un infiammazione dell'epididimo). Essa si presenta nel 20-30% dei maschi dopo la pubertà ed è bilaterale in un sesto dei casi. È caratterizzata da tumefazione e dolori allo scroto, nausea, vomito, febbre. Questa complicanza della parotite è solitamente benigna e regredisce entro 5-7 giorni. Talvolta, in una piccola percentuale di casi, può determinare sterilità .
- Il pancreas, con una pancreatite, anche se in un numero ridotto di casi. Talvolta il quadro può essere confuso con un appendicite, oppure limitarsi alla comparsa di dolori addominali, nausea, vomito, stitichezza o diarrea.
L'esito abituale è la guarigione in pochi giorni, sono rare le complicanze gravi, mentre non si esclude la possibilità che l'infezione favorisca l'insorgenza del diabete.
- L'interessamento del sistema nervoso centrale si rende clinicamente evidente nel 10% circa dei casi. Può essere asintomatico, oppure manifestarsi con una meningite (infiammazione delle meningi, che sono le membrane che avvolgono il cervello), caratterizzata da febbre, cefalea, vomito, nausea, rigidità della nuca. La sintomatologia regredisce entro 1-2 settimane senza conseguenze. Nei casi più gravi possiamo avere anche una encefalite (infiammazione del cervello), con grave alterazione dello stato di coscienza, convulsioni, paresi e movimenti involontari.
- Tra le altre manifestazioni della parotite, peraltro poco frequenti, troviamo la prostatite (infiammazione della prostata) nel sesso maschile, l'ooforite (infiammazione delle ovaie) descritta in una modesta  percentuale della casistica femminile, tiroidite, miocardite e pericardite.
Sono state inoltre descritte  manifestazioni oculari (cheratite, irite, congiuntivite), delle articolazioni, polmonari ed epatiche. In alcuni casi, l'infezione contratta in fase precoce di gravidanza ha condotto all'aborto, o la possibilità di sviluppo di danni cardiaci nel nascituro.

Quello che le autorita' sanitarie non vogliono dire e' che la parotite (Orecchioni) e' frutto di alterazione degli enzimi, della flora batterica intestinale = carenze nutrizionali (malnutrizione) in soggetti con Terreno disordinato ed immunodepressi da vaccinazioni precedenti e/o da mutazioni genetiche ereditate da genitori vaccinati od indotte con i vaccini inoculati al soggetto !
In genere vi sono le mutazioni del braccio corto del cromosoma 6 + quella del cromosoma 10 e forse di altri che non sono ancora stati scoperti. Il virus e' una cosa assolutamente secondaria, perche' ne e' conseguenza e non causa !
La sintomatologia è caratterizzata da un rigonfiamento dolorante della zona sotto l'orecchio e sulla linea mascellare, da febbre, mal di testa, dolori muscolari e vomito. I testicoli e le ovaie, oltre al seno nelle donne, si possono infiammare e gonfiare. 
E' piuttosto raro che la parotite si presenti in forma grave e di solito i sintomi spariscono entro 10 giorni.
Circa il 35% dei maschi in età post-puberale viene comunque colpito dalla malattia e sviluppa l'orchite e l'infiammazione dei testicoli.

La cura (secondo i medici della medicina ufficiale, incapaci a sanare) consiste principalmente nel lasciare che la malattia faccia il suo corso.
Viene consigliato anche il riposo a letto, una dieta leggera e idrica e impacchi di ghiaccio per ridurre il gonfiore.
La Medicina Naturale consiglia di attuare il: Protocollo della Salute

Iniziando a disintossicare, disinfiammare e far uscire dall'organismo lo stato febbrile esistente, iniziando a curare l'intestino ecc.

RISULTANZE: La parotite è una malattia generalmente innocua nell'infanzia e che lascia sempre un'immunità permanente.
Le Ragazze che hanno contratto la parotite naturalmente durante l’infanzia hanno meno probabilità di sviluppare il cancro ovarico da adulte
- West, R. “Epidemiologic study of malignancies of the ovaries.” Cancer 1966; 19:1001-1007.
- Wynder, E., et al. “Epidemiology of cancer of the ovary.” Cancer 1969; 23:352.
- Newhouse, M., et al. “A case control study of carcinoma of the ovary.” Brit J Prev Soc Med 1977; 31:148-53.
- McGowan, L., et al. “The woman at risk from developing ovarian cancer.” Gynecol Oncol1979; 7:325-344

L'immunità artificiale conferita attraverso il vaccino antiparotite non solo non dura nel tempo, ma e'
altamente pericolosa.
Studi recenti mostrano un numero considerevole di casi di orecchioni fra persone vaccinate in precedenza per questa malattia. 

L'orchite, che rappresenta la complicazione più probabile della parotite, raramente colpisce entrambi i testicoli.
La sterilità, che comunemente viene associata alla malattia, è quindi molto improbabile.
Le reazioni contrarie al vaccino antiparotite potrebbero essere responsabili del recente aumento di casi di encefalite indotta da vaccino.

Gli autori dell'articolo dedussero che questi temevano "
reazioni impreviste al vaccino".

Quali ?:
Alterazioni a carico del sistema nervoso centrale, incluse encefaliti, encefalopatie, epilessie, autismo,  trombocitopenia, artriti o artralgie, dolori e parestesie, ecc.

Tra il luglio 1998 e l'aprile 1999, in una comunità religiosa ebrea di Londra, sono stati notificati 144 casi di parotite e l'infezione è stata confermata nell'82% dei pazienti per cui è stata effettuata un'analisi della saliva (51/62).
Metà dei casi clinici e metà di quelli confermati avevano ricevuto una dose di vaccino MPR. E' stata condotta un'indagine sull'efficacia del vaccino.

vedi: Teoria dei germi e' Falsa + Malattie gravi dai Vaccini  +  Sordita' + Morti per vaccino + Effetto Gregge + Meccanismo dei danni dei vaccini +
Dati ISTAT

Credo che tutti sappiano che la vaccinazione "obbligatoria" non è altro che un affare tra alcuni politici e le "famiglie" proprietarie delle multinazionali farmaceutiche che formano le Lobbies - BIG PHARMA + Big Pharma 2 + Danni dei vaccini (English)
 
Sono efficaci i Vaccini ? - vedi ad esempio quello per la Pertosse
Ultimamente alcuni media in vari paesi del mondo, quelli legati a
Big Pharma, hanno scatenato una campagna diffamatoria contro i genitori che, essendosi informati, hanno detto "no grazie" ai vaccini.
Volete vaccinarvi ? Liberissimi di farlo ! Così le case farmaceutiche vi lasciano in pace e guadagnano un sacco di soldi sulla vostra pelle e su quella dei vostri figli….
http://www.shafaqna.com/english/component/k2/item/5102-anti-vaccination-propagandists-help-create-the-worst-whooping-cough-epidemic-in-70-years.html

Vaccini obbligatori o no, tutti quanti sono da sempre sbandierati come utili e sicuri anche e non solo dal Ministero della salute, ma esiste una sentenza ben precisa (ignorata da tutti…) che mostra come tali distinzioni fra vaccini obbligatori e non, NON possono sussistere - vedi: Sentenza Corte Costituzionale
Le famiglie dei danneggiati da vaccino dal canto loro sottolineano “lo stato di abbandono in cui sono  state lasciate dalle cosiddette “istituzioni che dovrebbero tutelare”, infatti “tutelano” ma solo i fatturati di Big Pharma….". + Corruzione per i Vaccini

"Il vaccino per la parotite era noto per essere inefficace, dopo due gravi epidemie sviluppatesi nella popolazione vaccinata negli Stati Uniti. Eppure la soluzione intrapresa è stata quella di raddoppiare i richiami nei bambini con un vaccino inefficace, come sostenuto anche da alcuni ex virologi della Merck". Tratto da: autismovaccini.org


Queste le malattie che possono produrre i Vaccini con i propri antigeni !
 


Meccanismo dei DANNI dei Vaccini, delle Amalgami dentali e/o Metalli Tossici  (che hanno le madri durante la gravidanza) - Questo meccanismo vale anche per TUTTI i Vaccini !
vedi QUI le scoperte ed i filmati del dott. Moulder, in Canada +
Poliomielite + Dati ISTAT + Statistiche Istat sui vaccini +  Interrogazione Parlamentare  + Danni neurologici da Vaccino +  Contenuto dei vaccini + Alimentazione - Crudismo + Frutta e Verdure

FATE ATTENZIONE, questo e' MOLTO IMPORTANTE:
Questi sono i principali vaccini per le quali si effettua la vaccinazione:
Polio + Vaiolo + Difterite + Tetano  + Epatite B + Pertosse + Morbillo + Rosolia + Meningite + HPV (Cervarix-Gardasil per Tumore all'utero) +  Varicella + Influenza

VACCINI PEDIATRICI CORRUTTORI & VENDUTI
Si inventano malattie e si alimentano epidemie per imporre nuovi mercati e fagocitare profitti stellari.

 ....si fa SEMPRE del terrorismo mediatico sulla popolazione ignara, spaventandola, elencando le varie “malattie” che si potrebbero scatenare, se non ci si vaccina, quindi loro dicono che occorre vaccinarsi, ma questi stessi terroristi mediatici, i medici ufficiali che sponsorizzano i vaccini, non si rendono conto delle loro stupidate e qui ve lo dimostriamo:
 
Nella medicina ufficiale, ormai serva di Big Pharma, nelle universita’ ove si insegna medicina ai futuri medici si dice che le malattie hanno delle complicanze e che sono generate da batteri e virus (cosa non vera in quanto e’ il terreno, la matrice  adatta che permette e/o produce l’insediamento di virus e batteri), ma cio’ che non dicono o fanno finta di di dimenticare e' che, secondo questa loro teoria, anche se ve lo ripetiamo, e’ falsa,  anche gli antigeni dei vaccini, possono produrre le stesse complicanze…quindi ecco DIMOSTRATO, con le stesse argomentazioni della medicina ufficiale, che i vaccini possono produrre molte e gravi malattie !
 


Vaccino per gli Orecchioni (Parotite)

Negli anni 70 erano sorti timori sull’impiego del vaccino DTP (Difterite, Tetano, Pertosse), ed in particolare riguardo alla componente Pertosse. C’erano state segnalazioni che il vaccino DTP fosse causa di danni cerebrali.
Successivamente negli anni 80 non è emersa alcuna relazione tra danno cerebrale e somministrazione del vaccino DTP, dagli studi finanziati da Big Pharma, mentre i ricercatori indipendenti hanno fornito una serie enorme di documentazioni  riguardo ai danni dei vaccini
Le Autorità Sanitarie sull’onda della protesta popolare lasciarono decidere i genitori se vaccinare o meno i propri figli contro la pertosse. Più del 50% dei genitori scelse di non vaccinazione contro la pertosse.
A causa di questo ci furono in Gran Bretagna 3 epidemie di pertosse che causarono più di 100 morti. (UKonline.gov.uk-Xagena)
(NdR: Questo perche' i medici che li hanno in cura non sono preparati a sufficienza dalle Universita' e quindi non sanno consigliare i genitori dei bambini sul cosa e come fare per evitare che la malattia si manifesti).

 

Di Vaccini.net - Fonte: Yahoo News

Nel 1998, il dottor Andrew Wakefield aveva riferito di 1 bambino con autismo e con malattia infiammatoria intestinale dopo aver ricevuto il vaccino MMR (Morbillo, Parotite, Rosolia ).

Gli Autori dello studio avevano concluso che non c’era evidenza che il vaccino fosse responsabile del presentarsi di autismo e di malattia, poi sono arrivati gli studi del dott. M. Montinari che hanno non solo trovato il nesso fra vaccini ed autismo, ma anche documentato le mutazioni genetiche avvenute nei bambini vaccinati ! Successivamente il dott. Wakefield ha inytrapreso uno studio su 25 bambini resi autistici dai vaccini.

Ovviamente questa notizia ha creato grande preoccupazione nei genitori i cui figli devono sottoporsi alla vaccinazione per il Morbillo, la Parotite e la Rosolia o che avevano già ricevuto il vaccino.

Lo sapete che il vaccino antiparotitico contiene virus attenuati (con formaldeide) che sono coltivati in colture di cellule di embrioni di pollo e addizionati con neomicina, e che per questo motivo la vaccinazione è altamente controindicata in soggetti allergici all'uovo, e/o alla neomicina e dato che contiene virus attenuato, è controindicato anche in bambini immunodepressi, che sono il 75% dei bambini che nascono al giorno di oggi…..perche' figli di genitori vaccinati...
Tra le reazioni avverse alla vaccinazione sono possibili infiammazione della ghiandola parotide, febbre e reazioni allergiche, convulsioni, encefaliti e meningiti. In particolare, l’incidenza della meningite asettica pare essere di un caso ogni 1.000 o 5.800 vaccinati e se questi dati vanno confrontati con l’incidenza dei casi di meningite dopo parotite epidemica naturale (1 caso ogni 6.170 bambini infettati), non sembrano giustificare la vaccinazione.
Non c’è una motivazione sufficiente per vaccinare le femmine, dato che i rischi principali coinvolgerebbero i maschi, similmente al vaccino antirosolia, la vaccinazione delle femmine viene ugualmente consigliata....


Quanti sono i pediatri che controllano il livello di immunodepressione del bambino da vaccinare prima della vaccinazione e quanti che avvertono i loro genitori, di cio’ ??


vedi anche Polio + Vaiolo + Difterite + Tetano  + Epatite B + Pertosse + Morbillo + Rosolia + Meningite

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Uno studio scientifico mostra che il vaccino quadrivalente per il papilloma virus può causare vasculopatia autoimmuni fatali (ovvero mortali).
Lo studio realizzato dai due medici canadesi Lucija Tomljenovic e Cristopher A. Shaw si intitola "Morte dopo il vaccino contro il papilloma virus, c'è una relazione causale o è una coincidenza ? " e si può leggere (in inglese) al seguente link
http://sanevax.org/wp-content/uploads/2012/10/Tomljenovic-Shaw-Gardasil-Causal-Coincidental-2167-7689-S12-001.pdf.
Le conclusioni dell'articolo non sono per niente ambigue: il vaccino in questione può innescare una reazione autoimmune che può essere talora mortale. Le conclusioni sono motivate dal fatto che molte delle reazioni avverse a tale vaccino finora registrate corrispondono a sintomi di vasculopatia cerebrale.
Studi come questo ovviamente mettono in un angolo tutti i ministeri della sanità che negano continuamente ogni correlazione tra le morti ed i vaccini.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il VACCINO per gli ORECCHIONI (Parotite) OLTRE ad ESSERE NOCIVO....NON SERVE a NULLA, tant'e' che ci ammala facilmente delle malattie per le quali ci si vaccina !  Questa notizia viene niente meno che dalla CNN, tramite il suo sito.
Qui di seguito la traduzione di alcune parti particolarmente interessanti dell'articolo More than 1,000 get mumps in New York, New Jersey since August pubblicato il 9 febbraio 2010.
In sintesi:
Nel 2010 un'epidemia di orecchioni ha contagiato 1.000 bambini nel nord del New Jersey e nel sud di New York. Quasi l'80% di loro era stato vaccinato con l'MMR (contro morbillo, orecchioni e rosolia). Negli anni '80 le autorità hanno riportato di numerosi focolai di morbillo tra bambini vaccinati in zone diverse contando una scuola media e un istituto superiore dell'Illinois, un liceo del Massachusettes, una regione della Francia e un'area rurale nei dintorni di Helsinki, Finlandia. In entrambe le scuole statunitensi si contava oltre il 90% di alunni vaccinati contro il morbillo. I sostenitori del vaccino affermano che un tasso di vaccinazione del 90% in una qualunque popolazione garantisce l'immunità di suddetta popolazione.


Più di 1.000 persone hanno contratto gli orecchioni negli stati di New York e New Jersey a partire da Agosto 2009
New York (CNN) - Le autorità sanitarie hanno affermato lunedì che  a partire da agosto si sono ammalate di orecchioni (ovvero parotite - N.d.R.) più di 1.000 persone negli stati del New Jersey  e di New York, molte delle quali sono adolescenti ebrei ortodossi.
La contea di Orange, nello stato di New York, ha confermato 494 casi a novembre, ha detto alla CNN il portavoce della contea Richard Mayfield. Quasi tutte queste persone ammalate, egli ha detto, appartengono alla popolazione ebraica ortodossa o chassidica, e la loro età media è di 14 anni.
(... dopo un piccolo elenco di cifre relative ai casi di parotite ed alla loro distribuzione geografica ed una precisazione sul fatto che l'epidemia è partita da un campo estivo dei ragazzi ebrei ortodossi, ecco la parte più importante ...)
Il rabbino Yehunda Pirutinsky di Lakewood, nel New Jersey, è rimasto sorpreso quando al suo figlio di 14 anni è stata diagnosticata la parotite una settimana fa. Lakewood appartiene alla contea di Ocean.
"E' stato completamente vaccinato [ovvero ha ricevuto entrambe le vaccinazioni per gli orecchioni, come specificato in seguito -
N.d.T.]" ha detto Pirutinsky. "E quindi è stata una sorpresa per noi che si sia ammalato di orecchioni."

Chiunque sia completamente vaccinato  nei confronti della parotite riceve due dosi del vaccino, secondo quanto raccomanda il Center for Disease Control - CDC, Centro per il Controllo della Malattie]

Dei casi del New Jersey, il 88 per cento erano vaccinati, afferma Terjesen (NdR: in parole povere il vaccino non funziona proprio ! ).
Ma il vaccino non è efficace al 100 per cento, secondo il CDC. Dopo la somministrazione delle due dosi, il vaccino è efficace dal 76 al 95 per cento, afferma il CDC sul suo sito Web (NdR: ci piacerebbe sapere come fa il famigerato CDC a fornire simili stime irreali quando le prove raccolte sul campo mostrano esattamente il contrario, ovvero che il vaccino non funziona, dato che il  88% delle persone che hanno contratto il virus era già stata vaccinata, e l'altro rimanente non si e' ammalato perche' il loro sistema immunitario li ha salvati, malgrado il vaccino...... ).

Forse può sembrare paradossale, ma non sarebbe certo il primo caso nell'ambito farmacologico, che il vaccino che dovrebbe proteggere dalla parotite e dalle sue complicazioni, tra le quali la sordità, contiene un composto che è  tossico a livello auricolare: la neomicina -  il rischio di sordità è generalmente collegato all'uso prolungato del farmaco e può essere incrementato in caso di danno renale o in presenza di timpano perforato. Ma generalmente collegato all'uso prolungato del farmaco vuol dire che ci sono casi in cui un uso del farmaco limitato nel tempo può generare sordità.
-  la neomicina presenta potenti proprietà nefrotossiche (proprietà di essere tossico per le cellule del rene) e ototossiche (qualità di farmaci tossici a livello auricolare) il rischio di sordità è generalmente collegato all'uso prolungato del farmaco e può essere incrementato in caso di danno renale o in presenza di timpano perforato. La neomicina può provocare paralisi neuromuscolare che si può manifestare con depressione e/o blocco respiratorio. Può inoltre indurre nausea, vomito, diarrea, sindrome da malassorbimento con steatorrea. Presenza di una eccessiva quantità di grassi nelle feci e diarrea. La neomicina somministrata per via orale provoca una riduzione della flora batterica intestinale alla quale consegue il rischio di infezioni secondarie da parte di organismi opportunisti. Probabilmente questa è la causa della diarrea comparsa nei pazienti trattati per lunghi periodi con neomicina nel trattamento dell'ipercolesterolemia.

L'inefficacia del vaccino per la parotite
Cerchiamo di fare una maggiore chiarezza su questo vaccino e sulla sua presunta efficacia, tanto sbandierata dalle istituzioni sanitarie andando a sbirciare tra i dati presentati dalle fonti ufficiali...
Leggiamo su www.immunizationinfo.org/vaccines/mumps, sito governativo della rete federale per l'informazione sull'immunizzazione (ovvero sulla vaccinazione) che le due dosi di vaccino trivalente per il Morbillo, Parotite e Rosolia vengono somministrate la prima ad un anno di età e la seconda fra i 4 ed i 6 anni; in ogni caso (anche qualora si avesse fretta di somministrare entrambe le dosi per avere una maggiore protezione) bisogna che ci sia un intervallo di almeno 4 settimane fra le due iniezioni ("Two doses of MMR vaccine administered on or after the first birthday are recommended for all children. The first dose is generally given at 12 to 15 months of age, and the second dose is generally given at four to six years of age. There must be a minimum of four weeks between doses").
Questo ci permette di asserire che gli adolescenti vaccinati che hanno contratto la parotite (di cui si parla nell'articolo della CNN) avendo abbondantemente superato i 6 anni avevano già ricevuto entrambe le dosi del vaccino.
Sempre alla stessa pagina possiamo leggere che a seguito della somministrazione di tali vaccini una percentuale tra l'80 ed il 90% di chi ha ricevuto la prima dose è "immune", e che le due dosi "dovrebbero proteggere" la maggior parte dei bambini ("Under conditions of routine use in the United States 80-90 percent of those who receive MMR vaccine at one year of age or older are immune after the first dose. The two dos schedule should protect most children").

Troviamo conferma di questi dati in un articolo comparso sul New England Journal of Medicine nel quale si riferisce più esattamente che la sieroconversione (NdR: ovvero il possibile, non certo, sviluppo degli anticorpi al virus, ma nella realta' cio' non avviene che nel 70% dei casi, in quanto l'organismo prima di produrre anticorpi, riesce ad isolare ed immagazzinare e/o eliminare queste sostanze eterologhe=estranee=tossiche) dopo due dosi del vaccino "è stimata" (NdR: dai produttori dei vaccini....) al 98% per il morbillo e circa all'88% per gli orecchioni ("the conversion rate is lower for mumps, approximately 88 percent").
Nell'articolo della CNN sui tantissimi casi di parotite riscontrati in adolescenti non vaccinati (il 77% delle persone infettate pero' erano state gia' vaccinate con quel vaccino !) veniva però detto (per cercare di giustificare la pessima performance del vaccino) che l'efficacia delle due dosi del vaccino non era assoluta, ma che si situava tra il 76 ed il 95%.

In realtà per capire bene il significato di questo dato dovremmo dare un'occhiata a quanto dice l'ente governativo CDC in un suo articolo dove viene precisato che l'efficacia del vaccino viene "stimata" essere del 91% per gli scolari della sesta classe (intorno ai 12 anni di età, e che quindi hanno ricevuto le due dosi) o più precisamente compresa con una probabilità del 95% tra il 77 ed il 93% ("Vaccine efficacy was estimated to be 91% for sixth graders, with a 95% confidence interval of 77%-93% "). Per chi non avesse dimestichezza con la statistica ciò vuol dire che si è certi al 95% che il dato reale sia compreso tra il 77 ed il 93%.

Ma la situazione si complica ancora un poco se leggiamo l'ennesima fonte ufficiale, sempre il famigerato Center for Disease Control (CDC) che in un suo articolo sulla vicenda, afferma che le stime dell'efficacia del vaccino per la parotite sono variate negli studi precedenti, variando dal 73% to 91% per l'immunità fornita da una dose e dal 79% to 95%, per la protezione fornita da due dosi e che (udite, udite !) almeno uno studio ha ottenuto che le due dosi sono più efficaci di una ("At least one study found 2 doses to be more effective than 1 dose. Estimates of the effectiveness of the mumps vaccine have varied in previous studies, ranging from 73% to 91% after 1 dose and from 79% to 95% after 2 doses. At least one study found 2 doses to be more effective than 1 dose").

Da non credere, si raccomanda una doppia vaccinazione per ottenere la protezione dal virus della parotite in base a dati che non possono assolutamente provare che due vaccinazioni siano più efficaci di una! Come qualsiasi persona che conosca un minimo di statistica sa bene (e chi scrive da laureato in fisica ha piena confidenza con la statistica che si usa per la gestione degli errori di misura) ma come comprende benissimo anche una persona meno addentro nella materia, viste le notevoli incertezze nel calcolo dei valori appena riportati l'efficacia della doppia vaccinazione e quella della singola vaccinazione sono praticamente indistinguibili nel limite degli errori sperimentali. Per altro di studi che suggeriscono una maggiore efficacia della doppia vaccinazione, fra i tanti citati, ce n'è solo uno, mentre gli altri evidentemente non hanno permesso di trarre la medesima conclusione.
Notiamo anche che nell'articolo appena citato il CDC ammette implicitamente l'inutilità del vaccino riportando esattamente i dati: delle persone infettate l'88% aveva ricevuto almeno una dose ed il 75% due dosi ("88% had received at least 1 dose of mumps-containing vaccine, and 75% had received 2 doses.").
Questo dato, messo insieme alla considerazione appena fatta, significa che non era del 77% la percentuale dei ragazzi vaccinati che hanno nonostante tutto contratto gli orecchioni, bensì dell'88%. Come dire: quasi tutti !

Da notare che un articolo della reuters che riporta questi stessi dati, nel tentativo di scagionare il vaccino (che ha dato pessima prova di sé) commette un vero e proprio autogoal scrivendo alla fine che il virus della parotite può mutare, e quindi le persone che hanno ricevuto solo una o persino tutte e due le dosi [del vaccino] rimangono vulnerabili ("The mumps virus can mutate, so people who have had only one or even two doses of vaccine remain vulnerable"): ma se veramente tantissime persone rimarrebbero vulnerabili dopo la vaccinazione a causa della mutazione del virus, il vaccino a cosa servirebbe ?

Alla fine di questo balletto di cifre possiamo prendere come valore più attendibile desumibile dai dati forniti dalla medicina ufficiale il valore centrale di tali intervalli, stimando tra l'82 e l'85% l'efficacia della vaccinazione (che sia singola o doppia) nella protezione dall'infezione da parotite.
Sul livello di immunizzazione negli stati uniti possiamo citare un articolo su newser.com nel quale si legge che l'adesione alla campagna di vaccinazione MMR (Measles, Mumps Rubella, vaccino combinato che dovrebbe difendere contemporaneamente per orecchioni, morbillo e rosolia) è calata dal 92% al 90%.

A questo punto possiamo finalmente fare due semplici calcoli. Siano 100 le persone che vengono a contatto col virus ed immaginiamo per un attimo che il vaccino non abbia assolutamente alcun effetto protettivo per il virus. In tal caso su 100 persone ce ne saranno circa 90 vaccinate e 10 non vaccinate. Se anche le persone che vengono in contatto col virus non si ammalassero tutte, qualora il vaccino fosse ininfluente, avremmo lo stesso fra gli ammalati un 90% di persone vaccinate ed un 10% di persone non vaccinate.
Quali sono i dati forniti dall'ente governativo CDC ? Che l'88% delle persone che hanno contratto la parotite sono vaccinate ed il 12% no. Nei limiti degli errori sperimentali e delle incertezze statistiche questi dati si riflettono con netta precisione l'ipotesi che il vaccino non abbia fornito protezione dalla malattia.
Guardate adesso questa notizia fornita dalla associated press e riportata su www.msnbc (il sito di microsoft network): a chi danno la colpa dell'epidemia di parotite ? Al fatto che l'adesione ai programmi di vaccinazione sta diminuendo. Ci vuole coraggio !
Per altro, come chiariremo nel prossimo articolo, questa paura artificiale degli orecchioni ha tolto di mezzo l'immunità naturale che si otteneva una volta col contagio del virus in età infantile, e che preservava dagli effetti collaterali (molto più gravi) che può causare la malattia contratta in età adulta: una volta, prima dell'aera dell'immunità artificiale promessa dai vaccini, si faceva di tutto per far contrarre la malattia ai bimbi intorno ai 5/6 anni di età.
Fonte: scienzamarcia.blogspot.com/

Commento NdR; forse non tutti i lettori si sono accorti che in tutti gli studi ufficiali nei quali si parla di "immunizzazione" di scrive la parola "e' stata stimata", ma cosa vuol dire cio' ?....e da chi e' stata stimata ?
Risposta e' stata stimata significa che NON ESISTE NESSUNA CERTEZZA di immunizzazione vera, ma sono solo "stime" immesse dai produttori dei vaccini, che hanno solo l'interesse di vendere i loro vaccini e che della PRESUNTA immunizzazione non frega assolutamente nulla, infatti NON esiste NESSUNO studio al mondo fatto in doppio cieco che abbia paragonato bambini MAI VACCINATI di nessun vaccino, con bambini Vaccinati di qualsiasi vaccino !
Per cui le "stime" se le inventa Big Pharma...e gli enti a "tutela" a lei sottomessi e/o sponsorizzati, e questi arrivano a falsificare le statistiche e/o a cambiare nome alla malattia della quale si vorrebbe "proteggere" la popolazione con un certo vaccino... !

Inoltre, se notate bene, in tutti gli articoli-studi ufficiali, si immette la parola "immunizzazione" al posto della parola "vaccinazione", per dare per scontato che la vaccinazione "immunizza", cosa assolutamente FALSA , come e' ben descritto e dimostrato in questo portale alla voce Danni dei Vaccini

In ogni caso si capisce meglio adesso come mai tanti bambini australiani sono stati colpiti da convulsioni e vomito  al punto che la vaccinazione per l'influenza è stata sospesa per i minori di 5 anni. Tra gli ingredienti di quel nuovo vaccino per l'influenza somministrato in Australia, infatti ci sono la neomicina e la polimixina B-sulfato, a loro volta contenuti nel Panvax, vaccino per l'influenza suina che è uno dei componenti del vaccino per l'influenza stagionale somministrato quest'anno in Australia ed in altri paesi.

Grafico ISS (Istituto Superiore di Sanita') = guardate la furbizia di questi falsari della Verita': essi eliminano dal grafico, gli anni passati rispetto alle date qui indicate, che fanno comprendere, come i vaccini siano stati ininfluenti alla scomparsa della parotite.....e far credere a color che ignorano i veri dati, che e' stato il vaccino a far scomparire la Parotite....

GUARDATE invece il grafico della Parotite in Canada: la parotite stava gia' scomparendo in modo naturale da decenni, per le mutate condizioni igieniche e l'introduzione della vaccinazione nel 1966, e' stata ininfluente alla sua riduzione....e cio' e' avvenuto in tutti gli altri stati del mondo !

Epidemia di parotite tra i soggetti vaccinati
Leggendo la fonte di questa notizia, Naturalnews.com,  mi sono reso conto che tutto cio' che affermiamo sui danni dei vaccini si sta ormai concretizzando sulla pelle dei vaccinati...e con l'approfondimento del servizio riportato dalla CNN, si e' reso ancora piu' evidente che i produttori dei vaccini sono degli spacciatori di veleni e tossine pericolose, peggio della Droga... ed ai loro sostenitori....fino al medico vaccinatore.
Le idee propinate da Big Pharma affermano che i vaccini salvano la vita e quindi di conseguenza la storia ci dice che sono sempre i soggetti non vaccinati ad essere colpevolizzati, come untori nella trasmissione delle malattie, proprio come accadeva nel medio evo, ma oggi ed in questi casi eclatanti, ma dimostrativi, è il popolo dei vaccinati che "diffonde" la malattia.

Esempio: da Agosto 2009 ad oggi (agosto 2010), nel New Jersey, USA, più di 1000 persone hanno contratto la parotite creando allarme nelle autorità sanitarie locali. L'epidemia di per sé non è rara. Ciò che è insolito è che le autorità sanitarie hanno ammesso, proprio questa settimana, che la maggior parte delle persone infettate con gli orecchioni era già stato vaccinato per la parotite.
Il 77% delle persone vaccinate ha contratto la parotite !
La notizia prosegue con una imbarazzante affermazione del Center of Disease Control: "il vaccino per la parotite non è efficace al 100%, lo è tra percentuali che oscillano dal 76% al 95%", ovviamente omettendo di pubblicare le PROVE di tale affermazione, che e' dannatamente FALSA !
Ecco quindi che TUTTI gli osservatori intelligenti  e scrupolosi iniziano a scoprire le tante verità nascoste dei vaccini:
- i vaccini per le malattie dette impropriamente "infettive" semplicemente non funzionano. Se così fosse, allora perché tutti questi bambini, che erano stati già vaccinati, hanno contratto la parotite ?
- i vaccini aumentano di fatto il rischio di malattia. Si noti da questi fatti, capitati negli USA, che sono stati i bambini vaccinati ad essere colpiti dagli orecchioni rispetto ai bambini non vaccinati
- le persone che spacciano i vaccini non dicono che i loro vaccini non funzionano veramente.
- Gli spacciatori di vaccini ti dicono che sarai "protetto" con il vaccino, con un livello di protezione vicino al 100%, ma cio' .....è palesemente falso e contro la realta' dei fatti, come questi dati confermano ! 

Parotite atipica dopo Vaccinazione
-
Gunby, P. “‘Atypical’ mumps may occur after immunization.” Journal of the American Medical Association 1980; 243(23): 2374-75.
- Family Practice News (July 15, 1980), p. 1
- Malengreau M, Ricomparsa di infezione da morbillo, parotite e rosolia a seguito di vaccinazioni: gli adolescenti dovrebbero essere rivaccinati? Pedaitric, 1992; 47(9):597-601


Il vaccino per la parotite è spesso inefficace e altera l’epidemiologia della malattia (provoca tassi più elevati in gruppi ad alto rischio)
- Fiumara, N.J., et al. “Mumps outbreak in Westwood, Massachusetts — 1981.” MMWR 1982; 33(29):421-430.
- Kaplan, K.M., et al. “Further evidence of the changing epidemiology of a childhood vaccine-preventable disease.” Journal of the American Medical Association 1988; 260(10):1434-1438.
- Briss, P. A., et al. “Sustained transmission of mumps in a highly vaccinated population: assessment of vaccine failure and waning vaccine-induced immunity.” Journal of Infectious Diseases 1994; 169:77-82.
- Sawada, et al. Lancet 1993; 342:371.
- CDC. “Mumps — United States, 1985-1988.” MMWR 1989; 38:101-05.

Bibliografia per i Danni dei vaccini - vedi anche: http://www.greenmedinfo.com/page/vaccine-research

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Nei vaccini venduti o regalati, al terzo mondo si é scoperto che molti di questi contenevano l'ormone B-hCG un anti fertile se immesso in un vaccino.
La corte Suprema delle Filippine ha scoperto che oltre 3 milioni di ragazze e donne hanno assunto questi vaccini contaminati, cosí come in Nigeria, Tailandia ecc...
Per chi non abbia ancora visto questi video-documenti scioccanti:
http://uk.youtube.com/watch?v=edikv0zbAlU
http://it.youtube.com/watch?v=wg-52mHIjhs&feature=related
Sembrerebbe che oltre al profitto a tutti i costi, ci sia dietro qualcosa d'altro....impedire alle donne dei paesi del terzo mondo... di avere figli....grazie a Big pharma

vedi: Contenuto dei vaccini + Statistiche Istat sui vaccini + Dati ISTAT sui Vaccini + Interrogazione Parlamentare + Falsita' della medicina ufficiale  +  1000 studi sui Danni dei Vaccini  +  Malassorbimento

"Questo sito WEB vi informa", Non siamo responsabili della correttezza e/o della solvibilità degli inserzionisti del ns. Network.
 Webmaster  - Vietata la copia anche parziale dei contenuti, se non viene citata la fonte - All rights reserved - Publisher DataBit s.a.